La guerra d’indipendenza spagnola

La guerra contro la Spagna e il Portogallo è stata sostanzialmente solo un teatro di guerra secondario per Napoleone, ma ha legato le forze francesi che avrebbero dovuto essere più urgentemente necessarie nell'Europa centrale. Anche la Francia ha affrontato una guerra su due fronti.

 

Sfondo:

Nel 1804 la Spagna si alleò con la Francia nella guerra contro l'Inghilterra. Nel 1806, dopo che Napoleone aveva sconfitto le grandi potenze europee Austria, Russia e Prussia, ma era ancora in guerra con l'Inghilterra, impose un divieto di importazione di merci inglesi sul continente europeo con il blocco continentale.

Il Portogallo, che finora era rimasto fuori dal conflitto con la Francia, non ha cercato di rispettare tale divieto. Il paese fu occupato dalle truppe francesi sostenute dalla Spagna. In questo contesto, la famiglia reale del Portogallo ha dovuto fuggire in Brasile. Ora Napoleone attaccò anche la corona spagnola e le sue truppe occuparono importanti fortezze e Madrid fino al maggio 1808. Ha esortato la famiglia reale spagnola dei Borboni ad abdicare e a riconoscere suo fratello Giuseppe come re. Questo ha causato rivolte in tutto il paese e la Francia ha dovuto inviare più soldati.

 

Europa dal 1804 al 1815

Europa dal 1804 al 1815

 

 

 

L'inizio delle rivolte:

La prima grande rivolta ebbe luogo il 2 maggio 1808 a Madrid, dove la popolazione si sollevò contro la guarnigione francese di stanza. La rivolta fu rapidamente ma brutalmente repressa dai soldati, ma non poté impedire che le rivolte si diffondessero in tutto il paese. I consigli provinciali iniziarono subito a costruire e organizzare la resistenza militare contro gli occupanti. Già a luglio un intero corpo d'armata francese con circa 20. 000 uomini ha dovuto arrendersi quando è stato circondato dalle milizie spagnole vicino a Bailen.

Poiché all'epoca l'Inghilterra non era stata in grado di opporsi alle truppe francesi sul continente europeo, un piccolo corpo di expetidion sotto la guida di Arthur Wellesley fu inviato in Portogallo per sostenere la lotta contro le truppe francesi più deboli. Grazie all'intervento degli inglesi, i portoghesi riuscirono a persuadere le truppe francesi del maresciallo Junots a arrendersi a Vimeiro. Junots si vide circondato tra spagnoli, inglesi e portoghesi e negoziò la sua resa con Wellesley a condizione che i suoi soldati potessero essere spediti in Francia con tutte le loro attrezzature.

Per riportare sotto controllo la situazione in Spagna e Portogallo, Napoleone decise di inviare un altro esercito sotto la sua guida in Spagna. Riuscì a riconquistare Madrid e tornò in Portogallo per distruggere l'esercito inglese. L'esercito inglese, ora al comando di Sir John Moore, dovette salvarsi dopo gli attacchi francesi sulla costa nord-occidentale della Spagna, da dove fu evacuato nel 1809 da La Coruna con l'aiuto della Royal Navy. Napoleone vide di nuovo garantiti i suoi crediti verso la Spagna e si affrettò a tornare in Francia perché l'Austria gli aveva dichiarato di nuovo guerra.

 

 

 

Le offensive degli inglesi e degli spagnoli:

Le rivendicazioni francesi verso la penisola evaporarono presto quando i soldati spagnoli opposero più resistenza del previsto e gli inglesi, ora di nuovo guidati da Arthur Wellesley, impedirono l'invasione francese del Portogallo. Anche se una controffensiva inglese-spagnolo ha portato la vittoria a Talavera, le truppe sono state costrette a ritirarsi in Portogallo a causa dell'avanzata delle forze francesi, dove si sono preparate per il contrattacco.

Ma questa controffensiva non si è concretizzata, perché, sebbene le truppe francesi fossero in numero superiore, erano sparse in tutto il paese. Inoltre, l'approvvigionamento delle truppe attraverso i territori conquistati divenne sempre più difficile e i francesi furono esposti a battaglie in perdita con i guerriglieri spagnoli.

Fu solo nel 1810 che le truppe francesi sotto il maresciallo Masséna furono di nuovo in grado di condurre una campagna in Portogallo. Ma si è conclusa a settembre davanti a Torres Vedras, dove i francesi non sono riusciti a prendere d'assalto le fortificazioni. Nella primavera del 1811, il maresciallo dovette ritirarsi in Spagna a causa di problemi di approvvigionamento. Wellington (già Wellesley, prima di essere elevata alla nobiltà) seguì attentamente i francesi. Nel maggio 1811, Fuentes de Onoro e Albuerra furono teatro di battaglie con pesanti perdite, che si conclusero con un pareggio. Iniziò così l'assedio delle fortezze di confine di Ciudad Rodrigo e Badajoz. Rodrigo cadde in gennaio e Badajoz in aprile 1812.

 

Assedio di Burgos da parte delle forze anglo-portoghesi guidate dal duca di Wellington, 1812, pittura di François-Joseph Heim

Assedio di Burgos da parte delle forze anglo-portoghesi guidate dal duca di Wellington, 1812, pittura di François-Joseph Heim

 

 

 

L'invasione inglese della Francia meridionale:

Dopo aver conquistato le fortezze di confine, Wellington si voltò a nord, dove in luglio colpì Marshall Marmont vicino a Salamanca. I francesi ritirarono le loro truppe da Madrid per usarle contro l'esercito di Wellington. Nonostante i successi inglesi, l'equilibrio di potere era ancora di 2 a 1 dal francese all'inglese. Ma i guerriglieri spagnoli continuarono ad attaccare le truppe francesi e il morale delle truppe cominciò a crollare.

Nella primavera del 1813 Wellington iniziò una nuova offensiva e marciò con le sue truppe verso il confine ispano-francese. In giugno sconfigge un esercito francese guidato dal fratello di Napoleone Giuseppe e, in ottobre, attraversa i Pirenei verso la Francia con le sue truppe.

Quando Napoleone abdicò in Francia nell'aprile 1814, le truppe di Wellington erano già prima di Tolosa.

 

Battaglia di Tolosa

Battaglia di Tolosa

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!