Corazzata HMS Warspite

La corazzata HMS Warspite apparteneva alla classe Queen Elizabeth, messa in servizio durante la prima guerra mondiale e apparteneva alle più moderne navi da guerra dell'epoca.

 

Lancio e progettazione:

Le navi della classe Queen Elizabeth erano intese come successori della classe Iron Duke, ma per molti aspetti dovevano superarle.

Così l'armamento principale dovrebbe essere aumentato dal calibro 343 mm a 381 mm. I prototipi corrispondenti di queste nuove pistole erano ancora in fase di prova, ma solo sotto la pressione del Primo Signore dell'Ammiragliato Winston Churchill furono inclusi nella costruzione, il che rappresentava un rischio considerevole se le pistole non erano ancora sufficientemente mature.

L'armatura fu notevolmente rinforzata anche nella zona dei fianchi e sott'acqua, poiché le mine e i siluri, in particolare, potevano costituire una minaccia per le navi da guerra e causare gravi danni, se non la distruzione, alla nave. Tuttavia, l'armatura non è stata rinforzata in quanto ritenuta sufficiente.

Nel successivo programma di costruzione del 1912, inizialmente furono pianificate tre navi da battaglia della classe, oltre a un incrociatore da battaglia migliorato HMS Tiger, che era inteso come HMS Leopard. Dopo che le navi dovevano avere una velocità di 25 nodi, il Ministero della Marina decise di fare a meno del Gattopardo e di costruire una quarta corazzata della classe Queen Elizabeth. Quando gli Stati federali malesi hanno promesso il finanziamento di una quinta corazzata, anche questo è stato incluso nella pianificazione.

La critica del direttore delle costruzioni navali, secondo cui un progetto di questo tipo può essere realizzato solo utilizzando solo olio combustibile pesante e non carbone, è stata espressa da Winston Churchill, che ha garantito l'approvvigionamento di petrolio anche in tempo di guerra come responsabile.

L'HMS Warspite fu lanciato il 26 novembre 1913 e messo in servizio il 19 marzo 1915.

 

 

Corazzata HMS Warspite

Corazzata HMS Warspite

 

 

 

Uso in guerra:

Dopo la messa in servizio e le prove, la HMS Warspite è stata assegnata, insieme alle navi gemelle, alla quinta squadra di combattimento.

Nella notte tra il 31 maggio e il 1° giugno 1916 la nave partecipò alla battaglia di Skagerrak. Insieme agli incrociatori da battaglia, le corazzate costituivano la linea principale, motivo per cui le navi avevano il maggior numero di battaglie di fuoco con le navi tedesche. Quando la sera si svolse la battaglia principale e fu ordinato un cambio di rotta per le navi britanniche, il timone dell'HMS Warspite si bloccò in modo che la nave navigasse in cerchio. Ha ricevuto diversi colpi dagli incrociatori tedeschi SMS Lützow e SMS Derfflinger. La nave ha ricevuto un totale di 13 colpi, ma a causa della forte armatura non è stata affondata e non ha avuto morti. Quando la macchina di governo ha funzionato di nuovo, la Warspite ha dovuto lasciare la battaglia in anticipo.

La riparazione della nave durò fino all'agosto 1916.

Fino alla fine della guerra, lo squadrone fece altri progressi nel Mare del Nord, ma non ci furono ulteriori contatti con il nemico.

 

 

Danni alla HMS Warspite dopo la battaglia dello Skagerrak

Danni alla HMS Warspite dopo la battaglia dello Skagerrak

 

Danni alla HMS Warspite dopo la battaglia dello Skagerrak

Danni alla HMS Warspite dopo la battaglia dello Skagerrak

 

 

 

Dispiegamento postbellico:

Dopo la prima guerra mondiale, l'HMS Warspite rimase nella quinta Squadra di Battaglia.

La prima conversione ha avuto luogo tra il 1924 e il 1926, quando la protezione contro gli attacchi top redo è stata rinforzata con perle di siluro attaccate allo scafo. Inoltre, è stato ricostruito il sistema di azionamento e i due camini sono stati combinati in uno solo.

Dopo la trasformazione, la nave si è trasferita nella flotta mediterranea e vi ha servito come nave ammiraglia. Questa funzione che ha esercitato anche in seguito nella flotta atlantica.

Nel 1934 iniziò la seconda ricostruzione della nave. Gran parte delle sovrastrutture sono state rimosse e sostituite da nuove parti. Anche il sistema di azionamento è stato sostituito, cosicché ora erano disponibili altri 5.000 PS. Il risparmio di peso è stato messo in armatura ponte rinforzato, dal momento che il pericolo di attacchi aerei su grandi navi da guerra è aumentato e questi erano solo mal equipaggiate contro tali attacchi dall'alto. Per rafforzare la difesa aerea, sono state aggiunte otto mitragliatrici da 102 mm in doppio carrello, 32 mitragliatrici da 40 mm in quattro carrelli da otto casse e 16 mitragliatrici Vickers da 12,7 mm in quattro carrelli da quattro casse.

Al termine dei lavori di trasformazione, la nave è stata reintegrata nella flotta d'origine.

 

 

 

Uso nella seconda guerra mondiale:

Quando scoppiò la seconda guerra mondiale in Europa, l'HMS Warspite si trovava nel Mediterraneo, ma fu ordinato di nuovo in Gran Bretagna all'inizio di settembre 1939.

Quando l'occupazione della Norvegia da parte della Germania iniziò il 9 aprile 1940 e il primo attacco britannico alle navi tedesche a Narvik fallì il 10 aprile, gli inglesi bloccarono l'uscita del fiordo. Nel pomeriggio del 13 aprile, la HMS Warspite è entrata nel porto di Narvik insieme a cinque cacciatorpediniere. Dopo diversi gol, prima il distruttore tedesco Erich Koellner è stato affondato e poi l'Erich Giese. Il sottomarino tedesco U-64 cadde vittima di uno dei Warspite a bordo di un aereo della Warspite. In serata le navi britanniche lasciarono di nuovo il porto, perché era stato segnalato il pericolo di attacchi di sommergibili tedeschi. Dopo lo sbarco delle truppe alleate, la Warspite fu ritirata dalla Norvegia e riportata nel Mediterraneo.

Il 24 marzo 1941 si svolse una battaglia con la Marina Militare Italiana nel Mediterraneo orientale tra Capo Matapan e l'isola di Gavdos. Dopo che la Germania dovette intervenire nella guerra tra Italia e Grecia, gli Alleati iniziarono a trasferire truppe dal Nord Africa alla Grecia. Per fermare questi trasporti, Hitler fece pressione su Mussolini per permettere alle sue navi da guerra di navigare e attaccare. Il convoglio britannico ha dovuto correre ad ovest di Creta intorno all'isola per rimanere fuori portata dei bombardieri tedeschi. Il vice-ammiraglio dello squadrone italiano Angelo Iachino intendeva attaccare le navi britanniche. Decodificando il traffico radio tedesco, tuttavia, gli inglesi si sono resi conto dell'attacco e hanno persino permesso alle loro navi da guerra di navigare. Dopo la battaglia dei piccoli incrociatori al mattino, gli aerei inglesi hanno cercato di trovare le navi italiane nel pomeriggio. Per fortuna si sono potuti trovare la sera, quando hanno accompagnato la corazzata danneggiata Vittorio Veneto. Le corazzate inglesi aprirono il fuoco e in breve tempo riuscirono ad affondare il distruttore Alfieri e i piccoli incrociatori Fiume e Zara.

Nel maggio 1941, la Wehrmacht tedesca iniziò l'occupazione di Creta. L'HMS Warspite usato come supporto fu colpito da una bomba di un bombardiere tedesco il 22 maggio. La bomba ha attraversato il ponte ed è esplosa nel ponte della casamatta, che a sua volta ha portato ad ulteriori incendi sulla nave. Il colpo è costato la vita a 38 membri dell'equipaggio, e sia l'artiglieria di mezzo che i cannoni antiaerei a dritta sono falliti. La nave ha quindi dovuto interrompere il supporto ed è arrivata ad Alessandria per una riparazione di fortuna.

Il 23 giugno il porto di Alessandria è stato attaccato dai bombardieri tedeschi e il warspite è stato nuovamente danneggiato da una bomba aerea. Due giorni dopo l'attacco, la nave fu spostata a Bremerton, negli Stati Uniti, dove alla fine di dicembre 1941 era di nuovo pienamente operativa.

La Warspite si è poi trasferita nell'Oceano Indiano, dove è stata la nave ammiraglia della flotta orientale fino alla metà del 1943.

Nel corso dello sbarco degli Alleati in Sicilia e nei pressi di Salerno, l'HMS Warspite è stato trasferito nuovamente nel Mediterraneo per ricevere sostegno. Mentre l'atterraggio in Sicilia avvenne senza grandi perdite, l'atterraggio a Salerno fu diverso. Il 13 settembre 1943, lo squadrone di caccia tedesco volò 100 attacchi contro le navi alleate utilizzando le nuove bombe scorrevoli FX 1400 (Fritz X). Le navi USS Savannah, HMS Uganda e HMS Warspite sono state gravemente danneggiate. Il warspite ha poi dovuto essere portato al cantiere navale di Malta da due rimorchiatori per la riparazione.

Poiché la nave era già stata progettata per lo sbarco in Normandia, è stata riparata solo provvisoriamente a Malta e poi portata in Gran Bretagna.

Durante lo sbarco nel nord della Francia, la nave sostenne i soldati con solo tre torrette operative, bombardando le fortificazioni e i bunker del Muro atlantico tedesco. Dopo il completamento dell'operazione, la nave è ritornata in Gran Bretagna.

 

 

Vista del ponte dell'HMS Warspite del 3 luglio 1943

Vista del ponte dell'HMS Warspite del 3 luglio 1943

 

La HMS Warspite durante il bombardamento del muro atlantico tedesco

La HMS Warspite durante il bombardamento del muro atlantico tedesco

 

 

 

Ubicazioni:

Dopo la seconda guerra mondiale, l'HMS Warspite fu disattivato e venduto nel marzo 1946.

Sulla strada per il porto dove la nave doveva essere demolita, le corde di rimorchio si sono strappate e la nave si è arenata a Land's End, a sud-ovest della Gran Bretagna. I lavori di demolizione si sono potuti effettuare sul posto solo a partire dal 1950 e sono durati fino al 1956.

 

 

 

Dati della nave:

Nome:  

HMS Warspite

Terra:  

Gran Bretagna

Tipo di nave:  

Corazzata

Classe:  

Queen-Elizabeth-Classe

Cantiere:  

Devonport Dockyard, Plymouth

Costi di costruzione:  

circa 2.500.000 sterline inglesi

Varo:  

26 novembre 1913

Messa in servizio:  

19 marzo 1915

Ubicazioni:  

1946 venduto, si è arenato durante l'attraversamento di Land's End ed è stato demolito in loco dal 1950 al 1956

Lunghezza:  

195 metri

Larghezza:  

27,6 metri

Bozza:  

Massimo 9,3 metri

Spostamento:  

Massimo 33.000 tonnellate

Guarnigione:  

925 - 1.184 uomini

Guida:  

24 Caldaia a millefoglie

4 Turbine a vapore Brown Curtis

del 1937:
6 Caldaia Admiralty

4 turbine a ingranaggi Parsons

Potere:  

77.510 PS (57.009 kW)

Velocità massima:  

24 nodi (44 chilometri all'ora)

 

Armamento:

 

8 x 38,1 cm L/42 BL Pistole

12 x 15,2 cm L/45 BL Pistole

2 x 10,2 cm L/45 Cannoni antiaerei

2 Cannoni antiaerei da 76 mm

4 x tubi siluro ∅ 53,3 cm

 

del 1937:

8 x 38,1 cm L/42 Pistole a fuoco rapido

8 x 15,2 cm L/45 Pistole a fuoco rapido

8 x 10,2 cm Pistole L/45 cm

Mitragliatrici 16 x 12,7 mm

Corazza:  

Nastro: 102 - 330 mm

Cittadella: 152 mm

Piano superiore: 25 mm

Ponte superiore blindato: 32 - 45 mm

Ponte inferiore blindato: 25 - 76 mm

Torri: 127 - 330 mm

Letti a barra: 102 - 254 mm

Casamatta: 152 mm

Torre di comando anteriore: 102 - 279 mm

Stazione di controllo poppa: 102 - 152 mm

Paratie trasversali: 51 - 152 mm

Paratia di siluro: 51 mm

Camini: 38 mm

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Aspetti marittimi della prima guerra mondiale

Aspetti marittimi della prima guerra mondiale Copertina flessibile – 20 nov 2018

Quando si parla di Prima Guerra Mondiale nella mente appaiono immagini raffiguranti cruenti combattimenti terrestri, i gas, la sofferenza della vita in trincea o sulle montagne innevate, dimenticando che la Prima Guerra Mondiale ha avuto una dimensione marittima non secondaria rispetto a quella terrestre, anzi. Appunto in questo sta la peculiarità dell'opera, che guarda e interpreta gli eventi politico-strategici da un punto di vista marittimo, spesso trascurato da molti storici, che privilegiano una visione "terrestre" di quella grande tragedia, non evidenziando a sufficienza che essa fu per gran parte provocata dalla rivalità sui mari e risolta dall'esercizio del potere marittimo dell'Intesa. Prima ancora che si scatenasse il conflitto, infatti, quelli che sarebbero diventati gli opposti schieramenti si confrontarono duramente sul mare con la "diplomazia delle cannoniere", per assicurarsi la libertà di navigazione e il libero accesso alle fonti di materie prime, ponendo sostanzialmente le premesse per il successivo scontro armato. Dopo lo scoppio delle ostilità, la lotta sul mare ha influito in maniera determinante sull'esito della guerra stessa, tant'è vero che il dominio dei mari da parte dell'Intesa e dei suoi alleati ha impedito che le Potenze Centrali potessero disporre di regolari rifornimenti, causando la loro sconfitta per esaurimento delle risorse. In tale ambito, il ruolo strategico dell'Italia è stato estremamente rilevante, nonostante l'esiguità dei mezzi e la relativa modestia delle risorse. Attingendo da fonti inedite, ma sicuramente autorevoli, il libro ripercorre gli eventi politico-marittimi precedenti allo scoppio delle ostilità, narra gli aspetti strategici dei principali scontri navali e illustra le principali ripercussioni politico-strategiche del conflitto. A 100 anni dalla fine di quell'inutile strage, il messaggio che il libro vuole trasmettere, attraverso la descrizione e la lettura degli eventi politico-strategici, è che gli aspetti marittimi hanno influito in maniera determinante sia sull'esplosione del conflitto che sulle successive vicende terrestri e che la Grande Guerra, ancora oggi, ha ancora molto da insegnare a chi desidera comprenderne le motivazioni reali, per evitare di compiere gli stessi errori.

Clicca qui!

 

 

Navi al fronte. La marina italiana e la grande guerra

Navi al fronte. La marina italiana e la grande guerra Copertina flessibile – 8 lug 2015

Le date, i nomi, gli avvenimenti più importanti e i fatti poco conosciuti della storia della Regia Marina durante la Prima guerra mondiale. Dal 24 maggio del 1915 e per 41 mesi di conflitto la Marina italiana ebbe un ruolo da protagonista a dimostrazione che la Grande Guerra non si combatté solo nelle trincee e sulle montagne. La Marina adottò una strategia di attesa e di deterrenza basata sulla conquista del potere marittimo in Adriatico, di cui lo sbarramento del Canale d'Otranto fu il più fulgido esempio. Grazie all'ammiraglio Paolo Thaon di Revel la Marina approntò le misure necessarie per difendere il patrimonio culturale e artistico italiano a partire da Venezia. A questo si aggiunsero vere e proprie operazioni che oggi definiremmo di carattere umanitario quale il salvataggio del popolo e dell'esercito serbo, la cessione di alcune navi per accogliere trovatelli, orfani, figli di pescatori morti in guerra o in mare seguito di naufragio. Grazie al contributo della Marina nacquero le "navi-asilo" che a Genova, Bari, Napoli e Venezia "arruolarono" alla cultura del mare tanti "marinaretti" sottraendoli alla strada, alla fame e alla criminalità. Non mancarono, infine, le eroiche e ardite operazioni, come la famigerata "beffa di Buccari", l'impresa di Pola e la difficile operazione di Premuda, che la Marina Militare ancora oggi celebra ogni 10 giugno come festa di Forza Armata, ad opera di Luigi Rizzo e Giuseppe Aonzo al comando dei MAS 15 e MAS 21.

Clicca qui!

 

 

Battaglie sconosciute. Storia della Regia Marina durante la grande guerra

Battaglie sconosciute. Storia della Regia Marina durante la grande guerra Copertina flessibile – 22 apr 2014

"Battaglie sconosciute" è la storia di tutte le 40 azioni di superficie combattute in Adriatico dalla Regia Marina durante la Grande Guerra. Alcune non erano mai state ricordate neppure nelle opere ufficiali (risalenti a loro volta a settant'anni fa) e nessuna era stata messa puntualmente a confronto con la contemporanea documentazione originale della marina austro-ungarica. Il quadro, finalmente completo, che emerge è quello di una guerra molto diversa da quello che la vulgata corrente ha ricordato, distrattamente, per un secolo. Questo libro è però anche un'analisi inaspettata, a cent'anni dal primo conflitto mondiale, in merito ai veri ruoli rivestiti da amici e nemici nel corso di quella strana guerra. Basato su fonti originali e su una ricca documentazione d'archivio "Battaglie sconosciute" può essere definito un saggio non convenzionale soltanto perché non indulge alla retorica del tempo, ma affronta a mente fredda anche le quantità economiche, politiche, diplomatiche e spionistiche che fanno, silenziosamente, da sfondo a qualsiasi guerra sul mare.

Clicca qui!

 

 

Storia delle navi da guerra. Ediz. illustrata

Storia delle navi da guerra. Ediz. illustrata Copertina rigida – 31 ott 2004

Nate come strumento per affermare la potenza navale di una nazione, le navi da guerra erano in origine poco più che navi mercantili armate con archi e balestre. I rapidi sviluppi tecnologici della nautica portarono alla nascita delle prime vere navi da combattimento, sebbene ancora limitate nella loro capacità offensiva e raggio d'azione. Le tattiche di battaglia navale restarono pertanto inalterate per più di 1500 anni. Il primo vero cambiamento avvenne con l'introduzione della polvere da sparo, che rese possibile alle navi di attaccare a distanza e di elevare i cannoni al rango di armi principali. Il ventesimo secolo celebrerà la trasformazione definitiva della marina militare.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!
Loading cart ...