La guerra d’indipendenza greca

All'inizio del XIX secolo, l'Impero Ottomano si estendeva dall'Iraq attraverso l'Africa settentrionale fino ai Balcani e alla Grecia. In termini territoriali, l'Impero Ottomano era ancora una grande potenza, ma la guerra ottomano - russa aveva dimostrato che né l'esercito era a livello moderno, né la struttura interna dell'impero era moderna. Per lungo tempo, l'impero era stato soggetto ad un costante declino, che si concluse con l'istituzione di movimenti indipendentisti all'interno dei confini, che volevano separarsi dagli ottomani.

 

L'Europa intorno al 1815

L'Europa intorno al 1815

 

 

 

Le prime rivolte:

Le prime rivolte iniziarono già nel 1804 nella regione balcanica, dove Karadjordje Petrovic in Serbia e più tardi Ali Pasha e i suoi seguaci si opposero ai governanti ottomani.

Il sultano regnante Selim III vide non solo la possibilità di mostrare forza militare, ma anche di modernizzare la sua forza armata a causa delle rivolte. Le sue riforme, tuttavia, portarono la sua unità d'élite, i Giannizzeri, contro di lui, che lo uccise nel 1807. Il suo successore, il sultano Mahmud II, ha successivamente elaborato delle riforme per il suo esercito, ma queste dovrebbero essere effettuate con maggiore lentezza e cautela. Nonostante ciò riuscì nel 1813 a sconfiggere prima la rivolta serba e nel 1822 la rivolta di Ali Pasha.

 

 

 

L'insurrezione greca:

Nonostante secoli di dominio ottomano, i greci rimasero fedeli alla loro fede greco-ortodossa. Quando scoppiò la rivoluzione in Francia e da lì la fede nel nazionalismo e la propria identità si diffuse anche in Grecia, nel 1814 fu fondata la società segreta della Philiki Eteria (Società degli Amici), che chiedeva sostegno in Russia nella sua ricerca di indipendenza. La Russia stessa si vedeva in Europa come il protettore dei cristiani ortodossi e aveva molti greci al suo servizio. Il paese ha promesso il suo sostegno e Alexander Ypsilantes, generale dell'esercito russo, è stato scelto come leader.

Nel febbraio 1821 Ypsilantes iniziò la sua ribellione contro i governanti ottomani in quella che oggi è la Romania. Contrariamente all'accordo, tuttavia, il sostegno russo fallì e i sostenitori della rivoluzione furono brutalmente schiacciati dagli ottomani. Gli Ottomani procedettero allo stesso modo anche nelle altre aree dove sorgevano le rivolte.

Le rivolte e la contemporanea soppressione durarono fino all'anno 1822, quando i soldati ottomani assunsero una posizione dura contro gli insorti e massacrarono la popolazione in molti luoghi.

Dopo la pubblicazione dei massacri, molti europei hanno espresso la loro solidarietà ai greci e si sono uniti volontariamente alla rivolta. Tra queste personalità come il poeta britannico Lord Byron, ucciso nell'aprile del 1824, o l'ammiraglio britannico Thomas Cochrane, che si unì alla rivoluzione dopo il suo dispiegamento in Sud America e divenne poi comandante della marina greca.

 

 

 

L'intervento dell'Egitto:

Ufficialmente l'Egitto apparteneva all'Impero Ottomano, ma non ufficialmente era guidato da Muhammad Ali come stato autonomo. A differenza del sultano ottomano, tuttavia, Ali aveva adattato le sue forze armate ai tempi e le aveva modernizzate per tempo. Ora il sultano Mahmud II si vide costretto a chiedere al sovrano egiziano il sostegno militare per intervenire contro le rivolte. Muhammad assemblò una flotta di circa 10. 000 soldati ben addestrati e li pose sotto il comando di suo figlio Ibrahim Pasha.

Nel febbraio 1825, l'intervento dell'esercito egiziano in Grecia iniziò quando la flotta sbarcò nel sud del Peloponneso. Gli insorti greci erano ora in balia dell'esercito ottomano sotto Resit Pasha da nord e dell'esercito egiziano da sud. I Greci dovettero poi ritirarsi e l'esercito comune degli Ottomani e degli Egiziani poté prendere Mesolongion nel 1826 e Atene dopo l'assedio del 1827.

Nel frattempo, il sultano Mahmud ha colto l'occasione e ha preso tutte le misure possibili contro i suoi ex soldati d'élite per far rispettare le riforme militari che avevano costantemente bloccato. Il sultano sciolse ufficialmente i Giannizzeri e poi fece uccidere migliaia di soldati per contrastare la vendetta. Con questo passo fu finalmente in grado di modernizzare il suo esercito e sembrava che l'Impero Ottomano si stesse riprendendo dal suo declino.

 

 

 

Sostegno europeo ai greci:

Le brutali azioni dei soldati egiziani contro la popolazione civile provocarono orrore tra le grandi potenze europee e così finalmente avvenne che nel luglio del 1827 Gran Bretagna, Francia e Russia si unirono e cominciarono a sostenere le aspirazioni indipendentiste dei greci. A settembre hanno inviato una flotta per bloccare le flotte egiziana e ottomana che si erano riunite nella baia di Pylos. All'inizio l'ordine era solo per impedire la partenza della flotta nemica, ma i comandanti decisero di non bloccare l'inverno e lasciarono entrare le loro navi nella baia per combattere il 20 ottobre 1827, dove infliggevano pesanti perdite agli egiziani e agli ottomani.

Nonostante questa sconfitta, il sultano continuò a resistere alle aspirazioni di indipendenza dei greci. La Russia ha sfruttato l'opportunità dell'ulteriore stato di guerra e ha iniziato 2 campagne nell'aprile 1828 sul territorio dei Balcani e in Anatolia orientale. Già a settembre le truppe russe erano solo 240 davanti a Costantinopoli, la capitale ottomana.

Per impedire alla Russia di occupare l'intero territorio dell'Impero Ottomano, i negoziati di pace tra Gran Bretagna, Francia, Egitto e l'Impero Ottomano iniziarono alla fine del 1828. Nel frattempo, un corpo di spedizione francese è sbarcato in Grecia e ha supervisionato il ritiro delle truppe egiziane.

 

 

 

La pace di Edirne:

Nel 1829, l'Impero Ottomano fu costretto ad accettare le condizioni di pace delle grandi potenze europee, in quanto non avrebbe più potuto affrontare militarmente una continuazione della guerra. Così è stata decisa l'autonomia di Grecia, Serbia, Moldova e Valacchia. Il leader del nuovo governo greco era l'ex ministro degli esteri russo Ioannis Kapodistrias. Nel 1830 la Grecia divenne completamente indipendente.

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!