Carlo Magno

Carolus Magnus (Carlo Magno) nacque nel 747 o nel 748 come figlio del re Pio III nell'Impero Franconino. Il suo dominio successivo coprì gran parte dell'attuale Francia, la Germania occidentale e meridionale, l'Italia e la Spagna. Egli fu anche colui che riuscì a riconquistare la dignità di imperatore fin dall'antichità.

 

Nascita e infanzia:

Carlo Magno è nato il 2 aprile, 747 o 748, l'anno esatto non è noto. Come il figlio maggiore di Pippino il Giovane, o anche di Pippino III, Carlo nacque nella famiglia reale dei Carolingi, il cui titolo reale è stato concesso solo nel 751, dopo che la famiglia è stata attiva per decenni come amministratore della corte reale e ha acquisito sempre più potere.

Quasi nulla è stato tramandato sull'infanzia e la giovinezza di Karl. Partendo dal presupposto che Karl aveva un certo livello di istruzione nella sua vita successiva, era in grado di parlare sia in Franconia che in Latino e attribuiva grande importanza all'istruzione nel suo regno, si può supporre che oltre alla sua formazione militare ricevette anche un'istruzione in altre aree che era insolito in quel momento.

 

 

 

La sua adesione come re:

Già il padre di Carlo, Pippo III, estendeva l'Impero Franconino su alcune parti d'Europa. Negli ultimi anni del suo mandato, tuttavia, si è occupato principalmente di proteggere la zona che aveva conquistato da influenze esterne. Nel 768 condusse la sua ultima campagna in Aquitania (una provincia del sud-ovest della Francia, al confine con la Spagna). Tornato nel giugno del 768 si ammalò e cominciò a regolare la sua successione. Decise che il suo impero doveva essere diviso tra i suoi due figli Karl e Karlmann. Così Karl ha ottenuto la parte settentrionale e orientale, Karlmann la parte occidentale e meridionale. Il muflone morì a Saint-Denis il 24 settembre 768. Il 9 ottobre 768, i figli Carlo a Noyon e Karlmann furono incoronati nell'antica residenza merovingia di Soisson.

Anche se i due nuovi re erano fratelli, il rapporto tra loro era piuttosto teso fin dall'inizio. Non c'era alcun governo sull'ex Impero Franconino, perché ognuno voleva governare solo per se stesso e per la sua parte dell'impero. L'ultima rottura è avvenuta quando Charles ha chiesto a suo fratello un sostegno contro i ribelli della provincia dell'Aquitania, ma Karlmann glielo ha rifiutato. Così Carlo sconfisse la rivolta da solo e annesse parti dell'Aquitania, che formalmente appartenevano al territorio di Karlmann.

La madre dei due fratelli Bertrada cercò più e più volte di mediare tra i due, ma poi fallì a causa dei piani di Carlo Magno. In primo luogo, però, Carlo accettò la proposta della madre di separarsi dalla prima moglie Himiltrud e di sposare una principessa lombarda sconosciuta per cercare un'alleanza con il re longobardo Desiderio.

Dalla primavera del 771, tuttavia, Karl abbandonò completamente i piani della madre, rispedì la principessa lombarda al padre e sposò invece un Alamanni di nome Hildegard, proveniente da una delle province di Karlmann. Suo fratello Karlmann temeva che Karl avrebbe cercato di influenzare la provincia di Alamannien, che ha governato, sposandolo.

Una guerra aperta tra i due fratelli è stata negata solo dal fatto che Karlmann morì il 4 dicembre 771 e Karl ora ha approfittato dell'occasione per prendere in consegna il regno di suo fratello.

 

 

 

Campagne di Carlo Magno e l'espansione del suo impero:

La campagna longobarda:

Dopo la morte di suo fratello, Carlo detenne il potere su tutto l'Impero Franchi. Ma i due figli di Karlmann, fuggiti in Italia dal re longobardo Desiderio, lo minacciavano immediatamente. Desiderio estese il suo impero anche all'Italia e rivendicò i suoi diritti sulla chiesa romana.

Fu così che nella primavera del 773 papa Adriano inviò messaggeri a Carlo per chiedere il suo sostegno. Carlo Magno gli assicura il suo sostegno, compone un esercito e alla fine del 773 marcia con due grandi eserciti da Ginevra all'impero lombardo. Il primo esercito di Carlo Magno, da lui stesso guidato, superò il Monte Cenis, il secondo sotto la guida dello zio Bernhard il Gran San Bernardo. Desiderio fu costretto a ritirarsi a Pavia, una città fortemente fortificata. Questo fu assediato per 9 mesi, quando arrivarono i due eserciti, fino a quando la città e Desiderio si arrese. In seguito la città fu saccheggiata e l'Impero Longobardo fu incorporato nell'Impero Franchi, che comprendeva l'Italia Superiore e Inferiore. Tuttavia, i piani di integrazione di Carlo Magno per l'Italia meridionale sono stati respinti.

 

 

 

Le guerre sassoni:

Già dall'estate del 772 l'impero dei Franchi era nelle cosiddette guerre sassoni. Poiché i sassoni, non come i franchi o i longobardi, erano divisi in un impero unificato, ma in aree tribali sciolte e i loro confini confinanti direttamente con l'impero francone, i conflitti difficilmente potevano essere evitati.

Ma non solo l'aspetto militare è stato il motivo delle campagne, anche la cristianizzazione dei sassoni classificati come pagani può essere stato il motivo.

Così Carlo iniziò una campagna da Worms a Eresburg nel 772, da lì proseguì nell'area tribale dove fece distruggere il santuario di culto Irminsul (probabilmente una grande colonna). Mentre Carlo era in Italia, alcune delle tribù sassoni si alzarono e saccheggiarono la Franconia nel 774, distruggendo molte chiese e monasteri. Nel 775 si svolse di nuovo la campagna in Franconia, che portò alla sottomissione dell'Engern e dell'Ostfalen e alla distruzione della Westfalia. La seconda campagna è stata, a differenza della prima, caratterizzata da una particolare durezza e brutalità. Charles fece uccidere molti capi tribù con il motivo "solo il battesimo o la morte", che ha dato alle campagne il carattere finale di un proselitismo.

Nel 776 i sassoni si alzarono di nuovo, ma vennero di nuovo picchiati. L'Eresburg è stato ricostruito su ordine di Karl, altre basi sono state costruite anche dai Franchi, tra cui il famoso Karlsburg. Allo stesso modo, chiese e monasteri sono stati costruiti per promuovere il cristianesimo. Nel 777, sembrava che i territori fossero finalmente pacificati. Così Paderborn (l'ex Karlsburg) divenne anche la sede della prima assemblea imperiale non francofona.

Ma la pace era ancora fragile dal 778 sotto il nuovo leader ribelle Widukind. Ha usato lacampagna di Carlo Magno e la sconfitta in Spagna per alzarsi di nuovo contro gli occupantiFranconi. Fu così che nell'estate del 779 Carlo Magno penetrò di nuovo nei territori sassonicon la massima brutalità e sconfisse gli insorti.

782 parti dei sassoni si ribellarono di nuovo sotto la guida di Widukind, vincendo una grande vittoria a Süntel, nel Weserbergland, quando schiacciarono parti dell'esercito franco. Carlo inviò un nuovo esercito, sconfisse i ribelli e fece uccidere molti sassoni a Verden an der Aller, che passò alla storia come corte sanguinaria di Verden.

Dal 783 ci sono stati più e più volte piccoli rivolte, questi potrebbero essere distrutti da campagne dell'esercito franco per lo più però veloce. Nel 785 la resistenza si spezzò a tal punto che Karl Widukind offrì colloqui di pace, che accettò. Seguì il battesimo di Widukind, con Karl come suo padrino.

Dopo il 792, solo piccoli disordini locali, che riguardavano quasi esclusivamente i sassoni nordorientali della regione dell'Elba, portarono la Franconia a fare campagna elettorale. La deportazione dei sassoni, l'insediamento della Franconia e la costruzione di nuove chiese favorirono anche il cristianesimo e la pacificazione. A partire dall'804 le aree furono completamente pacificate.

 

 

 

Le campagne in Spagna:

Quando nel 777 si tenne a Paderborn la prima assemblea imperiale al di fuori dell'Impero dei Franchi, gli inviati della penisola spagnola, allora sotto il dominio arabo, sembravano chiedere aiuto a Carlo per rovesciare il sovrano Abd ar-Rahman I. . . Charles vide un ulteriore potenziale per espandere il suo impero e accettò di sostenerlo.

778 Karl intraprese la prima campagna dove avanzò con 2 eserciti. Il primo avanzato a Pamplona, il secondo a Saragozza. Pamplona fu rapidamente conquistata, i due eserciti si unirono vicino a Saragozza, ma la città sopravvisse alla conquista. Questa volta Karl aveva chiaramente sbagliato idea di se stesso durante la sua campagna, come ha sottovalutato la forza e la posizione di potere di Abd ar-Rahman I.

Quando fu successivamente informato che i sassoni stavano facendo un'altra rivolta, Carlo fece tornare indietro le sue truppe. Quando si ritirò, tuttavia, ha distrutto le mura di Pamplona, che ha provocato pesanti perdite per le sue truppe durante l'attacco di vendetta basco nel mese di agosto 778.

Una seconda campagna è stata guidata da Carlo dal 792/793, questa volta più successo e in grado di prendere diverse città, tra cui 803 Barcellona e 811 Pamplona. Come nei territori sassoni, si stabilì cristiano nel nord della Spagna ed espulse gli arabi dai territori conquistati.

 

 

 

La Guerra di Consapevolezza:

A partire dalla fine del VI secolo, i nomadi equestri, provenienti dalla regione asiatica, avevano creato il proprio impero nell'odierna regione balcanica. All'epoca di Carlo Magno, tuttavia, questo impero era già in declino. Temendo di essere il prossimo sulla lista di espansione di Carlo Magno, gli Avari lanciarono diversi attacchi contro i territori del Nord Italia e Baviera dal 788. Tuttavia, queste campagne sono fallite e non è stato raggiunto alcun accordo nei negoziati di pace di Worms del 790.

In cambio, Carlo iniziò un'invasione su larga scala dell'Impero Avari nel 791. Come i sassoni, gli Avari erano descritti come galline di fuoco e Carlo Magno poteva anche stilizzare la campagna come una lotta cristiana contro i miscredenti e proclamarsi un protettore della fede. Durante la campagna non ci furono battaglie aperte e a causa delle nuove rivolte sassoni questa rimase per il momento solo una scena di guerra laterale per Karl.

Nel 794 e 795, tuttavia, ci furono lotte interne di potere nell'Impero Avaren, il cui risultato fu la morte del Khagan al potere. Nel 795, la prima tribù Avar apparso, il cui leader soggiogato governo di Carlo Magno.

Nel 796 la successiva campagna di Carlo Magno nell'Impero degli Avari ebbe luogo per soggiogare anche le altre tribù. Dopo la sconfitta, i nuovi Khagan si sottomisero al dominio di Carlo Magno, con il risultato che l'Impero Avaren crollò completamente.

Dal 799 all'803 ci furono ancora insurrezioni isolate contro l'occupazione franca, che tuttavia rimasero senza successo degno di nota. Come in altre zone conquistate, anche nei Balcani, nella regione di confine con l'Impero dei Franchi, iniziò il cristianesimo.

 

 

 

L'integrazione della provincia di Baviera:

La Baviera ebbe un ruolo speciale nell'Impero dei Franchi già prima del regno del padre di Carlo, Pippino III. Al tempo di Carlo Magno vi regnò un nipote di Pippino: Tassilo III.
Tassilo regnò in Baviera, si vide in una posizione regale e ebbe buoni rapporti con il Papa e con i Longobardi. Karl considerava Tassilo un concorrente indiretto e indesiderato e cercava quindi di eliminarlo.

Così Tassilo 787 è stato invitato a Worms a sottomettersi ufficialmente al re Franconia. Ma Tassilo non è apparso e si è rivolto al Papa per chiedere aiuto. Tuttavia, prese dalla parte di Carlo Magno e chiese a Tassilo di sottomettersi anche a lui. Anche in Baviera le richieste di sottomissione divennero sempre più forti.

Dopo l'azione militare di Carlo anche contro Tassilo nel 787, era ora completamente isolato. Alcuni capi bavaresi si trasferirono volontariamente a Carlo, tanto che Tassilo si arrese e si arrese nell'ottobre del 787. Le tensioni tra i due rimasero però, tanto che Karl decise di convocare Tassilo e la sua famiglia ad Ingelheim nel giugno del 788, dove lui e la sua famiglia vennero arrestati. Fu accusato di lavorare con gli Avari e di disertare. All'inizio la condanna fu la morte, ma Carlo la convertì in una prigionia monastica che durò tutta la vita.

La Baviera era ora ufficialmente parte dell'Impero Franconino con Carlo come sovrano.

 

Le conquiste di Carlo Magno

Le conquiste di Carlo Magno

 

 

 

L'incoronazione dell'imperatore:

Dal 795 Leone III succede al Papa Adriano a Roma. Tuttavia, la sua posizione era tutt'altro che solida, soprattutto con la nobiltà di Roma che non aveva alcun sostegno. Alla fine di aprile del 799 la situazione era così tesa che c'è stato anche un tentativo di omicidio di Leone, che è stato probabilmente effettuato da sostenitori di Adriano.

A causa della paura per la sua vita, Leone fuggì a Paderborn a Karl e chiese aiuto. Lo fece riportare a Roma alla fine del 799 con scorta militare, dove seguì nel novembre dell'800. Al fine di rendere pubblica la solidarietà tra il Papa e il suo potere protettivo per l'Impero dei Franchi, Carlo è stato incoronato imperatore in Alt San Pietro il 25 dicembre 800.

L'incoronazione dell'imperatore fu tuttavia qualcosa di speciale, poiché l'ultimo imperatore romano fu deposto nel 476 con la caduta dell'Impero Romano d'Occidente. Ora doveva essere creato un nuovo impero romano che riprendesse la pretesa di potere degli antichi imperatori romani e che fosse successivamente rivendicato prima dai Carolingi, poi dai re romano-tedeschi fin dai Liudolfinger (Ottoni) e che avrebbe dovuto costituire la pietra angolare dell'impero romano-tedesco nel successivo Sacro Romano Impero.

 

 

 

La morte di Carlo e la sua successione:

Karl aveva già regolato la sua successione nel 806 con la sua volontà politica. Così il suo regno doveva essere diviso tra i suoi due figli maggiori. Dopo la loro morte, tuttavia, solo suo figlio Ludwig è rimasto come il suo successore successivo legittimo.

Carlo Magno morì ad Aquisgrana il 28 gennaio 814, dopo una forte febbre e dolore al suo fianco, e fu sepolto nella Cappella Palatina.

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Carlo Magno. Un padre dell'Europa

Carlo Magno. Un padre dell'Europa Copertina flessibile – 22 gen 2004

Alessandro Barbero presenta una biografia di Carlo Magno. Nel giorno di Natale dell'anno 800 Carlo Magno viene incoronato imperatore. Un poeta rimasto anonimo saluta in lui "il padre dell'Europa". Oggi che i popoli del nostro continente sono avviati all'integrazione in un'Europa sovranazionale, la figura di Carlo Magno risulta di sorprendente attualità. Una biografia che unisce al rigore degli studi un'appassionante scrittura letteraria.

Clicca qui!

 

 

Carlo Magno. Il barbaro santo

Carlo Magno. Il barbaro santo Copertina rigida – 15 ott 2015

Carlo Magno è una delle figure che più hanno segnato la storia europea. Grazie a lui una vasta parte dell'Europa, frammentata dopo le fine dell'impero romano, si trovò nuovamente riunita in un unico impero. Con una serie continua di campagne militari sanguinose e brutali, Carlo sottomise e cristianizzò a forza i sassoni, sconfisse i longobardi, riunificò le diverse tribù germaniche. Fu un combattente per la fede in difesa del cristianesimo e della Chiesa, e il papa lo ripagò incoronandolo imperatore. Con lui conobbe una rinascita anche la cultura; assetato di sapere, pur non sapendo scrivere promosse lo sviluppo di quella scrittura che tuttora usiamo. Nella sua Aquisgrana, dove amava darsi ai piaceri termali, raccolse attorno a sé e alla sua corte i più importanti poeti e pensatori del tempo. Alle molte e anche contraddittorie facce di Carlo Magno è dedicato questo racconto biografico.

Clicca qui!

 

 

Carlo Magno. Il signore dell'Occidente

Carlo Magno. Il signore dell'Occidente Copertina rigida – 7 set 2004

Il regno creato da Carlo Magno (748-814) è stato la cellula generatrice dell'Europa moderna e quello in cui si definiscono i tratti peculiari della cultura occidentale. Carlo, fondatore del Sacro Romano Impero e signore di quasi tutta l'Europa occidentale, è il simbolo di un continente che nasce sostenuto da politiche nazionali, culturali ed economiche, unitarie. In questa biografia, basata su un'attenta analisi delle fonti e su ricerche avanzate, l'autore riesce a restituire tutto il fascino del sovrano e di un'intera epoca.

Clicca qui!

 

 

Carlo Magno. Primo europeo o ultimo romano

Carlo Magno. Primo europeo o ultimo romano Copertina flessibile – 4 ott 2011

Come avviene per tutti i giganti della storia, sulla figura di Carlo Magno è stato scritto tutto e il contrario di tutto. E la costruzione del mito si sovrappone, come spesso accade, alla realtà storica restituendo talvolta un quadro incerto e ambiguo del personaggio. Il caso di Carlo Magno è, da questo punto di vista, emblematico. Come 'accedere" al vero Carlo dopo la Chanson de Roland? In 1200 anni la figura del sovrano carolingio è stata incessantemente recuperata, utilizzata, manipolata fino al suo ultimo avatar che lo vuole padre dell'Europa, una sorta di fusione tra Adenauer e De Gaulle che riconcilia il mondo germanico e quello francese. Districandosi tra le varie ricostruzioni storiche l'autore delinea la 'biografia" di Carlo Magno più veritiera, depurata dagli aloni che nel corso dei secoli hanno avvolto la sua figura.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!