La guerra di successione austriaca

La guerra di successione austriaca fu il risultato della morte dell'imperatore Carlo VI e della fine della linea di governo della casa d'Asburgo nella tribù maschile. Anche se sua figlia Maria Teresa salì al trono, altri governanti europei fecero rivendicazioni ereditarie che alla fine condussero alla guerra.

 

Bagaglio culturale:

Le conseguenze della guerra di successione spagnola spinsero l'imperatore austriaco Leopoldo I a stabilire una successione per la sua dinastia regnante. Questi sono stati istituiti segretamente con i suoi due figli Joseph e Karl e regolato eredità ai membri della famiglia femminile solo sotto l'aspetto quando tutti i lignaggi maschili si erano estinti. Nel 1705 Leopoldo morì e suo figlio Giuseppe gli succedette. Quando morì anche lui nel 1711 e lasciò solo due figlie non sposate, l'eredità passò a suo fratello Karl. Dopo l'incoronazione, ha aggiunto la Sanzione Prammatica all'ordine di successione. Questa aggiunta includeva l'eredità alla figlia dell'ultimo imperatore in carica, cosicché alla sua morte l'eredità andava alla figlia e non alle figlie del fratello.

La Pragmatic Sanction è stata riconosciuta da alcuni paesi europei come il Brandeburgo-Prussia e la Gran Bretagna. Tuttavia, quando Karl morì il 20 ottobre 1740, i mariti delle figlie di Giuseppe Karl Albrecht Elector di Baviera e Friedrich August Elector di Sassonia chiesero che l'eredità andasse alle loro mogli e dichiararono nulla la Sanzione Prammatica. Anche la Prussia, sotto la guida di Federico II, voleva riconoscere la sanzione che suo padre aveva riconosciuto all'epoca solo a condizione che la Slesia fosse ceduta alla Prussia.

 

 

 

La guerra di successione:

Dopo che Federico II di Prussia aveva dato alla figlia di Carlo Maria Teresa un ultimatum l'11 dicembre 1740, che avrebbe riconosciuto suo marito Francesco di Lorena come imperatore solo dopo l'assegnazione della Slesia, il 16 dicembre fece marciare le sue truppe in Slesia nella speranza che la zona andasse comunque in Prussia. La riforma dell'esercito di suo padre, che aveva reso l'esercito prussiano uno dei più moderni d'Europa, rese possibile condurre la campagna elettorale senza troppa resistenza. Frederick ha anche giocato nelle mani del fatto che l'Austria non aveva un esercito permanente, ma poteva solo istituire una forza militare sotto mobilitazione e che avrebbe richiesto tempo. Così gli austriaci si ritirarono in Boemia e Moravia e, ad eccezione delle fortezze Glogau, Brieg e Neisse, la zona cadde in mani prussiane.

 

Arciduchessa Maria Teresa

Arciduchessa Maria Teresa

 

Dopo l'inverno i prussiani riuscirono a conquistare la fortezza di Glogau il 9 marzo 1741, gli austriaci cercarono di liberare Neisse e Brieg dall'assedio con le loro truppe, ma dopo la perduta battaglia di Mollwitz del 10 aprile si trasferirono solo nella difesa per non perdere il loro unico esercito.

 

Federico II di Brandeburgo-Prussia

Federico II di Brandeburgo-Prussia

 

Già a febbraio Gran Bretagna, Russia, Sassonia, Sassonia e Paesi Bassi si sono alleati contro la Prussia. Nell'estate del 1741 Francia, Baviera e Spagna arrivarono nella parte prussiana. Poco dopo la Sassonia passò alla parte prussiana, poiché fu concluso un accordo con la Baviera per dividere i territori austriaci. Anche l'Inghilterra ha dichiarato la sua neutralità, in quanto il paese non voleva la guerra con la Francia e la Spagna.

Alla fine dell'anno ci sono stati i primi negoziati tra le parti in guerra. Così la Prussia concluse un armistizio con l'Austria il 9 ottobre e ricevette la fortezza Neisse e la Bassa Slesia. Karl Albrecht Elettore di Baviera, invece, ha conquistato parti dell'Alta Austria entro novembre. Quando Praga era il 26 novembre, Carlo fu incoronato re il 9 dicembre.

 

Il 24 gennaio 1742 Carlo fu anche eletto imperatore Carlo VII a Francoforte e incoronato dal fratello Clemens August, arcivescovo di Colonia, il 12 febbraio. Durante il periodo dell'incoronazione gli austriaci riuscirono a radunare le loro truppe dall'Italia e dall'Ungheria e a conquistare Linz e Monaco di Baviera. Carlo dovette poi chiedere aiuto a Federico di Prussia, che intervenne nuovamente in guerra, conquistò Brno e marciò verso Vienna. Quando l'esercito di Friedrich minacciò di essere tagliato fuori dai rifornimenti, egli lo riportò in Boemia e sconfisse l'esercito austriaco nella battaglia di Chotusitz. L'11 giugno 1742, Federico negoziò di nuovo con Maria Teresa la pace preliminare di Breslavia, che fu integrata dalla pace di Berlino il 28 luglio 1742 e cedette i territori della Slesia e della contea di Glatz alla Prussia.

Le truppe ora liberate furono usate dagli austriaci per intervenire contro le truppe francesi e bavaresi. Così Praga è stata assediata e le truppe francesi hanno dovuto ritirarsi a Eger in dicembre.

Nel frattempo, la Spagna ha cercato di conquistare il territorio austriaco sul territorio italiano. La campagna è iniziata con le truppe di Napoli, ma è stata rapidamente respinta, e Napoli ha dichiarato la sua neutralità con la comparsa di una flotta inglese dopo che Inghilterra e Paesi Bassi sono passati al lato austriaco in maggio per evitare che Francia e Spagna di guadagnare forza in Europa.

Alla fine dell'anno l'esercito franco-bavarese riuscì a riconquistare la Baviera, mentre la Boemia e la Moravia rimasero in mani austriache.

 

Nel 1743 gli spagnoli cercarono nuovamente di condurre 2 campagne contro l'Austria nell'Italia settentrionale, ma dovettero subire di nuovo sconfitte e ritirarsi.
Il 27 giugno, nella battaglia di Dettingen, i francesi furono sconfitti da un esercito britannico di Hannover e si ritirarono dietro il Reno, insieme all'esercito bavarese che fu espulso dalla Baviera.

 

All'inizio del 1744, i francesi riunirono un grande esercito di circa 80.000 uomini e iniziarono un attacco contro i Paesi Bassi uniti. In questa campagna riuscirono a conquistare Menin, Ypres, Furnes e Knock, ma dovettero dividere le loro truppe quando Carlo di Lorena attraversò il Reno con le sue truppe austriache e invase l'Alsazia.
Nel frattempo, Federico di Prussia temeva che l'Austria potesse sconfiggere la Francia e poi reclamare la Slesia dalla Prussia a causa della sua potenza militare. Per questo motivo rinnovò la sua alleanza con la Francia e di nuovo marciò le sue truppe dalla Slesia alla Boemia. In settembre, dopo un assedio, riuscì a prendere Praga, ma dovette ritirarsi in Slesia quando le truppe di Carlo di Lorena e gli ussari austriaci minacciarono troppo il suo esercito.
Con il ritiro delle sue truppe dall'Alsazia, Carlo di Lorena non poté combattere contemporaneamente contro i prussiani e i francesi, che a loro volta occuparono la Baviera.

 

L'anno 1745 iniziò con la fusione di Gran Bretagna, Austria, Paesi Bassi e Sassonia-Polonia per formare la Quadrupla Alleanza di Varsavia per intraprendere un'azione comune contro la Prussia. Quando l'imperatore Carlo VII morì il 20 gennaio 1745 e suo figlio Massimiliano III di Baviera subì diverse sconfitte, la Baviera e l'Austria conclusero la Pace di Füssen, che includeva il riconoscimento bavarese del marito di Maria Teresa Franz come nuovo imperatore. Dopo il ritiro della Baviera dai combattimenti, solo la Francia e la Prussia rimasero come oppositori, mentre i combattimenti erano diretti principalmente contro la Prussia.
Questi inizialmente agirono in modo difensivo e difesero il territorio della Slesia dagli attacchi dell'esercito austro-sassone.
Il 16 agosto è stata negoziata una pace con la Gran Bretagna-Hannover e sotto la guida di Leopold von Anhalt-Dessau l'esercito prussiano è stato condotto contro le principali forze austriache e sassoni in Sassonia. Nella battaglia di Kesselsdorf del 15 dicembre Leopold vinse una vittoria decisiva e Dresda cadde in mani prussiane. Il 25 dicembre è stata negoziata anche la pace di Dresda con l'Austria e la Sassonia.

Durante tutto l'anno la Francia si è concentrata sulla sua campagna nelle Fiandre, dove sono state catturate le città di Gand, Bruges, Tournai, Nieuport, Dendermonde, Ath e Ostend. Sul territorio italiano, l'esercito franco-spagnolo riuscì ad occupare quasi tutta la Lombardia entro la fine dell'anno.

 

Nel 1746 i francesi riuscirono a conquistare i Paesi Bassi austriaci e il Lussemburgo quasi senza ostacoli. Anche nel 1747 i francesi potrebbero conquistare altre zone delle Fiandre olandesi sotto la guida del maresciallo di Sassonia. Il 30 novembre, tuttavia, l'Austria concluse un accordo con la Russia che nel 1748 garantiva il dispiegamento di 37.000 soldati russi sul Reno per sostenere e combattere contro la Francia. Nel 1748 solo la città di Maastricht fu assediata dai francesi e conquistata il 7 maggio. Un cessate il fuoco fu poi negoziato mentre gli inglesi, gli olandesi e gli austriaci aspettavano i soldati russi e i francesi li temevano. Iniziarono così i negoziati di pace che si conclusero il 18 ottobre con la Pace di Aquisgrana.

 

 

 

La pace di Aquisgrana:

Con la conclusione del trattato di pace la sanzione pragmatica fu confermata da tutti e la successione britannica al trono di Hannover fu regolata. La Prussia ha ricevuto anche la Slesia e la contea di Glatz, mentre l'Austria ha ricevuto alcuni territori in Italia. Tutte le altre conquiste dovevano essere restituite ai rispettivi paesi.

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!