Le Guerre dell’Unità d’Italia

Dopo il crollo dell'Impero Romano d'Occidente, anche l'area della fusoliera romana sull'Italia di oggi si disintegrò in molti, spesso rivali, regni e città-stato. Queste piccole regioni erano spesso sotto il dominio delle grandi potenze europee come l'Austria o la Spagna.

Quando Napoleone marciò con le sue truppe francesi alla fine del XVIII secolo per espellere gli austriaci, incorporò l'Italia centrale e nord-occidentale nel territorio francese. Unì anche il resto in un regno settentrionale e nel sud in un regno siciliano. Dopo le sconfitte e l'esilio, tornò ai suoi antichi domini e confini, ma l'Austria si assicurò il dominio sulla regione settentrionale del Lombardo-Veneto e su tre regioni minori.

Le rivolte che ne sono seguite sono state schiacciate, ma la volontà di raggiungere un accordo non è stata spezzata.

 

L'Italia a metà del XIX secolo

L'Italia a metà del XIX secolo

 

 

 

La prima guerra:

La Rivoluzione Francese, scoppiata nel febbraio 1848, si diffuse in gran parte dell'Europa. Lo stesso è avvenuto a marzo anche per i territori italiani, che volevano rinunciare al dominio dell'Austria. A Milano, in Lombardia e a Venezia, sono scoppiate le rivolte. La riluttanza degli austriaci coglie l'occasione per espellere militarmente gli austriaci dalla Lombardia e dichiarare guerra al paese. Poco dopo, Venezia dichiarò la sua indipendenza.

 

Proclamazione della Repubblica di Venezia il 23 marzo

Proclamazione della Repubblica di Venezia il 23 marzo

 

Le truppe austriache, guidate dal maresciallo Josef Radetzky, si ritirarono da Milano e aspettarono nelle città fortificate di Verona, Mantova, Peschiera e Legnano l'avanzata delle truppe di Karl Albert. In breve tempo conquistarono la città di Peschiera e poi si rivolsero al paese montano di Custoza, dove furono sconfitti nel luglio del 1848. Ora gli austriaci avanzano e conquistano Milano e poi espulgono le truppe di Karl Albert dalla Lombardia, tanto da dover concludere un armistizio.

Già nel marzo 1849 i combattimenti scoppiarono di nuovo. Gli austriaci sconfiggono le truppe di Carlo Alberto a Novara e la Venezia assediata, la cui indipendenza si conclude in agosto. Anche se scoppiò una rivolta anche a Firenze, fu presto repressa dagli austriaci. Re Carlo Alberto ha abdicato per fare spazio a suo figlio Viktor Emanuel II.

 

Maresciallo Radetzky il 23 marzo 1849 vicino a Novara

Maresciallo Radetzky il 23 marzo 1849 vicino a Novara

 

Già nel febbraio 1849 la repubblica di Roma fu proclamata nel sud. I nazionalisti italiani espulso Papa Pio IX e si trincerarono in città contro le truppe che avanzavano da Napoli e dalla Francia. Il 30 giugno i difensori hanno dovuto capitolare e anche nel sud Italia la speranza di unità si è spezzata.

 

 

 

La seconda guerra:

Il risultato della prima guerra di unificazione fu solo una costituzione liberale per la regione Piemonte. Tuttavia, 10 anni dopo il primo tentativo, il primo ministro piemontese, il conte Cavour, riuscì a raggiungere un accordo segreto con l'imperatore francese Napoleone III per espellere gli austriaci. Dopo la sua conclusione, il Piemonte provocò una dichiarazione di guerra da parte dell'Austria, la Francia rispettò i suoi obblighi e inviò circa 130. 000 soldati e altrettanti cavalli sul campo di battaglia per il primo trasporto militare di massa su rotaia.

Il primo incontro delle truppe ebbe luogo il 4 giugno 1859 a Magenta. Le truppe francesi erano divise in due, una metà che attaccava gli austriaci da ovest attraverso un canale, l'altra metà da nord. Le truppe francesi a ovest potevano essere fermate per un po' di tempo, perché l'avanzata delle truppe provenienti da nord era più lenta del previsto. Ma nel tardo pomeriggio del giorno del massacro le truppe del nord raggiunsero finalmente la città e furono in grado di espellere gli austriaci dopo una pesante battaglia di casa.

Si ritirarono poi verso est, mentre i francesi presero Milano. Il 24 giugno, i francesi che avanzano potrebbero inaspettatamente raggiungere gli austriaci a Solferino. Nella sanguinosa battaglia, i francesi vincono la battaglia con le loro armi migliori e l'appoggio dei legionari stranieri.

 

Napoleone III nella battaglia di Solferino

Napoleone III nella battaglia di Solferino

 

Partendo dalla ferocia della battaglia di Solferino, Francia e Austria hanno fatto la pace. In seguito, l'Austria dovette cedere la Lombardia al Piemonte, che a sua volta cedette Nizza e la Savoia a ovest alla Francia grazie ai francesi. Anche l'Austria ha perso le sue 3 regioni dell'Italia centrale a favore del Piemonte.

 

 

 

La guerra contro Napoli:

Dopo la parziale unificazione del Nord Italia, il leader rivoluzionario Giuseppe Garibaldi iniziò l'unificazione del Sud. Per questo sbarcò nel maggio 1860 da Genova con circa 1. 000 soldati in Sicilia. Lì si unirono a lui altri volontari e le truppe marciarono verso l'interno. A Calatafimi, nella Sicilia occidentale, le truppe napoletane potrebbero essere sconfitti per la prima volta, dopodiché Palermo potrebbe essere presa.

 

Giuseppe Garibaldi

Giuseppe Garibaldi

 

Con l'aiuto della Regia Marina, le sue truppe si trasferirono sulla terraferma e poco dopo presero Napoli. Nell'ottobre 1860 la successiva vittoria avvenne a Volturno e a Gaeta includeva le truppe nemiche con l'esercito piemontese che si avvicinava da nord. Questa doveva capitolare nel febbraio 1861 e nel marzo del 1861 Emanuele II poteva essere incoronato re d'Italia.

 

 

 

Venezia e il territorio romano:

Nel marzo 1861, quasi tutto il territorio italiano fu unito in un unico Stato. Ma il Veneto intorno a Venezia e l'area intorno a Roma erano ancora indipendenti e appartenevano all'Austria.

Nel giugno 1866 l'Italia si unì alla Prussia nella guerra contro l'Austria per far valere le sue pretese sul Veneto. Sebbene l'Austria potesse sconfiggere le truppe italiane a Custoza e Lissa, il paese perse la guerra contro la Prussia. Dopo i negoziati di pace, l'Austria ha dovuto cedere il Veneto all'Italia.

Durante la guerra franco-tedesca del 1870, la Francia fu costretta a ritirare la sua legione, che il Paese aveva stanziato a Roma per proteggere il Papa. L'Italia coglie l'occasione e conquista l'area ormai non protetta e la annette allo Stato italiano. Roma fu proclamata anche capitale.

 

 

 

Ulteriore annessione dell'Italia:

Gli ultimi territori concessi allo Stato italiano sono stati aggiunti dopo la prima guerra mondiale. Dopo la capitolazione dell'impero austriaco, l'Alto Adige, Trieste e l'Istria caddero in Italia.

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Storia d'Italia dall'Unità a oggi

Storia d'Italia dall'Unità a oggi Copertina flessibile – 21 giu 2012

Con grande chiarezza e taglio narrativo il volume racconta, ricorrendo a ogni genere di fonti, il cammino del nostro paese dal 1861, anno in cui venne proclamato il Regno d'Italia, ai giorni nostri, spingendosi fino alla crisi della Prima Repubblica. La lettura degli autori mette in risalto come alcune difficoltà del nostro presente abbiano radici antiche: accentramento e decentramento, questione meridionale e settentrionale, debito pubblico e deficit del bilancio, nazionalizzazione delle masse, partecipazione popolare alla gestione della cosa pubblica sono problemi che la classe dirigente ha dovuto affrontare fin dall'inizio. Altre sedimentazioni sono state lasciate dalle drammatiche vicende del Novecento. Ma l'Italia ha saputo sempre uscirne, dimostrandosi una società viva, in grado di trovare in sé la forza per rimediare agli errori e alle colpe della classe dirigente.

Clicca qui!

 

 

Gallipoli nel Regno di Napoli. Dai normanni all'unità d'Italia (2 tomi)

Gallipoli nel Regno di Napoli. Dai normanni all'unità d'Italia (2 tomi) Copertina flessibile – 30 apr 2007

Clicca qui!

 

 

Roma, il Papa, il Re. L'unità d'Italia e il crollo dello Stato Pontificio

Roma, il Papa, il Re. L'unità d'Italia e il crollo dello Stato Pontificio Copertina flessibile – 3 ott 2013

Roma, 11 luglio 1855. Antonio De Felici, cappellaio, reo di avere attentato alla vita del segretario di Stato cardinale Giacomo Antonelli, viene giustiziato. Roma, 21 settembre 1861. Cesare Lucatelli, facchino, accusato dell'omicidio di un gendarme durante gli scontri fra i pontifici e la folla il 29 giugno, festa di San Pietro e Paolo, viene giustiziato. Fra le due esecuzioni, fra un popolo e un governo che non ha più autorità su questa terra, il disfacimento dello Stato Pontificio, la fine del potere temporale del papa, l'Unità d'Italia e una città che attende di conoscere il suo destino. Messa troppo spesso in ombra da vicende che già allora occuparono le prime pagine dei giornali italiani ed europei - una su tutte, l'impresa dei Mille di Garibaldi - la storia romana, della città e dello Stato Romano, alla metà dell'Ottocento, dopo la gloriosa quanto breve avventura della Repubblica mazziniana, è poco conosciuta dal grande pubblico. "Roma, il papa, il re" è la cronaca dettagliata, quasi accanita di tutto quel che accadde dentro e attorno a Roma negli anni che portarono alla proclamazione del Regno d'Italia. Ancora una volta, come già in "Storia avventurosa della Rivoluzione romana", Stefano Tomassini incrocia i pensieri e le azioni di Vittorio Emanuele II e Pio IX, Cavour e Napoleone III, Garibaldi e Mazzini, le osservazioni dei forestieri più o meno affezionati, i pregiudizi o le intuizioni dei diplomatici, i vizi e le virtù del clero, gli entusiasmi, le accidie e le ire del popolo.

Clicca qui!

 

 

Maledetti Savoia, Savoia benedetti. Storia e controstoria dell'Unità d'Italia

Maledetti Savoia, Savoia benedetti. Storia e controstoria dell'Unità d'Italia Copertina rigida – 11 mag 2010

In un paese in cui pare impossibile una memoria condivisa, gli avvenimenti che fondano la nostra storia nazionale - il Risorgimento e la proclamazione dell'Unità d'Italia - non fanno eccezione. A una versione tradizionale che gronda di romanticismo e di tentazioni agiografiche, si contrappongono sempre meno infrequentemente resoconti controcorrente che stigmatizzano le incongruenze e le ipocrisie dei cosiddetti Padri della Patria. Questo serrato dialogo a distanza si propone finalmente di giungere a una sintesi, di individuare un terreno di verità comune tra ipotesi storiche spesso enormemente distanti. Le cinque giornate di Milano sono state un'azione velleitaria e mal organizzata o il primo vero tentativo di "fare l'Italia"? Vittorio Emanuele II è "il re con la faccia da macellaio", sciupafemmine, circondato da affaristi e non alieno ad allungare le mani nel bilancio dello Stato, oppure il sovrano che, assecondando lo spirito che prendeva corpo nel paese, "non è insensibile al grido di dolore che da tante parti d'Italia si leva"? L'impresa dei Mille è davvero una cavalcata di eroi, di uomini coraggiosi disposti a rischiare tutto per la causa, o piuttosto una sceneggiata teatrale e mal recitata? E l'Italia che alla fine viene proclamata e si affaccia alla ribalta della storia è una nazione con i piedi d'argilla, perché mal costruita ed edificata su troppe furbizie, o un giovane paese che ha in sé i sentimenti e le possibilità per progredire?

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!