Corazzata HMS Royal Sovereign

La corazzata HMS Royal Sovereign apparteneva alla classe Revenge, che consisteva di un totale di cinque navi messe in servizio durante la prima guerra mondiale, per cui potevano essere utilizzate solo due navi.

 

Lancio e progettazione:

Le corazzate della classe Revenge furono ordinate dalla Royal Navy nel 1913. Inizialmente il numero di navi fu fissato a otto, alla fine del 1914 divenne evidente che il tempo di costruzione calcolato non poteva essere mantenuto, così tre navi furono cancellate.

La costruzione era simile a quella della classe Queen Elizabeth, ma le dimensioni erano più piccole e la velocità leggermente inferiore. In cambio, l'armatura della cintura fu rinforzata e l'armatura del ponte fu posta più in alto e anche rinforzata. Inoltre, le navi sono state equipaggiate con sfere di siluro per rafforzare la protezione contro i siluri.

Le navi della classe Queen Elizabeth erano dotate di un sistema di propulsione a petrolio puro. Nelle navi della classe Revenge dovrebbe essere nuovamente utilizzato un impianto misto di carbone da petrolio, perché la linea navale temeva di diventare troppo dipendente dalle forniture di petrolio. Tuttavia, dopo il ritorno di Lord John Fisher dal pensionamento nel novembre 1914 come Primo Sigillo, ha spinto attraverso che anche le navi della classe Revenge dovrebbero ottenere un sistema di propulsione a petrolio puro. L'obiettivo era quello di ridurre l'equipaggio operativo di 75 persone e di aumentare le prestazioni e la velocità.

L'HMS Royal Sovereign fu lanciato il 29 aprile 1915 e messo in servizio il 18 aprile 1916.

 

 

Corazzata HMS Royal Sovereign

Corazzata HMS Royal Sovereign

 

 

 

Uso in guerra:

Dopo la messa in servizio del 18 aprile 1916 iniziarono le prove di funzionamento della nave. Il 30 maggio la nave si trovava nel porto di Scapa Flow quando l'ammiraglio John Jellicoe, capo flotta, diede l'ordine di lasciare la Gran Flotta. Tuttavia, l'HMS Royal Sovereign doveva rimanere in porto, poiché l'equipaggio non era ancora pienamente addestrato sulla nave ed era ancora troppo inesperto. Così il Royal Sovereign non poté partecipare alla Battaglia di Skagerrak dal 31 maggio al 1° giugno 1916, ma il comando navale britannico esortò a rendere operativa la nave il più presto possibile, in modo da mantenere una superiorità sulla marina tedesca.

Quando il 18 agosto 1916 la flotta d'altura tedesca fece un nuovo passo avanti nel Mare del Nord, il comandante della flotta, l'ammiraglio John Jellicoe, lasciò che la Grande Flotta si esaurisce di nuovo. A causa di una cattiva comunicazione delle navi britanniche e dell'affondamento di due piccoli incrociatori britannici da parte di sommergibili tedeschi, Jellicoe trattenne i suoi incrociatori da battaglia e corazzate. Temeva le miniere di mare e altri sommergibili tedeschi nel Mare del Nord più a sud e non voleva rischiare le sue grandi navi da guerra per questo, così le navi tedesche sono riuscite a tornare in Germania intatte.

Nell'aprile 1918 la flotta d'altura tedesca partì per l'ultima volta. L'obiettivo era un convoglio britannico diretto in Norvegia. A causa del silenzio radio assoluto delle navi tedesche, gli inglesi non potevano intercettarle e quindi non sapevano nulla dell'attacco. Solo quando l'incrociatore tedesco SMS Moltke ha subito danni al motore e il capitano ha comunicato la situazione al comando navale tedesco, gli inglesi hanno riconosciuto il pericolo e hanno immediatamente lasciato partire le loro navi della Grande Flotta. Tuttavia, queste sono arrivate troppo tardi per intercettare le navi tedesche.

Il 21 novembre 1918, dopo l'armistizio del Reich tedesco, l'HMS Royal Sovereign apparteneva alle navi inglesi che ricevevano la flotta d'altura tedesca e la scortano a Scapa Flow.

 

 

 

Dispiegamento postbellico:

Dopo la guerra, la nave rimase inizialmente nella Grande Flotta. Nel settembre 1919 si trasferì al bacino di carenaggio di Invergordon, dove la nave fu revisionata e dove furono eseguiti alcuni lavori di riparazione. Successivamente il trasferimento al primo squadrone di battaglia della flotta atlantica ha avuto luogo.

A causa delle crescenti tensioni tra la Grecia e il decadente Impero Ottomano, la HMS Royal Sovereign e la sua nave gemella HMS Resolution dovettero essere spostate nel Mediterraneo nell'aprile 1920. I rifugiati britannici furono accolti a Costantinopoli e in altre città, in fuga dalla guerra civile russa o dal conflitto tra la Grecia e l'Impero Ottomano. Quando la situazione nella regione si è nuovamente calmata, la nave è tornata alla flotta atlantica.

Secondo le disposizioni della Conferenza della flotta di Washington del 6 febbraio 1922, la Gran Bretagna dovette ridurre il numero delle sue navi da guerra da 40 a 15 unità. Le navi rimanenti furono divise tra le flotte atlantica e mediterranea, mentre il HMS Royal Sovereign rimase nell'Atlantico.

Dal 4 ottobre 1927 al 15 maggio 1929, furono effettuati alcuni ammodernamenti della nave. E 'stato dotato di quattro nuovi telemetri e otto proiettori, e il suo sistema di difesa aerea è stato rafforzato. Dopo la modernizzazione, è stato assegnato alla prima Squadra di Battaglia nel Mediterraneo.

Fino alla fine del 1938 la nave cambiò continuamente tra l'Atlantico e il Mediterraneo e partecipò alle esercitazioni e alle manovre annuali.

Con l'espansione giapponese in Asia, la dirigenza navale britannica iniziò a pianificare all'inizio del 1939 la creazione di una flotta per l'Asia per proteggere gli interessi britannici dai giapponesi. Tuttavia, quando nel corso dell'anno divenne evidente che le corazzate della classe del King George V in costruzione non sarebbero state pronte nel 1941 e le tensioni diplomatiche con la Germania si intensificarono, la pianificazione fu cambiata e la flotta per l'Asia non fu più costituita. Invece, la HMS Royal Sovereign è stata preparata per la guerra ad Invergordon insieme a HMS Resolution, HMS Royal Oak, HMS Rodney e HMS Repulse.

 

 

 

Uso nella seconda guerra mondiale:

Già il 31 agosto 1939, un giorno prima dell'inizio della seconda guerra mondiale in Europa, l'HMS Royal Sovereign fu inviato tra la Groenlandia e l'Islanda per controllare le navi mercantili tedesche. Pochi giorni dopo che la Gran Bretagna dichiarò guerra alla Germania, la nave fu assegnata alla Squadra di Battaglia della Seconda Flotta di casa dove doveva proteggere i convogli britannici.

Nel maggio 1940 ha avuto luogo il trasferimento nel Mediterraneo, dove i convogli sono stati nuovamente protetti il 25 e 27 giugno 1940.

Il 18 luglio 1940 c'è stata una battaglia tra navi da guerra britanniche e italiane vicino alla Calabria. A causa della sua bassa velocità, il HMS Royal Sovereign arrivò troppo tardi per intervenire nella battaglia.

Dall'agosto 1940 all'agosto 1941 la nave fu nuovamente utilizzata nell'Atlantico per proteggere i convogli britannici.

Già dal maggio 1941 la dirigenza navale britannica lavorava ad un piano e alla costruzione di uno squadrone per il Pacifico, al fine di avere in caso di guerra imminente con il Giappone navi da guerra sufficienti localmente per lavorare contro di esso. Dopo che l'HMS Royal Sovereign aveva finito di accompagnare i convogli nell'Atlantico, è stato assegnato alla nuova ala est insieme alle navi gemelle HMS Revenge, HMS Ramillies e HMS Resolution.

Alla fine di marzo 1942 lo squadrone comprendeva due portaerei, cinque corazzate, sette incrociatori e sedici cacciatorpediniere. A parte la più moderna HMS Warspite, le altre quattro corazzate erano abbastanza datate e sarebbero state nettamente inferiori alla flotta del vice ammiraglio giapponese Chūichi Nagumos. Per questo motivo, è stato dato l'ordine di non cercare battaglia con le navi giapponesi, se possibile, ma di tenere le navi britanniche in difesa.

Tuttavia, decodificando il traffico radio giapponese, gli inglesi hanno ricevuto informazioni che la flotta giapponese stava pianificando un attacco alle navi britanniche e a diverse città. Il comandante britannico lasciò navigare le sue navi perché voleva sorprendere i giapponesi in un attacco notturno e vide così l'unica possibilità di bilanciare gli equilibri di potere. Dopo tre giorni di ricerche non riuscite, tuttavia, le navi britanniche dovettero tornare nei loro porti per fare rifornimento. Durante il rifornimento, i giapponesi hanno attaccato Colombo e Trincomalee.

Dopo gli attacchi, le quattro navi della classe Revenge sono state trasferite a Mombasa e hanno assicurato le rotte di navigazione in Medio Oriente e nel Golfo Persico. Solo nel gennaio 1944 la nave ritornò in Gran Bretagna.

Dopo la capitolazione dell'Italia, gli Alleati rivendicarono il risarcimento da parte del paese, compresa l'Unione Sovietica. Tuttavia, poiché la consegna delle navi da guerra italiane richiese più tempo del previsto, la Marina Sovietica ricevette in pegno alcune navi britanniche, tra cui l'HMS Royal Sovereign. Il 30 maggio 1944 la nave fu consegnata e messa ufficialmente in servizio sovietico come Archangelsk.

Il 17 agosto 1944 il convoglio di Archangelsk in JW 59 insieme a 33 navi mercantili lasciarono la Gran Bretagna per la Russia. Il convoglio fu attaccato dal sottomarino tedesco U-711, ma questo non riuscì ad ottenere un colpo. I tentativi successivi con i piccoli sommergibili tedeschi Biber fallirono anche quando l'Archangelsk fu ancorato a Kola per un breve periodo di tempo.

Il 29 agosto 1944, la nave fu rilevata da un equipaggio russo al comando dell'ammiraglio Gordey Levchenko ed era all'epoca la più grande nave da guerra della marina russa.

Fino alla fine della guerra, Archangelsk accompagnò i convogli nell'Oceano Artico per assicurarsi i rifornimenti.

 

 

HMS Royal Sovereign in Scapa Flow

 

HMS Royal Sovereign 1943

 

Il HMS Royal Sovereign come sovietico Archangelsk

Il HMS Royal Sovereign come sovietico Archangelsk

 

 

 

Ubicazioni:

Dopo la seconda guerra mondiale, Archangelsk rimase nella marina russa. La nave si incagliò nel Mar Bianco alla fine del 1947, ma il danno fu tenuto segreto. Quando la Gran Bretagna cercò successivamente di recuperare la nave, poiché la corazzata italiana Giulio Cesare era disponibile per il risarcimento, la Russia cercò prima di impedire la consegna informando che la nave non era più idonea alla navigazione. Dopo un'ispezione da parte di un ufficiale navale britannico, la Russia dovette finalmente cedere e scambiare l'Arkhangelsk con la nave italiana il 4 febbraio 1949.

Dopo essere entrata nella base navale di Rosyth, la nave è stata sottoposta ad un'accurata ispezione. Si è scoperto che l'attrezzatura era diventata quasi completamente inutilizzabile. Inoltre le armi principali sono stati bloccati, perché probabilmente erano appena ruotato e ora arrugginito. Anche molte parti di attrezzature tecniche erano state rimosse.

Poiché l'Archangelsk non era più utilizzabile in queste condizioni, la nave fu venduta a Thomas W. Ward Shipbreakers Ltd. il 18 maggio 1949 e successivamente demolita.

 

 

 

Dati della nave:

Nome:  

HMS Royal Sovereign

Nella marina sovietica:
Archangelsk

Terra:  

Gran Bretagna

Dal 30 maggio 1944 al 4 febbraio 1949 Unione Sovietica

Tipo di nave:  

Corazzata

Classe:  

Revenge-Classe

Cantiere:  

Portsmouth Naval Dockyard

Costi di costruzione:  

2.570.504 Sterlina inglese

Varo:  

29 aprile 1915

Messa in servizio:  

18 aprile 1916

Ubicazioni:  

Venduto e scartato il 18 maggio 1949

Lunghezza:  

190,95 metri

Larghezza:  

27 metri

Bozza:  

8,5 metri

Spostamento:  

Massimo 31.200 tonnellate

Guarnigione:  

997 - 1146 uomini

Guida:  

18 Caldaia a vapore Yarrow

4 set di turbine a vapore
con cambio Parson

Potere:  

40.000 shp (30 MW)

Velocità massima:  

23 nodi (43 chilometri all'ora)

 

Armamento:

 

4 x 38,1 cm Pistole

14 x 15,2 cm Pistole

2 x 7,6 cm Cannoni antiaerei

4 x 4,7 cm Cannoni antiaerei

4 tubi siluro da 53,3 cm

Corazza:  

Nastro 102 - 330 mm

Ponte 20 - 64 mm

Torri 330 mm

Letti a barre 100 - 250 mm

Posto di comando 152 - 280 mm

Cittadella - 152 mm

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Aspetti marittimi della prima guerra mondiale

Aspetti marittimi della prima guerra mondiale Copertina flessibile – 20 nov 2018

Quando si parla di Prima Guerra Mondiale nella mente appaiono immagini raffiguranti cruenti combattimenti terrestri, i gas, la sofferenza della vita in trincea o sulle montagne innevate, dimenticando che la Prima Guerra Mondiale ha avuto una dimensione marittima non secondaria rispetto a quella terrestre, anzi. Appunto in questo sta la peculiarità dell'opera, che guarda e interpreta gli eventi politico-strategici da un punto di vista marittimo, spesso trascurato da molti storici, che privilegiano una visione "terrestre" di quella grande tragedia, non evidenziando a sufficienza che essa fu per gran parte provocata dalla rivalità sui mari e risolta dall'esercizio del potere marittimo dell'Intesa. Prima ancora che si scatenasse il conflitto, infatti, quelli che sarebbero diventati gli opposti schieramenti si confrontarono duramente sul mare con la "diplomazia delle cannoniere", per assicurarsi la libertà di navigazione e il libero accesso alle fonti di materie prime, ponendo sostanzialmente le premesse per il successivo scontro armato. Dopo lo scoppio delle ostilità, la lotta sul mare ha influito in maniera determinante sull'esito della guerra stessa, tant'è vero che il dominio dei mari da parte dell'Intesa e dei suoi alleati ha impedito che le Potenze Centrali potessero disporre di regolari rifornimenti, causando la loro sconfitta per esaurimento delle risorse. In tale ambito, il ruolo strategico dell'Italia è stato estremamente rilevante, nonostante l'esiguità dei mezzi e la relativa modestia delle risorse. Attingendo da fonti inedite, ma sicuramente autorevoli, il libro ripercorre gli eventi politico-marittimi precedenti allo scoppio delle ostilità, narra gli aspetti strategici dei principali scontri navali e illustra le principali ripercussioni politico-strategiche del conflitto. A 100 anni dalla fine di quell'inutile strage, il messaggio che il libro vuole trasmettere, attraverso la descrizione e la lettura degli eventi politico-strategici, è che gli aspetti marittimi hanno influito in maniera determinante sia sull'esplosione del conflitto che sulle successive vicende terrestri e che la Grande Guerra, ancora oggi, ha ancora molto da insegnare a chi desidera comprenderne le motivazioni reali, per evitare di compiere gli stessi errori.

Clicca qui!

 

 

Navi al fronte. La marina italiana e la grande guerra

Navi al fronte. La marina italiana e la grande guerra Copertina flessibile – 8 lug 2015

Le date, i nomi, gli avvenimenti più importanti e i fatti poco conosciuti della storia della Regia Marina durante la Prima guerra mondiale. Dal 24 maggio del 1915 e per 41 mesi di conflitto la Marina italiana ebbe un ruolo da protagonista a dimostrazione che la Grande Guerra non si combatté solo nelle trincee e sulle montagne. La Marina adottò una strategia di attesa e di deterrenza basata sulla conquista del potere marittimo in Adriatico, di cui lo sbarramento del Canale d'Otranto fu il più fulgido esempio. Grazie all'ammiraglio Paolo Thaon di Revel la Marina approntò le misure necessarie per difendere il patrimonio culturale e artistico italiano a partire da Venezia. A questo si aggiunsero vere e proprie operazioni che oggi definiremmo di carattere umanitario quale il salvataggio del popolo e dell'esercito serbo, la cessione di alcune navi per accogliere trovatelli, orfani, figli di pescatori morti in guerra o in mare seguito di naufragio. Grazie al contributo della Marina nacquero le "navi-asilo" che a Genova, Bari, Napoli e Venezia "arruolarono" alla cultura del mare tanti "marinaretti" sottraendoli alla strada, alla fame e alla criminalità. Non mancarono, infine, le eroiche e ardite operazioni, come la famigerata "beffa di Buccari", l'impresa di Pola e la difficile operazione di Premuda, che la Marina Militare ancora oggi celebra ogni 10 giugno come festa di Forza Armata, ad opera di Luigi Rizzo e Giuseppe Aonzo al comando dei MAS 15 e MAS 21.

Clicca qui!

 

 

Battaglie sconosciute. Storia della Regia Marina durante la grande guerra

Battaglie sconosciute. Storia della Regia Marina durante la grande guerra Copertina flessibile – 22 apr 2014

"Battaglie sconosciute" è la storia di tutte le 40 azioni di superficie combattute in Adriatico dalla Regia Marina durante la Grande Guerra. Alcune non erano mai state ricordate neppure nelle opere ufficiali (risalenti a loro volta a settant'anni fa) e nessuna era stata messa puntualmente a confronto con la contemporanea documentazione originale della marina austro-ungarica. Il quadro, finalmente completo, che emerge è quello di una guerra molto diversa da quello che la vulgata corrente ha ricordato, distrattamente, per un secolo. Questo libro è però anche un'analisi inaspettata, a cent'anni dal primo conflitto mondiale, in merito ai veri ruoli rivestiti da amici e nemici nel corso di quella strana guerra. Basato su fonti originali e su una ricca documentazione d'archivio "Battaglie sconosciute" può essere definito un saggio non convenzionale soltanto perché non indulge alla retorica del tempo, ma affronta a mente fredda anche le quantità economiche, politiche, diplomatiche e spionistiche che fanno, silenziosamente, da sfondo a qualsiasi guerra sul mare.

Clicca qui!

 

 

Storia delle navi da guerra. Ediz. illustrata

Storia delle navi da guerra. Ediz. illustrata Copertina rigida – 31 ott 2004

Nate come strumento per affermare la potenza navale di una nazione, le navi da guerra erano in origine poco più che navi mercantili armate con archi e balestre. I rapidi sviluppi tecnologici della nautica portarono alla nascita delle prime vere navi da combattimento, sebbene ancora limitate nella loro capacità offensiva e raggio d'azione. Le tattiche di battaglia navale restarono pertanto inalterate per più di 1500 anni. Il primo vero cambiamento avvenne con l'introduzione della polvere da sparo, che rese possibile alle navi di attaccare a distanza e di elevare i cannoni al rango di armi principali. Il ventesimo secolo celebrerà la trasformazione definitiva della marina militare.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!
Loading cart ...