Napoleone III.

Napoleone III guidò la Francia come presidente francese per 4 anni fino al 1851, quando introdusse un impero autoritario con un colpo di stato e si nominò imperatore del secondo impero francese. Non è stato fino a quando la guerra franco-tedesca e la sua cattura che il suo governo finì e così ha fatto la monarchia in Francia.

 

 

 

Origine e adolescenza:

Napoleone nacque il 20 aprile 1808 a Parigi come figlio di Louis Bonaparte, fratello di Napoleone I, e Hortense de Beauharnais con il nome di Charles Louis Napoléon Bonaparte.

Napoleone crebbe alternativamente a Costanza sul lago di Costanza e ad Augusta. Nel 1816 sua madre acquistò una tenuta a Costanza, dove Napoleone imparò perfettamente la lingua tedesca. Tuttavia, a causa di pressioni politiche, nel 1818 la famiglia dovette lasciare le proprie case e trasferirsi al castello di Arenenberg sulla riva svizzera del Lago di Costanza. I primi anni di scuola di Napoleone furono insegnati da insegnanti privati, solo dal 1821 al 1823 frequenta il ginnasio presso Sant'Anna. Dopo gli anni di scuola, nel 1829 si è trasferito alla scuola di artiglieria di Thun, dove ha iniziato la sua carriera militare. Ha quindi prestato servizio nell'esercito svizzero come ufficiale d'artiglieria, acquisendo così la cittadinanza svizzera nel 1832, ma riuscì anche a mantenere la cittadinanza francese.

 

 

 

I primi tentativi di colpo di stato:

Dopo lo scoppio della guerra russo-turca nel 1829, Napoleone cercò di parteciparvi. La sua richiesta, però, fu proibita dal padre, ma Napoleone si unì alla società segreta italiana dei Carbonari, che cercarono l'unificazione dell'Italia. Lui e suo fratello furono coinvolti nell'assedio della fortezza di Civita Castellana. La ribellione fu rapidamente repressa, il fratello di Napoleone uccise e lui stesso e sua madre dovettero fuggire in Francia sotto la protezione di Ludwig Philipp I.

Il 29 ottobre 1836, insieme al comandante di reggimento Colonnello Vaudrey del 4° reggimento d'artiglieria di Strasburgo, progetta il suo primo tentativo di colpo di Stato, che Napoleone vuole riportare la Francia alla fama e all'onore, guadagnando il potere e ristabilizzarla come grande potenza in Europa. Quando chiese al 46° reggimento di fanteria, anch'esso di stanza a Strasburgo, la sua richiesta fu respinta e i soldati arrestarono Napoleone, che fu poi portato a Parigi. A Napoleone fu offerta la grazia con la richiesta di andare in esilio in America. Accetta questa offerta e si reca a New York il 21 novembre 1836.

Quando nel 1837 gli giunse la notizia della morte della madre, Napoleone tornò in Svizzera. La Francia ha poi chiesto l'espulsione, che è stata respinta dalla Svizzera sulla base della cittadinanza di Napoleone. Per evitare conflitti militari, Napoleone partì per l'Inghilterra.

In Inghilterra Napoleone pianificò un altro tentativo di colpo di stato, che cercò di far rispettare a Boulogne-sur-Mer il 6 agosto 1840. Anche questo tentativo fallì, Napoleone fu nuovamente arrestato e condannato all'ergastolo a Ham. Lì iniziò una relazione con Eleonore Vergeot da cui nacquero due bambini, che Napoleone avrebbe poi cresciuto fino a contare. Il 25 maggio 1846 riuscì a fuggire dalla fortezza per tornare in Inghilterra. Lì incontrò Harriet Howard, con la quale entrò in relazione e che lo sostenne finanziariamente nelle sue elezioni presidenziali.

 

Harriet Howard

Harriet Howard

 

 

 

Il cammino politico di Napoleone in Francia:

Dopo la Rivoluzione di febbraio del 1848, Napoleone tornò dall'esilio e si candidò alle elezioni presidenziali. Grazie al grande sostegno finanziario di Harriet Howard, riuscì a vincere le elezioni nel dicembre 1848.

Uno dei suoi primi atti ufficiali fu quello di inviare soldati in Italia per intervenire contro la Repubblica Romana e ripristinare il dominio del Papa nello Stato Pontificio, cosa che le sue truppe riuscirono a fare il 2 luglio 1849.

Inoltre si è scambiato i membri del governo fino a quando erano rappresentati quasi esclusivamente i membri a lui fedeli.

All'avvicinarsi della fine del suo regno, Napoleone proclamò un colpo di stato il 2 dicembre 1851. In tutta la Francia ci furono rivolte successive, che egli soppresse. Il 21 dicembre Napoleone fece indire un referendum che gli avrebbe dato molto più potere. Intimiditi dalla violenza precedente, la stragrande maggioranza della popolazione ha votato per una nuova costituzione. Il 2 dicembre 1852 Napoleone fu proclamato imperatore del secondo impero francese.

L'inizio del suo regno di imperatore fu segnato dall'oppressione e dall'assolutismo. Solo più tardi la sua politica divenne più liberale.

 

Napoleone III.

Napoleone III.

 

 

 

La guerra con la Russia:

La Russia è in costante conflitto con l'Impero Ottomano da decenni. Inoltre, il paese si è visto come il potere protettivo dei cattolici ortodossi nel paese, che è stato minato dall'intervento della Francia. Quando i sacerdoti francesi furono ufficialmente riconosciuti e portati nel paese dal sultano ottomano, la Russia e la Francia dichiararono guerra al paese, soprattutto perché la Francia temeva che la Russia si sarebbe tuffata nell'indebolito Impero Ottomano per espandere il suo territorio.

Un'alleanza di truppe francesi e britanniche sbarcò nel maggio 1854 a Varna e in settembre sulla penisola di Crimea. L'obiettivo era quello di conquistare la fortezza marina di Sebastopoli per costringere la marina russa a lasciare l'area. A causa delle cattive forniture e dell'amara resistenza delle truppe russe, la fortezza poté essere conquistata solo dopo un anno nel settembre 1855. Dopo una campagna Napoleone si spinse verso la Russia continentale, ma questo piano fu respinto dai suoi generali, perché le perdite sarebbero state troppo ingenti e il sostegno della popolazione diminuito dalla guerra. Napoleone si arrese e le trattative di pace furono avviate a Parigi. Napoleone si è visto come mediatore nei negoziati ed è riuscito a isolare politicamente l'Austria dalle altre grandi potenze europee, oltre a riconoscere la monarchia francese.

Nel 1858, con il consenso di Napoleone, ebbe luogo una spedizione francese in Vietnam, il cui scopo era quello di sollecitare il governo a riconoscere il dominio francese, che di fatto fece del Vietnam una colonia francese.

 

 

 

Il contributo di Napoleone all'unificazione italiana:

Il 14 gennaio 1858 il rivoluzionario italiano Felice Orsini tentò di assassinare Napoleone. Non riuscì e alla successiva udienza in tribunale risultò che l'Orsini era membro dei Carbonari, che miravano all'unità d'Italia e di cui anche Napoleone era membro. Rimase impressionato dall'Orsini e, il 20 luglio 1858, cercò di incontrare Camillo Benso von Cavour, Primo Ministro del Regno di Sardegna-Piemonte, per offrire il sostegno francese all'unificazione italiana.

Dopo i colloqui, Cavour e Napoleone concludono un patto segreto che fornisce sostegno militare alla Francia in caso di attacco da parte dell'Austria.

Attraverso i discorsi provocatori di Napoleone e del futuro re italiano Vittorio Emanuele, l'Austria preparò un esercito per una campagna, che a sua volta diede alla Francia stessa l'opportunità di mobilitarsi. Con l'ultimatum austriaco del 19 aprile 1859, la guerra di unificazione italiana iniziò da maggio a luglio 1859, che si concluse con l'unificazione dell'Italia settentrionale. La Francia è stata poi premiata con la Savoia e la contea di Nizza per il suo sostegno.

 

Napoleone III nella battaglia di Solferino

Napoleone III nella battaglia di Solferino

 

 

 

Sconfitte di politica estera e interna:

Dal 1860 Napoleone cambiò il suo stile di leadership in Francia. All'inizio era ancora dittatoriale, ma ha dato al Parlamento più diritti, ha esteso la libertà di stampa e ha permesso la formazione di sindacati.

 

Napoleone III, Pittura di Alexandre Cabanel, 1865

Napoleone III, Pittura di Alexandre Cabanel, 1865

 

Napoleone conobbe il suo primo fallimento di politica estera con il Messico. Nel luglio 1861, il paese decise di non pagare più i suoi debiti all'estero, così Spagna, Inghilterra e Francia inviarono truppe in Messico per riscuotere i debiti. Tuttavia, quando durante l'invasione divenne evidente che Napoleone non solo voleva riscuotere i suoi debiti ma anche occupare il Messico, Inghilterra e Spagna si ritirarono dal conflitto. Le truppe francesi furono successivamente sconfitti e l'imperatore del Messico Massimiliano I, che era stato nominato dalla Francia nel 1864, fu giustiziato nel marzo 1867. Questa sconfitta ha portato anche ad un'ulteriore destabilizzazione dell'ordine interno in Francia.

Napoleone subì un'altra sconfitta, anche se non militare, nella guerra prussiana-austriaca. Napoleone negoziò con l'Austria un accordo segreto che, con il sostegno di Napoleone, aveva lo scopo di creare zone della Renania prussiana come indipendenti ma sotto il controllo francese. L'Austria, tuttavia, ha perso la guerra contro la Prussia e la Francia ha dovuto rinunciare a questi piani.

Anche i piani per l'annessione del Lussemburgo per una neutralità francese in caso di guerra, che furono presentati alla Prussia prima della guerra prussiana-austriaca, rimasero senza risultato quando il pubblico ricevette la notizia e protestava. Nel 1867 la Francia ha dovuto confermare la sua neutralità e indipendenza dal Lussemburgo nel secondo trattato di Londra.

Queste sconfitte politiche e militari portarono all'ascesa delle forze repubblicane in Francia, che volevano deporre Napoleone e reintrodurre la repubblica.

 

 

 

La guerra franco-tedesca:

Grazie a un'abile provocazione di Otto von Bismarck, il cosiddetto Emser Depesche, la Francia dichiarò guerra alla Prussia nel luglio 1870. Napoleone auspicava la neutralità dei Länder della Germania meridionale e il sostegno delle altre grandi potenze europee. Quando, tuttavia, i Länder della Germania meridionale hanno adempiuto ai loro obblighi con la Prussia e si sono spostati dalla parte prussiana contro la Francia e gli altri paesi europei sono rimasti neutrali, Napoleone si è trovato di fronte alla sola Prussia.

Le truppe prussiane ottennero grandi vittorie fin dall'inizio, tanto che nell'agosto 1870 Napoleone si unì al neonato esercito, guidato dal maresciallo Mac-Mahon, senza alcuna funzione, marciando in direzione di Metz per liberare le truppe francesi lì intrappolate. Ma poiché la strada è stata bloccata dalle truppe prussiane, l'esercito ha dovuto tornare indietro. Il 1° settembre 1870 i due eserciti si scontrano a Sedan, dove Napoleone si arrende e il suo esercito si arrende.

 

Napoleone III e Bismarck dopo la battaglia di Sedan

Napoleone III e Bismarck dopo la battaglia di Sedan

 

 

 

La fine della vita di Napoleone:

Dopo la capitolazione a Sedan, Napoleone fu mandato come prigioniero di guerra a Kassel nel castello di Wilhelmshöhe, dove rimase in carcere fino al 19 marzo 1871.

In Francia è stato deposto già il 4 settembre dalle forze rivoluzionarie, che successivamente hanno proclamato la terza repubblica francese.

Dopo la sua liberazione dalla prigionia, Napoleone si recò in Inghilterra nell'attuale distretto di London Borough of Bromley. Lì progettava, nello spirito di suo zio Napoleone I, il suo ritorno in Francia. Ma durante la fase di progettazione Napoleone ha dovuto essere operato 2 volte per rimuovere i calcoli vescicali. Il 9 gennaio 1873 doveva aver luogo una terza operazione, ma con l'uso del cloroformio durante le prime operazioni, Napoleone ebbe un'insufficienza cardiaca e morì il 9 gennaio prima della sua operazione.

Napoleone fu sepolto nella cripta imperiale dell'Abbazia di San Michele a Farnborough, Hampshire, Inghilterra, insieme alla moglie e al figlio Napoléon Eugène Louis Bonaparte.

 

Napoleone III. dopo la sua morte, illustrazione tratta da Illustrated London News del 25 gennaio 1873

Napoleone III. dopo la sua morte, illustrazione tratta da Illustrated London News del 25 gennaio 1873

 

Abbazia di San Michele

Abbazia di San Michele

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Napoleone III

Napoleone III Copertina flessibile – 26 gen 2010

Eugenio Di Rienzo indaga, anche attraverso una ricca rassegna di documenti mai pubblicati in edizioni italiane, la delicata e ancora molto dibattuta questione dei rapporti tra Napoleone III e l'Italia. Napoleone III esercitò una formidabile influenza in tutta Europa: la sua azione diplomatica in politica estera condizionò e favorì un nuovo equilibrio tra le varie potenze nazionali, che si sarebbe mantenuto sostanzialmente immutato fino al primo conflitto mondiale.

Clicca qui!

 

 

Napoleone III

Napoleone III Copertina flessibile – 4 mar 2010

Luigi Carlo Napoleone Bonaparte non gode buona fama presso i posteri. Tutto cominciò con l'epiteto di "Napoleone il Piccolo", donatogli per i secoli futuri dal suo irriducibile nemico Victor Hugo. Il grande scrittore vedeva solo una farsa in quella seconda volta della storia che aveva portato il nipote a ripetere il Grande Zio nell'avventura di un Impero dei Francesi. La sua vita invece fu romantica, malgrado fosse corto di gamba e alquanto sgraziato nel corpo, e il suo percorso politico fu pieno d'energia, fin dai primi goffi tentativi golpisti della gioventù di ribelle dorato. Lo sospingeva, ben oltre le doti personali, l'ombre de l'Empereur, la gigantesca entità che la Restaurazione della Santa Alleanza era stata troppo povera cosa per cancellare in un colpo dalla storia di Francia.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!