Comitato internazionale della Croce Rossa

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa è un'organizzazione senza scopo di lucro che nasce dalle osservazioni e dalle esperienze dell'imprenditore svizzero Henry Dunant dalle battaglie di Solferino e San Martino. L'organizzazione indipendente è dedicata alla tutela della vita, della salute e della dignità, nonché alla riduzione della sofferenza delle persone bisognose senza distinzione di nazionalità e di discendenza o di opinioni religiose, filosofiche o politiche delle persone colpite o che forniscono assistenza.

 

 

 

Sfondo:

Fino alla metà del XIX secolo non esisteva una regolamentazione delle cure, delle cure o della gestione dei feriti di guerra. Non c'erano nemmeno cure post-militari per i soldati feriti o feriti.

Nelle guerre fino ad allora, i feriti sul campo di battaglia erano per lo più lasciati a se stessi o forniti solo su base improvvisata. Inoltre, non era raro che i soldati nemici o i civili attaccassero o maltrattassero il popolo. Le perdite causate dalla scarsità dell'offerta sono state conseguentemente elevate. Se i soldati sono sopravvissuti alle ferite, ma sono stati successivamente portatori di handicap fisici, hanno dovuto pagare anche il proprio sostentamento. All'epoca non c'era nessuna cura statale.

Questo trattamento dei feriti faceva parte anche della guerra tra le truppe francesi e austriache durante le guerre di unificazione italiana. Nella battaglia di Solferino del 24 giugno 1859, circa 25. 000 soldati furono feriti o completamente devitalizzati dall'inadeguatezza dell'offerta. Henry Dunant, che in realtà era in viaggio verso il sovrano francese Napoleone III per parlare della conservazione delle concessioni fondiarie in Algeria, è stato testimone di questo orrore. Interrompe il suo viaggio e rimane sul campo di battaglia per diversi giorni per prendersi cura dei feriti e per occuparsi dell'organizzazione delle misure di soccorso.

 

Henry Dunant

Henry Dunant

 

Dunant fu così preso dall'orrore che nel 1862 pubblicò un libro sulle sue esperienze e lo inviò alle dinastie regnanti delle grandi potenze europee con l'idea di creare organizzazioni di volontariato per la cura dei feriti e di redigere e concludere contratti per trattare i feriti di guerra. Fu così posta la prima pietra della Croce Rossa.

 

 

 

La fondazione:

Il 9 febbraio 1863 a Ginevra, Dunant, Gustave Moynier, un avvocato, Louis Appia, Théodore Maunoir e il generale dell'esercito Guillaume-Henri Dufour fondarono un comitato dei cinque, insieme ai medici Louis Appia e Théodore Maunoir, al fine di avviare i preparativi per una conferenza internazionale per realizzare la sua idea.

 

I cinque membri fondatori

I cinque membri fondatori

 

Il 17 febbraio il nome è stato cambiato in Comitato Internazionale delle Società di Assistenza per la cura dei feriti.

Dal 26 al 29 ottobre 1863 si è svolta la conferenza sull'attuazione degli obiettivi. Alla conferenza hanno partecipato complessivamente 36 persone, tra cui 18 delegati ufficiali dei governi dei rispettivi paesi, sei delegati di varie associazioni, sette partecipanti stranieri non ufficiali e i cinque membri del Comitato Internazionale.

I paesi rappresentati erano:
- Vasca da bagno
- Baviera
- Francia
- Gran Bretagna
- Hannover
- Assia-Darmstadt
- Italia
- Paesi Bassi
- Austria
- Prussia
- Russia
- Sassonia
- Svezia
- Spagna

Al termine della conferenza sono state adottate alcune risoluzioni:
- la creazione di società nazionali di soccorso per i feriti di guerra
- la neutralità dei feriti
- il distacco di badanti volontari sul campo di battaglia per ricevere assistenza
- l'organizzazione e lo svolgimento di ulteriori conferenze internazionali
- l'introduzione di un marchio di identificazione e protezione sotto forma di bracciale bianco con una croce rossa

Nel 1864, su invito del governo svizzero, ebbe luogo l'invito successivo, al quale parteciparono 26 delegati di 16 paesi, tra cui Stati Uniti d'America, Brasile e Messico. A seguito dei colloqui, il 22 agosto 1864 è stata elaborata la prima Convenzione di Ginevra, firmata da 12 Stati. In questa convenzione, il trattamento dei feriti e del personale ausiliario dovrebbe essere determinato in modo vincolante per alleviare in modo significativo questa terribile parte di una guerra.

Durante questo periodo, nei rispettivi paesi si sono formate le prime società nazionali della Croce Rossa.

 

Il simbolo della Croce Rossa

Il simbolo della Croce Rossa

 

 

 

 

Le prime missioni della Croce Rossa:

Il primo dispiegamento dell'organizzazione ebbe luogo durante la guerra tedesco-danese, che durò da febbraio a ottobre 1864. Durante la battaglia di Oeversee fu utilizzato per la prima volta un ospedale da campo della Croce Rossa. Durante la battaglia di Düppeler Schanzen del 16 aprile 1864, due rappresentanti ufficiali, Louis Appia e il capitano olandese Charles van de Velde, osservarono per la prima volta il rispetto delle linee guida.

Nel 1864 Gustave Moynier assunse la presidenza dell'organizzazione, nel 1867 l'uomo d'affari Henry Dunant dovette dichiarare fallimento e lasciò completamente l'organizzazione da lui fondata.

Con le guerre franco-tedesche del 1870 e 1871, la necessità dell'organizzazione degli aiuti divenne finalmente evidente. L'esercito prussiano ha lavorato a stretto contatto con la Croce Rossa fin dall'inizio, e anche i dipartimenti prussiani erano molto ben equipaggiati con materiale e avevano un'eccellente organizzazione. Di conseguenza, le perdite per ferite sul lato prussiano erano significativamente inferiori a quelle che erano cadute direttamente sul campo. La situazione era diversa da parte francese all'epoca. Lì la Croce Rossa era chiaramente peggio attrezzata e organizzata. Le perdite per lesioni in Francia sono state quindi tre volte superiori a quelle della Prussia. Per la prima volta in questa guerra non furono utilizzate solo le federazioni della Croce Rossa, ma vi parteciparono anche federazioni di Russia, Svizzera, Irlanda e Lussemburgo.

Nel 1876 fu rinominato Comitato Internazionale della Croce Rossa, che è ancora oggi valido.

Nel 1878, per la prima volta, furono sostenuti i rifugiati e i civili colpiti dal conflitto e bisognosi di aiuto durante la crisi balcanica.

Durante la guerra ispano-americana del 1898, le navi Moynier, la Croce Rossa e lo Stato del Texas furono le prime navi ospedaliere in guerra ad essere utilizzate per la fornitura e il trasporto di feriti.

Henry Dunant, fondatore della Croce Rossa, insieme al pacifista francese Frédéric Passy, ricevette per la prima volta nel 1901 il premio Nobel per la pace per la sua opera a vita della Croce Rossa. Questo è stato un tardivo tributo a lui per la sua dedizione e dedizione ad alleviare la sofferenza. Morì il 30 ottobre 1910 a Heiden in Svizzera.

 

 

 

La prima guerra mondiale:

Il compito principale della Croce Rossa durante la prima guerra mondiale era la registrazione dei prigionieri di guerra, il trattamento delle lettere e dei pacchi da e per loro e la mediazione nello scambio di prigionieri. Poco dopo lo scoppio della guerra è stato istituito un punto di contatto centrale a tal fine, da dove tutto è stato organizzato. Dal 1916 al 1919 questo posto è stato istituito nel museo Rath.

Un altro compito era quello di monitorare la Convenzione di Ginevra e di inviare avvertimenti al rispettivo governo di un paese. Dopo il primo uso di agenti chimici di guerra, la Croce Rossa ha protestato per tenere queste armi lontane dai campi di battaglia, senza alcun risultato.

Anche i civili che si trovavano nelle zone di battaglia erano assistiti dalla Croce Rossa. La fornitura di soldati feriti nelle trincee anteriori non è stata possibile a causa del pericolo per il personale. Solo nelle linee posteriori e negli ospedali che vi sono stati allestiti ci si poteva fare attenzione.

Dopo la guerra, la Croce Rossa organizzò anche il rimpatrio di oltre 400. 000 prigionieri di guerra. La Croce Rossa fu insignita del Premio Nobel per la pace nel 1917 per i suoi sforzi. E' stato l'unico anno di guerra in cui il premio è stato assegnato.

Sulla base delle esperienze della guerra, la Società delle Nazioni è stata fondata nel 1920 per organizzare l'approvvigionamento e il sostegno dei prigionieri di guerra e degli sfollati.

Nel 1925, il Protocollo di Ginevra proibì anche l'uso di armi chimiche e biologiche. Nel 1929, la prima Convenzione di Ginevra fu ulteriormente rivista e fu inserito un nuovo trattato sul trattamento dei prigionieri di guerra.

Nel 1934, la Conferenza internazionale della Croce Rossa si è concentrata per la prima volta sulla protezione della popolazione civile, che durante la prima guerra mondiale era in gran parte direttamente colpita dalle ostilità e che ora doveva essere protetta da direttive speciali. All'epoca, tuttavia, nessun paese ha manifestato un interesse particolare per una direttiva di questo tipo, cosicché non è stato possibile concludere un accordo prima dell'inizio della seconda guerra mondiale.

 

 

 

La seconda guerra mondiale:

Il lavoro della Croce Rossa durante la seconda guerra mondiale si basa principalmente sui punti della Convenzione di Ginevra del 1929, che, come nella prima guerra mondiale, si è concentrata principalmente sull'assistenza, la fornitura e la distribuzione della posta ai prigionieri di guerra.

A differenza della prima guerra mondiale, due settori in particolare hanno compromesso il lavoro della Croce Rossa:
1. né l'Unione Sovietica né il Giappone avevano aderito alla Convenzione del 1929
2. i detenuti dei campi di concentramento non sono stati equiparati ai prigionieri di guerra e sono quindi sfuggiti alla supervisione della Croce Rossa

All'inizio della guerra, la Croce Rossa in Germania ha cercato di equiparare i detenuti dei campi di concentramento ai prigionieri di guerra. La proposta è stata respinta più volte. Per sfuggire alle rappresaglie dalla Germania, l'organizzazione ha presto smesso di tentare l'equazione. Per mantenere la loro rigorosa neutralità e non provocare l'invasione della Svizzera da parte delle truppe tedesche, la Croce Rossa conteneva informazioni sui campi di concentramento nei confronti degli Alleati. Dopo la guerra, l'organizzazione è stata accusata di una certa cooperazione con i nazionalsocialisti in questo contesto.

Nel 1944 la Croce Rossa ricevette nuovamente il Premio Nobel per la pace. Anche l'unico premio durante gli anni della guerra.

Dopo la guerra, l'enfasi del lavoro è stata posta sul collocamento dei prigionieri di guerra e sull'assistenza alla popolazione civile, che in questa guerra è stata più colpita che mai.

 

 

 

La Croce Rossa oggi:

Dopo la seconda guerra mondiale e gli insegnamenti tratti, la Convenzione di Ginevra è stata rivista, adattata e adottata il 12 agosto 1949 come Convenzioni di Ginevra I e III. Sono state adottate anche le Convenzioni di Ginevra II e IV, che regolano, da un lato, il miglioramento della sorte dei feriti, dei malati e dei naufraghi delle forze armate in mare e, dall'altro, la protezione dei civili in tempo di guerra.

Nel 1963, l'organizzazione è stata insignita per la terza volta del Premio Nobel per la pace.

Nel 1977 sono state aggiunte ulteriori aggiunte ai mezzi e ai metodi di guerra ammissibili e al trattamento delle persone coinvolte in un conflitto. Sono state incluse anche le guerre non lineari nel senso di guerre civili.

 

Simbolo della Croce Rossa Internazionale

Simbolo della Croce Rossa Internazionale

 

 

 

La Società della Mezzaluna Rossa:

Nel 1868 il ramo della Croce Rossa fu fondato nell'Impero Ottomano. In primo luogo sotto l'identificatore Ottoman Relief Organization for Wounded and Sick Soldiers, il ramo ha ricevuto il suo attuale identificatore nel 1947.

Poiché la croce rossa su sfondo bianco ricordava troppo delle crociate cristiane al popolo musulmano della regione, la croce fu sostituita da una mezzaluna. Tuttavia, i compiti e gli obiettivi sono identici a quelli della Croce Rossa.

 

 

Simbolo della Mezzaluna Rossa Turca

Simbolo della Mezzaluna Rossa Turca

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Continuate a chiamarla privatizzazione: perché la Croce Rossa è un'altra cosa

Continuate a chiamarla privatizzazione: perché la Croce Rossa è un'altra cosa Copertina flessibile – 6 lug 2017

Questo libro è il frutto di un'inchiesta giornalistica durata oltre due anni e nata allo scopo di fare luce sulle molte opacità della nuova Croce Rossa Italiana, derivante dal processo di riordino dell'Ente Pubblico promosso con il decreto 178 del 2012.

Clicca qui!

 

 

Croce Rossa Italiana e welfare dal 1914 al 1927. Esperienze di interventismo umanitario

Croce Rossa Italiana e welfare dal 1914 al 1927. Esperienze di interventismo umanitario Copertina flessibile – 17 mag 2018

Croce Rossa, la più grande organizzazione umanitaria del mondo, presente in tutti gli scenari di combattimento della Grande Guerra, in Italia fu parimenti attiva sui fronti sia militare sia civile. Riconoscibile in trincea e nelle retrovie, essa divenne familiare anche tra la popolazione civile, che potè trovarvi più che un'astratta disponibilità al soccorso, una prossimità al bisogno e all'emergenza di natura tecnica e umana insieme. Gli uomini e le donne di Croce Rossa, protagonisti in questo volume, tutti formati al servizio, furono spesso personalità di primo piano della cultura e della scienza contemporanee. Basterebbe ricordare la figura del premio Nobel Camillo Golgi. Forse pure con una certa dose d'inconsapevolezza, insieme scrissero una pagina significativa della storia dell'umanitarismo del primo Novecento. Una storia che s'intreccia con la ricerca delle prime forme organizzative del welfare moderno. Ma dove, quando e come operò la Croce Rossa Italiana prima della Grande Guerra fino al consolidamento del Fascismo in Italia? I saggi raccolti esplorano momenti e profili della presenza di Croce Rossa in anni tra i più drammatici della nostra storia.

Clicca qui!

 

 

Croce Rossa. Il lato oscuro della virtù

Croce Rossa. Il lato oscuro della virtù Copertina flessibile – 7 apr 2011

Vizi, virtù, polemiche e scandali della Croce rossa. Attraverso documenti e testimonianze, l'inchiesta di Alberto Puliafito svela tutto ciò che si nasconde dietro un simbolo universalmente conosciuto solo nel suo "volto buono".

Clicca qui!

 

 

Un'idea senza fine. Così nacque la Croce Rossa: il Risorgimento italiano e oggi

Un'idea senza fine. Così nacque la Croce Rossa: il Risorgimento italiano e oggi Copertina flessibile – 1 gen 2014

Dalle sue idee ispiratorie ai giorni nostri, la Croce Rossa viene celebrata, avendo raggiunto l'importante traguardo dei 150 anni di attività. Il libro illustra le figure di Ferdinando Palasciano, medico di Capua che prestò servizio nell'esercito borbonico, che per primo enunciò il principio della Neutralità applicato agli individui, e poi quella del ginevrino Jean Henry Dunant, che da civile si adoperò nella sanguinosa battaglia di Solferino nella seconda guerra d'Indipendenza italiana e che da quella esperienza trasse lo spunto per far nascere l'istituzione. Quale sia stato il cammino della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa fino ad oggi, lo sottolinea l'intervista a Massimo Barra, italiano da tempo ai vertici internazionali dell'organizzazione.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!