Gaio Giulio Cesare

L'Impero Romano non è associato a nessun'altra personalità come Giulio Cesare. Ha attraversato la carriera della funzione pubblica romana, ha ottenuto vittorie nelle campagne e ha condotto la repubblica al tempo della dittatura.

 

Nascita e famiglia:

Cesare nacque a Roma il 13 luglio 100 a.C. come figlio dei giuliani, un'illustre famiglia patrizia romana. La particolarità della sua famiglia era che, rispetto all'altra nobiltà, non erano necessariamente ricchi e non erano impegnati in grandi attività politiche.

 

Gaio Giulio Cesare

Gaio Giulio Cesare

 

 

 

L'inizio della sua carriera politica:

Nell'84 a.C. Cesare sposò la prima moglie Cornelia, con la quale entrò nell'opposizione politica dei populares, l'antitesi degli ottimisti, considerati i dominanti della nobiltà conservatrice con il dittatore Sillas. Nello stesso anno fu anche nominato capo sacerdote del dio Giove (flamen Dialis). Dopo che Sillas ordinò il divorzio di Cesare da Cornelia, rifiutò e lasciò Roma.

Entrò a far parte dello staff del proprietario e governatore della Provincia dell'Asia, sull'attuale territorio della Turchia, Marco Minucius Thermus e maturò la sua prima esperienza nell'esercito romano.
Nel 78 a.C. passò come ufficiale allo staff di Publius Servilius Vatia Isauricus, che dava la caccia ai pirati nelle zone tra l'odierna Turchia e la Grecia.

Dopo la morte di Silla, tuttavia, Cesare poté tornare a Roma, dove si unì al magistrato subordinato della Repubblica come pubblico ministero e poco dopo si fece notare con l'accusa di estorsione contro l'ex confidente del Gnaeus Cornelius Dolabella di Silla.

Cesare perse il processo, ma questo non danneggiò affatto la sua reputazione. Per evitare l'ostilità dei seguaci di Silla, lasciò nuovamente Roma e fece un viaggio di studio. Sulla strada per Rodi, tuttavia, Cesare fu catturato dai pirati intorno al 75/74 a.C. Dopo aver pagato un alto riscatto, è stato rilasciato, ha organizzato un esercito di mercenari, e si è preso la rivincita mortale sui pirati.

 

 

 

L'ascesa della politica:

Nel 73 a.C. Cesare cominciò a sorgere all'interno del sistema politico dell'allora Repubblica Romana. Per prima cosa fu eletto al collegio sacerdotale dei pontefici, nel 69 o 68 a.C. aveva già raggiunto il più basso livello ufficiale a Roma con il questore e poteva essere accettato in Senato. Con questo incarico e la morte della prima moglie Cornelia, ha prestato servizio in Spagna sotto il Proprätor Antistius Vetus.

Dopo il suo ritorno dalla Spagna a Roma, sposò la nipote di Silla, Pompeia, di cui utilizzava le ricchezze per i suoi scopi, soprattutto per avanzare politicamente. Nel 65 a.C. riuscì a ricoprire la carica di Curular Aedil (guardiano del tempio), che gli permise di tenere magnifici giochi che aumentarono il suo prestigio, ma gli causarono anche debiti elevati. Già 2 anni dopo Cesare fu eletto alla carica di sommo sacerdote (Pontifex Maximus), che di solito gli era stata negata solo per non meritare le Consulares (ex consoli). Come già nell'ufficio di Edil, Cesare fu sostenuto dal suo amico e patrono Marco Licinio Crasso (uno degli abitanti più ricchi di Roma).

Nel 62 a.C. la salita continuò con l'elezione di Cesare alla carica di Pretore (carriera di funzionario superiore). Nello stesso anno, tuttavia, il matrimonio di Cesare con Pompeia fu divorziato nel cosiddetto scandalo Bona Dea (una festa in casa di Cesare in onore della dea Bona Dea, in cui Publio Clodius Pulcher si vestiva da donna anche per vedere il suo amante, gli storici sospettano Pompeia).

Cesare ha poi iniziato il suo più grande compito politico fino ad oggi, quando si recò in Spagna come governatore (Proprätur) e non solo ha bilanciato le sue finanze nella lotta contro gli iberici che vivono nel nord del Portogallo, ma si è anche fatto un nome come stratega militare. Con queste premesse, ora può candidarsi anche per la più alta carica politica del consolato. A tal fine tornò a Roma poco prima della fine del suo mandato come Proprätur.

 

 

 

L'ora di Cesare al consolato:

Il suo ingresso nel consolato fu segnato dagli interessi dell'alleanza con i suoi stretti compagni Marco Licinio Crasso (che portava denaro) e Gneo Pompeo Magno (militare, generale di successo) e dall'emanazione di leggi sulle teste degli altri membri e in parte anche contro la costituzione. Le leggi servirono alla fine soprattutto gli interessi di Pompeius e della sua area di potere nell'est dell'impero.

Dopo la sua permanenza al consolato come uomo privato ha dovuto fare i conti con un'accusa da parte dell'opposizione, Cesare, con l'aiuto dei suoi fedeli, si è assicurato un posto di governatore in Illiria, nella penisola balcanica, per un insolitamente lungo 5 anni.

 

 

 

Il tempo di Cesare in Gallia:

Il servizio di Cesare in Illiria fu breve, perché dopo la morte dell'attuale promagistrato della Gallia, Cesare assunse il suo incarico nel 58 a.C.. Questo era l'incarico più alto che Cesare aveva finora ricoperto, poiché ora aveva i mezzi per creare le proprie legioni e la campagna per ristabilire il suo prestigio a Roma.

Dopo l'invasione degli Elvezi dal territorio dell'attuale Svizzera al confine romano, Cesare vide la sua giustificazione per le sue campagne militari. Ha sconfitto gli Elvezi, spinto i Teutoni al confine orientale del Reno a nord, e sconfitto i più coraggiosi di tutte le tribù galliche, i belgi.

Sempre grazie ai contatti con i suoi cari amici di Roma, Cesare ha potuto prolungare il suo mandato per altri 5 anni. Così ebbe abbastanza tempo per estendere ulteriormente le sue conquiste e per annettere ai Celti l'intera parte occidentale del Reno.

Nel 56 a.C. il suo ufficiale Decimus Iunius Brutus Albinus sconfisse i veneziani in Bretagna e si assicurò la maggior parte della Gallia per Cesare.
L'anno 55 a.C. fu segnato dal conflitto con le tribù germaniche invasori degli Usipeter e dei Tenkterererer. Tutto ciò iniziò con un armistizio che fu disturbato da incidenti tra i Teutoni e le truppe ausiliarie galliche e diede a Cesare la possibilità di chiamare i capi germanici a sé stesso. Sono stati immediatamente arrestati e il resto delle truppe germaniche sono stati distrutti o spinti dietro il Reno.
Approfittando della situazione, Cesare e le sue legioni hanno attraversato il Reno per iniziare la prima spedizione punitiva contro i Teutoni, che è durata solo poco tempo. Nello stesso anno Cesare iniziò anche a tradurre le sue legioni in Gran Bretagna e avanzò fino al Tamigi fino a quando si ritirò.

Due anni più tardi condusse la seconda spedizione punitiva attraverso il Reno, che causò stupore a Roma, perché Cesare entrò in un territorio sconosciuto e inesplorato con esso.

Alla fine del 54 a.C. ci fu la prima rivolta contro gli occupanti romani in Gallia. Questo potrebbe essere abbattuto, ma l'anno successivo causò ulteriori tensioni e rivolte contro i Romani. Dal 52 a.C. in poi, il capobanda Vercingetorix, il principe dell'Arverner, si fece un nome quando tagliò la fornitura di truppe romane e fu in grado di infliggere pesanti perdite. Incoraggiato dal suo successo, Vercingetorix ha cambiato la sua tattica dalla guerra difensiva all'offensiva, ma ha subito aspre sconfitte, costringendolo a ritirarsi in Alesia. Cesare fece assediare la città e colpì sia i tentativi di fuga che un esercito di soccorso. Dopo la rottura della resistenza, Vercingetorige fu giustiziata nel 46 a.C. a Roma e si assicurò il dominio romano per diverse centinaia di anni.

 

Le campagne di Cesare durante la guerra gallica

Le campagne di Cesare durante la guerra gallica

 

 

 

Cesare nella guerra civile e la caduta della Repubblica:

Nel 53 a.C. lo stretto confidente di Cesare Marco Licinio Crasso cadde con quasi tutto il suo esercito di 40.000 legionari nella guerra contro i Parti. Allo stesso tempo Gneo Pompeo Magno si allontanò da lui a causa del crescente potere di Cesare e si avvicinò all'opposizione in Senato. Cesare, invece, voleva rimanere promagistrato per la Gallia fino al 48 a.C. e poi essere eletto console a Roma, rifiutando così ancora una volta un atto d'accusa che lo avrebbe comunque minacciato come uomo privato. Attraverso abili azioni politiche, tuttavia, il Senato fu autorizzato a rimuovere Cesare dal suo comando sulle sue legioni in una fase iniziale e a chiedergli di scioglierle. Cesare, invece, lo voleva solo a condizione che anche le legioni di Pompeo fossero sciolte, cosa che il Senato negò, poiché Pompeo era il legittimo leader delle sue legioni, ma Cesare non lo volle dal 49 a.C. dopo la fine del suo mandato. Come l'unica possibilità che Cesare vide di andare solo con le sue legioni nella guerra civile.

Il 10 gennaio 49 a.C. attraversò il confine con l'Italia in direzione Roma con la tredicesima legione (Legio XIII Gemina) di circa 5.000 uomini, il fiume Rubikon, che separava l'Italia dalla provincia Gallia cisalpina. Pompeius era stato incaricato dal Senato di difendere la Repubblica, ma non riuscì a mettere rapidamente le proprie truppe per opporsi a Cesare. Così ha liberato la città di Roma con i pochi legionari che aveva e molti nemici politici di Cesare. Cesare fu in grado di invadere Roma senza combattere.

Dopo il volo da Pompeius a Brindisi, Cesare non decise di perseguitarli, poiché prima doveva essere costruita una flotta. Invece, volse la sua attenzione alle legioni di Pompeo rimaste nel resto dell'impero. In primo luogo ha colpito in Spagna, dove ha distrutto 7 legioni.

Nell'anno 48 a.C. Cesare fu nuovamente eletto console. In seguito ha attraversato l'Adriatico con circa 15.000 legionari per andare in battaglia contro Pompeo. Ma a Dyrrhachium subì una sconfitta e dovette ritirarsi in Tessaglia. Poco dopo, nella battaglia di Farsalo del 9 agosto, Cesare riuscì a sconfiggere con decisione le legioni di Pompeo, a far fuggire Pompeius, e dopo la vittoria fu di fatto autocrate sull'Impero Romano.

Dopo la sua sconfitta Pompeo fuggì in Egitto, dove fu ucciso per ordine dei consiglieri del re Tolomeo XIII e la cui testa fu poi consegnata a Cesare al suo arrivo in Egitto.

Contrariamente ai suoi piani, Cesare fu coinvolto nei giochi di potere politico in Egitto. Ciò non era dovuto in modo irrilevante alla storia d'amore con la regina Cleopatra, dalla cui parte Cesare ha combattuto dopo la sua espulsione dal trono da parte del fratello. Così dovette affrontare l'esercito egiziano nella guerra alessandrina, chiuso ad Alessandria, con i suoi 4.000 legionari. Solo dopo l'arrivo dei rinforzi e di alcune mosse tattiche ha potuto sconfiggere l'esercito. Quando il fratello di Cleopatra annegò in fuga, il loro potere si consolidò in Egitto e Cesare diede alla luce un figlio di nome Ptolemaios Kaisarion.

Dopo che l'Egitto fu messo al sicuro, Cesare continuò le sue campagne per assicurare l'Impero Romano ed eliminare i pompeiani rimasti. Prima ha combattuto in una campagna di 5 giorni di faraone II del Ponto, che ha saccheggiato le province romane dell'Asia Minore.
Andò poi alla guerra d'Africa, dove sconfisse le truppe del Senato Repubblicano sotto Metello Scipione e Catone il Giovane nella battaglia di Tapsus il 6 aprile 46 a.C.. Nel 45 a.C. combatté l'ultima battaglia in Spagna, dove distrusse i figli di Pompeo nella battaglia di Munda.

 

 

 

La via della dittatura e la morte di Cesare:

Già dopo il suo ritorno dall'Egitto Cesare si era fatto nominare dal Senato come dittatore per 10 anni al posto di un console. Dopo aver sconfitto le ultime legioni di Pompeo in Spagna e aver fatto ritorno a Roma, fu nominato dittatore a vita (dittatore perpetuo). Questo ultimo passo di un lungo e duraturo rovesciamento del Senato e la sospensione della legge vigente, ha causato Caesar a rovesciare il conflitto con l'opposizione e i nemici di Cesare. Così, sotto la guida di Marco Iunius Brutus e Gaius Cassius Longinus, si formò una cospirazione per uccidere Cesare e ripristinare la libertà di Roma.

Così, il 15 marzo 44 a.C., durante una seduta del Senato nel teatro di Pompeius Caesar, i cospiratori uccisero Cesare con un totale di 23 ferite da taglio.

L'obiettivo del complotto per l'uccisione di Cesare poteva essere raggiunto, ma il ripristino della Repubblica Romana non fu possibile nella successiva guerra civile. Dopo che il figlio adottivo di Cesare, Ottaviano, prese il potere, rovesciò completamente la Repubblica e creò l'Impero Romano.

 

 

 

Interessante sapere:
Nella campagna contro i faraoni II del Ponto nella provincia romana dell'Asia Minore, che durò solo 5 giorni, Cesare diede via il detto veni vidi vici vici (sono venuto, ho visto, ho trionfato) che è ancora oggi conosciuto.

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Giulio Cesare. Il dittatore democratico

Giulio Cesare. Il dittatore democratico Copertina flessibile – 19 ott 2006

Un profilo di un uomo straordinario. Una interpretazione originale di una delle figure più controverse della storia. Il libro è già stato tradotto e ha suscitato interesse di pubblico e di critica in Germania, Francia, Spagna, America, Brasile. Luciano Canfora insegna Filologia classica all'Università di Bari.

Clicca qui!

 

 

Giulio Cesare. Testo inglese a fronte

Giulio Cesare. Testo inglese a fronte Copertina flessibile – 1 feb 1981

Clicca qui!

 

 

Cesare. Una biografia

Cesare. Una biografia Copertina rigida – 26 nov 2014

Leader carismatico, seduttore privo di scrupoli, stratega lucido e volitivo, Gaio Giulio Cesare è stato al contempo brillante politico e genio militare, protagonista di un'ascesa vertiginosa e di alcune delle più spettacolari vittorie della Storia. Nel corso dei secoli, numerosi sono stati i suoi commentatori e biografi, quasi mai imparziali. In questo libro Adrian Goldsworthy colloca Cesare nel contesto del mondo mediterraneo e della ricca e turbolenta società tardo-repubblicana: dalla difficile esperienza del consolato alla relazione con Cleopatra, dalle campagne in Gallia e Britannia fino all'affermarsi della dittatura. Ricomponendo i pezzi di un grande mosaico, lo storico disegna la figura di un "colosso", un ritratto che ci ricorda perché, dopo più di duemila anni, il nome di Cesare continua a esercitare un fascino assoluto.

Clicca qui!

 

 

La guerra gallica. Testo latino a fronte

La guerra gallica. Testo latino a fronte Copertina flessibile – 11 ott 2002

Opera storica fra le più celebri dell'antichità, "La guerra gallica" racconta l'alternanza di vittorie e sconfitte, le astuzie tattiche, gli eroismi, i numeri vertiginosi delle perdite, le colossali imprese di fortificazione e di edificazione di ponti e strade, la capitolazione finale dei barbari che assicurò a Roma, dopo sette anni, il dominio della Gallia. Con acume e nitidezza di stile, Cesare descrive i fatti nella loro nuda verità ed essenzialità, senza tacere le ragioni del suo comportamento strategico e politico.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!