Abraham Lincoln

Abraham Lincoln è stato uno dei più importanti presidenti della storia americana degli Stati Uniti d'America. Non solo ha preparato l'abolizione della schiavitù, ma ha anche guidato gli Stati del nord attraverso la guerra civile e ha aperto la strada a una moderna nazione industriale.

 

 

Origine e adolescenza:

Abraham è nato il 12 febbraio 1809 vicino a Hodgenville, Hardin County, il figlio di una coppia di contadini. Diverse generazioni prima di lui, la sua famiglia si trasferì dalla contea inglese orientale di Norfolk in America.

All'età di 7 anni la sua famiglia si trasferì nello stato dell'Indiana, dove la madre di Abraham morì 2 anni dopo. Suo padre si risposò nel 1819 e la matrigna, a differenza della vera madre, insistette per un'istruzione generale di base in lingua e lettura. Così Abramo imparò a leggere e scrivere da solo, oltre al pesante lavoro fisico nei campi in cui suo padre lo spingeva. Abraham ha visitato alcune scuole tra l'altro, ma solo se non c'era lavoro nei campi. A causa del fatto che ha letto molto, ha già sviluppato le sue capacità di parlare nei primi anni di vita. Non era raro che i vicini gli chiedessero di scrivere lettere per loro.

All'età di 21 anni, nel 1830, la sua famiglia si trasferisce di nuovo, questa volta nell'Illinois. Anche qui suo padre voleva coinvolgere Abraham ulteriormente al lavoro sul campo, che Abraham rifiutò però rigorosamente e lasciò la sua famiglia per recarsi a New Salem. Lì ha trovato lavoro come mercante. Lavorava anche come geometra e postino. Tuttavia, ha continuato il suo auto-studio per tutto il tempo e ha sviluppato il suo oratorio costantemente. Soprattutto in un club di discussione è stato in grado di dimostrare la sua abilità oratoria, con la quale gli ascoltatori dopo qualche tempo lo hanno convinto a fare domanda per la Camera dei Rappresentanti dell'Illinois.

 

Lincoln nel 1832

Lincoln nel 1832

 

 

 

L'ingresso in politica:

Abraham si è visto incoraggiato dai suoi ascoltatori nel club di dibattito per essere presentato come un partigiano dei Whigs. Tuttavia, non è stato fino al 1834 che i suoi obiettivi di espandere le vie di trasporto e migliorarle gli hanno portato voti sufficienti per potersi trasferire alla Camera dei Rappresentanti e lavorarci fino al 1842.

Durante la sua permanenza alla Camera dei Rappresentanti, Abraham completò i suoi studi di legge e fu ammesso all'Ordine degli Avvocati dell'Illinois nel 1836. Con l'avvocato John T. Stuart aprì il suo studio a Springfield nel 1837.

 

 

 

Fondazione di famiglia e rappresentante a Washington:

Nel 1842 Abraham sposò Mary Todd, che proveniva da una ricca famiglia di piantatori e proprietari di schiavi. A causa del suo atteggiamento negativo nei confronti della schiavitù, la famiglia della donna era particolarmente contraria a questo matrimonio. Questo matrimonio ha prodotto 4 figli, con solo Robert Todd Lincoln che raggiunge l'età adulta.

 

Mary Lincoln

Mary Lincoln

 

Dopo aver lasciato la Camera dei Rappresentanti in Illinois, Abraham ha rafforzato la sua attività di avvocato e si è presto guadagnato una buona reputazione come esperto di diritto ferroviario. Nel 1846 aveva lavorato fino a diventare una delle figure di spicco del Whigs Party e nello stesso anno fu eletto alla Camera dei Rappresentanti a Washington.

Durante questo periodo, ci sono state alcune dispute con il presidente in carica James K. Polk e la sua politica, che hanno portato al conflitto con il Messico e alla guerra messicano-americana. Ad eccezione di una risoluzione del 1849 che limitava la schiavitù nel Distretto di Columbia, Abraham difficilmente attirò l'attenzione su di sé nel suo ufficio. Dovendo vivere a Washington senza la sua famiglia, Abraham rifiutò un'offerta del presidente successore come governatore del nuovo territorio dell'Oregon e tornò a Springfield, dove riprese il suo lavoro di avvocato.

 

 

 

La schiavitù e la sua ascesa a presidente:

Alla fine degli anni '40 e all'inizio degli anni '50, la situazione politica negli Stati Uniti sulla questione degli schiavi ha continuato a deteriorarsi. Mentre gli stati meridionali continuavano ad aggrapparsi alla schiavitù, che per la maggior parte metteva i lavoratori nelle piantagioni di cotone e canna da zucchero, sempre più stati del nord hanno abolito la schiavitù.

Con la legge sul Kansas-Nebraska del 30 maggio 1854, che doveva dividere il territorio della Louisiana 2 acquisito dai francesi in Kansas e Nebraska, la questione della schiavitù doveva essere decisa dalla popolazione bianca che vi abitava. Tuttavia, questo ha portato a conflitti sanguinosi tra sostenitori e oppositori della schiavitù.

La legge ha anche diviso il Whigs Party, dove Abraham ha ricoperto una posizione di leadership. Durante tutto l'anno, Lincoln ha unito le forze con gli oppositori degli schiavi moderati e gli integralisti del Partito Repubblicano. Nel 1855 Abraham fece il primo tentativo di ottenere un seggio al Senato. Anche 3 anni dopo, nel 1858, fallì nel tentativo. Ma il suo talento per la parola e le sue opinioni politiche lo hanno reso un sostenitore per l'abolizione della schiavitù in tutto il paese, e il Partito Repubblicano lo ha visto anche come candidato per le prossime elezioni presidenziali.

Nel 1860 Lincoln fu proposto dal suo partito come candidato alla presidenza. Il 6 novembre 1860, sconfisse i suoi oppositori Stephen A. Douglas dei Democratici del Nord, John C. Breckinridge dei Democratici del Sud e John Bell dell'Unione Costituzionale. Il suo giuramento non avrebbe avuto luogo fino al 4 marzo 1861, ma nel frattempo gli Stati del sud hanno creato i fatti uscendo dall'Unione e fondando il proprio Stato.

 

Risultato delle elezioni presidenziali del 1860

Risultato delle elezioni presidenziali del 1860

 

 

 

L'inizio della guerra civile:

L'elezione di Abraham Lincoln a presidente non è stata la ragione del ritiro degli stati del sud, ma ha dato agli stati del sud la ragione decisiva per la formazione del proprio stato, poiché non volevano accettare come presidente un liberatore di schiavi.

 

Abraham Lincoln

Abraham Lincoln

 

Il 20 dicembre 1860, la Carolina del Sud divenne il primo stato a lasciare l'Unione. Nelle settimane successive seguirono Mississippi, Florida, Alabama, Georgia, Louisiana e il 2 marzo 1861 Texas.

 

L'avversario di Lincoln Jefferson Davis, Presidente degli Stati Confederati d'America

L'avversario di Lincoln Jefferson Davis, Presidente degli Stati Confederati d'America

 

In primo luogo, Lincoln ha cercato di tenere colloqui con il Sud sul reinserimento, sottolineando che non avrebbe effettuato le prime operazioni militari. Tuttavia, i suoi sforzi diplomatici furono frantumati il 12 aprile 1861, quando i soldati dell'esercito meridionale spararono contro il Forte Sumter, occupato dai soldati dell'Unione. Come risultato, Lincoln proclamò una coscrizione di 90 giorni e iniziò a prepararsi alla guerra con gli stati del sud.

 

 

 

La guerra civile:

Le prime azioni del nuovo presidente Lincoln dopo l'attacco al Forte Sumter furono la coscrizione di 75. 000 soldati arruolati e l'immediato blocco dei porti marittimi degli stati del sud da parte delle sue navi da guerra.

Ma già dopo la sconfitta di Bull Run del 21 luglio 1861 divenne chiaro che la guerra non poteva essere vinta con una rapida offensiva e Abraham si preparò ad un conflitto più lungo. Ha poi esteso il servizio militare obbligatorio a 9 mesi ed è stato il primo presidente ad introdurre il servizio militare obbligatorio, che, tuttavia, ha portato ad una massiccia resistenza in alcune regioni. Nel luglio 1863, il popolo di New York si ribella e minaccia di lasciare l'Unione.

Un altro problema era la mancanza di leader militari adatti al suo esercito del nord. Anche se Lincoln aveva un buon organizzatore nel generale George B. McClellan, il generale non ha approfittato di diverse opportunità per sconfiggere l'esercito meridionale in Virginia e quindi forse porre fine alla guerra prematuramente. Solo quando nominò Ulysses S. Grant e William T. Sherman come comandanti dell'esercito occidentale e orientale, elaborando con loro un piano per circondare l'esercito meridionale, una vittoria degli stati del nord fu di nuovo a portata di mano.

 

 

 

Le elezioni presidenziali del 1864 e la fine della guerra:

Dopo che le truppe meridionali subirono una grave sconfitta nella battaglia di Gettysburg all'inizio di luglio 1863, era prevedibile che gli stati meridionali non sarebbero più stati in grado di vincere la guerra dal punto di vista militare. Sono stati anche tagliati fuori dal commercio dal blocco marittimo dei loro porti e il loro esercito si è lentamente dissanguato. Il governo di Jefferson Davis si è poi affidato a tattiche per continuare la guerra fino alle elezioni presidenziali del 1864 nella speranza che venisse eletto un nuovo presidente pronto a parlare.

Poco prima delle elezioni, la rielezione di Lincoln non è stata ben segnata. Secondo i sondaggi, all'epoca era molto impopolare perché la guerra durava troppo a lungo e le perdite di soldati erano molto elevate. Ci si aspettava che il suo rivale ed ex generale McClellan avrebbe vinto le elezioni, dato che ha anche accettato di parlare con gli Stati del sud e ha considerato la loro indipendenza.

Ma mentre la notizia delle vittorie dell'esercito occidentale sotto William T. Sherman, la cattura di Atlanta e l'imminente fine della guerra si diffondeva, le simpatie per Lincoln salirono nuovamente e fu rieletto l'8 novembre con il 55% dei voti.

All'inizio del 1865 la vittoria degli stati del nord stava già cominciando ad emergere. Il 3 aprile la capitale degli stati meridionali Richmond potrebbe essere catturata e i resti rimanenti dell'esercito meridionale del generale Lee si arrese il 9 aprile alla Appomattox Court House, Virginia.

 

 

 

Il mortale tentativo di assassinio:

Lincoln non poté più sperimentare la fine definitiva della guerra, gli ultimi stati del sud si arrese solo il 26 aprile 1865 a Durham nel North Carolina.

Il 14 aprile, lui e sua moglie hanno assistito ad uno spettacolo al Ford's Theatre di Washington. L'attore John Wilkes Booth è stato in grado di accedere alla scatola del presidente durante lo spettacolo e gli ha sparato nella parte posteriore della testa con una pistola da vicino. Anche se i medici hanno cercato di rimuovere il proiettile, era troppo profondo e non poteva essere rimosso. Poiché Lincoln non poteva essere trasportato in ospedale a causa delle sue pessime condizioni, fu portato nella casa privata di fronte (Casa Petersen). Fino alla sua morte la mattina seguente alle 7:22. Lincoln non si è svegliato dal suo stato di incoscienza.

 

Litografia di assassinio su 1865

Litografia di assassinio su 1865

 

Lincoln sul letto di morte, Harper's Weekly, 1865

Lincoln sul letto di morte, Harper's Weekly, 1865

 

L'assassino è stato in grado di saltare dalla scatola dopo il colpo, si è rotto una gamba, ma è comunque scappato. Il 26 aprile, lui e il suo complice David Herold sono stati finalmente messi in una fattoria in Virginia dai soldati dell'Esercito dell'Unione. Booth è stato ucciso, Herold arrestato e poi giustiziato durante lo scambio di fuoco.

 

 

 

Il culto di Abraham Lincoln:

Ad oggi, Abraham Lincoln è considerato uno dei presidenti più importanti nella storia degli Stati Uniti. Mentre è considerato dalla popolazione bianca come il guardiano dell'Unione, la popolazione nera lo venera come il liberatore della schiavitù.

Oltre alle innumerevoli città e basi militari, anche la portaerei USS Abraham Lincoln e il sottomarino nucleare strategico SSBN Abraham Lincoln portano il suo nome.

Inoltre il suo volto adorna la banconota da 5 dollari e la moneta da 1 centesimo.

Probabilmente i monumenti più famosi dedicati a Lincoln sono il Lincoln Memorial, eretto nel 1922 sulle rive del Potomac a Washington, e la sua testa a Mount Rushmore, insieme a George Washington, Thomas Jefferson e Theodore Roosevelt.

 

Lincoln Memorial a Washington D. C.

Lincoln Memorial a Washington D. C.

 

Mount Rushmore

Mount Rushmore

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Abraham Lincoln. Un dramma americano

Abraham Lincoln. Un dramma americano Copertina flessibile – 14 gen 2016

Abraham Lincoln (1809-1865), con Washington e F.D. Roosevelt il più famoso presidente degli Stati Uniti, incarna il mito della frontiera e dell'uomo che si fa da sé: dalle foreste del West al Campidoglio, da contadino a presidente. Eletto nel 1860, dovette affrontare la crisi della nazione americana precipitata nella sanguinosissima guerra civile seguita alla secessione degli stati schiavisti. Nel farlo rafforzò il potere federale, modernizzò l'economia e liberò i 4.000.000 di schiavi presenti nel Sud; ma pagò i suoi successi con la vita, assassinato pochi giorni dopo la conclusione della guerra. Il libro delinea il ritratto coinvolgente di un uomo complicato, depresso cronico e quasi insondabile, intrecciandolo alla storia violenta, vitale e contraddittoria di un paese in formazione.

Clicca qui!

 

 

Abraham Lincoln. Le parole, le politiche e l'uso politico. Testo inglese a fronte

Abraham Lincoln. Le parole, le politiche e l'uso politico. Testo inglese a fronte Copertina flessibile – 1 dic 2016

Abraham Lincoln rappresenta un'icona della politica mondiale, sia per le parole scritte e pronunciate con enfasi, sia per le politiche messe in atto in un paese lacerato dalla Guerra civile. Questo a partire dalle riflessioni sulla casa divisa e dal discorso di Gettysburg, sino all'abilità politica di far approvare a un Congresso restio il tredicesimo emendamento della Costituzione che decretò la fine della schiavitù negli Stati Uniti. Anche negli anni successivi il suo ruolo politico fu imponente: riuscì a fare approvare alte tariffe doganali per finanziare la Ricostruzione e le ferrovie transcontinentali; creò per la prima volta una banconota unica nazionale; usò il demanio pubblico per promuovere gli insediamenti nell'Ovest; aprì i confini dell'immigrazione. Infine il suo assassinio che lo trasformò in un martire e un'icona del pensiero politico contemporaneo. Ecco il compito di questo volume: riflettere sulle parole e sull'azione politica del Grande Emancipatore, ripensandone la realtà e il mito, ma soprattutto l'eredità politica e l'attualità nell'America ancora una volta divisa di oggi.

Clicca qui!

 

 

La rivoluzione americana

La rivoluzione americana Copertina flessibile – 30 ago 2018

La Rivoluzione americana, a lungo giudicata una nonrivoluzione rispetto a quelle francese e sovietica oppure, oltreatlantico, la vera realizzazione della libertà, viene oggi studiata come un evento complesso e discordante percorso da conflitti sociali ed etnici, nonché una guerra civile e una interna al continuo scontro fra gli imperi europei. Essa non diede vita alla democrazia, perché le élite riuscirono a bloccare l'avanzata delle classi inferiori provocata dal loro forte ruolo politico e militare. Tuttavia fece sorgere uno stato liberale di decisa impronta illuminista, fondato sul consenso e sui diritti dei cittadini, almeno di quelli bianchi e maschi. Fu l'inizio della nostra modernità politica, delle sue conquiste e contraddizioni.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!