Alessandro Magno

Alessandro Magno, nato il 20 luglio 356 a.C. a Pella come figlio del re Filippo II di Macedonia e della regina Olimpia, fu un comandante militare dotato e coraggioso che raggiunse in pochi anni un notevole successo e conquistò parti della Grecia, dell'Egitto, del Medio Oriente e persino parti del territorio indiano.

 

Il padre di Alessandro, il re Filippo II, aveva già costruito l'Impero macedone in una delle potenze militari più forti durante il suo regno, conquistando le zone limitrofe come la Tessaglia e la Tracia e (con l'eccezione di Sparta) costringendo tutti gli stati cittadini greci della Lega Corinzia sotto la sua guida. Alessandro fece la sua prima esperienza militare durante le sue campagne. Così, sotto la guida di Atene, altre città-stato furono conquistate come nel 338 a.C. nella battaglia di Chaironeia. Le vittorie furono decise non solo dalla falange macedone, ma anche dall'Hetairen, che ebbe un ruolo speciale anche nelle campagne successive di Alexander. Inoltre, Alexander si circondò di ufficiali capaci, che si riunì intorno a lui per i loro successi.

 

Alessandro Magno

Alessandro Magno

 

 

 

L'incerta successione al trono:

Il rapporto tra Alessandro e suo padre era sempre teso. Soprattutto le nozze tra il re Filippo II e Cleopatra, nipote del suo generale Attalos, nel 337 a.C. portarono a forti tensioni tra padre, figlio e generale, tanto che Alessandro temeva un discendente e la sua successione al trono e fuggì in Illiria insieme a sua madre Olympias via Epeiros. Dopo sei mesi, però, tornò a Pella, dove nel 336 a.C. suo padre fu ucciso alle nozze della sorella di Alessandro dalla guardia del corpo Pausanias.

 

 

 

Sequestro di potere e sicurezza interna:

Nello stesso anno Alessandro succedette al padre assassinato al trono all'età di 20 anni. Ci sono state voci sul suo coinvolgimento nell'omicidio di suo padre, ma queste sono state rapidamente stroncate sul nascere dal fedele comandante Antipater di Alessandro attraverso le esecuzioni. Così Alessandro era anche sicuro della fedeltà dei suoi soldati.

Come uno dei primi atti ufficiali Alessandro ha avuto la lealtà della città-stato greco confermato nella Lega Corinzia. Incoraggiate dalla morte del re Filippo II, le regioni della Tracia e dell'Illiria cercarono di staccarsi dagli occupanti macedoni. All'inizio dell'anno 335 a.C. Alessandro marciò con un esercito di 15.000 uomini verso nord per sconfiggere la rivolta nell'odierna regione balcanica.

Durante la campagna elettorale nel nord, Demostene incitò le città-stato del sud ad opporsi anche alla Macedonia. Ha disperso la voce che Alessandro era caduto e che il paese era ormai senza guida. Quando la notizia giunse ad Alessandro, egli marciò immediatamente a sud verso la città di Tebe. Ad eccezione dei templi e della residenza del poeta Pindaro, li fece distruggere completamente e uccise circa 6.000 abitanti. Altri 30.000 sono stati venduti in schiavitù. Dopo questo esempio, le città-stato rimanenti rinunciarono alle loro rivolte.

 

 

 

Campagne di Alessandro

Gli inizi delle campagne contro la Persia:

Il conflitto tra Persiani e Greci si era inasprito per più di cento anni dopo che la Persia aveva cercato di conquistare la penisola greca. Il padre di Alessandro, il re Filippo II, aveva già elaborato piani per una campagna militare contro l'impero persiano, ma non era più in grado di realizzarli.

Nell'anno 334 a.C. Alessandro iniziò inviando Parmenion in avanti con una piccola forza sull'Ellesponto. Dopo che questo esercito fu fermato dai persiani, tuttavia, Alessandro continuò con circa 35.000 soldati a sostenerlo.

La prima grande battaglia tra l'esercito macedone e persiano fu al Granikos, che è stato vinto dalla posizione difensiva e tatticamente sfavorevole posizionamento dei soldati persiani di Alessandro. Così la città di Ionia potrebbe essere conquistata. Nel corso della sua campagna elettorale, le città di Sardi ed Efeso caddero quasi senza combattere, solo Mileto resistette. Nel frattempo, i resti dell'esercito persiano si riunirono ad Halikarnassos e si prepararono per l'assedio, che fu schiacciato da Alessandro in grande perdita. Le zone costiere vicino a Lykiens e Pamphyliens sono stati presi quasi senza combattere. Nell'inverno di quell'anno Alessandro unì il suo esercito con la parte meridionale, passando sotto il generale Parmenion Gordion, rimase per un po' di tempo in città per rifornirsi e rinfrescare i soldati. Poi attraversò la Cappadocia fino alla Cilicia, dove rimase dopo la conquista della città di Tarso fino all'ottobre del 333 aC.

 

Battaglia tra Alessandro Magno e i persiani

Battaglia tra Alessandro Magno e i persiani

 

Durante il suo soggiorno a Tarso Alessandro ha appreso che il sovrano persiano Dario III ha istituito un nuovo esercito per combattere contro l'esercito macedone. Mentre Alessandro aspettava Dario scavalcava Tarso e occupava la città di Issos per tagliare le forniture. Poco tempo dopo i due eserciti si incontrarono anche in questa città e di nuovo la cattiva leadership persiana si mostrò e la vittoria andò di nuovo ad Alessandro. Alessandro mandò immediatamente il suo generale Parmenion a Damasco nel campo persiano. Non solo il tesoro della guerra poteva essere catturato, ma anche la madre, la moglie e i 3 figli di Dario potevano essere catturati.

 

La fuga di Dario dopo la sconfitta del suo esercito

La fuga di Dario dopo la sconfitta del suo esercito

 

Nell'anno 332 a.C. la metà settentrionale della Fenicia si unì all'Impero macedone senza combattere a causa dei successi militari. Tuttavia, Alessandro dovette conquistare la metropoli commerciale di Tiro, cosa che riuscì a fare assedio. Con la stessa tattica, ha dovuto conquistare anche la città di Gaza nel sud della Siria, mentre il resto della Siria si è unito all'impero senza combattere.

 

 

 

L'invasione dell'Egitto:

Dopo la conquista di Gaza, Alessandro e il suo esercito si trasferì in Egitto dove incontrarono solo un piccolo esercito di occupazione persiano, che, dopo essersi consultato con Alessandro, se ne andò via senza combattere e con il pagamento di 800 talenti.

Poco dopo Alessandro marciò a Memphis e più a nord fondò nel 331 a.C. la Alessandria, ancora oggi conosciuta.

 

 

 

Ulteriori campagne contro l'impero persiano:

Nel maggio 331 a.C. Alessandro arrivò di nuovo a Tiro, rinfrescò il suo esercito con 15.000 nuovi soldati per un totale di 47.000 e si spostò più a nord, dove attraversò il Tigri a settembre per affrontare l'esercito di Dario.

Il 1° ottobre, i due eserciti si sono incontrati e di nuovo Alessandro potrebbe vincere la vittoria. Dario riuscì a fuggire di nuovo, ma il suo esercito fu praticamente sconfitto e Alessandro governò ora Babilonia. Qualche settimana dopo l'esercito si trasferì nel cuore della città persiana per conquistarvi le città persiane. Nel gennaio 330 a.C. la capitale persiana Persepolis potrebbe essere presa.

L'esercito continuò a cercare Dario e partì per Ekbatana, ma anche questa città fu consegnata senza combattere di fronte alla disperazione dell'impero persiano. Nel frattempo, Darius si nascondeva a Bactria. Ma il governatore lo lascia fare prigioniero per poter fare un accordo con Alessandro. Quando rifiutò le richieste, il governatore fece uccidere Bessos Dareios e dovette fuggire da Alessandro stesso.

Nell'agosto 330 a.C. l'esercito di Alessandro marciò, questa volta a caccia di Bessos. Tra gli altri, le aree di Hyrkania e Aria.

Nell'aprile del 329 a.C. Alessandro e il suo esercito raggiunsero il centro dell'Afghanistan di oggi, attraversarono l'Hindu Kush per raggiungere Bactria dove alloggiava Bessos. La paura di ritorsioni da parte di Alessandro fece scacciare gli abitanti di Bessos e poi consegnò la zona senza combattere.

Dopo aver preso la zona e un breve soggiorno, Alexander si è spostato più a nord verso il fiume Oxus nella regione persiana di Sogdia nell'attuale Kazakistan. Dopo la traversata i compagni di Bessos erano stanchi di fuggire e si ribellarono contro di lui. Lo catturarono, lo consegnarono ad Alessandro che lo fece mutilare e poi lo portarono ai media per la crocifissione. Dopo aver conquistato la città di Marakanda, Alessandro aveva conquistato tutte le aree dell'impero persiano.

 

 

 

Le rivolte in Sogdia:

Poco dopo aver conquistato il territorio persiano di Sogdia, gli abitanti si ribellarono contro Alessandro. Come punizione fece assediare e bruciare alcune città. Fino all'anno 328 a.C. Alessandro dovette aspettare il rafforzamento del suo esercito indebolito per poter intraprendere nuove azioni contro gli insorti. Questa lotta durò tutto l'anno fino a quando la popolazione si allontanò gradualmente dal loro leader ribelle Spitamenes e consegnò la testa ad Alessandro in dicembre. Nel 327 a.C. Alessandro conquistò due fortezze di montagna, che resistevano ancora oggi. Poi l'area è stata ripulita a tal punto che quasi nessuno sarebbe stato in grado di resistere.

Nello stesso anno Alessandro ritornò a Baktra e sottopose il suo esercito a una serie di riforme volte a integrare i persiani nell'esercito, il che fece dubitare i vecchi soldati macedoni del loro comandante. Inoltre, Alessandro sposò la principessa Sogdiana Roxane per legare meglio a se stesso il territorio persiano di Sodien. Anche alcune caratteristiche culturali dei persiani sono stati ripresi da lui, che ha portato ad una ulteriore divisione tra i suoi soldati macedoni e lui.

 

Corso della campagna di Alessandro attraverso la Persia

Corso della campagna di Alessandro attraverso la Persia

 

 

 

Anticipi all'India:

All'inizio dell'anno 326 a.C. Alessandro iniziò con la conquista dei territori indiani, che a quel tempo non erano uniti, ma erano costituiti da molti regni più piccoli. In contrasto con le conquiste persiane, tuttavia, Alessandro si affidò meno alla clemenza e all'integrazione della nuova cultura e del popolo nel suo impero che alle difficoltà e all'annientamento dei territori indiani. Ha bruciato molti dei villaggi e delle città conquistate e ha ucciso la popolazione o li ha venduti in schiavitù.

La sua prima avanzata con i suoi due eserciti, che penetrarono separatamente nelle zone, lo portò nella valle del fiume Kabul, che a quel tempo era ancora territorio indiano. Più tardi all'Indo i due eserciti si riunirono e Alessandro incorporò il territorio conquistato nel suo impero.

Dopo aver attraversato il fiume Alessandro ha sottomesso il regno di Taxila. Questo ha chiesto anche agli altri regni della zona, per cui tutti, tranne Pauravas si sottomise al re Poros. L'esercito di Alessandro attraversò il fiume e sconfisse un'unità montata di Paurava, dopodiché anche il regno si sottomise e il re fu perdonato.

Più a est si trovava il regno di Magadha sul Gange. L'esercito ha lottato attraverso le fitte foreste e ha dovuto sopportare le piogge monsoniche, che ha portato alla completa demoralizzazione. Nel luglio del 326 a.C. l'esercito doveva attraversare il fiume Hyphasis. Dopo i lunghi sforzi, tuttavia, i soldati hanno avuto abbastanza e ha rifiutato gli ordini, hanno voluto solo per tornare in Grecia alla loro patria. Alessandro era furioso, ma dovette piegarsi alla volontà dei suoi soldati. Prima di trasferirsi, però, fondò un altro Alexandreia nel punto più orientale del suo impero e vi stabilì molti veterani, che alla fine persero la speranza di tornare a casa.

 

 

 

L'arduo ritorno:

In seguito al desiderio dei suoi soldati, l'esercito di Alessandro si volse a ovest verso Bukephala. Lì fece costruire 800 navi per navigare lungo il fiume Hydaspes fino all'Oceano Indiano. Ma poiché le navi non erano sufficienti per tutti i soldati, molti dovevano correre lungo le rive del fiume. Dopo aver incontrato rapide nel fiume e aver capovolto molte navi, anche gli altri soldati dovevano camminare verso sud. Qui si attraversavano aree che Alexander non aveva sottomesso. Ancora e ancora una volta l'esercito è stato attaccato, che ha bruciato villaggi e città.

Nel 325 a.C. l'esercito raggiunse finalmente la foce dell'Indo e dell'Oceano Indiano. Alessandro fece preparare le navi rimanenti per il viaggio, in modo che circa 1/4 del suo esercito potesse iniziare il viaggio di ritorno almeno per mare. In agosto l'esercito riparte finalmente, e in settembre le navi partono di fretta dopo che i territori indiani si ribellano contro il governo di Alessandro. Per abbreviare il viaggio di ritorno, Alessandro ha scelto la strada attraverso il deserto gedrosische. La traversata di 60 giorni è costata la vita a molti soldati per la sete o l'esaurimento. Nel mese di dicembre hanno raggiunto il posto più orientale dell'ex impero persiano Pura.

 

 

 

La morte di Alessandro:

Nell'autunno del 324 a.C. Alessandro si recò a Ekbatana dove il suo più caro amico Efestione si ammalò dopo aver bevuto molti vestiti e morì poco dopo. La morte del suo amico ha colpito duramente Alexander.

Nel febbraio 323 a.C. Alessandro tornò a Babilonia dove pianificò nuove campagne verso la penisola arabica. Nel frattempo, mandò un messaggero nell'Oasi di Siwa per chiedere ai sacerdoti di adorare il suo amico morto Efestione come Dio. Questo fu negato dai sacerdoti, secondo i quali l'Efestione poteva essere venerata solo come culto dell'eroe (semidio). Con questa notizia, il messaggero arrivò a casa di Alessandro a maggio, poco prima dell'inizio della nuova campagna. Ha rinviato la campagna e ha organizzato festeggiamenti in onore di Efistion, durante i quali ha usato l'alcol come al solito. Seguì una forte febbre che portò alla sua morte il 10 giugno 323 a.C.

 

Corteo funebre di Alessandro (tentativo di ricostruzione del XIX secolo)

Corteo funebre di Alessandro (tentativo di ricostruzione del XIX secolo)

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Alessandro Magno

Alessandro Magno Copertina flessibile – 13 feb 2019

Da oltre duemila anni Alessandro rappresenta il mito dell'eroe che, dall'Occidente alla Cina, ha alimentato un fiume di leggende e di racconti fantastici. Un personaggio grande ed eccessivo in tutto: nel suo coraggio di guerriero, nell'ira e nella generosità, nella vastità delle sue ambizioni e delle sue conquiste, nella fine prematura. In dieci anni, il giovane Alessandro distrugge un impero che si reggeva da duecento, diventa mille volte più ricco di qualsiasi altro monarca al mondo, e si accinge a una spedizione in India che sembra sovrumana anche a chi lo venera come un dio. Lane Fox ricostruisce quest'avventura incredibile, consegnandoci un ritratto di forte suggestione.

Clicca qui!

 

 

Carlo Magno. Un padre dell'Europa

Carlo Magno. Un padre dell'Europa Copertina flessibile – 22 gen 2004

Alessandro Barbero presenta una biografia di Carlo Magno. Nel giorno di Natale dell'anno 800 Carlo Magno viene incoronato imperatore. Un poeta rimasto anonimo saluta in lui "il padre dell'Europa". Oggi che i popoli del nostro continente sono avviati all'integrazione in un'Europa sovranazionale, la figura di Carlo Magno risulta di sorprendente attualità. Una biografia che unisce al rigore degli studi un'appassionante scrittura letteraria.

Clicca qui!

 

 

Storie di Alessandro Magno. Testo latino a fronte

Storie di Alessandro Magno. Testo latino a fronte Copertina flessibile – 6 lug 2005

Benché prive dei due libri iniziali, le "Storie di Alessandro Magno" costituiscono l'unica opera in latino dedicata completamente alla figura del grande Macedone e alla sua spedizione in Oriente. L'autore non è però identificabile con sicurezza, né si sa esattamente in quale periodo visse, anche se ormai gli studiosi tendono a riconoscerlo nel Quinto Curzio Rufo, cui accennano Plinio il Giovane e Tacito, che raggiunse i vertici della carriera militare e politica nella prima metà del I sec. d.C. Le "Storie" presentano la figura del protagonista con un taglio del tutto particolare. Infatti, pur conservando all'interno della narrazione una propria aura epica, dell'eroe classico il Macedone denuncia grandezze e debolezze, qualità e difetti.

Clicca qui!

 

 

Alessandro Magno. Storia del condottiero che conquistò il mondo

Alessandro Magno. Storia del condottiero che conquistò il mondo Copertina flessibile – 5 mag 2016

Da oltre duemila anni la leggenda di Alessandro Magno affascina il mondo: la sua figura è stata raccontata e analizzata da poeti e storici sin dall'antichità. Proprio la fusione dei due generi - storico e romanzesco - è il punto di partenza di quest'avvincente biografia in cui la solidità scientifica dello storico di professione si unisce al gusto della narrazione secondo una metodologia efficace e originale: osservare il passato con gli occhi degli uomini di allora, per comprendere nel profondo come Alessandro vedeva se stesso e come era visto dai suoi contemporanei. Perfetto conoscitore delle fonti classiche e della bibliografia moderna, Radet ripercorre l'incredibile percorso del condottiero macedone - dagli studi di gioventù con Aristotele alla conquista della Grecia e dell'impero persiano, dall'arrivo in India alla morte a Babilonia - e ne svela la natura intimamente contraddittoria: erede della civiltà greca eppure succube dei culti orientali, condottiero lucido e valoroso ma convinto di essere un dio, conquistatore spietato e insieme uomo tollerante e generoso. Introduzione di Marina Polacco.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!