La guerra civile americana

La prima pietra della guerra civile americana fu posta con la Costituzione dopo la Dichiarazione d'Indipendenza, quando la decisione di mantenere la schiavitù fu lasciata agli Stati membri. Il paese era diviso in un nord negativo e un sud praticante. Quando Abraham Lincoln, una persona che voleva abolire la schiavitù in tutti gli Stati Uniti, divenne presidente, le tensioni si scatenarono e portarono alla guerra più in perdita sul suolo americano.

 

 

 

Sfondo:

Quando la costituzione dei nuovi Stati Uniti d'America fu redatta nel 1787, fu lasciata agli Stati membri stessi a decidere se consentire o abolire la schiavitù. I 7 stati del nord hanno poi abolito la schiavitù, i 6 stati del sud, che avevano posto l'accento economico sulla produzione di cotone, tabacco e canna da zucchero e quindi dipendenti dal lavoro in schiavitù, hanno continuato a mantenere la schiavitù.

Quando sono stati ammessi altri Stati, si è poi prestata attenzione anche al mantenimento o meno della schiavitù. Gli Stati del Sud temevano nel tempo che l'equilibrio tra sostenitori e oppositori sarebbe stato a loro svantaggio. Soprattutto quando nel 1857 la Corte Suprema dichiarò incostituzionale il compromesso del Missouri del 1820, che avrebbe dovuto regolare l'equilibrio tra sostenitori e oppositori, ed infine eletto presidente nel 1860, Abraham Lincoln, che voleva abolire completamente la schiavitù, gli stati del sud cominciarono a separarsi dal nord. Una guerra sembrava essere l'unico modo per unire gli Stati Uniti.

 

Bandiera Confederato

Bandiera Confederato

 

Bandiera degli Stati del Nord

Bandiera degli Stati del Nord

 

 

 

L'inizio della guerra:

Con l'arrivo di Abraham Lincoln e la sua idea politica di abolire completamente la schiavitù, gli stati del sud cominciarono a separarsi dal nord. Il primo paese a lasciare l'Unione fu la Carolina del Sud il 20 dicembre 1860. Altri 10 stati seguirono il ritiro all'inizio del 1861 e si unirono per formare la Confederazione con Richmond, la Virginia, come capitale. Jefferson Davis ha vinto l'elezione a presidente della nuova confederazione.

 

Abraham Lincoln, allora presidente degli Stati Uniti

Abraham Lincoln, allora presidente degli Stati Uniti

 

Jefferson Davis, Presidente degli Stati Confederati

Jefferson Davis, Presidente degli Stati Confederati

 

Anche prima della guerra, le condizioni erano disuguali. Mentre gli stati del nord insieme avevano una popolazione di circa 23 milioni di persone, il sud era abitato solo da circa 9 milioni di persone, di cui quasi 3 milioni di schiavi. Anche il Sud era nettamente inferiore al Nord in termini economici e strutturali. Poiché all'epoca della divisione l'esercito degli Stati Uniti era forte solo 16. 000 uomini e questo esercito ora diviso anche tra i due stati, entrambe le parti hanno dovuto costituire una nuova forza armata di volontari e le rispettive milizie degli stati membri.

I primi colpi della guerra civile furono sparati il 12 aprile 1861 come unità confederate all'Union Fort Sumter nella Carolina del Sud. Di conseguenza, l'Unione ha iniziato a bloccare le città portuali della Confederazione con le sue navi.

Già all'inizio della guerra, i Comandanti in Capo dell'Esercito dell'Unione Spinta per un rapido avanzamento verso la capitale confederata di Richmond, a soli 160 chilometri a sud di Washington D. C. . . Il generale Irvin McDowell, che marciò verso sud con i suoi soldati inesperti, prese il comando di questa impresa. Nel luglio 1861, tra il fiume Bull Run e il nodo ferroviario di Manassas, incontra per la prima volta un esercito confederato costruito in fretta. Sebbene le truppe dell'Unione avessero l'effetto sorpresa dalla loro parte, i soldati confederati, guidati dal colonnello Thomas J. Jackson, organizzarono rapidamente la difesa in modo che non fosse possibile alcuna svolta. Il contrattacco ha respinto le truppe dell'Unione e Jackson è stato promosso a Generale.

Fino al 1862, ulteriori battaglie da parte della dirigenza militare dell'Unione hanno dimostrato che questa guerra non poteva essere vinta così rapidamente come si sperava. Mentre l'avanzata su Richmond si è fermata negli ultimi mesi, l'Unione ha aperto un secondo fronte in Occidente sotto la guida di Ulysses S. Grant. Attraverso la sua offensiva riuscì a conquistare in breve tempo alcune fortezze dei Confederati, inoltre la città di Nashville capitolò. Quando Grant e i suoi soldati aspettarono a Shiloh l'imminente esercito dell'Ohio per rafforzare il loro esercito, il generale confederato Albert S. Johnston attaccò il 6 aprile 1862. Grant poteva essere respinto all'inizio, ma quando l'esercito dell'Ohio arrivò quella notte, fu in grado di lanciare una controffensiva e cacciare l'esercito confederato. Dopo la vittoria di Shiloh, il controllo dell'importante Mississippi è passato all'Unione.

Dopo che l'avanzata delle truppe dell'Unione sulla costa orientale fu fermata dalla Virginia a Richmond, nella seconda metà del 1862 il movimento tornò al fronte, quando il generale confederato Robert E. Lee poté respingere prima una nuova offensiva dell'esercito dell'Unione sotto il generale George B. McClellan nella "Seven-Day-Battle" e vinse un'altra vittoria nella seconda battaglia di Bull Run. Dopo la vittoria Lee progettava di avanzare con il suo esercito verso nord. Sebbene McClellan venisse a conoscenza della prevista invasione del nord, reagì troppo lentamente, lasciando a Lee abbastanza tempo per raggruppare le sue truppe dietro il fiume Antietam nel Maryland. Quando i due eserciti si incontrarono il 17 settembre 1862, McClellan esitò nuovamente e non dispiegò tutti i suoi soldati, ma ne trattenne circa 20. 000 come riserva. Fu in grado di vincere la battaglia, ma non fu in grado di distruggere l'esercito confederato, e Lee fu in grado di ritirarsi il giorno dopo con il resto del suo esercito. L'esercito di McClellan ha perso circa 12. 000 soldati solo in questa battaglia.

Dopo la sua sconfitta, il generale Lee ha dovuto rinunciare alla sua offensiva a nord, ma anche un'offensiva dell'Unione su Richmond a dicembre è stata respinta. Quindi nessuna delle due parti riusci' a prendere il sopravvento in Virginia.

 

Comandanti dell'esercito dell'Unione:

 

 

Comandanti dell'esercito confederato:

 

 

Panoramica politica degli Stati nella guerra civile

Panoramica politica degli Stati nella guerra civile

 

 

 

Il rafforzamento degli Stati settentrionali:

Dopo due anni di guerra, né l'Unione né la Confederazione avevano raggiunto una svolta decisiva. Quando i comandanti si accorsero lentamente che una rapida vittoria non era più in vista, entrambe le parti si prepararono ad una lunga guerra di logoramento.

Per rifornire le sue truppe di soldati freschi, il Presidente degli Stati del Nord, Abraham Lincoln, rilasciò il 1° gennaio 1863 la Dichiarazione di Emancipazione, in cui tutti gli schiavi, compresi quelli che vivono negli Stati del Sud, furono dichiarati liberi. Questo decreto ha aumentato le sue truppe di altri 200. 000 volontari, anche se i soldati neri hanno ricevuto una retribuzione inferiore e non potevano essere promossi al grado di ufficiale.

 

Soldati neri dell'Esercito dell'Unione

Soldati neri dell'Esercito dell'Unione

 

La prima campagna nella seconda metà della guerra civile fu lanciata dal generale confederato Lee, che voleva portare la guerra nel territorio degli stati del nord. Marciò con le sue truppe in avanti in Pennsylvania e sulla strada fu in grado di ottenere una grande vittoria sull'esercito del nord del Chancellorsville. Dopo 2 mesi, tuttavia, la sua offensiva si è conclusa con i 3 giorni di battaglia di Gettysburg. Allo stesso tempo, dopo un lungo assedio, l'Unione è riuscita a prendere la città di Vicksburg sul fiume Mississippi e a interrompere le forniture all'Arkansas, alla Louisiana e al Texas.

Nel corso del 1863, il personale e la superiorità economica degli stati settentrionali si è lentamente manifestata. Il blocco navale delle navi da guerra dei sindacati ha impedito le importazioni e le esportazioni dagli stati del sud, che avevano posto l'accento economico sul commercio.

 

Mappa della guerra civile americana

Mappa della guerra civile americana

 

Nel marzo 1864 la decisione fu finalmente presa. L'Union General Grant ha presentato un piano per invadere la Virginia con l'esercito orientale e attaccare l'esercito meridionale del generale Lee. Nel frattempo, l'esercito occidentale doveva avanzare a sud-est dal Tennessee alla Georgia, circondando il sud con un movimento a tenaglia. Lincoln si è dichiarato d'accordo con il piano e ha anche dato istruzioni che non si devono più effettuare scambi di prigionieri per drenare l'esercito meridionale di personale e che la guerra deve essere condotta con tutta la severità necessaria. Il carattere delle battaglie cambiò drasticamente verso la fine della guerra civile, perché le battaglie aperte tra gli eserciti si ridussero, le vittime civili aumentarono e intere città furono rase al suolo secondo il principio della terra bruciata.

L'offensiva degli stati settentrionali iniziò nel maggio 1864. La campagna attraverso la Virginia è stata associata a ingenti perdite da entrambe le parti. Nonostante le vittorie dell'Esercito dell'Unione a Wilderness e Spotsyvania e in giugno a Cold Harbor, le linee dell'Esercito del Sud non potevano essere spezzate. Il generale Grant ora ha fatto oscillare le sue truppe intorno alla capitale confederata Richmond, ha attraversato il fiume James e ha voluto attaccare la città da sud. Tuttavia, egli fu osteggiato da truppe confederate che si fortificarono a Pietroburgo. E' iniziato un assedio di nove mesi.

La campagna in Occidente è andata meglio sotto la guida del generale Sherman, che in agosto è riuscito a conquistare Atlanta con le sue truppe dell'Unione. Dopo la messa in atto di Lincoln prima dell'offensiva, ha lasciato i suoi soldati in marcia dalla Georgia orientale, una striscia di devastazione lunga 80 chilometri. Poi ha voltato le sue truppe verso nord per circondare gli eserciti confederati.

Il pericolo di accerchiamento portò il generale confederato Lee a ritirare le sue truppe da Pietroburgo, ad astenersi dal difendere Richmond e ad unire i suoi soldati con gli altri che avevano già combattuto le truppe dell'Unione Sherman nel North Carolina. Ma aveva impiegato troppo tempo per ritirarsi, cosicché le truppe dell'Unione conquistarono Pietroburgo già il 2 aprile 1865, presero Richmond 1 giorno dopo e inseguirono le sue truppe.

L'8 aprile 1865, i sindacati e le truppe confederate si scontrano alla Casa della Corte di Appomattox. Il generale Lee vide la disperazione della lotta e capitolò con le sue truppe. Che ha posto fine alla guerra civile.

 

Infografica Guerra d'Indipendenza e Guerra Civile

Infografica Guerra d'Indipendenza e Guerra Civile

 

 

 

Conseguenze della guerra:

Le conseguenze della guerra furono gravi per entrambe le parti. Gli stati settentrionali avevano circa 360. 000 soldati caduti, gli stati meridionali circa 258. 000. Inoltre, la già debole economia degli stati meridionali era completamente crollata, molte città e imprese erano state distrutte.

Gli Stati meridionali erano occupati dalle truppe dell'Unione e gli uffici pubblici non dovevano più essere occupati da confederati di primo piano. I soldati dell'esercito meridionale hanno dovuto prestare giuramento di fedeltà all'Unione.

La Dichiarazione di Emancipazione, rilasciata il 1° gennaio 1863 da Abraham Lincoln, è stata incorporata come 13° emendamento alla Costituzione. Anche il 14° emendamento, che ha consentito agli ex schiavi di acquisire la cittadinanza americana dal 1868 in poi, è diventato un criterio principale per il loro reinserimento nell'Unione, che doveva essere riconosciuto dagli Stati del sud.

5 giorni dopo la resa degli Stati del Sud, Abraham Lincoln fu ucciso da un fanatico sostenitore confederato in un teatro a Washington il 15 aprile 1865, con un colpo alla testa.

 

 

 

Interessante sapere:
La guerra civile americana fu il primo conflitto ad essere accompagnato quasi interamente dalle nuove tecnologie della fotografia e della tecnologia cinematografica.

Dopo la guerra, l'alleanza segreta del KuKlux Klan si è sviluppata negli ex stati confederati. Questi ultimi hanno inizialmente dato la caccia agli imprenditori degli stati del nord, accusati di voler trarre profitto dalla sconfitta del sud. Inoltre, hanno proceduto con estrema brutalità contro i neri, soprattutto negli Stati meridionali. Il patto esiste ancora oggi.

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

La guerra di secessione. Storie, battaglie e protagonisti della Guerra civile americana

La guerra di secessione. Storie, battaglie e protagonisti della Guerra civile americana Copertina flessibile – 1 mar 2018

Per troppo tempo considerata poco o nulla nel panorama storico italiano, la guerra civile americana ha rappresentato un punto di svolta nella storia degli Stati Uniti, insanguinando pianure e valli di molte regioni del Nord America per quattro lunghi anni, a discapito di chi pensava si risolvesse in poche settimane. Questa guida cerca, con obiettività scevra di pregiudizio e non condizionata dal recente revisionismo, di raccontare al lettore, senza ambizioni di completezza o di parola definitiva sull'argomento ma con un approccio semplice e brioso, le principali campagne militari, il ruolo avutovi dai generali e dai soldati, gli sbagli, gli eroismi, le curiosità di quel lontano conflitto, contemporaneo alla nostra lotta per l'Indipendenza.

Clicca qui!

 

 

La guerra civile americana. Una nuova storia

La guerra civile americana. Una nuova storia Copertina rigida – 1 set 2015

Nel 1860 il Sud degli Stati Uniti era una regione ricca e florida, dove una piccola minoranza aveva accumulato immense fortune e un enorme potere politico grazie al sistema di sfruttamento della popolazione di colore. Anche i bianchi non schiavi appoggiavano gli interessi dei proprietari delle piantagioni, nonostante lo spropositato divario di ricchezza che li separava da essi. Ma alla fine del 1865 questo mondo collassò. Milioni di schiavi ottennero la libertà, molti bianchi poveri smisero di assecondare i loro vicini benestanti, e i proprietari terrieri si ritrovarono privati della loro principale fonte di ricchezza: tutto il loro idilliaco mondo e modo di vivere svanì all'improvviso. Questo cambiamento epocale, avvertito da tutta l'America, avviò il paese in direzione della democrazia e della parità dei diritti. Levine dà conto dei numerosi, drammatici aspetti di questa vicenda ricorrendo a una grande quantità di diari, lettere, articoli di giornale, documenti governativi, ecc. In questo libro la reale posta in gioco politica e sociale della Guerra civile diventa più chiara che mai: gli schiavi combattono per la loro libertà fronteggiando brutali rappresaglie; Abraham Lincoln e il suo partito trasformano quella che era iniziata come una guerra attinente all'Unione in una crociata contro la schiavitù. Quando il fumo delle battaglie si diradò, le regioni Dixie e tutta la società americana si scoprirono cambiate per sempre.

Clicca qui!

 

 

La guerra civile americana: Le ragioni e i protagonisti del primo conflitto industriale

La guerra civile americana: Le ragioni e i protagonisti del primo conflitto industriale (Storia) Formato Kindle

L'Unione contro la Confederazione, le Giacche Blu contro le Giacche Grigie, Nord contro Sud: la Guerra civile americana è l'archetipo dello scontro tra due opposte visioni della civiltà, e a un secolo e mezzo di distanza essa continua ad attirare l'attenzione di studiosi e lettori per il suo ruolo cruciale nel determinare la nascita degli Stati Uniti moderni. Ricostruendo con rigore e precisione lo sfondo sociale ed economico da cui ebbe origine la Guerra di secessione, Raimondo Luraghi - il massimo esperto italiano di questo periodo storico - ci porta nel cuore di questa drammatica contesa: racconta celebri battaglie come quelle di Vicksburg e Gettysburg, descrive passo dopo passo le mosse di grandi protagonisti come Abraham Lincoln e Jefferson Davis, e ci mostra come la Guerra civile sia un conflitto estremamente moderno, il primo della civiltà industriale, e ancora fondamentale per comprendere i rapporti di forza nella nostra attuale società. Una straordinaria galleria di personaggi e avvenimenti, esemplare nell'illuminare i fattori decisivi di uno scontro che ha cambiato il corso della storia.

Clicca qui!

 

 

La civiltà perduta. Gli Stati Confederati nella guerra civile americana

La civiltà perduta. Gli Stati Confederati nella guerra civile americana Copertina flessibile – 1 gen 2013

L'autore in questo volume ha l'intento di chiarire le ragioni dei Sudisti e le loro vere aspirazioni, per poi comprendere meglio la Confederazione Sudista e fare luce sulle reali cause del conflitto. La guerra civile americana ha portato infatti alla nascita degli Stati Uniti moderni, la contrapposizione tra la Confederazione e la sua antieconomica e obsoleta "peculiare istituzione" (la schiavitù) e l'Unione, la cui esplosione industriale ed economica mise il "Vecchio Sud" nella condizione di adeguarsi o essere cancellato dalla Storia (oppure resistere e, staccandosi dall'Unione, divenire una nazione indipendente), rappresentando anche il contrasto tra capitalismo e società agraria.

Clicca qui!

 

 

La guerra civile americana

La guerra civile americana Copertina flessibile – 14 gen 2016

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!