Cannone De Bange 155 mm

Il cannone De Bange 155 mm era un cannone francese che fu introdotto dopo la guerra franco-prussiana e stabilì il calibro standard 155 mm nell'esercito francese.

Il 2 febbraio 1874 fu fondato il Comitato d'artiglieria francese per analizzare la guerra franco-prussiana dal 1870 al 1871 e per trarne esperienze e strategie per le guerre future. Durante le riunioni si è discusso dell'introduzione di nuovi cannoni d'artiglieria per l'esercito francese e del calibro delle nuove armi. Il 16 aprile 1874 il comitato si accordò sul calibro di 155 mm, 5 giorni dopo fu fatta una richiesta ufficiale ai produttori di sviluppare nuove pistole.

Nel 1876 a Calais furono presentati alla direzione militare e al comitato 3 prototipi di cannoni da 155 mm. La pistola di Charles de Bange si e' dimostrata l'arma piu' adatta.

Come gli altri cannoni de Bange, anche il cannone da 155 mm era un cannone interamente in acciaio. Nella prima serie l'arma si trovava su una piattaforma di legno che assorbiva il rinculo dopo un colpo, ma doveva essere riposizionata più volte. Questo processo è cambiato solo dopo che il freno idraulico di Saint-Chamond è stato montato sulle pistole nel 1883, il che ha reso molto più facile assorbire il rinculo e quindi riportare la pistola nella sua posizione di pre-fuoco.

Nel novembre 1877, i primi 300 cannoni furono ordinati e divennero la pistola standard dell'esercito francese. Alla fine del secolo, il numero era salito a 1.400, con la maggior parte dei fucili dei forti francesi, in particolare Toul, Belfort e Verdun. Circa 200 fucili sono stati conservati come riserva per operazioni offensive in caso di guerra.

 

 

Cannone De Bange 155 mm

 

La chiusura di un cannone De Bange 155 mm

 

 

All'inizio del XX secolo è stata introdotta nell'esercito francese la nuova pistola da 75 mm con un moderno sistema di rinculo. Così il cannone de Bange 155 mm divenne obsoleto in breve tempo, ma l'esercito francese tenne queste armi nelle sue fortezze e come riserva.

Poco prima dell'inizio della prima guerra mondiale, c'erano ancora 1.392 fucili in stock, ma l'esercito francese non aveva nessuno dei cannoni pesanti nelle unità al confine con il Reich tedesco, che erano equipaggiate solo con obici da campo leggero. Così i 120 cannoni francesi da 75 mm per corpo d'armata sono stati confrontati con 108 x 77 mm, 36 x 105 mm e 16 x 150 mm dei tedeschi.

Il 27 agosto 1914, durante la battaglia di Mortagne, le prime armi da 155 mm furono sparate contro le truppe tedesche con i de Bange. Le prestazioni delle armi convinse il comando dell'esercito francese che i cannoni pesanti erano urgentemente necessari al fronte e che dovevano essere mobilitati il più rapidamente possibile. Nell'ottobre 1914 fu lanciato un programma per creare strutture di trasporto adeguate per i cannoni e l'equipaggiamento delle unità sul fronte. Questa misura ha permesso di portare sul fronte dal 27 al 30 novembre circa 112 dei 155 mm di de Bange dal 27 al 30 novembre.

 

 

A de Bange 155 mm nella sua posizione sul fronte occidentale

 

A de Bange 155 mm sulla strada verso la parte anteriore

 

A de Bange 155 mm nella sua posizione sul fronte occidentale

 

 

Nell'ottobre e novembre 1915, dopo che la guerra di movimento si era trasformata in una guerra di posizione, iniziò una ristrutturazione delle unità di artiglieria dell'esercito francese sul fronte occidentale. A questo scopo, sono stati formati 30 reggimenti di artiglieria, equipaggiati con i cannoni Bange 155 mm. 20 dei reggimenti hanno ricevuto cavalli per il trasporto delle armi, gli altri 10 reggimenti sono stati equipaggiati con trattori e trattori. Entro il 1° agosto 1916, 738 dei cannoni erano in azione sul fronte occidentale.

 

 

Un cannone de Bange 155 mm viene trainato da un trattore verso la parte anteriore

 

Un cannone Bange 155 mm 1916 vicino a Verdun

 

 

Nel corso della guerra la potenza di penetrazione dei cannoni potrebbe essere aumentata aumentando la carica di polvere da sparo dei proiettili. Questo è stato facilitato dalla già molto forte costruzione in acciaio dell'arma, in modo che la velocità dei proiettili potesse essere aumentata da 470 metri al secondo a 561 metri al secondo. Anche la gamma è stata aumentata.

Nonostante l'aumento del potere di penetrazione, i cannoni Bange 155 mm furono sostituiti da cannoni moderni a partire dal maggio 1916. Tuttavia, poiché la produzione non è stata in grado di soddisfare la domanda e in alcuni casi si sono verificate strozzature nelle consegne, si è deciso di continuare ad utilizzare queste pistole fabbricando pezzi di ricambio per le pistole più vecchie. Fu così che i cannoni de Bange 155 mm rimasero in uso fino alla fine della guerra.

 

 

Una postazione francese con un cannone da 155 mm

 

Un cannone da 155 mm nell'arco cerebrale poco prima dello sparo. In primo piano le munizioni accatastate, sullo sfondo l'attrezzatura e i carrelli delle munizioni, così come il campo degli equipaggi delle batterie

 

 

Oltre all'esercito francese, l'esercito rumeno ha ricevuto anche 4 dei fucili fino alla fine della guerra. Altri 80 furono consegnati all'Impero Russo. Hanno usato le armi più tardi anche nella guerra civile russa e hanno consegnato 32 cannoni alle forze armate repubblicane durante la guerra civile spagnola nel 1937.

La Francia stessa continuò a detenere la maggior parte delle armi dopo la prima guerra mondiale. La maggior parte di questi sono stati restituiti alle fortezze francesi o conservati in depositi come riserve. All'inizio della seconda guerra mondiale, l'esercito francese aveva ancora un totale di 305 fucili de Bange 155 mm. Di questi, 168 erano ospitati nella linea Maginot e 137 nelle fortezze più piccole. La Francia aveva già inviato 48 cannoni a sostegno della Finlandia durante la guerra invernale contro l'Unione Sovietica.

 

 

 

Scheda tecnica:

Individuazione: De Bange 155 mm cannon
Paese di produzione: Francia
Anno di introduzione: 1877
Numero: 1.400 pezzi
Calibri: 155 mm
Lunghezza del tubo: 4,2 metri
Fascia: Massimo 12.700 metri
Peso: 6,5 tonnellate

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Le trattrici italiane della grande guerra. Il traino meccanico delle artiglierie dalle origini al 1918

Le trattrici italiane della grande guerra. Il traino meccanico delle artiglierie dalle origini al 1918 Copertina flessibile – 15 set 2014

Storia dei mezzi meccanici che hanno permesso lo spostamento veloce di artiglierie - ma anche di uomini e materiali - da una parte all'altra del fronte italiano nella Prima Guerra Mondiale.

Clicca qui!

 

 

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica. Ediz. illustrata: 1

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica. Ediz. illustrata: 1 Copertina rigida – 1 gen 2011

Tecnica, munizionamento e industria bellica alla prova dell'uso in prima linea per l'appoggio della fanteria e delle squadre d'assalto.

Clicca qui!

 

 

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica: 2

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica: 2 Copertina rigida – 1 gen 2012

Clicca qui!

 

 

Fuoco sull'Ortigara. Artiglieria pesante e aviazione nella grande guerra

Fuoco sull'Ortigara. Artiglieria pesante e aviazione nella grande guerra Copertina flessibile – 11 lug 2017

Furono tra i protagonisti militarmente rilevanti della battaglia dell’Ortigara, ma la loro presenza è passata sostanzialmente sotto silenzio. Le artiglierie ferroviarie francesi ritrovano ora il ruolo che gli spetta nella storia del conflitto lungo il fronte italiano grazie a Luca Girotto e Luigino Caliaro, autori di “Fuoco sull’Ortigara”. 168 pagine a colori, formato 21×23, che con il supporto di oltre 140 straordinarie foto in gran parte inedite e grazie a documenti usciti dagli archivi d’oltralpe documentano per la prima volta una storia mai scritta prima.Spiegano gli autori: in previsione della battaglia dell’Ortigara, gli accordi tra alleati prevedevano l’arrivo di un appoggio d’artiglieria francese a supporto dell’offensiva. Per varie ragioni, soprattutto per non privarsi di artiglierie campali assolutamente indispensabili sul fronte occidentale, la scelta francese ricadde sull’invio di alcune imponenti artiglierie ferroviarie pesanti. Per immaginare quale impatto possono aver avuto sui contemporanei è sufficiente guardare gli scatti ritrovati da Girotto e Caliaro che documentano la mole colossale di cannoni come quelli da 320 mm M.le 70-93 su affusto Schneider con una lunghezza complessiva della struttura di quasi 26 metri per 162.000 kg di peso.

Clicca qui!

 

 

Basti in groppa! L'artiglieria someggiata dall'Armata Sarda all'Esercito Italiano

Basti in groppa! L'artiglieria someggiata dall'Armata Sarda all'Esercito Italiano Copertina flessibile – 10 apr 2018

Sullo specifico argomento esistono solo un numero sorprendentemente ridotto di lavori limitati all'ambiente alpino e all'artiglieria da montagna ma altri aspetti, come l'artiglieria coloniale e l'artiglieria someggiata non alpina sono rimasti in gran parte inesplorati. Ecco quindi un interessante e inedito studio sulla storia di tutte le artiglierie someggiate dell'Esercito Italiano, a partire dalle guerre risorgimentali e fino ai giorni nostri, illustrato con un'importante numero di fotografie, stampe e disegni.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!