William T. Sherman

William T. Sherman ha combattuto al fianco degli stati del nord come generale nella guerra civile americana. Era uno dei generali più controversi e, con la sua tattica della "terra bruciata", uno dei leader più odiati degli stati del nord degli Stati del sud degli Stati Uniti.

 

 

Origine e adolescenza:

William Tecumseh Sherman è nato l'8 febbraio 1820 a Lancaster, Ohio, come figlio di Charles Robert e Mary Hoyt Sherman. Ha ricevuto il suo secondo nome di battesimo come ammirazione dei suoi genitori presso i capi indiani con lo stesso nome degli Shawnee.

William, come i più noti generali, ha frequentato la West Point Military Academy di New York, che ha completato come uno dei più riusciti del suo anno.

 

Registrazione iniziale di William T. Sherman

Registrazione iniziale di William T. Sherman

 

 

 

Servizio militare:

Dopo aver completato la sua formazione a West Point, William non partecipò alla successiva guerra contro il Messico. A quel tempo era di stanza in California, che conobbe una ripresa economica e un'intossicazione a causa dei ritrovamenti di oro. William ha anche partecipato al Gold Round, speculando sulla terra e sulla terra.

Fu poi di stanza nell'est degli Stati Uniti, dove fu impiegato in aree la cui conoscenza geografica gli avrebbe portato vantaggi decisivi nella guerra civile. Ha anche effettuato un sopralluogo nel sud degli Stati Uniti sullo stesso percorso della sua successiva campagna contro gli stati del sud, ma nella direzione opposta.

Nel 1853 William lasciò l'esercito e cercò di stabilirsi in California e a St. Louis come banchiere e più tardi come avvocato. In entrambe le professioni ottenne un successo moderato fino al 1859, quando divenne presidente della scuola militare di Alessandria, Louisiana.

 

 

 

La guerra civile americana:

Quando scoppiò la guerra civile americana, William revocò il brevetto del suo ufficiale e fu nominato comandante del 13° reggimento di fanteria il 14 maggio 1861. Con questa unità partecipò anche alla prima battaglia di Bull Run, che si concluse con una sconfitta per gli stati del nord.

Il 7 agosto 1861 fu promosso a Brigadiere Generale e prese il comando delle truppe di stanza nel Kentucky. Dopo aver commesso un errore tattico e aver giudicato male la situazione con le truppe confederate in avvicinamento, è stato nuovamente sollevato dal comando e fortemente criticato in pubblico per il suo comportamento, che in seguito è diventato evidente nella depressione e nei pensieri suicidi.

All'inizio del 1862 a Guglielmo fu assegnato il comando di una divisione nonostante le critiche. In aprile, li condusse nella battaglia di Shiloh, che inizialmente era considerata perduta, ma che poteva ancora essere vinta grazie al rafforzamento dell'esercito del Tennessee e alle cattive tattiche dei Confederati. Era considerata una delle battaglie più perdenti dell'intera guerra. Dopo la vittoria fu promosso maggiore generale il 1° maggio 1862.

Dalla fine di dicembre 1862 Guglielmo partecipò alla conquista della città confederata di Vicksburg in Mississippi come comandante generale del XV Corpo sotto il comando supremo del generale Grant. Fu solo il 4 luglio 1863, dopo settimane di assedio, che la città capitolò.

Nel novembre 1863 a Guglielmo fu dato il comando dell'esercito del Tennessee negli Stati Uniti occidentali, con cui partecipò alla battaglia di Chattanooga. Dalla metà del 1864 fu incaricato di prendere la città confederata di Atlanta, cosa che riuscì a fare il 2 settembre 1864.

Il suo prossimo obiettivo della sua campagna occidentale è stata la marcia attraverso la Georgia verso la città portuale di Savannah. Per la prima volta, William si è affidato alla sua controversa tattica della "terra bruciata" e che i suoi soldati dovrebbero essere in grado di ottenere ciò che l'area conquistata ha dato. Questa tattica lo ha reso uno dei generali più disprezzati degli Stati del nord dei territori confederati.

Dopo la cattura di Savannah, riuscì a convincere il suo comandante in capo generale Grant ad invadere il Sud e il Nord Carolina con le sue truppe. Lì voleva anche usare le tattiche della "terra bruciata" per demoralizzare i Confederati e costringerli alla resa. Il 17 febbraio 1865 conquistò la Colombia, capitale della Carolina del Sud. Questo è stato distrutto da un incendio per la maggior parte, per cui a tutt'oggi è controverso quale sia stato il motivo dell'innesco. Inoltre i suoi soldati hanno marciato attraverso la Carolina del Nord, dove i suoi soldati hanno devastato molto meno che in Georgia. A Goldsboro ha unito le sue truppe con i soldati in attesa.

Il suo prossimo obiettivo era quello di unirsi con i soldati del generale Grant per marciare contro l'esercito della Virginia del Nord guidato dal generale confederato Lee a Pietroburgo, in Virginia. A causa della capitolazione del generale Lee e della fine della guerra civile, questa unificazione non è più avvenuta.

 

William T. Sherman nell'anno 1865

William T. Sherman nell'anno 1865

 

 

 

Servizio militare Williams dopo la guerra civile:

Dopo la fine della guerra civile William rimase nell'esercito americano e fu promosso tenente generale il 25 luglio 1866. Le sue ulteriori missioni si limitarono alle guerre indiane.

 

Il generale americano William T. Sherman in trattative con gli indiani a Fort Laramie

Il generale americano William T. Sherman in trattative con gli indiani a Fort Laramie

 

Nel 1869, l'ex Grant generale divenne Presidente degli Stati Uniti. William Sherman fu poi promosso generale dell'esercito degli Stati Uniti e nominato comandante in capo dell'esercito. Mantenne questo incarico fino a quando lasciò l'esercito l'8 febbraio 1884.

 

 

 

Fine della vita Williams:

William pubblicò le sue memorie durante il suo mandato di comandante in capo dell'esercito. Da questi è emerso anche il suo detto più famoso fino ad oggi: La guerra è l'inferno.

William morì il 14 febbraio 1891 a New York. Anche alcuni ex generali confederati, come il generale Joseph E. Johnston, hanno preso parte alla sua processione funebre.

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!