Otto von Bismarck

Otto von Bismarck fu una delle figure più importanti della storia tedesca. Non fu solo un abile diplomatico e utilizzò la sua intelligenza in parte senza scrupoli per i suoi scopi, ma fu anche uno dei pionieri dell'unificazione della Germania in un impero tedesco unito. Come primo cancelliere del Reich tedesco, Bismarck è ancora oggi venerato e apprezzato.

 

 

 

Origine e adolescenza:

Otto nacque il 1° aprile 1815 come secondogenito di Karl Wilhelm Ferdinand von Bismarck Luise Wilhelmine a Stendal, in Sassonia. Con Karl Wilhelm come padre, Otto era già nato in una famiglia nobile, la cosiddetta famiglia Junker, nata da proprietari di manieri.

Otto trascorse i suoi primi anni, dopo il reinsediamento della famiglia nel 1816, nella tenuta Kniephof nel distretto di Naugard a Hinterpommern.

A causa delle origini borghesi di sua madre, voleva che i suoi figli non solo fossero cresciuti e cresciuti come tossicodipendenti, ma anche che si unissero alla pubblica amministrazione per potervi fare carriera. Nel 1821, all'età di 6 anni, Otto fu inviato all'istituto educativo Plamann di Berlino, dove anche altri alti funzionari della Prussia mandarono i loro figli. Lì Otto conobbe un'educazione che fu progettata per le esercitazioni e Germantümelei. Si è sviluppata anche la caratteristica di Otto di non riconoscere le autorità, che avrà un ruolo decisivo nella sua vita successiva.

 

Otto von Bismarck da ragazzo, disegno a gesso di Franz Krüger, Berlino 1826

Otto von Bismarck da ragazzo, disegno a gesso di Franz Krüger, Berlino 1826

 

 

 

Studi, formazione e servizio militare:

All'età di 17 anni Otto si laureò al liceo e iniziò a studiare legge all'Università di Gottinga il 10 maggio 1832. Ciò continuò dal novembre 1833 all'Università Friedrich-Wilhelms-Universität di Berlino, dove completò il suo primo esame di stato nel 1835. Successivamente, ha lavorato nel posto non retribuito della prima fase di formazione giudiziaria (auskultator) presso il tribunale di Berlino. Poco tempo dopo, tuttavia, è passato dal settore della giustizia a quello amministrativo. Poiché la vita quotidiana di Otto come funzionario pubblico era rapidamente noiosa, cominciò a viaggiare in Germania con vari amori. Di conseguenza, ha superato di gran lunga i 14 giorni di vacanza e al suo ritorno ha perso il posto di impiegato legale. Anche se ha potuto riprendere la sua formazione a Potsdam, ha deciso di ritirarsi dopo pochi mesi.

 

Otto von Bismarck, 19 anni, studente di Göttingen

Otto von Bismarck, 19 anni, studente di Göttingen

 

Nel 1838 Otto iniziò il servizio militare di un anno nel battaglione dei cacciatori di guardia. In autunno si trasferisce al Jäger-Bataillon Nr. 2 a Greifswald in Vorpommern, dove si prepara alla Royal State and Agricultural Academy Eldena anche per la gestione delle aziende di famiglia per poter svolgere un'attività dopo il servizio militare.

 

 

 

L'acquisizione delle proprietà di famiglia:

La madre di Otto morì nel 1839 e insieme al fratello maggiore Bernhard iniziò a gestire le proprietà di famiglia Kniephof, Külz e Jarchlin. Nel 1841 Bernhard fu eletto amministratore distrettuale e nel 1845, dopo la morte del padre, Otto assunse la gestione della tenuta della famiglia Schönhausen nei pressi di Stendal.

Grazie ai suoi 10 anni di esperienza nella gestione delle tenute, Otto ha potuto acquisire una grande esperienza nella gestione agricola. Ma anche questa attività non lo riempiva completamente.

 

 

 

L'ingresso in politica:

Dopo l'elezione del fratello a Landrat, anche Otto cominciò a farsi coinvolgere politicamente. Le sue prime attività furono a livello comunale e come consigliere del fratello. Durante questo periodo entrò in contatto anche con i principali politici conservatori Ernst Ludwig e Leopold Gerlach. Anche l'orientamento politico di Otto si sviluppò in questo contesto, e alla nobiltà dovevano essere concessi di nuovo più diritti.

Nel 1846 fu nominato per la prima volta in un ufficio pubblico come governatore di dighe a Jerichow. Nel 1847 fu arruolato nel Parlamento provinciale sassone. Nei suoi discorsi lì, si è rapidamente fatto un nome in ambienti conservatori, ma la sua posizione politica estrema ha fatto sì che non godesse del pieno sostegno dei politici.

 

 

 

Il politico professionista:

Dopo essere stato convocato al Parlamento prussiano nel gennaio e luglio 1849, Otto decise di dedicarsi interamente alla politica. A questo scopo si trasferì con la sua famiglia a Berlino per affermarsi come uno dei primi politici professionisti della Prussia.

 

Bismarck (a destra) e il re Friedrich Wilhelm IV. 1848 (disegno di Hermann Lüders)

Bismarck (a destra) e il re Friedrich Wilhelm IV. 1848 (disegno di Hermann Lüders)

 

Qui Otto si dimostrò particolarmente contrario all'Unione tedesca che il re Federico Guglielmo IV stava cercando di ottenere e che doveva essere più conservatrice e più federalista della variante precedente. Per Otto, questo significava un chiaro indebolimento della Prussia, se questo stato dovesse fondersi in uno stato tutto tedesco. Nonostante la sua avversione per una nuova Unione, Otto fu eletto al parlamento del Parlamento dell'Unione di Erfurt e ne divenne segretario.

Su richiesta dell'amico Leopold von Gerlach, Otto fu nominato inviato prussiano al Bundestag di Francoforte il 18 agosto 1851, una delle più alte cariche politiche prussiane dell'epoca. Nella sua posizione di inviato del Bundestag Otto non ha fatto mistero del suo rifiuto dell'Austria e dei suoi sforzi per espandere ulteriormente la posizione di grande potenza della Prussia. Dopo la guerra di Crimea, lavorò anche per il riavvicinamento diplomatico tra Russia e Francia, isolando così l'Austria. Con il suo memorandum non solo provocò la protesta, ma anche i suoi ex buoni amici, i fratelli Gerlach si allontanarono da Otto.

 

Il Palais Thurn und Taxis di Francoforte, sede del Bundestag, intorno al 1900

Il Palais Thurn und Taxis di Francoforte, sede del Bundestag, intorno al 1900

 

Bismarck come politico, 1858

Bismarck come politico, 1858

 

Nel gennaio 1859 Otto fu inviato a San Pietroburgo come inviato. All'inizio sembrava che Otto dovesse essere deportato politicamente a causa di questa circostanza, ma utilizzò il tempo e raggiunse un'ampia conoscenza diplomatica e fece amicizia con la coppia imperiale russa. Nel 1862 fu inviato a Parigi come inviato, anche se Otto voleva usare questa posizione solo come trampolino di lancio per i posti più alti in Prussia.

 

 

 

Nomina a Primo Ministro:

Nel corso del 1862, i fronti tra il re e il parlamento si induriscono a Berlino per una riforma dell'esercito di cui c'è urgente necessità. L'esercito prussiano doveva essere ampliato e modernizzato di conseguenza, ma i sostenitori in parlamento mancavano di sostegno. Quando il parlamento è stato sciolto a marzo e si sono tenute nuove elezioni, il neocostituito Partito Progressista ha vinto, contrariamente alle speranze del re, e i conservatori hanno dovuto far fronte a notevoli perdite di voti. Da questo punto di vista, re Guglielmo I pensò persino di abdicare, ma sotto la pressione del generale Roon accettò finalmente di ordinare a Bismarck di tornare a Berlino da Parigi e di nominarlo Primo Ministro per portare avanti la riforma contro la volontà del Parlamento.

 

Otto von Bismarck, il ministro della guerra Albrecht von Roon e il capo di stato maggiore Helmuth von Moltke (da sinistra a destra)

Otto von Bismarck, il ministro della guerra Albrecht von Roon e il capo di stato maggiore Helmuth von Moltke (da sinistra a destra)

 

Otto arrivò a Berlino il 20 settembre 1862 e già due giorni dopo si presentò al re. In questa conversazione Otto ha sottolineato la sua lealtà al re, sostenendo allo stesso tempo un periodo di dittatura per realizzare le riforme necessarie. Wilhelm I è rimasto impressionato dalla determinazione di Bismarck e lo ha nominato poco dopo Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro degli Esteri.

 

 

 

Bismarck nelle guerre di unificazione:

Bismarck seguì una linea politica in cui metteva in primo piano la supremazia della Prussia al di sopra degli altri piccoli stati tedeschi e cercava di prevenire l'influenza del mondo esterno, in particolare dell'Austria. Per questo aveva già tentato negli anni precedenti di isolare politicamente l'Austria. Nella guerra tedesco-danese dal febbraio all'ottobre 1864, tuttavia, si alleò ancora una volta con l'Austria per affermare gli interessi prussiani nei ducati di Schleswig, Holstein e Lauenburg. Nei colloqui di pace di Vienna del 30 ottobre 1864, Bismarck, che condusse le trattative per la parte prussiana, riuscì a rimuovere le rivendicazioni della Danimarca nei confronti dei ducati, che furono poi distribuite tra le autorità prussiane e austriache. L'Austria, tuttavia, non era ben disposta verso il dominio della Prussia sulla Germania settentrionale, e per abili provocazioni la Prussia si diresse verso la prossima guerra.

La guerra austro-tedesca iniziò con la sottomissione al Bundestag della Federazione tedesca da parte dell'Austria, il 1° giugno 1866, della disputa sullo Schleswig e Holstein. La Prussia considerava questo passo come una violazione della Convenzione di Gastein e successivamente occupò l'Holstein. L'Austria ha poi mobilitato le sue truppe e ha chiesto che la Federazione tedesca prepari le sue truppe per la guerra. Su questa richiesta la Prussia dichiarò la confederazione tedesca sciolta e lasciò che le sue truppe marciassero nei regni di Hannover, Sassonia e Kurhessen. Con un'abile leadership militare e un po' di fortuna la Prussia potrebbe vincere la guerra contro l'Austria. Durante i negoziati di pace a Praga il 23 agosto 1866, Bismarck guidò nuovamente i negoziati per la parte prussiana. Si astenne deliberatamente dall'assegnare territori all'Austria e dall'effettuare pagamenti elevati per non spingere l'Austria tra le braccia dei francesi. Tuttavia, l'Austria ha dovuto accettare la fondazione della Confederazione della Germania settentrionale sotto la guida prussiana e l'indipendenza degli ultimi stati della Germania meridionale.

La guerra franco-tedesca fu innescata dalla questione spagnola della successione al trono, quando un colpo di stato militare depose l'attuale re in Spagna e cercò un successore adeguato in Europa. Bismarck propose al principe Leopoldo di Hohenzollern-Sigmaringen di occupare la Spagna attraverso la linea degli Hohenzollern e di precedere e umiliare diplomaticamente l'imperatore francese Napoleone III. Sebbene il principe Leopoldo in seguito ritirò la sua candidatura su suggerimento di Bismarck, quando l'incidente diplomatico con la Francia minacciò di intensificarsi, l'imperatore prussiano Guglielmo I rinunciò alla richiesta francese di rinunciare completamente ai candidati della Casa degli Hohenzollern per il futuro. Questa richiesta fu artificialmente gonfiata nella Ems Depesche da Bismarck, cosicché Napoleone III non ebbe altra scelta che dichiarare guerra alla Prussia a causa delle pressioni dell'opinione pubblica.

La guerra con la Francia ha seguito lo stesso principio di quella contro l'Austria. Le truppe francesi sono state circondate e distrutte o hanno dovuto capitolare con movimenti di truppe rapide e offensive. Nella battaglia di Sedan l'imperatore francese Napoleone III. è stato catturato come prigioniero di guerra, ma l'imperatore francese è stato rovesciato e il colpo di stato è stato effettuato a Parigi. La guerra ora doveva continuare contro la Repubblica francese.

 

Napoleone III e Otto von Bismarck dopo la battaglia di Sedan

Napoleone III e Otto von Bismarck dopo la battaglia di Sedan

 

Nonostante la guerra prolungata, sotto la guida di Bismarck il 18 gennaio 1871 nella Sala degli Specchi di Versailles, fu proclamato l'Impero tedesco unito con Guglielmo I come imperatore. Bismarck aveva così raggiunto il suo obiettivo politico di unificare gli stati tedeschi. Poco tempo dopo, anche la Repubblica francese dovette arrendersi e, su insistenza di Bismarck, cedere alla Germania i territori dell'Alsazia e della Lorena.

 

Proclamazione dell'imperatore tedesco, Pittura di Anton von Werner

Proclamazione dell'imperatore tedesco, Pittura di Anton von Werner

 

 

 

Addio alla politica:

L'addio politico di Bismarck iniziò con il regno del nuovo imperatore tedesco Guglielmo II. A differenza di suo nonno Guglielmo I, aveva un carattere e una mentalità completamente diversi. Bismarck lo descriveva come immaturo e incapace di assumersi la responsabilità per il Reich tedesco. Così le tensioni tra le due personalità si intensificarono fino a quando Guglielmo II Bismarck ritirò definitivamente il suo sostegno il 15 marzo 1890. Bismarck presenta le sue dimissioni il 18 marzo 1890.

 

Il giovane Guglielmo II e Bismarck

Il giovane Guglielmo II e Bismarck

 

 

 

Fine della vita di Bismarck:

Dopo le sue dimissioni da cancelliere imperiale, Bismarck cominciò a criticare il nuovo cancelliere imperiale Caprivi e quindi indirettamente l'imperatore attraverso l'Hamburger Nachrichten. Quando lo stesso imperatore attaccò pubblicamente Bismarck qualche tempo dopo, la popolazione reagì con l'aiuto di Bismarck. Guglielmo II fu così costretto ad avviare ufficialmente una fase di riconciliazione.

Nel 1894 muore la moglie di Bismarck, la cui morte lo aveva colpito duramente. Negli anni successivi il suo stato di salute si deteriora al punto che dal 1896 in poi dipendeva da una sedia a rotelle. Il 30 luglio 1898 Bismarck morì nel suo letto a causa di incendi di vecchiaia e altre malattie. Bismarck fu sepolto accanto alla moglie nel mausoleo di Friedrichsruh.

 

Bismarck sul letto di morte del 31 luglio 1898 di Willy Wilcke e Max Priester

Bismarck sul letto di morte del 31 luglio 1898 di Willy Wilcke e Max Priester

 

Sarcofago di Bismarck

Sarcofago di Bismarck

 

 

 

La famiglia di Bismarck:

Alla cerimonia di nozze nell'ottobre 1844 del suo compagno di scuola Moritz von Blanckenburg e Marie von Thadden-Trieglaff, Otto Johanna fu assegnato da Puttkamer come cameriera. Nell'estate del 1846 la coppia fece un viaggio insieme a Otto e Johanna sulle montagne dell'Harz, dove si conobbero meglio. Dopo la morte prematura di Marie von Thadden-Trieglaff, Bismarck si recò dai genitori di Johanna per fermarsi alla mano di sua figlia. Nel 1847 il matrimonio si svolse a Reinfeld. Tre figli sono nati da questo matrimonio:
- Marie (1848–1926)
- Herbert (1849–1904)
- Wilhelm (1852–1901)

 

Johanna von Bismarck, nata von Puttkamer, 1857

Johanna von Bismarck, nata von Puttkamer, 1857

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Bismarck

Bismarck Copertina flessibile – 28 nov 2012

Tra gli uomini illustri Bismarck merita senz'altro una menzione speciale. La sua figura domina tutto il XIX secolo e la sua ombra si estende anche su quello successivo. Padre dell'unificazione tedesca e fondatore del Secondo Reich, fu un personaggio controverso e dicotomico: intere generazioni di storici ancora discutono sui mezzi da lui messi in campo per arrivare all'unità e sulle conseguenze da essa prodotte. Bismarck fu reazionario e rivoluzionario allo stesso tempo, legato al potere monarchico e a un'impostazione feudale della società, seppe tuttavia cogliere la potenza dei cambiamenti che le nuove istanze liberali portavano con sé. La sua politica non si lascia racchiudere in uno schema rigido e riduttivo: il suo talento a comporre e conciliare gli opposti aveva colpito i suoi contemporanei al punto che Federico Guglielmo IV lo chiamava il "reazionario rosso". Altri, dando una lettura diversa del suo dualismo, credono di ravvisare dei tratti bonapartisti nei suoi metodi e nella sua vicenda politica.

Clicca qui!

 

 

Otto Von Bismarck. E la nascita della germania moderna.

Otto Von Bismarck. E la nascita della germania moderna. Rilegatura all'americana – 1988

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!