Canon de 75 antiaérien mle 1913-1917

Il Canon de 75 antiaérien mle 1913-1917 era un cannone antiaereo francese sviluppato prima della prima guerra mondiale e utilizzato anche nella seconda guerra mondiale.

Già prima della prima guerra mondiale, gli ingegneri della Schneider et Cie si resero conto dell'importanza di combattere gli aerei nelle guerre future. Per questo motivo, hanno utilizzato il Canon de 75 modèle 1897, che era ampiamente utilizzato nell'esercito francese, e lo hanno adattato per combattere gli obiettivi volanti.

La prima versione, nota come Canon de 75 mm antiaérien mle 1913, fu montata sulla piattaforma di carico di un camion De Dion-Bouton in modo che potesse rimanere mobile e seguire l'avanzata del proprio esercito. Questa versione era pronta per l'uso in 5 minuti, ma la velocità dei veicoli era ancora troppo bassa e sul terreno si è completamente guastata. Nel 1913 furono prodotte solo 20 unità e alla fine della prima guerra mondiale solo 196 unità.

 

Un Canon de 75 mm antiaérien mle 1913 catturato dalla Wehrmacht tedesca nel 1940

 

La seconda versione era un po' più pesante ed era intesa come un cannone antiaereo fisso in luoghi di guerra importanti. Per prima cosa è stato necessario scavare una fossa, in cui una trave d'acciaio o una base di cemento sarebbe servita come base per la pistola. La costruzione ha richiesto circa un giorno. La distanza target è stata effettuata con telemetri ottici coincidenza e l'altezza con cercatori ottici di altezza. Questa versione è stata costruita più frequentemente in numeri sconosciuti. Di norma, 4 di queste armi antiaeree sono state utilizzate in importanti città, stabilimenti industriali o strutture militari. Fino al 1940, 20 di queste armi rimasero nell'esercito francese e furono in gran parte catturate dalla Wehrmacht tedesca nel 1940 e successivamente utilizzate.

 

Francese Canon de 75 mm antiaérien mle 1915 a Salonicco nella prima guerra mondiale

 

Francese Canon de 75 mm antiaérien mle 1915 a Salonicco nella prima guerra mondiale

 

La terza variante, sviluppata durante la prima guerra mondiale, era il Canon de 75 mm antiaérien mle 1917. In questa versione la pistola antiaerea era montata su un'auto monoassiale per renderla nuovamente mobile. Tuttavia, si è scoperto che con questa versione sia la precisione che la sequenza di cottura erano troppo basse per produrla in quantità maggiori.

 

Canon de 75 mm antiaérien mle 1917

 

Durante la prima guerra mondiale, l'esercito tedesco ha catturato grandi quantità di cannoni francesi Canon de 75 mm antiaérien mle gun. Questi sono stati convertiti dalla società Krupp nelle munizioni da 7,7 cm usate dai tedeschi e usate come 7,7 cm FlaK L / 35 nell'esercito tedesco.

 

Altre versioni costruite dopo la prima guerra mondiale:

Nella versione Canon de 75 mm antiaérien mle 1928 GB le vecchie canne sono state sostituite dalle nuove canne calibro 53 mm. Questo ha permesso di aumentare l'altezza dei proiettili a 7,5 chilometri e la velocità della volata a 700 metri al secondo.

Con il cannone da 75 mm di Antiaérien nel 1917/34, solo la carrozzeria della vettura è stata riorganizzata e sostituita da carrozzerie più moderne.

Nel 1932, l'Atelier de Bourges sviluppa una nuova carrozza a pianale quattro bracci a croce pieghevoli per le armi antiaeree. Questa carrozza era stata progettata per gli autocarri più recenti e poteva essere trainata ad una velocità fino a 40 chilometri all'ora. Anche se la canna del 1928 era ancora in uso, una culatta automatica permetteva di aumentare il tasso di fuoco a 25 colpi al minuto. Nel maggio 1940 erano state prodotte in totale 332 unità di questa variante.

Nel 1933 seguì una nuova carrozza a pianale per la pistola, sviluppata dalla stessa Schneider. Utilizzava anche quattro cantilever a forma di croce pieghevole, ma aveva una velocità massima di soli 8 chilometri all'ora e una velocità di fuoco di soli 20 colpi al minuto. Fino al maggio 1940 furono costruiti solo 192 pezzi.

 

 

 

Scheda tecnica:

Individuazione: Canon de 75 antiaérien mle 1913-1917
Paese di produzione: Francia
Anno di introduzione: 1913
Quantitativo: sconosciute
Calibri: 75 mm
Lunghezza del tubo: 2,7 metri
Fascia: Massimo 6.500 metri, nelle versioni successive fino a 7.500 metri
Peso: 3 tonnellate

 

 

 

Canon de 75 mm antiaérien mle 1913

 

Canon de 75 mm antiaérien mle 1913

 

Canon de 75 mm antiaérien mle 1915

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Le trattrici italiane della grande guerra. Il traino meccanico delle artiglierie dalle origini al 1918

Le trattrici italiane della grande guerra. Il traino meccanico delle artiglierie dalle origini al 1918 Copertina flessibile – 15 set 2014

Storia dei mezzi meccanici che hanno permesso lo spostamento veloce di artiglierie - ma anche di uomini e materiali - da una parte all'altra del fronte italiano nella Prima Guerra Mondiale.

Clicca qui!

 

 

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica. Ediz. illustrata: 1

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica. Ediz. illustrata: 1 Copertina rigida – 1 gen 2011

Tecnica, munizionamento e industria bellica alla prova dell'uso in prima linea per l'appoggio della fanteria e delle squadre d'assalto.

Clicca qui!

 

 

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica: 2

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica: 2 Copertina rigida – 1 gen 2012

Clicca qui!

 

 

Fuoco sull'Ortigara. Artiglieria pesante e aviazione nella grande guerra

Fuoco sull'Ortigara. Artiglieria pesante e aviazione nella grande guerra Copertina flessibile – 11 lug 2017

Furono tra i protagonisti militarmente rilevanti della battaglia dell’Ortigara, ma la loro presenza è passata sostanzialmente sotto silenzio. Le artiglierie ferroviarie francesi ritrovano ora il ruolo che gli spetta nella storia del conflitto lungo il fronte italiano grazie a Luca Girotto e Luigino Caliaro, autori di “Fuoco sull’Ortigara”. 168 pagine a colori, formato 21×23, che con il supporto di oltre 140 straordinarie foto in gran parte inedite e grazie a documenti usciti dagli archivi d’oltralpe documentano per la prima volta una storia mai scritta prima.Spiegano gli autori: in previsione della battaglia dell’Ortigara, gli accordi tra alleati prevedevano l’arrivo di un appoggio d’artiglieria francese a supporto dell’offensiva. Per varie ragioni, soprattutto per non privarsi di artiglierie campali assolutamente indispensabili sul fronte occidentale, la scelta francese ricadde sull’invio di alcune imponenti artiglierie ferroviarie pesanti. Per immaginare quale impatto possono aver avuto sui contemporanei è sufficiente guardare gli scatti ritrovati da Girotto e Caliaro che documentano la mole colossale di cannoni come quelli da 320 mm M.le 70-93 su affusto Schneider con una lunghezza complessiva della struttura di quasi 26 metri per 162.000 kg di peso.

Clicca qui!

 

 

Basti in groppa! L'artiglieria someggiata dall'Armata Sarda all'Esercito Italiano

Basti in groppa! L'artiglieria someggiata dall'Armata Sarda all'Esercito Italiano Copertina flessibile – 10 apr 2018

Sullo specifico argomento esistono solo un numero sorprendentemente ridotto di lavori limitati all'ambiente alpino e all'artiglieria da montagna ma altri aspetti, come l'artiglieria coloniale e l'artiglieria someggiata non alpina sono rimasti in gran parte inesplorati. Ecco quindi un interessante e inedito studio sulla storia di tutte le artiglierie someggiate dell'Esercito Italiano, a partire dalle guerre risorgimentali e fino ai giorni nostri, illustrato con un'importante numero di fotografie, stampe e disegni.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!