Canon de 120 mm modèle 1878

Il Canon de 120 mm modèle 1878 era un'artiglieria d'assedio francese sviluppata dopo la guerra franco-prussiana per i forti francesi.

Il colonnello Charles Ragon de Bange iniziò a elaborare una nuova strategia per l'esercito francese nel 1878 dopo la perduta guerra franco-prussiana. Uno degli aspetti era lo sviluppo di nuovi cannoni d'artiglieria, che fu offerto l'11 maggio 1874 su richiesta ufficiale dell'esercito. L'obiettivo era quello di introdurre pistole pesanti di calibro 120 mm, 155 mm e 240 mm.

La Canon de 120 mm modèle 1878, a differenza del suo predecessore, è stata realizzata interamente in acciaio per ridurre l'usura e aumentare la stabilità. L'arma aveva anche una culatta De Bange e due ruote a raggi di legno per il trasporto.

Aveva un'intensità di fuoco e una portata simili a quelle della pistola più grande da 155 mm, ma era più leggera e maneggevole. Poiché questi fucili dovevano essere utilizzati prevalentemente anche nelle fortezze francesi, fu dotata di una canna piuttosto lunga che la portava al di sopra del parapetto.

 

 

Canon de 120 mm modèle 1878

 

 

All'inizio della prima guerra mondiale, l'esercito francese aveva 2.417 di queste armi. Tuttavia, la maggior parte di loro erano nelle fortezze e quindi solo 120 pistole erano disponibili per il fronte.

Tuttavia, dopo che la guerra del Movimento si era trasformata nella Guerra della Posizione, l'esercito francese dovette ritirare le armi medie e pesanti dalle fortezze e portarle al fronte. Ciò dimostra anche che il Canon de 120 mm modèle 1878 non è più lo stato dell'arte. Da un lato la preparazione di una piattaforma adatta per l'arma richiedeva molto tempo e lavoro, dall'altro lato l'arma non aveva un proprio meccanismo di rinculo, che doveva prima essere attaccato alla piattaforma e poi collegato all'arma. Questo significava che la pistola doveva essere riallineata dopo ogni colpo.

Il successivo fissaggio delle piastre alle ruote dei raggi ha significato almeno che non è stato necessario costruire alcuna piattaforma e la pressione al suolo è stata ridotta in modo che le pistole erano più facili da tirare nel fango.

 

 

Cannoni da 120 mm vicino a Somme nel 1915

 

Una pistola da 120 mm in posizione frontale

 

Una pistola da 120 mm in posizione frontale

 

Una posizione conquistata dalla Germania di cannoni da 120 mm

 

 

Alla fine del 1914 iniziarono alcuni esperimenti per far sì che le pistole fossero tirate da camion. In questo modo dovrebbe essere possibile aumentare la velocità massima delle armi da 4 chilometri all'ora con i cavalli fino a 10 chilometri all'ora con i camion. Gli esperimenti ebbero successo, tanto che nel 1915 si cominciò ad equipaggiare 100 pistole con camion. Durante la seconda battaglia dello Champagne, tuttavia, divenne evidente che i rimorchi per armi da fuoco non erano progettati per velocità e terreno così elevati. Il 60% delle armi non ha raggiunto la parte anteriore perché sono state danneggiate durante il trasporto.

 

 

Un'arma da 120 mm viene portata davanti da un camion

 

Le pistole da 120 mm aspettano con i loro camion per il trasporto

 

 

Fino alla fine della guerra, 526 dei cannoni da 120 mm erano in uso al fronte dell'esercito francese. Dopo la guerra, molti furono venduti in paesi come la Finlandia, l'Italia e la Polonia.

Come prima della prima guerra mondiale, la Francia ha usato la maggior parte dei suoi cannoni soprattutto nelle fortezze fino alla seconda guerra mondiale. Nel 1940, quando la Wehrmacht tedesca invase la Francia, l'esercito francese aveva ancora circa 600 armi da fuoco. Molti di loro potrebbero essere catturati dalla Germania dopo la resa della Francia e utilizzati nel Muro dell'Atlantico.

L'Italia utilizzò anche la maggior parte dei suoi cannoni da 120 mm provenienti dalla Francia nella seconda guerra mondiale contro le truppe britanniche.

 

 

Pistole italiane distrutte da 120 mm

 

 

 

Scheda tecnica:

Individuazione: Canon de 120 mm modèle 1878
Paese di produzione: Francia
Anno di introduzione: 1878
Numero: circa 2.500 pezzi
Calibri: 120 mm
Lunghezza del tubo: 3,25 metri
Fascia: Massimo 10.000 metri
Peso: 2,75 tonnellate

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Le trattrici italiane della grande guerra. Il traino meccanico delle artiglierie dalle origini al 1918

Le trattrici italiane della grande guerra. Il traino meccanico delle artiglierie dalle origini al 1918 Copertina flessibile – 15 set 2014

Storia dei mezzi meccanici che hanno permesso lo spostamento veloce di artiglierie - ma anche di uomini e materiali - da una parte all'altra del fronte italiano nella Prima Guerra Mondiale.

Clicca qui!

 

 

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica. Ediz. illustrata: 1

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica. Ediz. illustrata: 1 Copertina rigida – 1 gen 2011

Tecnica, munizionamento e industria bellica alla prova dell'uso in prima linea per l'appoggio della fanteria e delle squadre d'assalto.

Clicca qui!

 

 

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica: 2

Artiglieria da trincea austro ungarica e germanica: 2 Copertina rigida – 1 gen 2012

Clicca qui!

 

 

Fuoco sull'Ortigara. Artiglieria pesante e aviazione nella grande guerra

Fuoco sull'Ortigara. Artiglieria pesante e aviazione nella grande guerra Copertina flessibile – 11 lug 2017

Furono tra i protagonisti militarmente rilevanti della battaglia dell’Ortigara, ma la loro presenza è passata sostanzialmente sotto silenzio. Le artiglierie ferroviarie francesi ritrovano ora il ruolo che gli spetta nella storia del conflitto lungo il fronte italiano grazie a Luca Girotto e Luigino Caliaro, autori di “Fuoco sull’Ortigara”. 168 pagine a colori, formato 21×23, che con il supporto di oltre 140 straordinarie foto in gran parte inedite e grazie a documenti usciti dagli archivi d’oltralpe documentano per la prima volta una storia mai scritta prima.Spiegano gli autori: in previsione della battaglia dell’Ortigara, gli accordi tra alleati prevedevano l’arrivo di un appoggio d’artiglieria francese a supporto dell’offensiva. Per varie ragioni, soprattutto per non privarsi di artiglierie campali assolutamente indispensabili sul fronte occidentale, la scelta francese ricadde sull’invio di alcune imponenti artiglierie ferroviarie pesanti. Per immaginare quale impatto possono aver avuto sui contemporanei è sufficiente guardare gli scatti ritrovati da Girotto e Caliaro che documentano la mole colossale di cannoni come quelli da 320 mm M.le 70-93 su affusto Schneider con una lunghezza complessiva della struttura di quasi 26 metri per 162.000 kg di peso.

Clicca qui!

 

 

Basti in groppa! L'artiglieria someggiata dall'Armata Sarda all'Esercito Italiano

Basti in groppa! L'artiglieria someggiata dall'Armata Sarda all'Esercito Italiano Copertina flessibile – 10 apr 2018

Sullo specifico argomento esistono solo un numero sorprendentemente ridotto di lavori limitati all'ambiente alpino e all'artiglieria da montagna ma altri aspetti, come l'artiglieria coloniale e l'artiglieria someggiata non alpina sono rimasti in gran parte inesplorati. Ecco quindi un interessante e inedito studio sulla storia di tutte le artiglierie someggiate dell'Esercito Italiano, a partire dalle guerre risorgimentali e fino ai giorni nostri, illustrato con un'importante numero di fotografie, stampe e disegni.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!