Il fuoco greco

Il fuoco greco era un'arma da fuoco usata dalla marina bizantina sulle sue navi dromone nel VII secolo.

La tecnologia necessaria a questo scopo fu conosciuta probabilmente nel 677 dall'architetto greco Kallinikos, che fuggì dagli arabi avanzanti da Eliopoli, oggi Libano, a Costantinopoli e consegnò questa tecnologia all'Impero Bizantino.

Già durante l'assedio di Costantinopoli da parte degli arabi dal 674 al 678 quest'arma fu usata successivamente e permise alla marina bizantina di respingere le navi nemiche. Da allora è stata parte integrante delle tattiche navali per combattere le navi nemiche.

 

 

 

Applicazione e impatto:

Il fuoco greco può essere immaginato in modo simile ai lanciafiamme di oggi. Durante le battaglie navali il fuoco è stato sparato verso le navi nemiche in modo che prendessero fuoco. A causa della costruzione in legno delle navi in quel momento, il fuoco si è diffuso rapidamente. Nella maggior parte dei casi, l'olio o l'asfalto è stato usato come ignifugo; una volta accesi, questi liquidi difficilmente o per niente potevano essere estinti. Se anche una nave in fiamme volava in direzione della propria flotta, c'era anche la possibilità che il fuoco saltasse verso le altre navi nemiche. Lo svantaggio del fuoco è stato naturalmente con la manipolazione sbagliata, maltempo o si gonfiano per dare fuoco alla propria nave.

 

 

 

Come funziona:

L'incendio greco è stato causato dal riscaldamento di prodotti chimici (soprattutto petrolio o asfalto, a volte resina arborea, zolfo o calce bruciata) in una caldaia che si trovava su un camino. Il liquido è stato poi pressurizzato con l'aiuto di una pompa fino a quando una valvola lo ha rilasciato e lo ha trasmesso all'ugello. Poi il liquido è uscito dall'ugello e ha volato per qualche metro. L'accensione è avvenuta per mezzo di una fiamma che è stata posta sotto il liquido in fuga. Anche se il raggio d'azione era di pochi metri, era sufficiente per la guerra navale dell'epoca.

 

Il fuoco greco originale era usato solo dalla marina bizantina. I tentativi di altre marine di copiare il sistema non hanno mai raggiunto l'originale. Inoltre, la tecnologia era considerata un segreto di stato e la sua trasmissione era punibile con la morte. Con la caduta dell'Impero Bizantino, le conoscenze sulla funzione esatta e la ricetta del liquido sono andate perdute.

 

Il fuoco greco

Il fuoco greco

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!