Armatura

L'armatura è stata usata dall'inizio del conflitto armato per proteggere i soldati dagli effetti delle armi. Tra le armature più famose troviamo l'armatura a piastre o l'armatura a catena usata nel Medioevo. Gli animali utilizzati nei combattimenti erano anche parzialmente corazzati, come cavalli, elefanti o persino cani.

 

La storia dell'armatura

Tempo in anticipo:

I primi popoli costruivano ancora le loro armature con materiali naturali, poiché non avevano ancora familiarità con la lavorazione dei metalli. Quindi hanno usato sostanze come cortecce di alberi, pelli, ossa o parti di corno. Con la combinazione delle singole parti sono stati successivamente in grado di proteggere aree più ampie del loro corpo. Con l'avvento della lavorazione dei metalli, questi composti consistevano in anelli di metallo.

Alcuni esempi di armature precoci:
- Armatura corteccia con scaglie di corno
(sono stati trovati al Bugi vicino all'Indonesia)
- Gonne di Warrens in cotone
(sono stati trovati in alcune parti dell'Africa)
- Serbatoio di cotone
(utilizzato da popoli latinoamericani come gli Aztechi. Ritrovamenti simili in Sudan dal materiale rattan)
- Serbatoio intrecciato
(trovato sulla costa del nord della Nuova Guinea)
- Armatura di Rod
(sono stati trovati in Asia e Nord America)

 

 

Armatura degli indiani Tlingit da piatti in legno o osso e bastoncini

 

Armatura fatta di materiali naturali di un guerriero dell'isola micronesiana di Nauru

 

 

 

Antichità:

Già intorno al 1000 a. C. i soldati egiziani erano dotati di camicie in bronzo, stecche per le braccia e le gambe. Successivamente, gli eserciti dei Parti, Persiani e Sarmati utilizzarono anche la lavorazione delle camicie corazzate a scaglie corazzate. I Greci svilupparono queste camicie un po' più in là, forgiarono il petto e il dorso in un unico pezzo e le unirono. Così i soldati sono stati anche parzialmente protetti contro gli attacchi da dietro.

 

 

Pettorale corazzato di un legionario romano

 

Legionario romano

 

 

 

All'inizio dei legionari romani erano dotati di un'armatura in scala. Accanto a loro, indossavano un supporto gambe sulla gamba di fronte a loro durante il combattimento. I cavalieri pesanti della Legione erano anche dotati di un'armatura in scala a quel tempo, ma in contrasto con quella della fanteria che si stava raggiungendo fino alle loro mani e piedi.
Nel corso dell'ultimo periodo dell'Impero Romano, l'armatura in scala fu sostituita da corazze a catena o ad anello o da pettorali forgiati.

Il rivestimento germanico è stato fatto nel corso del 4 ° secolo, quando le tribù guardato questo tipo di dai popoli orientali.

 

 

 

Medioevo:

Armatura fiorì durante il Medioevo. Questo iniziò nel primo Medioevo con i fanti e i cavalieri franco-tedeschi che indossavano giacche panzer in tela o pelle imbottita. Questa fu anche l'origine del nome del Franconese Panzerreiter. A partire dal XIII secolo, queste giacche sono state ulteriormente rinforzate con anelli cuciti, catene, piastre metalliche o teste spesse e rivettate.

Se le prime giacche panzer raggiungevano prima solo la spalla fino all'anca, queste si estendevano a poco a poco nel 10 secolo, fino a raggiungere il gomito, poi fino alla mano e fino alle ginocchia o anche sopra di esso.

Dal 11 ° secolo, la prima maglia o camicie di maglia della catena anche apparso. Poiché all'inizio la produzione era ancora molto costosa, solo aristocratici o ricchi cavalieri potevano permettersi questa protezione. Con l'invenzione della trafilatura nel 1306 da parte di Rudolf von Nürnberg, i carri armati divennero più economici e si sparpagliarono ulteriormente.

 

 

Cotta di maglia

 

Serbatoio ad anello

 

 

 

Nel corso del 13 ° secolo un'armatura di transizione sviluppato dal Lentner originale utilizzato come copertura facendo scorrere giù i binari di ferro o piastre, che sono stati rivettati con teste di chiodo, da cui la successiva armatura piastra si sviluppò fino alla metà del 14 ° secolo.

 

 

Armatura

 

Corazza

 

 

 

Tuttavia, con l'avvento delle armi da fuoco, gli armamenti persero gradualmente la loro importanza fino al 16 ° secolo, poiché offrivano poca resistenza ai proiettili. Quindi, gli eserciti erano nel corso successivo solo equipaggiati con uniformi di tessuti ordinari.

 

 

 

Moderno:

Nuovi giubbotti di protezione apparso la prima volta nella guerra civile americana, quando la cosiddetta US Civil War Vest (giubbotto di protezione della guerra civile americana) è stato utilizzato lì dal 1861. Si trattava di pannelli corazzati inseriti in giubbotti di cotone scavati dell'esercito dell'Unione degli Stati settentrionali e destinati a offrire resistenza ai proiettili. Tuttavia, un'ampia distribuzione di questo giubbotto protettivo è stata negata, in quanto gli svantaggi erano troppo grandi. Da un lato, l'imbragatura era abbastanza pesante, d'altra parte, non ha tenuto lontano tutti i proiettili, soprattutto con i proiettili minié frequenti l'armatura completamente fallito.

Durante la prima e la seconda guerra mondiale, le corazze sono state utilizzate anche per la protezione contro i proiettili, anche se su scala molto ridotta.

Solo con lo sviluppo di nuovi materiali a metà del 20 ° secolo, i giubbotti di protezione diventa significativamente più leggero, più comodo da indossare e ha offerto una protezione sufficiente contro i calibri di corrente. Oggi, la maggior parte delle forze armate e delle unità di polizia moderne sono dotate di giubbotti di protezione.

 

 

Soldati tedeschi con gilet di protezione scheggia

 

Poliziotto con gilet protettivo

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Le armature romane in età imperiale. Dalle fonti storiche e archeologiche alle moderne ricostruzioni

Le armature romane in età imperiale. Dalle fonti storiche e archeologiche alle moderne ricostruzioni Copertina flessibile – 30 set 2009

Clicca qui!

 

 

Samurai! Armature giapponesi dalla collezione Stibbert. Catalogo della mostra (Firenze, 29 marzo-3 novembre 2013). Ediz. illustrata

Samurai! Armature giapponesi dalla collezione Stibbert. Catalogo della mostra (Firenze, 29 marzo-3 novembre 2013). Ediz. illustrata Copertina flessibile – 3 lug 2013

In questo volume si vuole riprendere e sviluppare il tema delle armature create, nel corso di circa tre secoli, per la potente e raffinata casta dei Samurai. Il fascino terribile e, allo stesso tempo, seducente che le magnifiche corazze e gli stravaganti elmi riescono ancora oggi ad emanare - si pensi alle tante interpretazioni di artisti e scenografi contemporanei - è stato il punto di partenza per elaborare un percorso che mettesse in risalto i materiali e le tecniche artigianali grazie alle quali gli artisti giapponesi furono in grado di creare vere e proprie opere d'arte dove la potenza dell'acciaio, temprato e ritemprato, era resa ancor più affascinante dal contrasto con gli ornamenti in seta dai colori cangianti, in pelli abilmente conciate e in splendenti lacche. Non poteva mancare nel volume quello che è considerato l'armamento indispensabile per un Samurai e cioè la spada, simbolo evidente del suo stato sociale.

Clicca qui!

 

 

Cavallo e cavaliere. L'armatura come seconda pelle del gentiluomo moderno

Cavallo e cavaliere. L'armatura come seconda pelle del gentiluomo moderno Copertina rigida – 17 nov 2003

Nella piena metà del Cinquecento un sovrano intento a celebrare i suoi fasti, il re di Svezia Erik XIV, commissiona all'orefice di Anversa Eliseus Libaerts un'armatura da parata destinata a rimanere tra le più belle mai realizzate: un finissimo cesello ricopre la barda del cavallo con tredici medaglioni che narrano storie di Ercole (equivalente topico del buon principe), e la corazza del cavaliere con otto medaglioni di storie di Troia e altro materiale eroico. Con l'aiuto di un ricco corredo di immagini, Amedeo Quondam ripercorre in questo libro la storia e l'iconografia di quell'armatura, uno dei "pezzi" più importanti del Rinascimento europeo.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!