Corazzata Charlemagne

La corazzata Charlemagne apparteneva all'omonima classe di navi, che consisteva di un totale di 3 corazzate, costruite all'inizio degli anni '90 del XIX secolo e facenti parte della Statut Naval, la costruzione di una grande flotta francese di corazzate.

 

Lancio e progettazione:

Tra il 1889 e il 1893 iniziò la costruzione di 5 corazzate, che non solo furono le prime corazzate francesi, ma anche, nell'ambito dello Statuto Navale emanato dal Ministero della Marina, l'inizio di una grande flotta di corazzate. Queste navi erano, tuttavia, di diversi progettisti e, di conseguenza, anche per quanto riguarda la costruzione e le attrezzature. Dopo l'inizio della costruzione dell'ultima delle 5 corazzate, il ministero ha richiesto una nuova e uniforme classe corazzata. Il contesto non dovrebbe essere solo la costruzione semplificata e veloce delle navi, ma anche la loro manutenzione e assistenza, poiché ora i pezzi di ricambio per ogni nave sarebbero gli stessi e non dovrebbero più essere troppo diversi.

La corazzata Jauréguiberry è stata scelta come base, essendo la più equilibrata dei 5 disegni approvati. Tuttavia, il Ministero della Marina ha fatto alcune nuove richieste sulla nuova classe di navi, soprattutto per quanto riguarda l'armamento principale.

Secondo i primi progetti finalmente approvati versione aveva una lunghezza di 117,7, una larghezza di 20,3 metri e un pescaggio di 8,4 metri. A differenza delle precedenti corazzate, non solo 2 cannoni principali da 305 mm sono stati montati in torrette individuali, ma un totale di 4 cannoni da 305 mm sono stati montati in una doppia torretta nella parte anteriore e posteriore della nave. Questo dovrebbe raddoppiare la potenza di fuoco. Le torrette erano azionate da motori elettrici per il movimento laterale. Tuttavia, i tubi dovevano ancora essere regolati all'altezza appropriata con un volantino. In cambio della rimozione dell'armamento principale, sono stati rimossi dalla classe Charlemagne i 2 cannoni da 2 x 274 mm precedentemente utilizzati, per i quali le navi sono state equipaggiate con 10 x 138,6, 8 x 100 mm, 20 x 47 mm e 4 tubi di siluro.

Un totale di 820,7 tonnellate di corazze Harvey sono state usate per l'armatura. Alla linea di cintura aveva uno spessore fino a 400 mm, sul ponte fino a 90 mm, le torrette dei cannoni principali fino a 320 mm e quelle dell'artiglieria centrale fino a 270 mm.

Come propulsore sono stati installati tre motori a vapore a 4 cilindri a tripla espansione, ciascuno dei quali aziona una vite. La potenza richiesta di 14.500 PS è stata fornita da 20 caldaie a vapore Belleville, che hanno portato una velocità massima di 18 nodi.

Il Charlemagne è stato poi lanciato il 17 ottobre 1895 e commissionato il 15 settembre 1897.

 

 

Disegno della classe di Charlemagne

 

Corazzata Charlemagne

 

 

 

Storia di Charlemagne:

Originariamente il Charlemagne doveva essere assegnato alla squadriglia atlantica dopo la messa in servizio e i collaudi, ma questo fu cambiato a breve termine e la nave fu assegnata alla prima squadriglia del Mediterraneo.

Nei 4 anni successivi sono state realizzate diverse manovre ed esercizi anche nel compound con la squadriglia atlantica. Nell'ottobre 1901 il Charlemagne partecipò all'occupazione del porto ottomano di Mytilini per far valere gli interessi francesi contro l'Impero Ottomano.

Fino all'ottobre 1909 venivano eseguite ogni anno ulteriori manovre fino a quando la nave fu assegnata alla squadriglia atlantica. Questo è stato utilizzato anche per le manovre annuali e per diversi viaggi di andata e ritorno verso vari porti, che sono stati interrotti solo dalla manutenzione dal settembre 1912 al maggio 1913.

Dopo la permanenza nel cantiere, la nave fu nuovamente assegnata alla flotta mediterranea e servì come nave da addestramento fino allo scoppio della prima guerra mondiale.

 

 

Corazzata Charlemagne

 

 

 

Uso in guerra:

Quando scoppiò la prima guerra mondiale in Europa, il Charlemagne, insieme ad altre vecchie corazzate, fu diviso per proteggere il trasporto di truppe dal Nord Africa alla Francia.

Alla fine di febbraio 1915, la nave fu ordinata al largo dei Dardanelli per sostenere l'imminente invasione alleata della penisola ottomana. Il 18 marzo, il Charlemagne partecipò all'avanzata nello stretto, dopo che le corazzate britanniche avevano già sparato e distrutto parzialmente le posizioni ottomane. Le posizioni rimanenti, così come quelle che si trovavano nel punto più stretto dello stretto, dovevano essere combattute dalle corazzate francesi a distanza ravvicinata. Il Charlemagne ha ricevuto alcuni colpi dall'artiglieria ottomana, ma il danno è stato piuttosto piccolo. Sulla via del ritorno, la corazzata Bouvet ha navigato su una miniera di mare ed è affondata in 2 minuti. Anche il Gaulois ha ricevuto 2 colpi da miniere di mare, affondò comunque non e guidò dalle proprie forze di Charlemagne accompagnato alle isole di coniglio a nord di Tenedos, dove è stato riparato. Lo stesso Charlemagne entrò nel porto di Bizerte e vi fu riparato fino al maggio 1915.

Dopo la riparazione la nave ritornò alla squadriglia alleata di fronte ai Dardanelli, che raramente sparavano in posizioni ottomane prima che le truppe si ritirassero dalle spiagge.

Nell'ottobre 1915 avvenne il trasferimento a Salonicco, da dove le navi da guerra alleate dovevano aumentare la pressione sulla Grecia per unirsi all'Impero tedesco nella guerra contro Francia e Gran Bretagna.

Da maggio ad agosto 1916 la nave fu revisionata a Bizerte e poi ritornò a Salonicco.

Nell'agosto 1917 la nave fu ordinata a Tolone, il 17 settembre 1917 fu assegnata alla riserva e dal 1° novembre 1917 iniziò lo sviluppo delle armi. La nave rimase a Tolone fino alla fine della guerra.

 

 

Corazzata Charlemagne

 

 

 

Ubicazioni:

Il Charlemagne è stato rimosso dall'elenco delle navi da guerra dopo la guerra del 21 giugno 1920, venduto nel 1923 e poi demolito.

 

 

 

Dati della nave:

Nome:  

Charlemagne

Terra:  

Francia

Tipo di nave:  

Corazzata

Classe:  

Charlemagne-Classe

Cantiere navale:  

Arsenal de Brest

Costi di costruzione:  

sconosciute

Varo:  

17 ottobre 1895

Messa in servizio:  

15 settembre 1897

Ubicazioni:  

1923 venduti e rottamati

Lunghezza:  

117,7 metri

Larghezza:  

20,3 metri

Bozza:  

Massimo 8,4 metri

Dislocamento:  

Massimo 11.275 tonnellate

Guarnigione:  

727 uomini

Guida:  

20 Caldaia a tubi d'acqua Belleville

3 Motori verticali a 4 cilindri a tripla espansione tripla

Potere:  

14.500 PS

Velocità massima:  

18 nodi (33 chilometri all'ora)

 

Armamento:

 

4 × 305 mm Pistole

10 × 138,6 mm Pistole

8 × 100 mm Pistole

20 × 47 mm Pistole

4 × 450 mm Tubi siluro

Corazza:  

Nastro: fino a 320 mm
Ponte: fino a 90 mm
Pistole principali: 320 mm
Torri: 270 mm

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!