Hanriot HD.1

Nonostante le sue scarse prestazioni, l'Hanriot HD.1 è stato uno dei piloti di caccia francesi più costruiti della prima guerra mondiale.

 

Sviluppo e costruzione:

René Hanriot era già insolvente nella costruzione di aerei prima della prima guerra mondiale, ma la sua società Société des monoplans Hanriot fallì nel 1913. Fu solo all'inizio del 1916 che unì le forze con il progettista Emile Dupont, che in precedenza aveva sviluppato aerei per le compagnie Deperdussin, Ponnier, Morane e Nieuport per formare la propria compagnia.

I primi ordini riguardavano la costruzione su licenza del velivolo britannico Sopwith 1½ Strutter, ma Dupont iniziò anche a sviluppare il proprio velivolo. Si è orientato sugli aerei britannici Bristol Scout e Sopwith Pup, per cui ha adottato principalmente le loro caratteristiche di base nel proprio aereo.

Il risultato fu un caccia monoposto, che era dotato di due ali di diversa lunghezza, che tuttavia davano al pilota un'ottima visuale. La fusoliera e le ali erano costituite da una struttura in legno rivestita in tessuto con fogli di duralluminio nella zona anteriore della fusoliera per la stabilità. Anche le unità di coda sono state rinforzate con un telaio tubolare in acciaio.

Come motore fu scelto il motore rotativo Le Rhône 9J da 110 CV, in quanto poteva essere prodotto in quantità sufficienti ed era disponibile all'epoca. A causa delle prestazioni piuttosto inferiori rispetto ad altri caccia, il motore è stato più volte sostituito durante la guerra con varianti più potenti.

 

Disegno dell'Hanriot HD.1

 

I primi voli con i prototipi avvennero nel giugno 1916, dopo di che il velivolo fu presentato all'aeronautica militare francese. Tuttavia, poiché hanno optato per il più potente velivolo SPAD S.VII, gli ordini per l'Hanriot HD.1 sono stati ricevuti solo dalle forze aeree italiane e belghe, con un volume di 1.125 unità. Così l'Hanriot HD.1 fu uno degli aerei da combattimento più costruiti della prima guerra mondiale.

 

 

 

Uso nella prima guerra mondiale:

Dal novembre 1916, i primi aerei Hanriot HD.1 furono utilizzati al fronte in Italia per sostituire gli obsoleti Nieuport. Rispetto all'aereo dell'Aeronautica Militare Austro-Ungarica, l'Oeffag D.III, l'aereo si è rivelato più lento che più manovrabile.

Nel corso del 1917 anche l'Aeronautica Militare Belga fu equipaggiata con aerei Hanriot HD.1 che furono impiegati sul fronte nord-occidentale.

 

Uno dei pochi aerei francesi Hanriot HD.1

 

Un Hanriot HD.1 schiantato sul fronte isontino nel 1917

 

Un Hanriot HD.1 al campo aereo di Salonicco in Grecia all'inizio del 1918

 

 

 

Utilizzo dopo la prima guerra mondiale:

Dopo la prima guerra mondiale, alcuni degli aerei Hanriot HD.1 rimasero nell'aeronautica militare francese. Ne hanno acquistati anche Stati Uniti, Svizzera, Ecuador e Venezuela.

In Francia e negli Stati Uniti in particolare, questi sono stati utilizzati per esperimenti con le navi. Negli Stati Uniti, sulla corazzata USS Mississippi è stata installata una piattaforma di lancio dalla quale potevano essere lanciati gli aerei Hanriot HD.1.

In Francia, invece, gli esperimenti si concentrarono sulla nave Béarn, che era stata trasformata in portaerei. Lì fu collocata una piattaforma di legno lunga 45 metri su cui il 20 ottobre 1920 avvenne il primo atterraggio riuscito di un aereo su un tale ponte.

 

Un Hanriot HD.1 della Marina degli Stati Uniti del 1919

 

 

 

Specifiche tecniche:

Descrizione: Hanriot HD.1
Nazione: Francia
Italia su licenza
Tipo: Aereo da combattimento
Lunghezza: 5,85 metri
Span: 8,70 metri
Altezza: 2,55 metri
Peso: 400 chilogrammi vuoti
Equipaggio: Massimo 1
Motore: un motore radiale Le Rhône 9J con 110 CV (81 kW)
Velocità massima: 184 chilometri all'ora
Gamma: Un massimo di 550 chilometri
Armamento: 1 - 2 mitragliatrici 7,7 mm

 

 

 

 

 

This post is also available in: Deutsch (Tedesco) English (Inglese) Français (Francese) Español (Spagnolo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!