L’impero mongolo

L'origine dell'impero mongolo furono le tribù nomadi diffuse e sparse in tutta l'Asia centrale. Queste tribù sono note da generazioni per discutere tra di loro sul bestiame e sui pascoli piuttosto che per mostrare unità. Solo raramente alcune tribù si sono fuse, di solito a causa di un'incursione nei confronti dei popoli stanziali per saccheggiare le loro risorse.

Solo intorno al 1200 questo quadro cambiò con la comparsa di un leader carismatico che avrebbe spaventato il mondo di quel tempo.
L'uomo, ancora chiamato Temüdschins nella sua prima fase, è riuscito a unire le tribù nomadi attraverso molta persuasione, la corruzione e la pressione e di creare una solida base di un impero mondiale da questa base. Quando le tribù si unirono per formare un popolo coerente, nel 1206 Temüdschins prese il titolo di "Khagan" (chiatta) e da quel momento si chiamò Gengis Khan.

 

 

Genghis Khan (Ritratto del XIV secolo)

Genghis Khan (Ritratto del XIV secolo)

 

 

Khan cominciò immediatamente a rompere la gerarchia di governo e mise amici intimi o combattenti fedeli in posizioni chiave. Ha inoltre ottenuto il favore delle tribù più deboli attraverso misure quali l'esenzione fiscale o il divieto di vendita delle donne. Sono state inoltre introdotte misure militari. Così i suoi soldati dovrebbero imparare le loro abilità da equitazione e tiro con l'arco attraverso l'addestramento quotidiano ad un certo grado di perfezione. Ha anche diviso il suo esercito in gruppi:
- 10 uomini = Arban
- 100 uomini = Zuun
- 1000 uomini = Myangan
- 10000 uomini = Tumen
e prestato attenzione alla rispettiva tribù.
Nelle circostanze in cui le tribù nomadi controllavano la guida delle gambe dei bambini, Khan era in grado di insegnare alle sue unità di cavalleria alcune manovre, come la fuga falsa, e sfruttare appieno i vantaggi della velocità.

 

 

 

L'espansione dell'impero:

Dal 1207 i cavalieri mongoli attraversarono il continente asiatico e conquistarono un territorio dopo l'altro a tempo di record. Nel 1207 l'impero cinese occidentale Xi Xia fu il primo a cadere. Pechino cadde nel 1215 e l'esercito mongolo si diresse verso sud nel cuore della Cina. Allo stesso tempo, le città lungo la famosa Via della Seta caddero a ovest. L'India settentrionale cadde in mano ai mongoli nel 1222, nel 1223 la campagna continuò attraverso la steppa meridionale russa. Quando Gengis Khan morì, nel 1227, il suo impero si estendeva dal Pacifico al Mar Caspio.

 

 

L'impero mongolo alla morte di Gengis Khan (1227)

L'impero mongolo alla morte di Gengis Khan (1227)

 

 

 

L'eredità di Gengis Kahn:

Dopo la morte di Gengis Khan, suo figlio Ögädäi assunse la guida dell'impero mongolo e continuò l'espansione senza sparire. Così nel 1237 le sue truppe invasero la Russia e lasciarono una scia di devastazione fedele a suo padre per bruciare tutto ciò che aveva conquistato. Dopo che Kiev cadde e fu saccheggiata nel 1240, l'esercito si trasferì ad ovest, dove singole unità sconfissero l'esercito cavalleresco del duca Enrico II vicino a Liegnitz, in Slesia, il 9 aprile 1241. Due giorni dopo, l'11 aprile, il generale Subotais Army sconfisse gli ungheresi a Mohi e aprì le porte dell'Europa per i mongoli. Ma un attacco ha sventato la notizia della morte di Ögädäi e per l'elezione del successore tutti i leader mongoli avrebbero dovuto tornare in patria.

Durante il successivo regno di Göjuk Khan, i Mongoli espanderono le loro campagne in Oriente. Anche al tempo di Hülägü Khan, che marciò con le sue truppe verso l'Egitto, la campagna dovette essere interrotta a causa della morte di suo fratello Möngke Khan. L'Egitto è stato risparmiato, ma il popolo di Baghdad ha dovuto pagare un dazio molto alto per la loro conquista, quando circa 500. 000 persone sono cadute vittima della corsa al sangue mongolo.

 

 

L'impero mongolo alla morte di Möngke Khan (1259)

L'impero mongolo alla morte di Möngke Khan (1259)

 

 

 

Espansione in Cina e nel Sud-Est asiatico:

L'erede di Genghis Khan, Kublai Khan, il governatore dei territori della Mongolia meridionale, ha tentato, a differenza dei suoi fratelli e predecessori, un certo grado di connessione tra l'essenza dei mongoli e quella dei territori conquistati. Era quindi più che affascinato dalla cultura, dalla ricchezza e dalla tecnologia cinesi ed era determinato ad annettere alla Mongolia il resto dell'impero cinese. Dopo la morte del fratello Möngke Khan, avvenuta tra il 1259 e il 1264, scoppiò con il fratello minore Arik Böke un'aspra disputa per la successione al trono. Solo allora poté iniziare i suoi obiettivi con la Cina fino a quando non li aveva anticipati nel 1271, anno in cui si incoronò Huangdi (imperatore) e fondò la dinastia Yüan.

Per espandere le sue rivendicazioni di potere, ha iniziato una campagna contro il resto della Cina. Nel 1268 assediò la città strategicamente importante di Xiangyang, che aveva accesso agli Han e quindi allo Yangste, così come alle fertili pianure della Cina centrale. Tuttavia, fu in grado di occupare la città solo dopo 6 anni, ma nel 1276 la maggior parte della Cina era già sotto il suo controllo. Fu in grado di rompere l'ultima resistenza del canto nella battaglia di Yamen nel 1279.

Ma Kublai Khan non solo è stato in grado di celebrare le vittorie, ma ha anche subito pesanti sconfitte. Così la sua flotta d'invasione, che doveva iniziare la conquista del Giappone, fu distrutta nel 1274 nella baia di Hakata. Anche il secondo tentativo, nel 1281, fu ostacolato da una tempesta.
Un'invasione della Birmania nel 1277 si dimostrò un successo e lo Stato poteva continuare ad esistere come Stato vassallo. Kublai Khan è stato in grado di guadagnare la lealtà coreana sostenendo il re Wonjong contro il suo avversario, ma una conquista del Vietnam è stato contrastato.

 

 

Impero della dinastia Yuan intorno al 1294

Impero della dinastia Yuan intorno al 1294

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

L'orda d'oro. Le conquiste militari dei Mongoli, l'invasione della Russia, la grande minaccia all'Europa Occidentale

L'orda d'oro. Le conquiste militari dei Mongoli, l'invasione della Russia, la grande minaccia all'Europa Occidentale Copertina flessibile – 23 gen 2013

Il Khanato dell'Orda d'Oro (conosciuto anche come "Khanato Kipchak") fu un regno turco-mongolo fiorito in Russia nei secoli XIII-XVI, fondato da Batu Khan, un nipote di Gengis Khan. Fu uno dei quattro khanati in cui venne diviso l'Impero Mongolo dopo la morte di Gengis Khan. Batu cominciò ben presto ad espandere i territori da lui controllati e nel 1236 conquistò la Bulgaria del Volga. Dopo questa prima vittoria ebbe inizio, nel 1237, l'invasione della Russia. I Mongoli conquistarono rapidamente il controllo delle steppe. Tutti i principati russi vennero conquistati, eccetto Novgorod, governata da Alexander Nevsky. Nel 1241 due armate principali al comando di Batu Khan e Subutai invasero l'Ungheria e la Polonia. I Mongoli si scontrarono con le forze polacche guidate da Enrico II il Pio Duca di Slesia nella Battaglia di Legnica: Enrico fu ucciso e appena due giorni dopo le armate del sud sconfissero gli Ungheresi nella Battaglia di Mohi, arrivando a minacciare addirittura Vienna. L'Orda d'Oro ha rappresentato soprattutto la più temuta organizzazione militare della storia medievale, capace di un'epansione senza precedenti. Un grande incubo per l'Europa cristiana, una compagine sconfìtta solamente dalla propria progressiva disarticolazione interna. Il testo del grande storico russo Boris Dmitrievic Grekov è un'opera molto completa e ricca, imprescindibile per chi vuole ricostruire l'affascinante saga di questi guerrieri mongoli.

Clicca qui!

 

 

I Mongoli. Espansione, impero, eredità

I Mongoli. Espansione, impero, eredità Copertina flessibile – 29 mag 2012

L'ascesa dei Mongoli nel XIII secolo cambiò radicalmente il corso della storia in Asia e in Europa. Si trattò di un'epoca di frattura radicale con il passato, con l'introduzione di società nuove che precedettero la cosiddetta età moderna. Questo volume, realizzato da due studiosi delle due maggiori aree asiatiche coinvolte - il mondo islamico e l'Estremo Oriente - propone un quadro complessivo di quella civiltà dal XIII al XV secolo, permettendo di comprendere l'evoluzione di società disparate - quelle mongola, cinese, tibetana, coreana, persiana, turca, araba - e non ultima quella europea, che fu intrinsecamente legata al mondo mongolo ricavando benefici commerciali, alleanze militari e influenze culturali. Oltre agli aspetti cruenti che caratterizzarono soprattutto l'ascesa e l'affermazione dei Mongoli e delle dinastie sorte dopo la morte di Chinggis Qa'an - i regni degli Yuan, gli Ilkhanidi, i Chagataici e l'Orda d'oro, - il volume fornisce un quadro delle società e delle economie che ne scaturirono, fino a trattare la storia di quelle dinastie che nel XIV secolo raccolsero l'eredità mongola pur non essendo più legate direttamente alla figura del fondatore: è il caso soprattutto dell'impero di Tamerlano, di quello Ming in Cina e dell'Impero ottomano, che costituiscono l'esempio più eclatante della sopravvivenza di quel retaggio.

Clicca qui!

 

 

Gengis Khan. L'uomo che creò l'impero più vasto di tutti i tempi

Gengis Khan. L'uomo che creò l'impero più vasto di tutti i tempi Copertina rigida – 15 gen 2019

Una storia che nasce fra le genti della steppa, nell'Asia più profonda. È la storia di Temujin, in seguito noto come Gengis Khan: un nomade, un mongolo che seppe aggregare le tribù sparpagliate per le lande asiatiche, trasformando pastori e cacciatori in un'orda di guerrieri invincibili e sanguinari, così da edificare nel XII secolo l'impero più grande al mondo. Forte di un esercito immenso, e preceduto da una fama atroce e leggendaria, Gengis Khan insidiò buona parte dell'Europa cristiana e mise in crisi la dinastia cinese, imponendo la pax mongolica che consentì alla via della seta di aprire i commerci ai mercanti genovesi e veneziani e all'interesse dell'Occidente europeo. Morì nel 1227 dopo una lunga agonia, probabilmente a causa di ferite riportate in battaglia. Pare che i suoi resti, non ancora rinvenuti, si trovino nelle montagne del Khentii. La leggenda narra che chiunque si fosse trovato ad assistere al passaggio del carro con la sua salma, avrebbe pagato con la propria vita, accompagnando il suo imperatore nel viaggio verso l'aldilà.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!