Federico II di Prussia (Federico il Grande)

Uno dei personaggi più abbaglianti e famosi nella linea degli antenati dei re prussiani della casa di Hohenzollern è sicuramente Federico II.
I suoi soggetti quasi amorevolmente chiamato il sovrano il "Vecchio Fritz", mentre la storiografia gli diede il titolo di "il Grande".

Influenzato dalla rigidissima educazione di suo padre, Federico I, "il re soldato", guidò la Prussia in tempo di guerra e lasciò il paese come una delle cinque grandi potenze d'Europa.

 

 

 

Origine e gioventù:

Friedrich è nato il 24 gennaio 1712 a Berlino come figlio primogenito del re Federico Guglielmo I e di sua moglie Sophie Dorothea von Hannover.

La sua infanzia è stata segnata dalla rigorosa educazione del padre, che ha voluto crescere suo figlio come una persona militarmente e religiosamente compiuto. Così l'orario giornaliero di Friedrich è stato pianificato al minuto. Suo padre non aveva alcun interesse per l'espressione filosofica e musicale di suo figlio ed è stato punito con punizioni corporali.

Dal 1729 Friedrich dovette incontrare segretamente il tenente Hans Hermann von Katte, di otto anni, che condivideva la sua preferenza per la musica per flauto. Von Katte è stato anche avviato in piani di Friedrich di fuggire in Francia, che ha attuato dal 4 al 5 agosto 1730. Durante questo tentativo di fuga, tuttavia, Friedrich è stato catturato e messo sotto arresto nella fortezza di Küstrin, mentre Katte è stato scoperto e arrestato come confidente da una lettera compromettente. Il 6 novembre 1730 la condanna a morte di Kattes, guidata da Federico I, fu eseguita davanti agli occhi del figlio.

Federico volle anche condannare a morte il figlio, ma su insistenza di Leopoldo d'Anhalt-Dessau, l'imperatore Carlo VI e il principe Eugenio abbandonarono definitivamente la condanna e arrestarono il figlio a Küstrin, privandolo dello status di principe ereditario.

Dal 1731 Friedrich è stato in grado di muoversi liberamente di nuovo e ha iniziato la sua carriera militare dal 1732 nel reggimento a piedi dal Goltz. Egli accettò anche, anche se con riluttanza, il matrimonio di Elisabetta Cristina von Braunschweig-Bevern, figlia del duca Ferdinando Albrecht II von Braunschweig, che chiaramente rilassò il suo rapporto con suo padre e lo riportò allo status di principe ereditario.

 

Il principe ereditario Federico intorno al 1739 Dipinti di Antoine Pesne

Il principe ereditario Federico intorno al 1739 Dipinti di Antoine Pesne

 

 

 

Il tempo come re di Prussia:

Federico salì al trono di Prussia il 31 maggio 1740 come Federico II dopo la morte di suo padre. Le sue prime azioni sono state riforme per abolire la tortura, la creazione di industrie per una maggiore indipendenza di importanti importazioni e la limitata libertà di stampa.

 

Federico II di Prussia

Federico II di Prussia

 

 

 

Le guerre sotto Federico II.:

Solo sei mesi dopo l'ascesa al trono, la Prussia fu coinvolta nella prima delle tre guerre slesiane in cui Friedrich volle rivendicare il suo diritto alla Slesia a causa della guerra di successione austriaca dell'ottobre 1740.

Con la pace di Berlino dell'11 giugno 1742 finisce la prima guerra slesia e la Prussia ottiene gran parte della Slesia e della contea di Glatz.

Nell'agosto del 1744 scoppia nuovamente il conflitto tra Prussia e Austria per la Slesia e solo con la pace di Dresda del 24. 12. 1745 si potrà risolvere anche questo conflitto e confermare i possedimenti della Slesia in Prussia. Dopo il ritorno di Federico II a Berlino, gli fu dato per la prima volta l'appellativo di "il Grande".

Il 29 agosto 1756 inizia la terza guerra slesia, o guerra dei sette anni, in cui la Prussia si trova ad affrontare un'alleanza di Austria, Russia, Svezia e Francia. La fortuna, il successo militare e la morte della russa Tsarina Elisabetta portarono alla fine della guerra senza l'annientamento della Prussia e confermarono infine i possedimenti prussiani in Slesia. A causa delle numerose battaglie e del corrispondente invecchiamento di Federico II, gli fu anche dato il nome di "vecchio Fritz" nella sua terza guerra. Dopo la guerra la Prussia riuscì a imporsi come quinta grande potenza in Europa.

Dopo che la linea bavarese della famiglia Wittelsbach si estinse nel 1777 e l'Austria rivendicò la Bassa Baviera e l'Alto Palatinato, un'altra guerra con la Prussia ebbe luogo, ma a causa delle scarse scorte e del maltempo questa guerra non ebbe luogo e terminò con la pace di Teschen il 13 maggio 1779.

 

 

 

Federico e la patata:

Un evento decisivo sotto Federico II fu la patata come alimento. La patata è stata introdotta con la colonizzazione del Sud America, è stato inizialmente considerato come un mezzo del diavolo, dal momento che non è stato menzionato come cibo nella Bibbia e come mangime per i suini. Solo dopo aver scoperto come preparare e mangiare correttamente la patata ci si è resi conto dell'importanza che poteva avere per l'approvvigionamento alimentare.

 

Frederick II ispeziona la coltivazione di patate durante una delle sue campagne di ispezione

Frederick II ispeziona la coltivazione di patate durante una delle sue campagne di ispezione

 

Fu così che Federico emanò il cosiddetto "Ordine delle patate" nel 1756. Ciò dovrebbe incoraggiare i funzionari ad insegnare alla popolazione l'importanza delle patate e incoraggiarla a coltivarle. Ha anche avuto campi di patate sorvegliati dai suoi soldati, in modo che i cittadini segretamente rubato e mangiato le patate, perché i frutti vietati sono noti per gustare al meglio. Anche se la patata ha impiegato molti anni per affermarsi come alimento, queste misure hanno permesso alla patata di affermarsi come alimento di base fino ad oggi.

 

 

 

La morte di Federico:

Il 17 agosto 1786 Federico II morì in poltrona nel Palazzo Sanssouci.
Già durante la sua vita Friedrich fece costruire per lui una cripta nel castello e dopo la sua morte volle essere sepolto accanto ai suoi cani. Ma suo nipote e successore Federico Guglielmo II lo fece seppellire nella cripta della chiesa della guarnigione di Potsdam insieme a suo padre Federico I.

Durante la seconda guerra mondiale e i conseguenti bombardamenti da parte delle unità bombardiere alleate, le bare di Federico I. e Federico II. furono trasferite dalla Chiesa di guarnigione al bunker dell'aviazione in Eiche nel 1943 per precauzione. Nel marzo 1945, l'esercito sovietico avanzante lo portò da lì a una miniera vicino a Bernterode, poi al castello di Marburg e nel 1947 alla chiesa di Elisabetta.

Nel 1952 Luigi Ferdinando di Prussia ispirò il trasferimento delle bara nella cappella del castello di Hohenzollern. Fu solo nel 1991 che il desiderio di Federico II fu esaudito e il suo corpo fu sepolto nella cripta del Palazzo Sanssouci.

 

Statua equestre di Federico il Grande

Statua equestre di Federico il Grande

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Federico il Grande

Federico il Grande Copertina flessibile – 6 lug 2017

Da giovane era stato il figlio ribelle e avventuroso di un padre violento e militarista; amava la musica, suonando e componendo con estro; leggeva instancabilmente, e la conversazione con i filosofi era nella sua giornata la cosa più importante; dichiarava il re «il primo servitore dello Stato» e la «corona un cappello che lascia passare la pioggia». Eppure, in una politica europea già spregiudicata, Federico il Grande inaugurò un cinismo aggressivo, strumento della volontà di potenza entrata - secondo alcuni storici -nei geni maligni dell'Europa futura; era sleale e ingrato, «il malvagio uomo» lo chiamava Maria Teresa d'Austria. Si reputava un philosophe innanzitutto: strano philosophe che disprezzava l'umanità. Figura doppia, contraddittoria, enigma sfuggente, e quindi soggetto ideale per una biografia. Alessandro Barbero - storico, storico militare, scrittore di romanzi storici, curatore di programmi culturali in televisione - parte dal dettaglio della vita quotidiana del monarca prussiano, per condurre il lettore a riflettere su cos'è la grandezza nella storia, e cos'era nel Settecento la grandezza. In un procedere incalzante e pieno di brio, come una conversazione, che rende l'esattezza del saggio seducente quanto un bel racconto.

Clicca qui!

 

 

Federico il Grande

Federico il Grande Copertina rigida – 1970

Clicca qui!

 

 

Posterlounge Stampa su Legno 30 x 30 cm

Posterlounge Stampa su Legno 30 x 30 cm: Frederick The Great on Horseback di Wilhelm Camphausen/ARTOTHEK

  • Caratteristiche: superficie opaca con venatura del legno
  • Materiale: pannelli in legno spessi 5 mm
  • Colore: stampa diretta per colori saturi e brillanti
  • Presentazione: stampa su legno pronta da appendere
  • Garanzia: stampa di qualità a cura del marchio POSTERLOUNGE

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!