La caduta di Napoleone

Dopo le vittorie contro i prussiani, austriaci e russi, Napoleone domina l'Europa centrale e riesce a raggiungere i suoi obiettivi politici senza resistenza. Dopo la pace di Tilsit del luglio 1807, ad esempio con la Russia, lo zar Alessandro I sentì che era una vergogna essere solo un alleato secondario di Napoleone, e il blocco continentale imposto dalla Francia per l'importazione di merci britanniche sulla terraferma causò al suo paese forti problemi economici. Dal punto di vista politico, la Russia dovette lottare anche con il Ducato di Varsavia creato da Napoleone nel 1807, che minacciava gli interessi russi in Polonia.

Nel 1811 Alessandro decise di ritirarsi dagli accordi con la Francia, Napoleone era ora determinato a dichiarare nuovamente guerra alla Russia e questa volta a sottoporre il paese alla sua volontà con la forza.

 

Europa dal 1804 al 1815

Europa dal 1804 al 1815

 

 

 

Preparativi di guerra:

Dopo la fine degli accordi russi con la Francia, Napoleone iniziò a costruire il suo esercito per la sua campagna. Nell'estate del 1812, mantenne circa 600. 000 soldati, una figura unica per l'epoca. Questo esercito era composto per metà da soldati francesi e per metà da soldati provenienti dai territori recentemente annessi e da soldati di Stati satellite come la Confederazione tedesca del Reno, l'Italia e Varsavia. Anche gli austriaci e i prussiani, che erano usati come alleati forzati, dovettero schierarsi contro l'ex alleato Russia. Inoltre, circa 200. 000 cavalli sono stati aggiunti ai soldati.

La tattica militare di Napoleone, progettata per l'approvvigionamento del suo esercito da parte dei territori occupati, fu possibile solo per un breve periodo di tempo con una tale massa di soldati, per cui iniziò una campagna rapida e aggressiva contro la Russia per non incorrere in difficoltà di approvvigionamento.

 

 

 

L'inizio della campagna:

La campagna russa di Napoleone iniziò nel giugno 1812. Ma il concetto di Napoleone di una campagna breve ma distruttiva non ha funzionato. La leadership dell'esercito russo ha lasciato che le sue truppe cadessero sempre più indietro ed ha evitato il confronto diretto con i francesi. Ora sono stati costretti a marciare dopo le truppe russe nella vastità dello spazio russo. Quando la prima vera battaglia fu combattuta nei pressi di Smolensk in agosto, il concetto di un ordinato ritiro russo era già evidente. Le linee di rifornimento francesi erano troppo lunghe e il rifornimento delle truppe crollò. Molte migliaia di soldati sono morti di fame, esaurimento o malattia. Anche la battaglia non portò a Napoleone l'auspicata conquista ma finì indecisa e le truppe russe cominciarono a ritirarsi di nuovo ordinatamente.

 

 

 

L'attacco a Mosca:

Dopo la battaglia di Smolensk, Napoleone fece marciare le sue truppe più a est verso Mosca nonostante le difficoltà di approvvigionamento. Era convinto che i russi avrebbero difeso la loro capitale fino all'ultimo uomo e avrebbero finalmente accettato la pace dopo una sconfitta.

Ma anche prima di Mosca, le truppe russe si opposero a Napoleone. Sotto la guida del generale Kutuzov, le sue truppe hanno costruito forti difese nel villaggio di Borodino. Il 7 settembre 1812 Napoleone fece attaccare con le sue truppe le posizioni difensive con una tempesta. Con perdite elevate, circa 70. 000 uomini caduti da entrambe le parti quel giorno, i francesi potevano assumere le posizioni. Ma il generale Kutuzov ricostruì rapidamente il suo esercito, la decisione per Napoleone non era ancora stata presa.

Anche dopo l'invasione di Mosca, Napoleone non riuscì a convincere lo zar Alessandro I a arrendersi. Si è visto costretto a ritirarsi dalla Russia per non perdere completamente il suo esercito, già decimato dalle scarse risorse.

 

 

 

Ritiro dalla Russia:

A metà ottobre 1812, inizia il ritiro francese dalla Russia, che sarà una sofferenza maggiore per i soldati rispetto alle battaglie stesse.

Già segnato da fame, esaurimento e malattia, l'inverno russo ha reso difficile il rientro dei soldati. Migliaia di soldati sono crollati lungo la strada, sdraiati e morenti. Inoltre, le continue schermaglie con i cosacchi, che effettuarono rapidi attacchi a sorpresa con i loro cavalli, portarono ulteriori perdite ai soldati francesi. I feriti e i feriti sono stati lasciati nei villaggi e nelle città e sono stati spesso uccisi, maltrattati o rapiti dalla popolazione civile quando l'esercito si è ritirato.

L'ultima vittoria in terra russa fu registrata dai francesi nella battaglia di Beresina dal 26 al 28 novembre 1812. Le truppe russe cercarono di circondare le truppe francesi mentre attraversavano la Beresina e di distruggerle; in una battaglia finale, i francesi riuscirono ad uscire dall'accerchiamento e a marciare più a ovest.

 

Il ritiro sulla Beresina

Il ritiro sulla Beresina

 

L'8 dicembre 1812, Napoleone decise a Smorgon di affrettarsi davanti alle sue truppe e di costruire un nuovo esercito in Francia e di unirlo a quello attuale in Europa centrale.

 

Napoleone in ritiro dalla Russia (dipinto di Adolf Northern)

Napoleone in ritiro dalla Russia (dipinto di Adolf Northern)

 

 

 

Il tentativo di Napoleone di ribaltare la guerra:

Una volta tornato in Francia, Napoleone costruì un nuovo esercito con soldati di leva francesi, polacchi e tedeschi per combattere contro la Russia e i prussiani, austriaci e svedesi che lo avevano raggiunto. L'inizio della nuova campagna fece nascere in Napoleone nuove speranze che la guerra potesse ancora essere decisa in suo favore. Ma nella Battaglia delle Nazioni dell'ottobre 1813 vicino a Lipsia, dove il suo esercito era 2 a 1 sconfitto dalla coalizione, dovette ritirarsi nuovamente con pesanti perdite e non poté andare in seguito anche non più nell'offensiva.

 

 

 

L'occupazione della Francia:

Nel dicembre 1813 i sovrani di Prussia, Austria e Russia concordarono l'occupazione della Francia e la completa sconfitta di Napoleone. Gli inglesi hanno fatto la loro parte con le vittorie in Spagna e l'avanzata nel sud della Francia.

Nel frattempo Napoleone riuscì di nuovo a costruire un nuovo esercito. Ma a causa dei dubbi ormai diffusi della popolazione sulla guerra, solo circa 100. 000 soldati di leva si sono riuniti.

Napoleone riuscì a raggiungere l'una o l'altra vittoria, ma non aveva nulla di più da opporre all'esercito invasore della coalizione. Nel marzo 1814 Parigi fu occupata e Napoleone fu costretto ad abdicare.

 

L'addio di Napoleone alla Guardia Imperiale a Fontainebleau (dipinto di Antoine Alphonse Montfort)

L'addio di Napoleone alla Guardia Imperiale a Fontainebleau (dipinto di Antoine Alphonse Montfort)

 

 

 

L'esilio di Napoleone e il breve ritorno:

Dopo l'occupazione di Parigi, Napoleone si era reso conto che non era più in grado di far parte della coalizione militarmente. Questi a loro volta gli garantirono una partenza dignitosa come imperatore dell'isola d'Elba, dove rimase fino alla fine della sua vita.

Tuttavia, dopo il rapimento di Napoleone, l'auspicata reintroduzione della monarchia non fece alcun progresso, così Napoleone vide confermata la sua convinzione che solo lui poteva guidare il paese e preparò il suo ritorno. Celebrato euforicamente dai soldati, arriva a Parigi nel marzo 1815 e ripristina lo status politico prima dell'abdicazione. Immediatamente ha anche iniziato con la formazione di un nuovo esercito per andare di nuovo contro la coalizione in guerra.

Già nel giugno 1815 la campagna si svolse in Belgio dove incontrò l'esercito britannico-olandese di Wellington e un esercito prussiano sotto il generale Gebhard Leberecht von Blücher. Nelle battaglie del 16 giugno a Quatre-Bras e Ligny è riuscito a colpire entrambi gli eserciti separatamente, secondo la sua vecchia tattica. Ma nella battaglia di Waterloo gli eserciti potevano unirsi e stare insieme contro Napoleone.

 

 

 

La battaglia di Waterloo:

Il 16 giugno 1815, l'esercito anglo-olandese, guidato dal duca di Wellington, dovette ritirarsi su una catena montuosa vicino al Mont St Jean, a sud di Waterloo, a seguito di uno scontro con le truppe francesi a Quatre-Bras. Il suo esercito era composto da circa 68. 000 soldati, i francesi solo leggermente più forti con 72. 000 soldati, ma i francesi erano molto più resistenti alla battaglia e dotati di molti più cannoni.

Wellington aveva la maggior parte del suo esercito che resisteva dietro la collina per proteggerli dai cannoni francesi. Dopo il fuoco di artiglieria Napoleone lascia che la sua fanteria marci in linea di massima sugli avversari. Il colpo di moschetto e i cannoni dei soldati di Wellington, tuttavia, provocarono un vero bagno di sangue tra i francesi, che continuarono a marciare indisturbati su di lui. Solo quando Wellington lasciò che la sua pesante cavalleria si precipitasse verso i francesi, si ritirarono. Sfortunatamente, la cavalleria britannica si affrettò dopo la ritirata dei soldati francesi ed entrò nel fuoco dell'artiglieria nemica. Quando la cavalleria francese si trasferì in contropiede, gli inglesi subirono pesanti perdite.

 

Battaglia di Waterloo Pittura di William Sadler (1782-1839)

Battaglia di Waterloo Pittura di William Sadler (1782-1839)

 

Supponendo che gli inglesi sarebbero crollati a causa di questa perdita, il maresciallo francese Ney ha chiesto ai suoi corridori di effettuare un attacco diretto. Tuttavia, questi ultimi non potevano rompere la tattica difensiva degli inglesi con le loro piazze rinforzate a baionetta e hanno dovuto essere interrotti con pesanti perdite dopo essere stati colpiti dai moschetti.

Nel corso dei combattimenti, i francesi riuscirono a conquistare alcune delle fattorie sotto la collina, ma il sostegno a Wellington sotto forma dell'esercito prussiano di circa 50. 000 uomini si avvicinò sempre di più. Un'unificazione avrebbe significato sconfitta per Napoleone e così cercò di tenere separati i prussiani dagli inglesi e iniziò un attacco diretto agli inglesi con la sua guardia imperiale. L'attacco cadde vittima del bombardamento dei moschetti britannici e così anche le guardie si sciolsero durante i combattimenti.

I francesi dovettero ritirarsi e furono perseguitati dalla cavalleria prussiana, il che portò anche a pesanti perdite. Napoleone perse un totale di circa 25. 000 soldati in questa battaglia, altri 8. 000 furono catturati. Così l'esercito francese è stato finalmente sconfitto.

 

 

 

Fine di Napoleone:

Dopo la vittoria a Waterloo e il successivo Congresso di Vienna, le vecchie condizioni monarchiche in Francia furono ripristinate e Napoleone, che capitolò a bordo della nave inglese HMS Bellerophon nel luglio 1815, fu esiliato a Sant'Elena. Lì scrisse le sue memorie e morì nel 1821.

 

L'Europa dopo il Congresso di Vienna 1815

L'Europa dopo il Congresso di Vienna 1815

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Napoleone il Grande

Napoleone il Grande Copertina flessibile – 11 dic 2015

Nel marzo 1807, lontano dalla Francia, Napoleone Bonaparte scriveva alla moglie Giuseppina: "So fare altre cose oltre a condurre guerre, ma il dovere viene per primo". E nell'arco di vent'anni appena, dall'ottobre 1795, in cui era un giovane capitano di artiglieria mandato a sedare tumulti a Parigi, fino al giugno 1815 e alla sconfitta finale di Waterloo, Napoleone ebbe modo di mostrare in quante forme questo senso del dovere poteva manifestarsi: conquistato il potere con un colpo di stato, pose fine alla corruzione e all'incompetenza in cui si era arenata la Rivoluzione, e se da una parte reinventò l'arte della guerra in una serie di battaglie folgoranti, dall'altra ricreò dalle fondamenta l'apparato legislativo e amministrativo, modernizzò i sistemi di istruzione e promosse la fioritura dello "stile impero" nelle arti. Poi l'impossibilità di sconfiggere il suo nemico più ostinato, la Gran Bretagna, lo spinse verso campagne estenuanti e alla fine fatali in Spagna e Russia, fino all'epilogo in sordina della sua vita avventurosa, in esilio a Sant'Elena. Andrew Roberts ha attinto al corpus completo delle 33000 lettere napoleoniche e ha visitato quasi tutti i campi di battaglia e i luoghi della sua vita, mostrandoci "l'imperatore dei francesi" com'era davvero: incredibilmente versatile, ironico, ambizioso, ferocemente determinato ma anche disposto al perdono, ossessionato dalla discendenza e scostante in amore...

Clicca qui!

 

 

L'ultimo soldato di Napoleone

L'ultimo soldato di Napoleone Copertina flessibile – 22 mag 2018

L'Ultimo soldato di Napoleone è il diario di un nobile piemontese, le cui vicende sono strettamente intrecciate con quelle del generale Bonaparte. Si legge tutto d'un fiato, come un romanzo. Scorrendo tra le righe possiamo farci un'idea della vita e del modo di pensare della prima metà dell'Ottocento. Il libro raccoglie i ricordi di un soldato che - scrive il nipote Guy Hardwin, curatore della prima edizione pubblicata a Londra nel 1915 - "temo si possa distinguere solo per una fedeltà degna di un cane e per l'immensa capacità di sopportazione dello sforzo fisico". Il protagonista svolse anche per conto di Napoleone un importante incarico alla corte di Maria Luigia, duchessa di Parma e moglie del condottiero.

Clicca qui!

 

 

L'arte della guerra di Napoleone. Una biografia strategica

L'arte della guerra di Napoleone. Una biografia strategica Copertina flessibile – 27 ott 2016

In un mondo segnato dalla permanenza dei conflitti fin dalla più alta antichità, la storia ha perpetuato solo i nomi di pochissimi signori della guerra che furono talmente esperti nel loro campo da lasciare il segno nei vertici più alti di quella che è stata considerata una scienza, se non un'arte. Lo stesso Napoleone ne individuò un certo numero: Alessandro, Annibale, Cesare, Gustavo-Adolfo, Turenne, il principe Eugenio di Savoia-Carignano, Federico II. Alcuni generali straordinari, stimati da Napoleone, hanno lasciato una formulazione più o meno completa, più o meno priva di artifici, della loro "manière". Napoleone lo fece, ma in modo piuttosto parziale, nei suoi scritti di Sant'Elena e in una certa misura nei "Bulletins de la Grande Armée." È dunque necessario ritrovare il nucleo essenziale della sua scienza e della sua arte della guerra nello studio preciso degli esempi tratti dalle sue campagne militari e dalle battaglie. Lo scopo di questo studio non è quello di stabilire una nuova storia delle guerre napoleoniche, ma di far comprendere più da vicino, attraverso l'esame delle sue principali campagne o battaglie, l'evoluzione e il carattere della scienza militare di Napoleone.

Clicca qui!

 

 

Gli eserciti delle guerre napoleoniche

Gli eserciti delle guerre napoleoniche Copertina flessibile – 13 apr 2018

Per quasi due decenni le guerre napoleoniche insanguinarono l'Occidente, dai ghiacci della Russia alle aride terre della Penisola iberica, dall'Egitto a Waterloo. In questo periodo Napoleone condusse la sua Grande Armée e i suoi alleati contro coalizioni di diversa composizione. Questo libro si propone come guida per conoscere sia gli eserciti dei Paesi che furono i principali protagonisti delle campagne napoleoniche - Francia, Gran Bretagna, Austria, Russia, Prussia, Spagna e Portogallo - sia le forze di alcuni degli Stati minori che vi furono coinvolti. Lo studio passa in rassegna l'evoluzione di queste truppe nel tempo, la loro organizzazione, le specifiche caratteristiche di fanteria, cavalleria e artiglieria; un dovizioso e vario apparato iconografico ricrea in modo vivido l'epoca, presentando gii equipaggiamenti e le uniformi con cui i soldati cercarono, e spesso trovarono, la gloria sul campo di battaglia.

Clicca qui!

 

 

Austerlitz 1805. Il destino degli imperi

Austerlitz 1805. Il destino degli imperi Copertina flessibile – 23 apr 2015

Quella di Austerlltz è una delle più famose battaglie della storia. Essa non rappresentò soltanto la prima campagna militare intrapresa da Napoleone quale imperatore di Francia, ma anche la prima prova decisiva per la sua Grande Armée. Bonaparte stesso la considerò la sua vittoria più importante, e infatti tale successo gli garantì una supremazia in Europa che sarebbe durata per quasi un decennio. La maggior parte del resoconti della battaglia pubblicati fino ad oggi si basa quasi esclusivamente su fonti francesi, ma grazie a un'approfondita ricerca effettuata presso archivi austriaci, l'autore di questo libro è in grado di fornire una descrizione molto più equilibrata dell'intera campagna, attraverso la cronistoria degli eventi che portarono ad Austerlitz.

Clicca qui!

 

 

La battaglia di Waterloo

La battaglia di Waterloo Copertina flessibile – 23 lug 2015

Pubblicato in concomitanza con il 200° anniversario della battaglia di Waterloo e designato a livello europeo come il libro ufficiale per la commemorazione dell'anniversario, questo volume riccamente illustrato descrive negli aspetti più diversi la campagna dei 100 giorni, che è diventata sinonimo stesso delle guerre napoleoniche e che culminò con la sconfitta finale delle forze francesi di Napoleone. Dieci articoli di storici di fama internazionale esaminano la battaglia da diverse angolazioni. Si va dall'analisi del contesto strategico di Jeremy Black allo studio degli episodi di Ligny e Quatre Bras presi in esame da Jiulian Spilsbury, da un approfondimento sul ruolo dei comandanti di Philip Haythornthwaite, ad una disamina decisiva dei diversi punti di vista dei testimoni oculari scritto da Natalia Griffon de Pleineville, ed altri importanti saggi. In questo modo il libro si trasforma In una pietra miliare nell'ambito degli studi napoleonici di sempre.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!