La guerra di Crimea

Da oltre 100 anni ormai, sono scoppiati ripetutamente conflitti tra l'aspirante Russia e il declino dell'Impero Ottomano.

Così nella guerra russo-ottomana a metà del XVIII secolo le aree del Mar Nero furono occupate dalla Russia. Inoltre, il paese si è dichiarato il protettore dei cristiani ortodossi che vivono nell'Impero Ottomano. La stessa Crimea fu annessa dalla Russia nel 1783.

In ulteriori conflitti nei decenni successivi la Russia è riuscita a riconquistare territori e ad aiutare territori come la Serbia, la Moldavia e la Valacchia ad ottenere l'autonomia.

La ragione del rinnovato conflitto tra i due paesi fu la promessa del sultano ottomano nel 1852 ai monaci francesi di proteggere i luoghi santi a Gerusalemme. La Russia ha protestato perché ha rivendicato questo compito per se stessa. Poiché la protesta non ebbe alcun effetto, la Russia iniziò ad occupare le province del Danubio nel 1853.

 

 

 

L'inizio della guerra:

La guerra iniziò nel novembre 1853 quando la marina russa, equipaggiata con i nuovi cannoni Paixhans e granate esplosive, distrusse la flotta ottomana.

 

La flotta russa distrugge la flotta ottomana nella battaglia navale di Sinope. Pittura di Iwan Aiwasowski

La flotta russa distrugge la flotta ottomana nella battaglia navale di Sinope. Pittura di Iwan Aiwasowski

 

Con questa vittoria, le grandi potenze europee Francia e Inghilterra temevano che la Russia potesse espandersi troppo verso il Mediterraneo e destabilizzare completamente o addirittura occupare l'Impero Ottomano. Così i due paesi dichiararono guerra alla Russia nel marzo 1854. Nel 1855 seguirono i due paesi Sardegna-Piemonte, che volevano assicurarsi il successivo sostegno francese per l'unificazione dell'Italia dichiarando guerra alla Russia.

Ma già all'inizio della guerra le carenze dei francesi e degli inglesi sono diventate evidenti. Da un lato l'approvvigionamento logistico delle truppe su questa distanza poneva grandi sfide ad entrambi i paesi, dall'altro le truppe inglesi erano scarsamente addestrate, equipaggiate e dovevano lottare con la diffusione del colera.

 

 

Il corso della guerra:

Dalla costa bulgara di Varna, le truppe francesi e inglesi sono state trasportate attraverso il Mar Nero. L'obiettivo dell'attacco era la fortezza marina di Sebastopoli, la cui cattura doveva porre fine alla dominazione russa della zona in mare.

Lo sbarco delle truppe avvenne nella parte occidentale della penisola del Crimea che in seguito marciò a sud sulla fortezza marina. Ad Alma hanno poi incontrato i soldati russi che erano ben radicati lì. L'attacco iniziò il 20 settembre 1854, quando le truppe francesi e inglesi dovettero attaccare i russi in salita dopo aver attraversato il fiume. Le perdite sono state di conseguenza molto elevate e solo la cattiva guida dei superiori e le armi obsolete hanno costretto i russi a ritirarsi.

Le truppe francesi e inglesi continuarono ad avanzare verso Sebastopoli in vista, ma furono in grado di effettuare l'assedio solo da terra, poiché la marina russa bloccò l'ingresso al porto. L'assedio fu ulteriormente aggravato dal fatto che la fortezza era stata completata poco prima dell'attacco ed era quindi ben preparata per il fuoco di artiglieria.

I russi cercarono di sfondare l'assedio e il 25 ottobre 1854 attaccarono un campo base vicino a Balaklava, ma non riuscirono ad ottenere la vittoria. In cambio, i francesi riuscirono a conquistare la strada di accesso alla fortezza con la catena montuosa vicino a Inkerman. Una terza battaglia del 5 novembre è stata ancora una volta senza vincitori e così l'assedio è continuato.

 

Campo militare vicino a Balaklawa, fotografie di James Robertson e Felice Beato

Campo militare vicino a Balaklawa, fotografie di James Robertson e Felice Beato

 

Il prossimo inverno ha reso di nuovo difficile per le truppe inglesi. A causa della scarsa disponibilità, la forza delle truppe è scesa a circa 12. 000 soldati. I rapporti sulle condizioni desolate delle truppe furono inviati da William Howard Russel a Londra al giornale "Times", che fece stampare questi rapporti. Dopo la loro pubblicazione, il governo inglese fu costretto a migliorare rapidamente le condizioni generali e l'approvvigionamento delle truppe.

 

 

 

La fine della guerra:

Nella primavera del 1855, le truppe francesi e inglesi iniziarono il costante fuoco di artiglieria della fortezza. Come risultato, le truppe russe hanno perso circa 350 soldati al giorno nelle settimane successive, ma sono state in grado di tenere la fortezza fino a luglio.

L'8 settembre ebbe luogo l'unico attacco dei francesi, che portò alla conquista del bastione di Malakow. In seguito le truppe russe distrussero le fortificazioni della città nella notte successiva e le abbandonarono.

Allo stesso tempo si è verificata una situazione di stallo delle forze navali sul sito di guerra secondaria nel Mar Baltico. Sebbene le navi francesi e inglesi bombardassero le fortificazioni di San Pietroburgo, i comandanti temevano un attacco diretto perché consideravano le fortificazioni troppo fortificate. In cambio, le navi russe erano troppo deboli per attaccare efficacemente le navi nemiche.

 

 

 

La pace di Parigi:

Dopo la caduta di Sebastopoli, lo zar russo Alessandro II cercava la pace. Nel 1856 fu firmato il trattato con il quale la Russia riconobbe l'integrità territoriale dell'Impero Ottomano e rinunciò alla sua funzione protettiva nei confronti dei cristiani ortodossi. Anche il suo ruolo dominante nei Balcani è stato ridotto, anche se solo sulla carta.

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!