Trent’anni di garanzia (30 anni di garanzia)

Il periodo tra il XVI e il XVII secolo fu segnato da conflitti motivati dalle rivendicazioni politiche al potere delle dinastie dominanti o dal conflitto sempre più emergente tra cattolici e protestanti. In particolare la cosiddetta "guerra di religione" tra le due fedi ha mietuto molte vittime e ha raggiunto il suo culmine nella Guerra dei Trent'anni, durante la quale decine di stati europei hanno combattuto una sorta di guerra per procura nel territorio dell'allora Sacro Romano Impero (l'odierna Germania) per il loro rispettivo orientamento religioso. Per questo motivo, la Guerra dei Trent'anni è divisa anche tra i rispettivi principali protagonisti della guerra:
- La guerra tra Palmatinato e Boemia
- Guerra di Bassa Sassonia in Danimarca
- Guerra svedese
- Svedese-Guerra Francese

 

Inciampare:

All'inizio del XVII secolo l'Europa era divisa non solo tra i paesi e i governanti, ma anche tra le due diverse fedi di cattolici e protestanti. Le parti hanno sempre cercato di aumentare la loro influenza, di eliminare gli avversari o di distruggerli a causa di conflitti militari. Il motivo della Guerra dei Trent'anni può essere descritto come la rivolta corporativa in Boemia nel 1618 e la seconda defenestrazione di Praga ad essa associata.

Nella sua lettera del 1609, l'imperatore Rodolfo II assicurò ai possedimenti boemi la libertà religiosa, in modo che entrambe le fedi potessero essere vissute. Nel 1612, tuttavia, Rudolf morì e gli successe suo fratello Matthias, il quale, pur riconoscendo ufficialmente la lettera di maestà, volle revocare le concessioni come cattolico convinto. Quando iniziò a chiudere le chiese protestanti, a proibire la fede e nel marzo 1618 a reprimere una protesta dei possedimenti boemi contro queste misure con il divieto di assemblea del Landtag boemo, la tempesta dei nobili armati del Castello di Praga e della sua Cancelleria boema avvenne inevitabilmente il 23 maggio 1618. Lì incontrarono i rappresentanti imperiali Jaroslav Borsita von Martinic, Guglielmo Slavata e il segretario dell'ufficio Philipp Fabricius. Dopo un'accesa discussione, che è rimasta senza risultato, i tre sono stati buttati fuori dalla finestra. I tre sopravvissero al rovesciamento, ma l'attacco ai deputati dell'imperatore fu politicamente equiparato a un attacco all'imperatore stesso e quindi all'azione di una dichiarazione di guerra.

 

Mappa della Guerra dei Trent'Anni

Mappa della Guerra dei Trent'Anni

 

 

La guerra tra Palmatinato e Boemia (1618–1623)

Dopo la proclamazione pubblica della ribellione, a Praga si formò un consiglio nobiliare di trenta membri per redigere una costituzione, eleggere un nuovo re e difendere militarmente la Boemia.

Le prime battaglie tra l'esercito dei protestanti e i soldati imperiali si svolsero nella Boemia meridionale già nell'estate del 1618. Nel frattempo, entrambe le parti hanno cercato di vincere alleati per la loro causa. Così, da parte protestante, Federico V del Palatinato e il Duca di Savoia, Carlo Emanuele I, potrebbero essere convinti ad unirsi alla Boemia. Sul versante imperiale, il conte von Bucquoy fu incaricato di condurre una campagna elettorale in Boemia. Egli mise rapidamente in moto il suo esercito, ma poteva essere fermato dai soldati di Boemia sotto la guida di Pietro Ernst II von Mansfeld. In cambio, Mansfeld conquistò Pilsen e riportò le truppe imperiali a Budweis.

 

I soldati tedeschi nella guerra dei trent'anni

I soldati tedeschi nella guerra dei trent'anni

 

Sotto il comando di Heinrich Matthias von Thurn, i possedimenti moravi di Boemia potevano essere annessi e la sua campagna sul territorio degli Asburgo imperiali in Austria arrivò fino a Vienna, dove partì il 6 giugno 1619. Nella battaglia di Sablat von Thurn potrebbe essere sconfitto e fu ordinato di nuovo a Praga. Nell'estate del 1619 la Confederazione Boema fu fondata dai protestanti e il 24 agosto 1619 Federico V del Palatinato fu incoronato nuovo re. Il 28 agosto 1619 Ferdinando, deposto in Boemia, fu incoronato imperatore romano-tedesco a fianco dei cattolici e d'ora in poi si chiamò imperatore Ferdinando II.

L'8 ottobre 1619, Ferdinando II riuscì a convincere il duca bavarese Massimiliano I. nel Trattato di Monaco di Baviera ad entrare in guerra con grandi concessioni. Ma già nello stesso mese Vienna fu nuovamente assediata dal generale boemo principe di Transilvania Gabriel Bethlen, che si ritirò presto per evitare di essere attaccato da un esercito di mercenari dell'imperatore polacco.

La prima metà del 1620 fu segnata da decisioni politiche. Così, il 3 luglio 1620, fu concluso un patto di non aggressione con il Trattato di Ulm tra la Lega cattolica e l'Unione protestante fedele all'Imperatore, che escludeva qualsiasi sostegno da parte dell'Unione per la Boemia. Così il re boemo Federico V del Palatinato dovette lottare non solo con la fornitura del suo esercito, ma anche con una mancanza di sostegno politico. Questo divenne particolarmente evidente quando nel settembre del 1620 l'esercito della Lega Cattolica invase la Boemia da sud e le truppe sassoni presero la Lusazia. Nella battaglia di White Mountain dell'8 novembre 1620, vicino a Praga, l'esercito boemo subì una grave sconfitta e il re Federico fu costretto a lasciare Praga e a fuggire all'Aia, dove cercò alleati nel nord della Germania.

Nel frattempo, la Slesia lasciò la Confederazione Boema e l'imperatore Ferdinando impose un Otto Imperiale al re Federico (una dichiarazione di pace e diritti o ostracismo). Dopo la conquista della Boemia da parte dei cattolici, circa 30. 000 famiglie di fede protestante furono espulse e decine di beni appartenenti ai nobili furono confiscati come risarcimento.

Un altro teatro di guerra accanto alla Boemia era nel Palatinato Elettorale. Lì, nell'estate del 1620, il comandante spagnolo Ambrosio Spinola da parte dei cattolici conquistò il Palatinato sulla riva sinistra del Reno, invase con il suo esercito proveniente dalle Fiandre. Nella primavera del 1621, tuttavia, si ritirò nelle Fiandre, lasciando dietro di sé un esercito di 11. 000 uomini. Un anno dopo, i leader militari protestanti Christian von Braunschweig-Wolfenbüttel, Ernst von Mansfeld e il margravio Georg Friedrich von Baden-Durlach si ribellarono al Palatinato. Il 27 aprile 1622 vinsero la battaglia di Mingolsheim, ma subirono molte sconfitte nei mesi successivi. Così, il 6 maggio 1622, le truppe di Baden furono schiacciate nella battaglia di Wimpfen e Christian von Braunschweig-Wolfenbüttel fu sconfitto anche dall'esercito imperiale nella battaglia di Höchst.

 

Il duca Christian von Braunschweig-Wolfenbüttel

Il duca Christian von Braunschweig-Wolfenbüttel

 

Christian von Braunschweig-Wolfenbüttel ed Ernst von Mansfeld furono subordinati ai Paesi Bassi dopo le sconfitte. Il 29 agosto 1622, durante il loro ritiro, incontrarono l'esercito spagnolo, che sconfissero nella battaglia di Fleurus.

Dall'estate del 1622 il Palatinato sulla riva destra del Reno fu occupato da truppe fedeli all'imperatore. Inoltre, l'Alto Palatinato cadde in Baviera, che in seguito cominciò a cattolicizzare la zona. Dopo che l'esercito di Christian von Braunschweig-Wolfenbüttel ed Ernst von Mansfeld hanno dovuto subire gravi perdite, questo pericolo non è più stato considerato grave.

 

 

 

Guerra di Bassa Sassonia in Danimarca (1623–1629)

Dopo la sconfitta della ribellione protestante nel territorio del Sacro Romano Impero, la Francia iniziò una nuova ribellione nel 1624. La Francia non solo ha portato Savoia e Venezia al suo fianco in Italia, ma ha anche condotto una campagna per un'alleanza con i paesi del Nord Europa. Così nel 1625 fu fondata l'Alleanza dell'Aia, composta da Inghilterra, Paesi Bassi e Danimarca, con lo scopo di contrastare le pretese di potere dell'imperatore asburgico nella Germania settentrionale.

Christian IV di Danimarca ricevette il comando supremo del nuovo esercito e volle che fosse finanziato principalmente dalla contea della Bassa Sassonia, di cui era membro votante in qualità di Duca di Holstein. Il vero incentivo per Christian IV ad unirsi alla guerra fu quello di conquistare le città di Verden, Osnabrück e Halberstadt per suo figlio.

Poco dopo, Christian parlava già a 14. 000 uomini. A Lüneburg, nel marzo 1625, voleva che le contee finanziassero altre 14. 000 persone. Tuttavia, erano contrari alla guerra e condizionavano il finanziamento alla condizione che l'esercito avesse un carattere puramente difensivo e non potesse attraversare i confini nazionali per un attacco. Christian accettò di ottenere i suoi soldati, ma ignorò la condizione e occupò le città di Verden e Nienburg, che erano già nella zona della Bassa Reno-Westfalia.

Spaventato via dalle operazioni militari di Christian, l'aristocratico boemo Albrecht von Wallenstein offrì all'imperatore di fondare un proprio esercito e di confrontarsi con Christian. Dopo l'approvazione della proposta da parte del Consiglio imperiale nel giugno 1625, Wallenstein fu nominato duca con la possibilità di costituire un esercito di 24. 000 uomini. I preparativi di Wallenstein iniziarono a luglio e alla fine dell'anno riuscì a trasferirsi nei suoi quartieri invernali con il suo esercito a Magdeburgo e Halberstadt, mentre l'esercito imperiale, guidato da Tilly, assunse posizioni nella Vestfalia orientale e nell'Assia.

 

Albrecht di Wallenstein

Albrecht di Wallenstein

 

Già il 25 aprile 1626 Wallenstein riuscì ad ottenere la sua prima grande vittoria contro l'esercito di Ernst von Mansfeld nella battaglia del ponte sull'Elba a Dessau. Mansfeld fu poi in grado di far salire di nuovo un esercito, ma Wallenstein perseguitò Mansfeld fino a quando morì sul suo volo vicino a Sarajevo. Il 27 agosto 1626 nella battaglia di Lutter am Barenberge, Christian subì anche una sconfitta contro Tilly e Wallenstein fu in grado di far avanzare la Germania settentrionale fino allo Jutland e occupare la zona entro poche settimane dall'estate del 1627. Solo l'isola danese non ha potuto essere occupata a causa di una marina mancante. La guerra contro la Danimarca si concluse con la pace di Lubecca nel 1629.

 

Rappresentazione contemporanea della Battaglia di Lutero

Rappresentazione contemporanea della Battaglia di Lutero

 

 

 

Guerra svedese (1630–1635)

Dopo la sconfitta militare della Danimarca, Gustav Adolf di Svezia ha finalmente visto la sua possibilità di espandere massicciamente la posizione di potere del suo paese nella regione del Mar Baltico. Così mobilitò i suoi soldati e sbarcò il 6 luglio 1630 su Usedom e poi costretto Pomerania, Meclemburgo, Brandeburgo e Sassonia a formare un'alleanza con la Svezia e agire contro l'imperatore asburgico. Il 17 settembre 1631 i due eserciti si scontrarono nei pressi di Breitenfeld. Gustav poté battere il Tilly imperiale e marciare senza ostacoli verso sud fino alla battaglia di Rain am Lech del 14 e 15 aprile 1632. Nella battaglia Tilly fu anche gravemente ferito e dovette recarsi ad Ingolstadt dove morì di ferite il 30 aprile. Gli svedesi cercarono di prendere Ingolstadt, ma l'assedio fallì. Nel frattempo, l'elettore Massimiliano riconquistò Ratisbona, il che indusse gli svedesi ad abbandonare l'assedio per trasferirsi a Monaco di Baviera.

 

Fanteria svedese del XVII secolo

Fanteria svedese del XVII secolo

 

 

Dopo la morte di Tilly, l'imperatore asburgico Albrecht von Wallenstein riconfermò Albrecht von Wallenstein comandante in capo delle truppe imperiali, dopo essere stato destituito solo nel 1630. Wallenstein iniziò immediatamente la controffensiva e il 3 settembre 1632 inflisse pesanti perdite nella battaglia della Fortezza Vecchia vicino a Norimberga e nel novembre 1632 nella battaglia di Lützen. Anche Gustav Adolf di Svezia è stato ucciso vicino a Lützen. Il suo successore fu la figlia minorenne Christina von Schweden e Axel Oxenstierna divenne guardiano. Ha potuto stringere un'alleanza (Heilbronner Bund) con i protestanti del Reichskreis francese, svevo e renano e continuare la lotta.

 

Gustavo II Adolfo di Svezia

Gustavo II Adolfo di Svezia

 

Il 25 febbraio 1634 le truppe imperiali persero il loro comandante in capo Wallenstein quando fu assassinato a Cheb. Il suo successore fu Bernhard von Sachsen-Weimar, che nello stesso anno vinse una grande vittoria contro gli svedesi nella battaglia di Nördlingen.

Ma già nel 1635 l'alleanza protestante crollò, quando il Reichsstände gradualmente se ne andò, cominciando dal Kursachsen, e firmò la guerra con l'imperatore asburgico Ferdinando II nella pace di Praga. Inoltre, vi è stato l'accordo di andare in guerra insieme contro i nemici dell'impero imperiale. La Svezia protestante, d'altra parte, si alleò con la Francia cattolica nel 1635 con il Trattato di Wismar per limitare l'espansione del potere dell'imperatore asburgico. Così la Guerra dei Trent'anni non si è più trasformata solo in una guerra di religione tra cattolici e protestanti, ma anche in una guerra di politica di potere.

 

 

 

Svedese-Guerra Francese (1635–1648)

A seguito delle dimissioni del Reich dalla guerra e di una pace imminente, che avrebbe rafforzato la posizione di potere dell'imperatore asburgico, la Francia decise di intervenire attivamente nella guerra e di sferrare attacchi sul territorio del Reich, e gli anni successivi furono caratterizzati solo da conflitti minori, battaglie o campagne più grandi non ebbero luogo. I primi colloqui di pace tra le parti in conflitto Francia, Svezia e il Sacro Romano Impero iniziarono anch'essi nel 1643. Nel 1645 con l'armistizio di Kötzschenbroda, Sassonia e Svezia conclusero la guerra tra di loro, ma la Guerra dei Trent'anni non fu finalmente terminata fino al 1648 nella cosiddetta Pace di Westfalia.

 

Perdite di popolazione durante la guerra dei trent'anni

Perdite di popolazione durante la guerra dei trent'anni

 

Confessioni in Europa dopo il 1648

Confessioni in Europa dopo il 1648

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!