Corazzata Suffren

La corazzata Suffren è stata una delle prime corazzate francesi ad essere costruita alla fine del XIX secolo e utilizzata durante la prima guerra mondiale.

 

Lancio e progettazione:

Nel corso dell'armamento francese della marina e l'obiettivo di avere 24 corazzate costruite e in servizio fino all'inizio del XX secolo, una versione solo leggermente modificata è stata richiesta dopo l'inizio della costruzione della corazzata Iéna per risparmiare tempo per lo sviluppo.

Così solo l'armamento e l'armatura dovrebbero essere rinforzati, il disegno rimanente dovrebbe essere ripreso completamente. Solo quando la marina francese ha accettato il progetto e ha richiesto ulteriori modifiche, il progetto ha dovuto essere modificato più di quanto inizialmente previsto. L'artiglieria di mezzo non doveva più essere alloggiata in casematte, ma in torri. Anche l'armatura del girovita doveva diventare più spessa e continua. Dopo che è stato anche richiesto di aumentare il numero di granate dei cannoni principali da 45 a 60, gli sviluppatori hanno dovuto adattare il progetto di conseguenza e si sono occupati solo della costruzione di base dell'Iéna.

La corazzata Suffren aveva una lunghezza totale di 125,91 metri, una larghezza di 21,42 metri e un pescaggio di 8,22 metri ed era quindi leggermente più grande dell'Iéna. Il dislocamento massimo era di 12.892 tonnellate.

Come per le altre corazzate francesi, 4 cannoni da 305 mm in due doppie torrette costituivano l'armamento principale del Suffren. Solo il numero di conchiglie trasportate è stato aumentato da 45 a 60. L'artiglieria centrale consisteva di 10 cannoni da 164 mm, sei dei quali giacevano in un'unica torretta su ogni lato della nave e gli altri quattro in casematte sul primo ponte. L'armamento comprendeva anche 8 x 100 mm, 20 x 47 mm, 2 pistole da 37 mm e 4 tubi siluro da 450 mm.

L'armatura della nave è diventata più continua e ha avuto uno spessore massimo di 300 mm. Il ponte era dotato di armatura di 60 mm di spessore, il cannone principale di 290 mm e l'artiglieria centrale fino a 192 mm.

Era azionata da tre motori a vapore verticali a tripla espansione, ciascuno dei quali azionava una vite, con la vite centrale a tre ali e le due esterne a quattro ali ciascuna. La potenza richiesta di 16.200 PS è stata fornita da 24 caldaie a tubi d'acqua, che hanno permesso alla nave di raggiungere una velocità massima di 17 nodi.

Il Suffren fu poi lanciato il 25 luglio 1899 e messo in servizio il 3 febbraio 1904.

 

 

Disegno della corazzata Suffren

 

Corazzata Suffren

 

 

 

Carriera dei Suffren:

Originariamente la messa in servizio era prevista per il 1903, ma, poiché la consegna di importanti componenti fu ritardata, la nave poté essere ufficialmente consegnata alla marina francese solo il 3 febbraio 1904. Per compensare il tempo delle prove sul piazzale, già nel novembre 1903 furono effettuati i primi viaggi e prove con la nave.

Dopo che il Suffren fu completamente equipaggiato e consegnato, fu assegnato alla squadriglia del Mediterraneo, dove servì come nave ammiraglia dall'aprile 1904 sotto il comando del vice ammiraglio Gourdon.

Nei due anni successivi sono state eseguite diverse manovre. Durante queste manovre la nave presentava notevoli carenze nella propulsione delle ancore, che avevano una potenza troppo bassa per il peso delle ancore. D'altra parte la propulsione dell'elica centrale ha causato problemi, perché si è surriscaldata rapidamente e quindi non poteva essere utilizzata completamente funzionante. Fino al 1906, questi difetti sono stati corretti da diversi soggiorni in cantieri navali.

Nel febbraio 1906 fu eseguita un'altra manovra. Il 5 febbraio c'è stata una collisione tra il Suffren e il sommergibile sommerso Bonite, quando il sommergibile ha calcolato la sua posizione sbagliata ed era direttamente di fronte al Suffren in movimento. Solo con un rapido cambio di rotta della corazzata si è potuto impedire il peggio, tuttavia il sottomarino è stato toccato e danneggiato.

Durante un soggiorno nel cantiere navale di Tolone, il 12 marzo 1907, si verificò una forte esplosione sulla corazzata Iéna, che giaceva accanto al Suffren nel molo. Anche il Suffren è stato leggermente danneggiato dallo shock e dalle parti volanti.

Ulteriori modifiche avvennero all'inizio del 1908 e dal dicembre 1910 al febbraio 1911 quando un albero dell'elica si ruppe, l'elica andò perduta e la nave dovette attendere la sostituzione.

Durante una manovra del maggio 1914 si verificò un altro incidente. Questa volta il Suffren è stato speronato dalla corazzata Démocratie quando il Suffren non poteva più essere governato. Entrambe le navi sono state solo leggermente danneggiate, ma entrambe hanno dovuto essere riparate in cantiere per poter essere nuovamente operative a metà anno a causa delle crescenti tensioni politiche.

 

 

Vista della torretta della pistola anteriore Suffren

 

 

 

Uso in guerra:

Poco dopo lo scoppio della prima guerra mondiale, il Suffren fu dotato di nuovi telemetri. Il 26 settembre 1914 la nave fu trasferita ai Dardanelli, dove, insieme alla corazzata Vérité, doveva impedire alle due navi tedesche SMS Goeben e SMS Breslau di rientrare nel Mediterraneo.

Il 3 novembre, le prime posizioni dell'esercito ottomano sono state sparate ai Dardanelli. Anche se questo portò solo piccoli danni, le truppe ottomane rafforzarono le loro posizioni in cambio, causando in seguito ingenti perdite per le truppe alleate.

Dal 16 novembre al 9 gennaio 1915 il Suffren di Tolone era in cantiere per la revisione. La nave fu poi rispedita ai Dardanelli per rafforzare la flotta alleata che si stava preparando all'invasione esistente.

Il bombardamento è iniziato il 19 febbraio, quando le corazzate francesi e britanniche hanno sparato alle posizioni lungo lo Stretto. Il 25 febbraio, il 2, il 2, il 7 e l'11 marzo. Questi hanno danneggiato solo leggermente il Suffren. Solo l'attacco su larga scala del 18 marzo ha portato a una catastrofe. Complessivamente il Suffren ha ricevuto circa 14 colpi durante l'avanzata, con la distruzione completa di una torretta di un'arma da 164 mm e l'uccisione dell'intero equipaggio operativo. Alcune parti in fiamme dal ponte sono cadute anche nelle riviste dove hanno appiccato un incendio. Potrebbe spegnersi giusto in tempo prima che le granate esplodessero. Un altro colpo a prua della nave ha distrutto la sottostruttura della torretta anteriore in modo che non fosse più funzionante. Durante la sua ritirata dallo stretto, la squadriglia ha perso anche la corazzata Bouvet dopo aver navigato verso una miniera di mare e affondato in 2 minuti. 75 membri dell'equipaggio sono stati salvati dal Suffren prima che dovesse accompagnare il Gaulois gravemente danneggiato dai Dardanelli.

 

 

 

Disegno della corazzata Suffren 1915 durante la battaglia dei Dardanelli

 

 

 

Fino al 3 aprile 1915 la scorta della corazzata Gaulois fino al porto di Tolone, dove entrambe le navi furono riparate successivamente. Il Suffren era già operativo dal 20 maggio e fu rispedito ai Dardanelli per sostenere le truppe alleate. Dopo la fine del sostegno il 31 dicembre 1915, la nave ritornò al porto di Kefalos. Ha speronato la nave da trasporto Saint Oswald, che affondò in seguito. Per riparare il danno, il Suffren dovette essere riportato a Tolone, dove rimase fino all'aprile 1916.

Nello stesso mese anche diverse vecchie corazzate francesi della flotta mediterranea sono state tirate insieme ad una squadriglia, sotto di essa è caduto anche il Suffren. In seguito, questi dovevano girare per la Grecia e quindi aumentare la pressione sul governo greco per non entrare in guerra al fianco dell'impero tedesco.

Questa missione si concluse nell'ottobre 1916, dopo di che si decise che il Suffren dovesse recarsi al cantiere navale di Bizerte per riparazioni e revisioni. Tuttavia, il cantiere è stato cambiato poco tempo dopo che Lorient ha informato la marina francese che c'era ancora un posto barca disponibile.

Quindi il Suffren andò da Bizerte via Gibilterra a Lorient.

 

 

 

Ubicazioni:

La mattina del 26 novembre 1916, la corazzata Suffren fu avvistata dal sottomarino tedesco U-52 a circa 50 miglia nautiche dalla costa portoghese vicino a Lisbona. Questo ha sparato diversi siluri contro la nave, uno che ha colpito i caricatori della nave e ha fatto esplodere le granate.

Il Suffren affondò in pochi secondi, nessuno dei membri dell'equipaggio sopravvisse.

 

 

 

Dati della nave:

Nome:  

Suffren

Terra:  

Francia

Tipo di nave:  

Corazzata

Classe:  

Nave singola

Cantiere navale:  

Arsenal de Brest

Costi di costruzione:  

sconosciute

Varo:  

25 luglio 1899

Messa in servizio:  

3 febbraio 1904

Ubicazioni:  

Il 26 novembre 1916 affondato dal sottomarino tedesco U-52

Lunghezza:  

125,91 metri

Larghezza:  

21,42 metri

Bozza:  

Massimo 8,22 metri

Dislocamento:  

Massimo 12.892 tonnellate

Guarnigione:  

668 uomini

Guida:  

24 Caldaia a tubi d'acqua

3 Macchine a tripla espansione verticale

Potere:  

16.200 PS (12.100 kW)

Velocità massima:  

17 nodi (31 chilometri all'ora)

 

Armamento:

 

4 × 305 mm Pistole

10 × 164 mm Pistole

8 × 100 mm Pistole

20 × 47 mm Pistole

2 × 37 mm Pistole

4 × 450 mm Tubi siluro

Corazza:  

Nastro: fino a 300 mm
Ponte: fino a 60 mm
Pistole principali: 290 mm
Torri: 250 mm
Paratie: 110 mm

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!