Corazzata Jean Bart (dal 1937 Océan)

La corazzata Jean Bart apparteneva alla classe Courbet ed è stata quindi una delle prime corazzate moderne e moderne della Marina francese ad essere completata poco prima della prima guerra mondiale.

 

Lancio e design:

Con il lancio della britannica HMS Dreadnought nel 1906, il concetto di corazzate cambiò radicalmente. Le corazzate francesi erano equipaggiate con diversi calibri come la classe Danton, ma fino al 1909 l'atteggiamento della dirigenza navale francese cambiò.

Dal 1910, Augustin Boué de Lapeyrère è il nuovo ministro responsabile del ministero navale francese e dirige anche il programma del 1906 per l'ammodernamento e l'espansione della flotta francese. Lapeyrère ha seguito i modelli costruiti in altri paesi dell'epoca nel proporre e progettare nuove corazzate. Le navi della classe Courbet dovevano avere una lunghezza di 166 metri e una larghezza di 27 metri con un dislocamento massimo di 25.850 tonnellate.

Come armamento sono state selezionate dodici pistole da 30,5 cm L/45 Modello 1910. Queste armi furono introdotte già nel 1906 con la sigla L/45 Modello 1906, ma successivamente furono in qualche modo modificate. Questi cannoni erano alloggiati in torrette gemelle del peso di 6 x 560 tonnellate, con 2 torrette anteriori e posteriori e 1 torretta laterale. Per l'artiglieria di mezzo i progettisti hanno scelto pistole L/55 modello 1910 da 22 x 13,86 cm. Queste armi erano inferiori a navi da guerra della Gran Bretagna e del Reich tedesco, ma avevano un'ottima manovrabilità durante il processo di caricamento e una velocità di sparo più elevata. Sono stati installati altri 4 tubi siluri da 45 cm del modello 1909, i cui tubi giacevano sotto la linea di galleggiamento.

A differenza delle successive navi sorelle Francia e Parigi, la Jean Bart e la nave tipo Courbet 24 Niclausse avevano caldaie per azionare i due gruppi turbina a vapore Parsons costruiti su licenza, ciascuno con due alberi di elica. L'obiettivo era di raggiungere una potenza di 28.000 PS e una velocità massima di 21 nodi (39 chilometri all'ora). Durante i test drive successivi, tuttavia, la velocità è stata leggermente inferiore a quella di prova.

Per contrastare il pericolo crescente dei siluri e di tali attacchi, è stata rinforzata l'armatura dell'armatura principale delle navi. La protezione corazzata lunga 99 metri e alta 4,75 metri era di 2,35 metri sopra e 2,40 metri sotto la linea di galleggiamento e aveva uno spessore fino a 270 mm.

La costruzione della Jean Bart inizia dopo l'ordine dell'11 agosto 1910, il varo il 22 settembre 1911 e l'entrata in servizio il 15 giugno 1913. Anche se la nave è la prima della sua classe ad essere completata, la classe prende comunque il nome dal Courbet.

 

 

Corazzata Jean Bart

 

 

 

Uso in guerra:

Dopo la messa in funzione sono state effettuate alcune prove. Questi hanno portato il Jean Bart il 18 settembre 1913 anche a Dunkerque, il luogo di nascita del bucaniere Jean Bart che ha servito come eponimo della nave. Il 19 novembre 1913 il Jean Bart, insieme alla nave gemella Courbet, viene ufficialmente consegnato al 1° dipartimento di battaglia di Tolone. A metà del 1914 furono effettuati diversi viaggi nel Mar Baltico, tra cui visite a San Pietroburgo, Kronstadt e Stoccolma. A causa delle crescenti tensioni politiche in Europa, il viaggio a Copenaghen è stato annullato e le navi sono state messe in allerta.

Dopo che l'impero tedesco dichiarò guerra alla Francia il 3 agosto 1914, le due corazzate Courbet e Jean Bart erano ancora nel porto di Brest. Durante la notte sono fuggiti da Tolone e sono stati raccolti dalle corazzate Condorcet e Vergniaud il 6 agosto davanti a Valencia, Spagna, perché la Francia non aveva ancora abbastanza munizioni per i cannoni delle nuove corazzate.

Dopo la dichiarazione di guerra contro l'Austria-Ungheria del 12 agosto 1914, il vice-ammiraglio Augustin Boué de Lapeyrère, comandante delle forze navali alleate nel Mediterraneo, decise di portare le sue navi sulla costa adriatica per impedire la partenza della flotta austro-ungarica. Il 15 agosto, la flotta è stata integrata da diverse navi da guerra britanniche. Il comandante divise la sua flotta per raggiungere vari obiettivi, e il 16 agosto incontrarono diverse navi nemiche. Durante la battaglia successiva l'incrociatore protetto Zenta fu affondato prima di Antivari. Successivamente, il 1° settembre sono state incendiate diverse fortificazioni sulla costa austro-ungarica. Più avanti nel corso dell'anno, le navi pattugliavano tra la costa greca e quella italiana. Il sommergibile austro-ungarico U-12 del 21 dicembre 1914, il Jean Bart fu silurato e gravemente danneggiato dal sottomarino austro-ungarico U-12. Nonostante l'ingresso dell'acqua, la nave è riuscita a fare scalo sull'isola greca di Cefalonia, dove è stato possibile effettuare riparazioni provvisorie. In seguito la nave entrò nel porto di Malta dove giaceva fino al 3 aprile 1915 nel cantiere navale.

L'attacco dimostrò al comandante de Lapeyrère che le corazzate non erano ancora sufficientemente protette contro i sommergibili e quindi consentivano loro di navigare solo nel sud del Mar Ionio.

Quando l'Italia dichiarò guerra all'Austria-Ungheria il 23 maggio 1915 ed entrò in guerra a fianco degli Alleati, la marina italiana si impadronì della protezione delle coste, consentendo il ritiro delle navi da guerra francesi.

Dal 27 aprile 1916, la marina francese poté utilizzare come base anche il porto di Argostoli sull'isola greca di Cefalonia e vi trasferì la maggior parte delle sue navi. Dato che le corazzate non venivano più utilizzate, alcune parti dell'equipaggio sono state addestrate sui sommergibili e utilizzate con questi ultimi.

All'inizio del 1917 l'isola greca di Corfù poteva essere utilizzata anche come base oltre ad Argostoli, ma la crescente carenza di carbone e il limitato raggio d'azione delle navi da guerra divenne evidente. A partire dal 1918, la carenza era così grande che le navi da guerra non erano quasi più operative. L'ultimo anno di guerra fu quindi utilizzato principalmente per misure di ricostruzione e il 1° luglio 1918 il Jean Bart fu assegnato al 2° dipartimento di combattimento della 1° squadriglia di combattimento e vi rimase fino alla fine della guerra.

 

 

Cartolina della corazzata Jean Bart dell'anno 1915

 

Corazzata Jean Bart

 

 

 

Lo spiegamento del dopoguerra:

Dopo la firma dell'armistizio tra gli Alleati e l'Impero Ottomano il 30 ottobre 1918, Jean Bart partecipò all'occupazione di Costantinopoli. Segue il trasferimento nel Mediterraneo per sostenere le truppe francesi nella lotta contro le truppe bolsceviche in Russia. Dal 19 aprile 1919, ci fu un breve ammutinamento sulla nave, poiché i marinai erano stanchi della guerra e simpatizzanti dell'idea socialista e rivoluzionaria dei ribelli in Russia. Il capitano della nave è stato in grado di rassicurare il suo equipaggio il 20 aprile, ma in cambio ha dovuto permettere loro di scendere a terra. Lì alcuni marinai si mischiarono con la dimostrazione pro-bolscevica, che portò ad un confronto con i fanti greci. 6 marinai furono feriti nelle battaglie, uno morì poco dopo a causa delle sue ferite. L'atmosfera riscaldata a bordo della nave si è rilassata solo dopo che il capitano ha ordinato il viaggio di ritorno a casa.

Il 1° luglio 1919 la nave torna a Tolone e viene assegnata alla riserva. La ristrutturazione della flotta il 10 febbraio 1920 crea le flotte del Mediterraneo occidentale e orientale. La Jean Bart fu assegnata insieme alla nave gemella Courbet alla flotta occidentale fino alla fusione delle due flotte, avvenuta il 20 luglio 1921.

Dal 12 ottobre 1923 al 29 gennaio 1925 la nave è stata completamente revisionata e ha ricevuto alcuni ammodernamenti. Tra queste, la sostituzione di alcune caldaie a carbone con caldaie a olio combustibile e la modifica dell'armamento principale, aumentando la portata dei cannoni.

Fino al secondo e molto più ampio ammodernamento del 7 agosto 1929, la nave partecipò principalmente alle manovre e visitò diversi porti. Durante il secondo ammodernamento, come nel caso del Courbet, tutte le caldaie sono state sostituite, il sistema di controllo degli incendi e i telemetri. Inoltre, alcune armi più vecchie sono state sostituite con armi antiaeree più recenti. La conversione fu completata il 29 settembre 1931.

Dopo la rinnovata messa in servizio come nave ammiraglia del 2° dipartimento di combattimento il 1° ottobre 1931, il Jean Bart effettuò alcune manovre e viaggi di andata e ritorno nel Mediterraneo.

L'ultimo viaggio di andata e ritorno è stato effettuato fino al 15 giugno 1935. Successivamente, il comando navale francese ha deciso di non procedere ad un'ulteriore revisione e modernizzazione, in quanto la nave era già troppo vecchia in generale e i costi per una trasformazione sarebbero stati troppo elevati. La nave fu quindi utilizzata il 15 agosto 1935 a Tolone come nave residenziale per la scuola navale e il suo armamento fu ampliato. Per liberare il nome Jean Bart per la nuova corazzata della classe Richelieu, la nave fu ribattezzata Océan il 1° gennaio 1937.

 

 

 

Uso nella seconda guerra mondiale:

Dopo l'inizio della seconda guerra mondiale, l'Océan rimase come nave residenziale nel porto di Tolone e non dovette essere consegnata alla Germania anche dopo la resa della Francia nel 1940.

Tuttavia, dopo che la Wehrmacht iniziò ad occupare parti di Vichy France nel 1942, l'Océan cadde nelle loro mani intatta il 27 novembre 1942. La Wehrmacht consegnò la nave alla Kriegsmarine, che la utilizzò dalla fine del 1943 per esperimenti con testate.

 

 

 

Ubicazioni:

Dopo un bombardamento alleato sul porto di Tolone il 7 agosto 1944, l'Océan fu così gravemente danneggiato che affondò nel porto. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, il relitto fu demolito il 14 dicembre 1945.

 

 

 

Dati della nave:

Nome:  

Jean Bart, dal 1° gennaio 1937 Océan

Terra:  

Francia

Tipo di nave:  

Corazzata

Classe:  

Courbet-Classe

Cantiere navale:  

Arsenal de Brest

Costi di costruzione:  

circa 60.200.000 franchi

Varo:  

22 settembre 1911

Messa in servizio:  

15 giugno 1913

Ubicazioni:  

Affondata il 7 agosto 1944 dopo un raid aereo, demolita il 14 dicembre 1945

Lunghezza:  

168 metri

Larghezza:  

27,9 metri

Bozza:  

Massimo 9 metri

Dislocamento:  

Massimo 26.000 tonnellate

Guarnigione:  

1.085 a 1.108 uomini

Guida:  

24 Caldaia Niclausse

4 Parsons turbine a vapore

dal 1931:
22 Caldaia du Temple

4 turbine a ingranaggi Parsons

Potere:  

28.000 PS (20.594 kW)

Velocità massima:  

21 nodi (39 chilometri all'ora)

 

Armamento:

 

12 × Pistola a fuoco rapido 30,5 cm L/45 Modello 1910 in torrette doppie

22 × Pistola a fuoco rapido 13,86 cm L/55 modello 1910 in torri singole

4 × Pistola a fuoco rapido 4,7 cm L/50 Hotchkiss

4 × Tubi siluro ⌀ 45 cm

Corazza:  

Cintura: 180-270 mm
Cittadella: 180 mm
Piano superiore: 30-40 mm
Piatto batterie: 12 mm
Ponte superiore blindato: 45 mm
Ponte inferiore blindato: 40 mm
Bordi: 70 mm
Torre di comando: 270-300 mm
Letti a barra: 280 mm
Torri: 100-290 mm
Casemate: 180 mm

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Aspetti marittimi della prima guerra mondiale

Aspetti marittimi della prima guerra mondiale Copertina flessibile – 20 nov 2018

Quando si parla di Prima Guerra Mondiale nella mente appaiono immagini raffiguranti cruenti combattimenti terrestri, i gas, la sofferenza della vita in trincea o sulle montagne innevate, dimenticando che la Prima Guerra Mondiale ha avuto una dimensione marittima non secondaria rispetto a quella terrestre, anzi. Appunto in questo sta la peculiarità dell'opera, che guarda e interpreta gli eventi politico-strategici da un punto di vista marittimo, spesso trascurato da molti storici, che privilegiano una visione "terrestre" di quella grande tragedia, non evidenziando a sufficienza che essa fu per gran parte provocata dalla rivalità sui mari e risolta dall'esercizio del potere marittimo dell'Intesa. Prima ancora che si scatenasse il conflitto, infatti, quelli che sarebbero diventati gli opposti schieramenti si confrontarono duramente sul mare con la "diplomazia delle cannoniere", per assicurarsi la libertà di navigazione e il libero accesso alle fonti di materie prime, ponendo sostanzialmente le premesse per il successivo scontro armato. Dopo lo scoppio delle ostilità, la lotta sul mare ha influito in maniera determinante sull'esito della guerra stessa, tant'è vero che il dominio dei mari da parte dell'Intesa e dei suoi alleati ha impedito che le Potenze Centrali potessero disporre di regolari rifornimenti, causando la loro sconfitta per esaurimento delle risorse. In tale ambito, il ruolo strategico dell'Italia è stato estremamente rilevante, nonostante l'esiguità dei mezzi e la relativa modestia delle risorse. Attingendo da fonti inedite, ma sicuramente autorevoli, il libro ripercorre gli eventi politico-marittimi precedenti allo scoppio delle ostilità, narra gli aspetti strategici dei principali scontri navali e illustra le principali ripercussioni politico-strategiche del conflitto. A 100 anni dalla fine di quell'inutile strage, il messaggio che il libro vuole trasmettere, attraverso la descrizione e la lettura degli eventi politico-strategici, è che gli aspetti marittimi hanno influito in maniera determinante sia sull'esplosione del conflitto che sulle successive vicende terrestri e che la Grande Guerra, ancora oggi, ha ancora molto da insegnare a chi desidera comprenderne le motivazioni reali, per evitare di compiere gli stessi errori.

Clicca qui!

 

 

Navi al fronte. La marina italiana e la grande guerra

Navi al fronte. La marina italiana e la grande guerra Copertina flessibile – 8 lug 2015

Le date, i nomi, gli avvenimenti più importanti e i fatti poco conosciuti della storia della Regia Marina durante la Prima guerra mondiale. Dal 24 maggio del 1915 e per 41 mesi di conflitto la Marina italiana ebbe un ruolo da protagonista a dimostrazione che la Grande Guerra non si combatté solo nelle trincee e sulle montagne. La Marina adottò una strategia di attesa e di deterrenza basata sulla conquista del potere marittimo in Adriatico, di cui lo sbarramento del Canale d'Otranto fu il più fulgido esempio. Grazie all'ammiraglio Paolo Thaon di Revel la Marina approntò le misure necessarie per difendere il patrimonio culturale e artistico italiano a partire da Venezia. A questo si aggiunsero vere e proprie operazioni che oggi definiremmo di carattere umanitario quale il salvataggio del popolo e dell'esercito serbo, la cessione di alcune navi per accogliere trovatelli, orfani, figli di pescatori morti in guerra o in mare seguito di naufragio. Grazie al contributo della Marina nacquero le "navi-asilo" che a Genova, Bari, Napoli e Venezia "arruolarono" alla cultura del mare tanti "marinaretti" sottraendoli alla strada, alla fame e alla criminalità. Non mancarono, infine, le eroiche e ardite operazioni, come la famigerata "beffa di Buccari", l'impresa di Pola e la difficile operazione di Premuda, che la Marina Militare ancora oggi celebra ogni 10 giugno come festa di Forza Armata, ad opera di Luigi Rizzo e Giuseppe Aonzo al comando dei MAS 15 e MAS 21.

Clicca qui!

 

 

Battaglie sconosciute. Storia della Regia Marina durante la grande guerra

Battaglie sconosciute. Storia della Regia Marina durante la grande guerra Copertina flessibile – 22 apr 2014

"Battaglie sconosciute" è la storia di tutte le 40 azioni di superficie combattute in Adriatico dalla Regia Marina durante la Grande Guerra. Alcune non erano mai state ricordate neppure nelle opere ufficiali (risalenti a loro volta a settant'anni fa) e nessuna era stata messa puntualmente a confronto con la contemporanea documentazione originale della marina austro-ungarica. Il quadro, finalmente completo, che emerge è quello di una guerra molto diversa da quello che la vulgata corrente ha ricordato, distrattamente, per un secolo. Questo libro è però anche un'analisi inaspettata, a cent'anni dal primo conflitto mondiale, in merito ai veri ruoli rivestiti da amici e nemici nel corso di quella strana guerra. Basato su fonti originali e su una ricca documentazione d'archivio "Battaglie sconosciute" può essere definito un saggio non convenzionale soltanto perché non indulge alla retorica del tempo, ma affronta a mente fredda anche le quantità economiche, politiche, diplomatiche e spionistiche che fanno, silenziosamente, da sfondo a qualsiasi guerra sul mare.

Clicca qui!

 

 

Storia delle navi da guerra. Ediz. illustrata

Storia delle navi da guerra. Ediz. illustrata Copertina rigida – 31 ott 2004

Nate come strumento per affermare la potenza navale di una nazione, le navi da guerra erano in origine poco più che navi mercantili armate con archi e balestre. I rapidi sviluppi tecnologici della nautica portarono alla nascita delle prime vere navi da combattimento, sebbene ancora limitate nella loro capacità offensiva e raggio d'azione. Le tattiche di battaglia navale restarono pertanto inalterate per più di 1500 anni. Il primo vero cambiamento avvenne con l'introduzione della polvere da sparo, che rese possibile alle navi di attaccare a distanza e di elevare i cannoni al rango di armi principali. Il ventesimo secolo celebrerà la trasformazione definitiva della marina militare.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!