Erich von Falkenhayn

Erich von Falkenhayn fu una delle personalità di spicco che condusse l'impero tedesco alla guerra contro la Serbia e quindi alla prima guerra mondiale. Ha guidato il grande stato maggiore generale, bruciato centinaia di migliaia di soldati nella battaglia di Verdun, e guidato le truppe tedesche in Romania e gli eserciti ottomani.

 

 

Origine e adolescenza:

Erich Georg Anton von Falkenhayn nacque l'11 settembre 1861 nel castello di Belchau come figlio di Fedor Tassilo von Falkenhayn e Franziska von Falkenhayn, nato Freiin von Rosenberg. Grazie alla stirpe di suo padre, Erich era già nato in una stirpe nobile, che aveva diverse case padronali.

 

 

 

Carriera militare:

1872 Erich iniziò il servizio militare all'età di 11 anni nella scuola cadetti Culm da dove poi passò per 3 anni alla scuola prussiana Lichterfelde. 17. Aprile 1880 fu promosso a tenente segretario e trasferito al reggimento di fanteria di Oldenburg n. 91. Dal 1° ottobre 1887 all'ottobre 1890 frequentò l'Accademia di guerra di Berlino e fu promosso a tenente primo ministro.

Entrò infine nello Stato Maggiore il 22 marzo 1891, dove lavorò prima nella Sezione Topografica e poi nel Reparto Ferroviario. Il 25 marzo 1893 fu promosso capitano, il 2 gennaio 1894 fu trasferito nello Stato Maggiore del IX Corpo di Armata ad Altona e il 9 dicembre 1895 fu nominato Comandante di Compagnia nel Reggimento di Fanteria di Borcke (4° Pomerania) n. 21 a Thorn.

Dal giugno 1896, Falkenhayn fu attivo in Cina, dove costruì una scuola militare secondo il modello prussiano. Nel 1900 tornò nel Reich tedesco e dal 24 febbraio ritornò nel Grande Stato Maggiore Generale.

Nel 1913 Falkenhayn aveva cambiato ufficio o unità più volte e fu promosso tenente colonnello, poi colonnello e infine a maggiore generale il 22 aprile 1912.

L'8 luglio 1913, Falkenhayn fu sorprendentemente nominato ministro della guerra prussiano, nella cui posizione partecipò alla realizzazione dell'armamento militare.

 

Il ministro della guerra Erich von Falkenhayn

Il ministro della guerra Erich von Falkenhayn

 

Quando il 28 giugno 1914, nella città serba di Sarajevo, l'erede austriaco al trono Francesco Ferdinando fu ucciso a colpi di arma da fuoco, Falkenhayn parlò all'imperatore tedesco Guglielmo II a favore di una dura azione contro i movimenti indipendentisti serbi. All'epoca von Falkenhayn non si aspettava che una guerra regionale nei Balcani si estendesse a tutta l'Europa.

 

 

 

Erich von Falkenhayn nella prima guerra mondiale:

Quando il 12 settembre 1914 la battaglia della Marna fu considerata perduta dall'esercito tedesco, il capo di Stato Maggiore Generale Helmuth Johannes Ludwig von Moltke subì un esaurimento nervoso e Falkenhayn assunse la posizione. Poiché non era possibile alcuna svolta per l'esercito tedesco sulla Marna, Falkenhayn decise di scavalcare le truppe nemiche nel nord e quindi di cadere nella parte posteriore. Ma questa tattica è stata portata avanti anche dagli Alleati, che alla fine ha portato alla cosiddetta "corsa al mare" e quindi al congelamento del fronte occidentale. Quando Falkenhayn si rese conto che la battaglia della Marna e quindi il piano Schlieffen era fallito, chiese alla dirigenza politica del Reich tedesco di avviare negoziati di pace. Tuttavia, questo è stato rifiutato e la guerra è continuata.

Il 20 gennaio 1915, Falkenhayn fu sostituito da Adolf Wild von Hohenborn come ministro della guerra e promosso a generale di fanteria. L'assegnazione dell'ordine Pour le Mérite ebbe luogo poco dopo, il 16 febbraio 1915.

 

Erich von Falkenhayn

Erich von Falkenhayn

 

Sul fronte orientale, Paul von Hindenburg ed Erich Ludendorff riuscirono a fermare e respingere le truppe russe che avevano invaso la Prussia orientale. Quando prepararono una controffensiva per circondare gli eserciti russi, Falkenhayn rifiutò di fornire ulteriori truppe, da un lato per non indebolire il fronte occidentale e dall'altro perché Falkenhayn temeva che le truppe tedesche si sarebbero perse nelle distese russe. Falkenhayn era anche preoccupato che se avesse vinto il Fronte Orientale, Hindenburg avrebbe potuto assumere il suo posto di capo di stato maggiore.

Anche il rapporto con il capo del Regno Unito. Le truppe di Conrad von Hötzendorf si sono notevolmente deteriorate. Hötzendorf ha chiesto l'aiuto tedesco per guidare un'offensiva a Gorlice per ristabilire la situazione militare in Galizia. Falkenhayn decise quindi di abbandonare i suoi piani sul fronte occidentale e di inviare 8 divisioni al fronte orientale. Nel maggio 1915 lo sfondamento di Gorlice ebbe successo, ma Falkenhayn non voleva continuare l'offensiva, che a Hötzendorf incontrò un malinteso. Poiché a quel tempo anche l'Italia era minacciata di entrare in guerra, contrariamente al trattato di alleanza con il Reich tedesco e l'Austria-Ungheria, Falkenhayn propose di cedere i trentinos dall'Austria all'Italia e quindi di non aprire un altro fronte.

Nell'ottobre 1915 Falkenhayn mise nuovamente a disposizione le truppe tedesche per invadere la Serbia, ma le fece fermare poco dopo per riportarle sul fronte occidentale. Nel maggio 1916 un'ulteriore offensiva doveva partire da Hötzendorf, ma questa volta Falkenhayn rifiutò l'appoggio tedesco, soprattutto perché l'Italia era in guerra solo con l'Austria-Ungheria, ma non con il Reich tedesco.

Sul fronte occidentale, Falkenhayn iniziò l'offensiva a Verdun, che causò centinaia di migliaia di vittime su entrambi i lati, ma non portò a una svolta attraverso la linea nemica. Quando gli Alleati iniziarono un'offensiva sulla Somme in cambio, Falkenhayn si rese conto che i suoi attacchi erano inutili e che non erano più giustificabili in patria a causa delle ingenti perdite. Il 29 agosto 1916 Falkenhayn chiese le dimissioni da capo di stato maggiore generale, che gli furono concesse dall'imperatore Guglielmo II.

 

Discussione sulla situazione 6 novembre 1915

Discussione sulla situazione 6 novembre 1915

 

 

 

La guerra in Romania e Medio Oriente:

Dopo le dimissioni di Falkenhayn come capo di Stato Maggiore Generale, quest'ultimo, dopo la dichiarazione di guerra della Romania, assunse il comando supremo della nona Armata e la condusse in diverse offensive, dove catturò le città di Sibiu, Kronstadt e il 6 dicembre 1916 Bucarest.

Su richiesta di Enver Pasha, il capo dell'esercito ottomano, Falkenhayn assunse nel luglio 1917 il comando supremo del Gruppo F dell'esercito, che fu ricomposto sul territorio dell'attuale Iraq e doveva sostenere le truppe ottomane. A differenza della campagna in Romania, Falkenhayn non ha potuto iniziare un'offensiva e ha perso la Palestina e Gerusalemme fino alla fine dell'anno.

Dopo le sconfitte in Medio Oriente, il 4 marzo 1918 Falkenhayn assunse il comando della decima armata nella Russia occidentale per assicurarsi il trattato di Brest Litovsk. Ha guidato questo comando fino alla fine della guerra.

Dopo la resa, Falkenhayn si ritirò il 25 febbraio 1919 a causa di una malattia renale.

 

 

 

La fine della vita:

Erich Falkenhayn morì l'8 aprile 1922 nel castello di Lindstedt vicino a Potsdam. Fu sepolto nel cimitero di Bornstedt, vicino al palazzo Sanssouci di Potsdam.

 

 

 

Famiglia:

  • 3 febbraio 1886 Matrimonio con Ida Selkmann

 

  • Figlio Fritz Georg Adalbert, nato il 27 settembre 1890
  • Figlia Erika Karola Olga, nata il 25 settembre 1904

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!