Le guerre ugonotte

In Francia, nel XVI secolo, la Riforma portò alla disintegrazione della società in due campi religiosi: quello dei cattolici e quello dei protestanti (detti anche ugonotti). Questa reciproca intolleranza portò ad una guerra civile francese che si estese a 8 guerre tra il 1562 e il 1598.

 

La prima guerra (1562-1563)

Il 1° marzo 1562, gli Ugonotti si riunirono a Wassy (Champagne) in un fienile per un servizio. L'avanzata del duca François de Guise provocò un vero e proprio bagno di sangue tra le persone riunite, in cui circa 80 uomini e donne furono uccisi. In seguito a questo massacro, il 2 aprile 1562 il principe di Condé chiamò gli Ugonotti ad armarsi e occupò Orlee. L'incidente di Wassy divenne così la causa della guerra civile.

L'appello alle armi si è diffuso rapidamente in tutta la Francia. Il 19 dicembre 1562, i due eserciti per gli Ugonotti e Anne de Montmorency per i Cattolici si riuniscono a Dreux sotto la guida di Louis de Condé.
Montmorency vinse la vittoria che portò il duca François de Guise ad assediare Orleans, occupata dai protestanti, il 5 febbraio 1563. De Guise è stato vittima di un omicidio perpetrato dal protestante Poltrot de Méré durante l'assedio.

Il reggente del giovane re Carlo IX, Caterina dei Medici, mediò poi la tregua che pose fine alla prima guerra il 19 marzo 1563 come Editto di Pace Amboise.

 

Confessioni religiose in Europa intorno al 1580

Confessioni religiose in Europa intorno al 1580

 

 

La seconda guerra (1567-1568)

A causa della crescente influenza del cardinale di Lorena sul re Carlo IX, i protestanti temevano rappresaglie contro di loro e si preparavano al rapimento del re. Questa operazione, chiamata "colpo di stato Meaux", che si svolse dal 26 al 28 settembre 1567, si rivelò tuttavia un fallimento, come il re fu avvertito e fu in grado di fuggire a Parigi con l'aiuto della Guardia Svizzera.

Quasi contemporaneamente, i protestanti occuparono diverse città nel sud della Francia, causando terribili atrocità da entrambe le parti. Louis de Condé continuò il suo esercito protestante, acquistò la città di Saint-Denis e rimase sulle orme dell'esercito cattolico. Il 10 novembre 1567 la battaglia di Saint-Denis si concluse con un pareggio e Anne de Montmorency fu ferita a morte.

Il 23 marzo 1567, dopo lunghi negoziati, fu imposto l'editto di pace di Longjumeau, che permise solo la sua riattivazione.

 

 

La terza guerra (1568-1570)

La terza guerra è stata caratterizzata principalmente dall'intervento e dal collegamento di entrambe le parti nel conflitto con l'estero. Così, nei Paesi Bassi occupati dalla Spagna, c'è stata una rivolta dei "Geusen" contro il dominio spagnolo, punito con una terribile rappresaglia del re spagnolo Filippo II contro i valloni e i fiamminghi protestanti. In Francia questa azione ha causato indignazione e compassione dei protestanti per i loro fedeli olandesi compagni, in modo che un patto di sostegno è stato concluso tra loro, seguita dall'Inghilterra con un aiuto finanziario.

Sul versante cattolico, invece, ci furono alleanze tra i cattolici francesi, la Spagna, il Papa e il Duca di Toscana.

In particolare la Francia meridionale era ora segnata da feroci battaglie, per esempio in Poitou, Saintonge e Guyenne. Nella battaglia di Jarnac, il comandante protestante Luigi de Condé fu ucciso il 13 marzo 1569. Tuttavia, l'esercito cattolico sotto la guida degli Angioini, poi re Enrico III, ottenne diverse vittorie, come nella battaglia di Moncontour del 3 ottobre 1569.

I protestanti erano guidati da Coligny, che portò il suo esercito verso nord a La Charité-sur-Loire e vinse un'importante vittoria ad Arnay-le-Duc nel giugno del 1570.

Il trattato di pace recentemente concluso ha assicurato ai protestanti alcune concessioni questa volta. Così, l'8 agosto 1570, nell'Editto di Saint-Germain, il re Carlo IX decretò la tolleranza religiosa e si assicurò i quattro luoghi di sicurezza protestanti a La Rochelle, Cognac, La Charité-sur-Loire e Montauban per due anni.

 

La pace fu mantenuta per i due anni successivi, fino al matrimonio di Enrico di Navarra e Margherita di Valois, sorella di Carlo IX, avvenuto il 18 agosto 1572. Quasi tutta la leadership protestante è stata invitata alle celebrazioni, oltre alla nobiltà dei cattolici. Tra questi c'era l'ammiraglio Coligny, che il 22 agosto ha tentato di assassinare e che è sopravvissuto gravemente ferito. L'incidente ha nuovamente aumentato le tensioni tra le due parti, tanto che la notte del 23-24 agosto, il Consiglio della Corona si è riunito per avviare lo sterminio dei leader dei protestanti locali. Di conseguenza, l'ammiraglio Coligny è stato ucciso in un letto di malato e nobili protestanti sono stati uccisi in tutta Parigi. Tuttavia, le uccisioni divennero rapidamente incontrollabili, tanto che nella cosiddetta "Notte di Bartolomeo", che durò diverse notti fino al 29 agosto, morirono circa 4. 000 protestanti solo a Parigi. Fino ad ottobre, le uccisioni si sono diffuse a Parigi, uccidendo circa 10. 000 protestanti. Enrico di Navarra e suo cugino Henri de Condé, entrambi protestanti, furono risparmiati a causa del loro sangue, ma dovettero convertirsi al cattolicesimo.

 

La sanguinosa Notte di Bartolomeo del 1572, dipinta da François Dubois (1529-1584)

La sanguinosa Notte di Bartolomeo del 1572, dipinta da François Dubois (1529-1584)

 

 

La quarta guerra (1572-1573)

Le continue violenze hanno costretto molti protestanti a lasciare la Francia per emigrare in Svizzera, nei Paesi Bassi o in Inghilterra. Solo nell'ovest e nel sud della Francia rimasero e continuarono una guerra feroce contro i cattolici.

A Nîmes e Montauban riuscirono ad espellere le guarnigioni reali, ma la loro stessa roccaforte La Rochelle fu assediata dalle truppe reali a partire dall'ottobre 1572. La città dovette arrendersi il 21 giugno 1573, dopo di che il re Carlo IX emanò un nuovo editto di pace. L'Editto di Boulogne entrò in vigore l'11 luglio 1573, limitò i diritti dei protestanti dopo il precedente Editto di Saint-Germain e lasciò loro solo 3 luoghi di sicurezza dove potersi servire. Queste città erano La Rochelle, Nîmes e Montauban.

 

 

La quinta guerra (1574-1576)

La quinta guerra è stata caratterizzata prevalentemente da lotte politiche come lotte reali. Sebbene i cattolici e i protestanti fossero ancora impegnati in conflitti militari come la battaglia dei dormigli del 10 ottobre 1575, nessuna delle due parti fu in grado di prevalere. Inoltre, il re Carlo IX morì di tubercolosi polmonare il 30 maggio 1574. Il suo successore era suo fratello Enrico III. Come re ha avuto a che fare con il movimento di nuova fondazione del "insoddisfatto". Questo movimento, guidato dal duca François d'Alençon, il figlio più giovane della famiglia dirigente Valois, era un'unione di membri di entrambi i partiti che cercavano una soluzione al conflitto non nella sfera militare, ma in quella politica.

Re Enrico III aderì quindi alla proposta del fratello François e il 6 maggio 1576 emanò l'Editto di Beaulieu, che concesse ai protestanti la libertà culturale fondamentale (ad eccezione di Parigi), aumentò il numero dei seggi di sicurezza a 8 e in ognuna delle 8 Corti Supreme Provinciali (Parlamenti) una Corte Speciale, che era ugualmente composta da giudici protestanti e cattolici ("camere semidivisibili") ed era responsabile di tutti i processi.

 

 

La sesta guerra (1576-1577)

L'Editto di Beaulieu di Enrico III incontrò una feroce resistenza, soprattutto tra i cattolici, fino al rifiuto totale. Anche l'Assemblea Generale, riunitasi a Blois nel dicembre 1576, si oppose all'unanimità all'editto e ne chiese l'annullamento. Questa resistenza ha fatto riaccendere il conflitto. Tuttavia, a causa delle difficoltà finanziarie di entrambe le parti, il 14 settembre 1577 dovette essere negoziato un nuovo trattato di pace, che fu pubblicato come editto da Poitiers il 17 ottobre 1577.

 

 

La Settima Guerra (1579-1580)

Dal novembre 1579 c'è un altro conflitto locale tra cattolici e protestanti. Henri de Condé disegna la città di La Fère a fianco dei cattolici. In cambio, Enrico di Navarra prese la città di Cahors per i protestanti. Da novembre a dicembre 1580 furono condotti i negoziati di pace, che furono promulgati da Enrico III il 24 dicembre 1580 come la pace del Fleix. Questo decreto confermò l'editto di Poitiers, ma i protestanti dovettero rinunciare a 6 dei loro 8 seggi di sicurezza.

 

 

L'Ottava Guerra (1585-1598)

La morte di François d'Alençon, il più giovane e ultimo fratello del re re re in carica Enrico III, il 10 giugno 1584, fece passare la successione al trono del re senza figli a Enrico di Navarra come primo principe di sangue. L'idea di avere un re protestante lasciò presto che la Lega cattolica ricorresse a mezzi disperati. Così il loro capo Henri de Guise costrinse il re a firmare un decreto che, come un trattato di Nemours del 7 luglio 1585, i protestanti avevano la scelta di rinunciare alla loro fede o di lasciare il paese entro 6 mesi. La maggior parte dei protestanti emigrarono dopo.

Enrico di Navarra poi mobilitò le sue truppe e le lasciò andare di nuovo contro i cattolici. Vince la battaglia di Coutras il 20 ottobre 1587 e governa il sud della Francia, mentre il nord è saldamente nelle mani della Lega Cattolica.

A Parigi si sviluppò di passaggio una lega cattolica borghese che si ribellò a Enrico III il 12 maggio 1588. Nel "Giorno della Barricata" riuscì a fuggire a Blois, da dove iniziò i negoziati con la Lega cattolica.
Minacciati dal crescente potere del clan della famiglia Guises e temendo un colpo di stato, Henri de Guise e suo fratello Louis, cardinale di Lorena, furono uccisi nei giorni di Natale. In seguito Heinrich cambiò schieramento e si trasferì insieme al protestante Heinrich di Navarra e alle sue truppe a Parigi per cacciare la locale lega borghese da Parigi.

Il 2 agosto 1589 Enrico III fu vittima di un attentato da parte del monaco Jacques Clément, membro della lega borghese di Parigi. Così il trono andò a Enrico di Navarra, che divenne re di Francia come Enrico IV.

Nel maggio 1593 Heinrich IV. v fu convertito al cattolicesimo e istruito di conseguenza. Tuttavia, non riuscì ad avvicinarsi alla lega borghese. Tuttavia, dopo la sua consacrazione, il 22 marzo 1594, si trasferì a Parigi come re. Ora era giunto il momento di sradicare la Lega cattolica. Per questo aveva già dichiarato guerra alla Spagna nel 1594, come le truppe di Filippo II in Francia ha sostenuto la lega.

Con l'Editto dei Nati, che il Re promulgò il 30 aprile 1598, pose fine alla guerra civile francese e ordinò la tolleranza religiosa. Il culto riformato fu permesso ovunque fosse stato celebrato nel 1597, e ai protestanti fu dato accesso a tutti gli uffici e a tutte le dignità.

Il 2 maggio 1598, la guerra con la Spagna si concluse con la pace dei Vervini e con il duca di Mercurio, che come governatore militare della Bretagna aveva patti con gli spagnoli, anche l'ultimo legionario si sottomise al suo re Enrico IV.

 

 

 

Interessante sapere:
L'origine della parola Ugonotti non è ancora chiara. I ricercatori suppongono, tuttavia, che questa fosse inizialmente una parola d'ordine contro i protestanti.

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!