L’ascesa di Napoleone Bonaparte

Prima della Rivoluzione francese, la Francia cercò di riformare il proprio esercito e di ristabilire una potenza militare in Europa.

 

A questo scopo, l'ufficiale dell'esercito Jean-Baptiste de Gribeauval ha sviluppato un nuovo sistema di artiglieria con armi migliorate per implementare la guerra presentata da Graf de Guibert con eserciti veloci e mobili. Inoltre, in Francia sono state aperte accademie militari per consentire ai soldati delle classi sociali più basse di fare carriera nell'esercito. La resistenza degli aristocratici, che rivendicavano le fila degli ufficiali solo per se stessi, significava che la nuova gerarchia militare poteva essere utilizzata inizialmente solo dalle unità di artiglieria meno rispettate e dai pionieri. Napoleone Bonaparte fu una delle persone che passò attraverso questo nuovo sistema e crebbe rapidamente nell'esercito francese a causa dei loro successi sul campo di battaglia.

 

Napoleone Bonaparte

Napoleone Bonaparte

 

Napoleone riuscì a risalire rapidamente durante le Guerre rivoluzionarie francesi attraverso le sue tattiche e i suoi successi militari. Dopo la riconquista di Tolone da parte degli inglesi nel 1793, fu promosso al Brigadier General all'età di 24 anni. Nel 1795 sostenne con i suoi soldati il colpo di stato per assicurarsi la repubblica dai seguaci dei regnanti e di Parigi occupata. Per questa azione fu promosso alla divisione generale e gli fu affidata la guida dell'esercito francese nella nuova campagna contro l'Austria nel 1796.

 

 

 

La campagna contro l'Austria:

Nel 1796 la Francia dichiarò nuovamente guerra all'Austria. La campagna contro l'Austria doveva svolgersi attraverso l'Italia settentrionale, Napoleone ricevette il comando supremo di questo "esercito italiano" dei francesi. La condizione dei suoi soldati era catastrofica all'inizio della campagna. C'era una mancanza di provviste, stivali, armi e pagamenti. Napoleone vedeva l'unico modo per equipaggiare adeguatamente il suo esercito come se fosse quello di sconfiggere il nemico il più rapidamente possibile e di rifornire i propri soldati con i beni dei territori conquistati.

Così ha gareggiato contro gli austriaci e i loro alleati sardi non solo per l'equipaggiamento ma anche per il numero di soldati inferiori. Ma Napoleone usava i suoi soldati con abilità tattica e attaccava gli avversari individualmente per poter combattere gli eserciti nemici separatamente. Con questa tattica riuscì a sconfiggere le truppe sarde e a cacciare la Sardegna dalla guerra. Poi sconfisse le truppe austriache, le costrinse a ritirarsi e occupò Milano. Alla fine del 1796 l'Italia settentrionale era quasi completamente occupata dai francesi.

Nel gennaio 1797 riuscì a Rivoli una vittoria decisiva contro gli austriaci e il suo esercito riuscì ad attaccare l'Austria dal sud attraverso le Alpi. L'Austria era ora costretta a fare la pace con la Francia.

 

 

 

La campagna in Egitto e Medio Oriente:

Dopo la pace con l'Austria, i combattimenti sul continente europeo erano finiti. La Francia era ancora in guerra con l'Inghilterra, ma a causa della superiorità della Royal Navy non ha potuto effettuare un'invasione dell'Inghilterra. Si è quindi deciso di attaccare l'Egitto per ottenere il controllo del Mediterraneo orientale. Sebbene il paese fosse ufficialmente una provincia dell'Impero Ottomano, in realtà era governato dai Mamelucchi, discendenti di soldati schiavi turchi.

Nel maggio 1798 la flotta francese partì da Tolone in direzione dell'Egitto. Durante il tragitto fuggì dalla flotta mediterranea inglese sotto il comando dell'ammiraglio Horatio Nelson e raggiunse l'Egitto in luglio.

 

La battaglia delle piramidi (dipinto ad olio di Louis-François Lejeune del 1808)

La battaglia delle piramidi (dipinto ad olio di Louis-François Lejeune del 1808)

 

Grazie alla superiorità delle piazze di fanteria francese sulla cavalleria corazzata Mamelucken, Napoleone riuscì a catturare rapidamente il Cairo. Ma con l'annientamento della flotta francese da parte degli inglesi, le truppe francesi furono tagliate fuori dal loro rifornimento e l'Impero Ottomano dichiarò guerra alla Francia.

Napoleone fu costretto a marciare a nord-est attraverso la Palestina nella primavera del 1799, un'area detenuta da truppe britanniche e ottomane. Dopo la sconfitta di Akko e lo scoppio della peste all'interno del suo esercito, Napoleone dovette ritirarsi in Egitto. In seguito le truppe ottomane proseguirono l'offensiva e sbarcarono con le loro truppe a luglio nella baia di Abukir. Le truppe francesi, numericamente inferiori, subirono una perdita e riuscirono a colpire le truppe ottomane con questa manovra a sorpresa.

Nell'agosto 1799 Napoleone riceve la notizia dell'alleanza di Austria, Gran Bretagna e Russia e delle sconfitte militari delle truppe francesi contro le truppe dell'Alleanza. Ha viaggiato segretamente dall'Egitto alla Francia e ha dovuto prima garantire la stabilità politica.

 

 

 

Coup d'état e creazione del potere politico:

La direzione (l'ultima forma di governo della Rivoluzione francese) è stata completamente sopraffatta dalla situazione economica e militare del paese. Inoltre, la fiducia della popolazione nel governo è diminuita massicciamente e i sostenitori della monarchia hanno avuto un nuovo impulso.

Dopo il ritorno di Napoleone in Francia nel novembre 1799, i membri dell'Assemblea Nazionale furono portati al castello di Saint-Cloud per proteggerli da un imminente colpo di stato. A Napoleone è stata nel frattempo affidata la sicurezza di Parigi. 3 dei 5 direttori si dimettono, gli altri due membri sono arrestati con il pretesto di essere seguaci dell'Ordine di Giacobbe. Quindi il paese era de facto senza leadership.

Una proposta di modifica della Costituzione è stata presentata ai membri del Consiglio dei Cinquecento che si riunivano nel castello, il che avrebbe permesso l'entrata in vigore di una forte leadership del paese. All'inizio i deputati si rifiutarono di approvare l'emendamento, ma solo quando i soldati sotto l'autorità di Napoleone esercitarono pressioni, l'emendamento fu approvato. Così il nuovo governo francese provvisorio era composto da 3 consoli: Napoleone Bonaparte, Emmanuel Joseph Sieyès e Roger Ducos.

 

Il generale Bonaparte davanti al Consiglio dei Cinquecento a Saint Cloud il 10 novembre 1799 (dipinto di François Boucher del 1840)

Il generale Bonaparte davanti al Consiglio dei Cinquecento a Saint Cloud il 10 novembre 1799 (dipinto di François Boucher del 1840)

 

La nuova costituzione fu poi ulteriormente modificata su insistenza di Napoleone, che gli permise di eliminare politicamente gli altri due consoli e poi sostituirli con Jean-Jacques Régis de Cambacérès e Charles-François Lebrun, a lui devoti. Il 25 dicembre 1799 entrò in vigore la nuova costituzione e Napoleone divenne il sovrano assoluto, potendo nominare ministri e approvare leggi. La funzione degli altri due consoli si è ridotta a quella di consigliere.

 

 

 

La campagna contro l'Alleanza:

Dopo che Napoleone fu in grado di affermarsi come unico sovrano di Francia, la marea cambiò per l'esercito francese.

Un'invasione unitaria russo-inglese dei Paesi Bassi, alleata della Francia, potrebbe essere contrastata. In Svizzera, anche l'esercito russo subì una pesante sconfitta, ritirandosi oltre le Alpi nell'inverno del 1799. La Russia si è poi ritirata dall'alleanza e dalla guerra contro la Francia.

Nel maggio del 1800 Napoleone guidò di nuovo una campagna contro l'Austria. Fece marciare le sue truppe dalla Svizzera attraverso le Alpi verso l'Italia e fu così in grado di pugnalare alle spalle il generale austriaco Michael von Melas. Quest'ultimo ha sollevato l'assedio di Genova e ha attaccato le truppe francesi a Marengo il 14 giugno. Le truppe di Napoleone si trovavano in posizione sfavorevole e divise al momento dell'attacco, cosicché sarebbe stata probabile una sconfitta se il generale Louis Desaix non avesse sentito il rumore della battaglia e Napoleone non fosse venuto in aiuto. Desaix morì in battaglia, ma le sue truppe portarono la vittoria francese.

 

Bonaparte che attraversa le Alpi al Gran San Bernardo (Pittura di Jacques-Louis David, 1800)

Bonaparte che attraversa le Alpi al Gran San Bernardo (Pittura di Jacques-Louis David, 1800)

 

Un'altra vittoria decisiva fu ottenuta dal comandante dell'esercito francese Jean-Victor Moreaus, il cui esercito del Reno sconfisse gli austriaci il 3 dicembre 1800 nei pressi di Hohenlinden in Baviera. L'Austria si vide minacciata dall'Occidente e dal Sud e dovette acconsentire alla pace nel febbraio 1801. Nel marzo 1802 l'Inghilterra seguì con la Pace di Amiens.

Questo ha posto fine a tutti i combattimenti in Europa per il momento.

 

Seconda guerra di coalizione dal 1798 al 1802

Seconda guerra di coalizione dal 1798 al 1802

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Napoleone il Grande

Napoleone il Grande Copertina flessibile – 11 dic 2015

Nel marzo 1807, lontano dalla Francia, Napoleone Bonaparte scriveva alla moglie Giuseppina: "So fare altre cose oltre a condurre guerre, ma il dovere viene per primo". E nell'arco di vent'anni appena, dall'ottobre 1795, in cui era un giovane capitano di artiglieria mandato a sedare tumulti a Parigi, fino al giugno 1815 e alla sconfitta finale di Waterloo, Napoleone ebbe modo di mostrare in quante forme questo senso del dovere poteva manifestarsi: conquistato il potere con un colpo di stato, pose fine alla corruzione e all'incompetenza in cui si era arenata la Rivoluzione, e se da una parte reinventò l'arte della guerra in una serie di battaglie folgoranti, dall'altra ricreò dalle fondamenta l'apparato legislativo e amministrativo, modernizzò i sistemi di istruzione e promosse la fioritura dello "stile impero" nelle arti. Poi l'impossibilità di sconfiggere il suo nemico più ostinato, la Gran Bretagna, lo spinse verso campagne estenuanti e alla fine fatali in Spagna e Russia, fino all'epilogo in sordina della sua vita avventurosa, in esilio a Sant'Elena. Andrew Roberts ha attinto al corpus completo delle 33000 lettere napoleoniche e ha visitato quasi tutti i campi di battaglia e i luoghi della sua vita, mostrandoci "l'imperatore dei francesi" com'era davvero: incredibilmente versatile, ironico, ambizioso, ferocemente determinato ma anche disposto al perdono, ossessionato dalla discendenza e scostante in amore...

Clicca qui!

 

 

L'ultimo soldato di Napoleone

L'ultimo soldato di Napoleone Copertina flessibile – 22 mag 2018

L'Ultimo soldato di Napoleone è il diario di un nobile piemontese, le cui vicende sono strettamente intrecciate con quelle del generale Bonaparte. Si legge tutto d'un fiato, come un romanzo. Scorrendo tra le righe possiamo farci un'idea della vita e del modo di pensare della prima metà dell'Ottocento. Il libro raccoglie i ricordi di un soldato che - scrive il nipote Guy Hardwin, curatore della prima edizione pubblicata a Londra nel 1915 - "temo si possa distinguere solo per una fedeltà degna di un cane e per l'immensa capacità di sopportazione dello sforzo fisico". Il protagonista svolse anche per conto di Napoleone un importante incarico alla corte di Maria Luigia, duchessa di Parma e moglie del condottiero.

Clicca qui!

 

 

L'arte della guerra di Napoleone. Una biografia strategica

L'arte della guerra di Napoleone. Una biografia strategica Copertina flessibile – 27 ott 2016

In un mondo segnato dalla permanenza dei conflitti fin dalla più alta antichità, la storia ha perpetuato solo i nomi di pochissimi signori della guerra che furono talmente esperti nel loro campo da lasciare il segno nei vertici più alti di quella che è stata considerata una scienza, se non un'arte. Lo stesso Napoleone ne individuò un certo numero: Alessandro, Annibale, Cesare, Gustavo-Adolfo, Turenne, il principe Eugenio di Savoia-Carignano, Federico II. Alcuni generali straordinari, stimati da Napoleone, hanno lasciato una formulazione più o meno completa, più o meno priva di artifici, della loro "manière". Napoleone lo fece, ma in modo piuttosto parziale, nei suoi scritti di Sant'Elena e in una certa misura nei "Bulletins de la Grande Armée." È dunque necessario ritrovare il nucleo essenziale della sua scienza e della sua arte della guerra nello studio preciso degli esempi tratti dalle sue campagne militari e dalle battaglie. Lo scopo di questo studio non è quello di stabilire una nuova storia delle guerre napoleoniche, ma di far comprendere più da vicino, attraverso l'esame delle sue principali campagne o battaglie, l'evoluzione e il carattere della scienza militare di Napoleone.

Clicca qui!

 

 

Gli eserciti delle guerre napoleoniche

Gli eserciti delle guerre napoleoniche Copertina flessibile – 13 apr 2018

Per quasi due decenni le guerre napoleoniche insanguinarono l'Occidente, dai ghiacci della Russia alle aride terre della Penisola iberica, dall'Egitto a Waterloo. In questo periodo Napoleone condusse la sua Grande Armée e i suoi alleati contro coalizioni di diversa composizione. Questo libro si propone come guida per conoscere sia gli eserciti dei Paesi che furono i principali protagonisti delle campagne napoleoniche - Francia, Gran Bretagna, Austria, Russia, Prussia, Spagna e Portogallo - sia le forze di alcuni degli Stati minori che vi furono coinvolti. Lo studio passa in rassegna l'evoluzione di queste truppe nel tempo, la loro organizzazione, le specifiche caratteristiche di fanteria, cavalleria e artiglieria; un dovizioso e vario apparato iconografico ricrea in modo vivido l'epoca, presentando gii equipaggiamenti e le uniformi con cui i soldati cercarono, e spesso trovarono, la gloria sul campo di battaglia.

Clicca qui!

 

 

Austerlitz 1805. Il destino degli imperi

Austerlitz 1805. Il destino degli imperi Copertina flessibile – 23 apr 2015

Quella di Austerlltz è una delle più famose battaglie della storia. Essa non rappresentò soltanto la prima campagna militare intrapresa da Napoleone quale imperatore di Francia, ma anche la prima prova decisiva per la sua Grande Armée. Bonaparte stesso la considerò la sua vittoria più importante, e infatti tale successo gli garantì una supremazia in Europa che sarebbe durata per quasi un decennio. La maggior parte del resoconti della battaglia pubblicati fino ad oggi si basa quasi esclusivamente su fonti francesi, ma grazie a un'approfondita ricerca effettuata presso archivi austriaci, l'autore di questo libro è in grado di fornire una descrizione molto più equilibrata dell'intera campagna, attraverso la cronistoria degli eventi che portarono ad Austerlitz.

Clicca qui!

 

 

La battaglia di Waterloo

La battaglia di Waterloo Copertina flessibile – 23 lug 2015

Pubblicato in concomitanza con il 200° anniversario della battaglia di Waterloo e designato a livello europeo come il libro ufficiale per la commemorazione dell'anniversario, questo volume riccamente illustrato descrive negli aspetti più diversi la campagna dei 100 giorni, che è diventata sinonimo stesso delle guerre napoleoniche e che culminò con la sconfitta finale delle forze francesi di Napoleone. Dieci articoli di storici di fama internazionale esaminano la battaglia da diverse angolazioni. Si va dall'analisi del contesto strategico di Jeremy Black allo studio degli episodi di Ligny e Quatre Bras presi in esame da Jiulian Spilsbury, da un approfondimento sul ruolo dei comandanti di Philip Haythornthwaite, ad una disamina decisiva dei diversi punti di vista dei testimoni oculari scritto da Natalia Griffon de Pleineville, ed altri importanti saggi. In questo modo il libro si trasforma In una pietra miliare nell'ambito degli studi napoleonici di sempre.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!