Joseph E. Johnston

Joseph E. Johnston ha servito come generale di brigata nell'esercito americano fino a quando si è unito alle truppe confederate all'inizio della guerra civile americana, dove è diventato uno dei più alti ufficiali. Era considerato uno dei più capaci comandanti degli stati meridionali, ma anche uno dei più controversi per le sue tattiche difensive spesso utilizzate.

 

 

Origine e adolescenza:

Joseph Eggleston Johnston è nato il 3 febbraio 1803 vicino a Farmville, nella contea di Prince Edward County in Virginia, nella tenuta di famiglia di Cherry Grove, figlio di Peter e Mary Johnston. Suo padre ha combattuto nella guerra d'indipendenza americana e poi si è trasferito al Parlamento della Virginia.

 

 

 

Inizio del servizio militare:

Come molti altri noti ufficiali, Johnston frequentò anche la West Point Military Academy di New York, dove si laureò nel 1829. Tra i suoi compagni di classe c'era anche il futuro generale confederato Robert E. Lee.

Dopo la laurea fu promosso tenente e trasferito in un'unità di artiglieria dove partecipò anche alla Guerra del Falco Nero e combatté contro gli indiani ad est del fiume Mississippi.

Durante la guerra messicano-americana era subordinato allo stato maggiore del generale Winfield Scott. Dopo la guerra fu trasferito in Texas e Kansas. Nel 1855 fu promosso a tenente colonnello e divenne comandante di reggimento del primo reggimento di cavalleria statunitense in Texas. Nel 1860 fu promosso a generale di brigadiere, con il quale successivamente assunse l'incarico di quartiermastro generale dell'esercito americano.

 

 

 

La guerra civile americana:

Con l'inizio della guerra civile Johnston era indeciso da che parte doveva cambiare. Fu solo quando la sua regione natale della Virginia si staccò dall'Unione e si unì alla Confederazione che egli restituì la licenza di ufficiale e si unì all'Esercito del Sud.

Johnston prese il comando delle truppe confederate situate nella valle di Shenandoah, in Virginia. Il 21 luglio 1861 sostenne il generale Beauregard con le sue truppe nella prima battaglia del Bull Run e poté evitare una sconfitta con il suo intervento.

 

Generale Joseph E. Johnston

Generale Joseph E. Johnston

 

Nei mesi invernali dal 1861 al 1862 fu responsabile della costituzione dell'Esercito della Virginia del Nord. Quando l'esercito Potomac degli Stati del Nord iniziò la sua campagna nella penisola della Virginia, Johnston poté compensare la superiorità numerica del nemico con ritiri tattici, ma dovette rinunciare sempre di nuovo al terreno. Su insistenza del presidente confederato Jefferson Davis, Johnston fu costretto ad attaccare il 31 maggio 1862 l'esercito settentrionale del maggiore generale McClellan. Nella Battaglia dei Sette Pini, Johnston fu gravemente ferito e il comando fu ceduto al generale Robert E. Lee.

Quando Johnston si riprese dalle ferite alla fine del 1862, il presidente Davis lo trasferì sul fronte occidentale e il generale Braxton Braggs gli diede il comando supremo dell'esercito del Tennessee e del tenente generale John C. Pemberton's Mississippi Army. Dovette inviare queste truppe verso l'invasione di Ulisse S. Grant e dei suoi soldati, perdendo l'esercito di Pemberton il 4 luglio 1863, quando furono intrappolati e capitolati dalle truppe dell'Unione a Vicksburgs. Johnston tentò poi di indurre le truppe dell'Unione di William T. Sherman ad attaccare la città fortificata di Jackson, impedendo così agli stati del nord di sfondare verso est. Ma Sherman cominciò a circondare e assediare la città e così Johnston dovette ritirarsi di nuovo.

Il 27 dicembre 1863, Johnston assunse la guida dell'esercito del Tennessee, che a quel tempo era in uno stato totalmente demoralizzato. Grazie all'influenza di Johnston, l'esercito potrebbe essere reso nuovamente idoneo alla battaglia ed è stato inviato ad est per respingere l'avanzata delle truppe dell'Unione del maggiore generale Sherman ad Atlanta. Nel giugno 1864 Johnston fece scavare fortificazioni sul Kennesaw Mountain per fermare l'esercito dell'Unione. Anche se le truppe dell'Unione potrebbero essere respinte con circa 3. 000 morti e feriti, la campagna nel suo complesso non potrebbe essere fermata dalla sola superiorità dei soldati degli Stati settentrionali. Quando Johnston propose al presidente Davis che le milizie locali difendessero Atlanta e risparmiassero i suoi soldati per una battaglia aperta, fu sostituito da Hood. Questo scambio ha portato Hood a perdere quasi tutti i suoi soldati in un'offensiva a Nashville, Tennessee.

Solo nel febbraio 1865 Johnston riprenderà il comando dei soldati a est del Mississippi e fermerà l'avanzata di Sherman. Ma gli stati settentrionali avevano già 60. 000 soldati in questo equilibrio di potere, mentre Johnston ne aveva solo 20. 000 circa. A marzo, i due eserciti si sono incontrati a Bentonville, nel North Carolina. Anche se Johnston è stato di nuovo in grado di infliggere ingenti perdite all'Unione, ha dovuto ritirarsi a causa della sua superiorità. Dall'Est, l'esercito della Virginia del Nord, guidato dal generale Lee, che ha abbandonato Pietroburgo e Richmond, ha cercato di unirsi all'esercito Johnston. Tuttavia, le truppe dell'Unione circondano l'esercito di Lee e così il 9 aprile si arrende alla Appomattox Court House. Johnston, che voleva sfuggire a un completo annientamento delle sue truppe e a una guerra di guerriglia, capitolò il 26 aprile 1865 a Bennett Place, vicino a Durham nel North Carolina.

 

 

 

La fine della vita di Joseph Eggleston Johnston Johnston:

Dopo la guerra civile, Johnston iniziò una carriera politica. Dal 1879 al 1881 siede alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti per il Partito Democratico della Virginia, poi dal 1887 al 1891 è commissario federale per le ferrovie.

Inoltre ha scritto alcuni libri, in Narrative of Military Operations del 1874 ha letto apertamente dell'ex presidente della Confederazione Davis.

Negli anni successivi, ha accompagnato diversi funerali di ex avversari, tra cui i generali McClellan e Grant. Nel febbraio 1891 accompagnò anche i funerali del generale William T. Sherman, anche se la sua salute era già indebolita. Con questo ha contratto la polmonite, che è morto poco dopo.

 

Monumento di Joseph E. Johnston a Dalton, Georgia

Monumento di Joseph E. Johnston a Dalton, Georgia

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!
Loading cart ...