La guerra ispano-americana

Dopo la fine della guerra civile americana, gli Stati Uniti si sono trasformati in una grande potenza militare ed economica nei Caraibi e nel Pacifico. Il paese si è espanso anche a livello territoriale. Nel 1867 acquistò dalla Russia la regione dell'Alaska per 7,2 milioni di dollari. Nello stesso anno, gli Stati Uniti hanno annesso l'isola di Midway Island nel Pacifico ed è stato concesso il diritto di stabilire una base navale a Pearl Harbor, Hawaii. Nel 1898 gli Stati Uniti annettono l'intero arcipelago hawaiano.

In cambio dell'allargamento degli Stati Uniti, la Spagna ha perso sempre più del suo territorio precedente in Nord America e nel Pacifico. Alla fine del XIX secolo i suoi possedimenti erano limitati solo a Cuba, Porto Rico, Filippine e Guam. Ma gradualmente, anche nelle ultime colonie, i movimenti indipendentisti si sono fatti notare. Dal 1868 al 1878, Cuba fu teatro della prima guerra d'indipendenza, che fu però sconfitta. Nel 1895 iniziò la seconda guerra d'indipendenza che non solo portò alla successiva indipendenza, ma anche all'intervento militare degli Stati Uniti e ad una guerra correlata con la Spagna.

 

 

 

La guerra d'indipendenza cubana:

L'insoddisfazione cubana per il dominio spagnolo si basava sulle restrizioni imposte al commercio cubano e sull'incompetenza del governo spagnolo. Fu così che nel 1895, sotto la guida di José Marti, si svolse la seconda guerra d'indipendenza contro l'occupazione spagnola. Questo iniziò prima nella parte orientale dell'isola, ma già un anno dopo la rivolta raggiunse la periferia della capitale dell'Avana.

Il governatore generale spagnolo Valeriano Weyler cercò di separare la rivolta dal resto della popolazione convertendo alcune città in fortezze e internandovi la popolazione. Sebbene queste città fortificate fossero in realtà intese come luoghi di rifugio per i fedeli della Spagna, in realtà le città assomigliavano a campi di concentramento in cui l'offerta di persone che vi abitavano era del tutto inadeguata e quindi circa 300. 000 civili morirono di fame nel giro di un anno.

Questa morte ha provocato orrore da parte degli immigrati cubani che vivono negli Stati Uniti e il governo è stato chiamato ad intervenire. Questa opportunità non è stata scomodo per il governo degli Stati Uniti, in quanto molti parlamentari pensavano di intervenire a Cuba per aumentare gli scambi commerciali con il paese, per espellere l'ultima potenza coloniale dal Nord America con la Spagna, e per espandere la sfera di influenza politica degli Stati Uniti.

L'ultima e decisiva ragione di un'azione militare degli Stati Uniti è stata la perdita del Maine dell'USS, che è entrato nel porto dell'Avana contro la protesta del governo spagnolo per proteggere i cittadini americani che vi abitano. Il 15 febbraio 1898 la nave esplose e affondò nel bacino portuale, uccidendo 266 marinai. Sebbene la colpa dell'esplosione non potesse essere chiaramente provata contro la Spagna, gli Stati Uniti dichiararono guerra alla Spagna il 21 aprile 1898.

 

La USS Maine nel porto dell'Avana

La USS Maine nel porto dell'Avana

 

 

 

La guerra del Pacifico:

Il primo conflitto tra Stati Uniti e Spagna si è svolto in una battaglia navale nelle Filippine. Il commodoro statunitense George Dewey, che era a capo dello squadrone asiatico statunitense e all'epoca ancorato in Cina, fu incaricato di attaccare le navi spagnole in un porto delle Filippine. Partito con 6 navi da guerra e 3 navi di supporto, è arrivato nella notte del 30 aprile davanti alla baia di Manila. Le navi da guerra statunitensi aprirono il fuoco sulle navi spagnole ivi ancorate e furono in grado di distruggere 6 navi nonostante la resistenza delle batterie costiere. La settima ed ultima nave degli spagnoli fu affondata dal suo capitano per non cadere nelle mani del nemico.

Poi un esercito di soldati statunitensi e filippini ha conquistato l'isola. Tuttavia, quando la capitale Manila fu catturata il 13 agosto, le truppe statunitensi negarono l'accesso ai loro alleati, provocando non solo tensioni diplomatiche, ma anche una guerra tra Filippine e Stati Uniti dal 1899 al 1913.

Nel Pacifico occidentale, al capitano Henry Glass dell'incrociatore statunitense USS Charlston fu ordinato di dirigersi e conquistare l'isola di Guam. Il 20 giugno, la nave da guerra arrivò sull'isola e aprì il fuoco sul Forte Spagnolo Santa Cruz. A quel tempo il comandante spagnolo non era stato informato della situazione attuale tra Spagna e Stati Uniti e si recò sulla nave da guerra americana. Lì ha chiesto della polvere per restituire il saluto. Il capitano Glass lo ha chiarito sullo stato di guerra, lo ha fatto arrestare e rimandato sull'isola con una scorta per prepararsi alla consegna. Il 21 giugno l'isola è stata ufficialmente consegnata e i 54 soldati spagnoli di stanza lì disarmati.

 

 

 

La guerra nei Caraibi:

Per espellere i soldati spagnoli da Cuba e prendere l'isola, gli Stati Uniti hanno iniziato il 1° luglio con lo sbarco di circa 15. 000 soldati. Con l'appoggio di circa 4. 000 guerriglieri cubani, questi occuperanno la città di Santiago de Cuba, nel sud-est. Ma la strada per la città è stata bloccata a nord dalle posizioni spagnole a El Caney e San Juan Hill. Quando iniziarono gli attacchi, i difensori spagnoli a El Caney furono in grado di legare circa 8. 000 soldati americani con 500 uomini scomparsi dalla battaglia principale per la collina di San Juan. Tuttavia, l'esercito degli Stati Uniti è riuscito a catturare Kettle Hill prima che i soldati di fanteria potrebbe superare le barriere di filo spinato a San Juan Hill e prendere le posizioni lì.

 

Attacco dei cavalieri duri sulla collina di San Juan

Attacco dei cavalieri duri sulla collina di San Juan

 

In mare, era molto più facile per i marines americani prendere la Baia di Guantanamo e poi utilizzarla come base per le loro navi. Poco dopo, la Marina degli Stati Uniti ha bloccato il porto di Santiago de Cuba, impedendo così la partenza dell'unità principale spagnola. Il 3 luglio, nonostante il blocco, 6 navi spagnole cercarono di sfondare, ma furono distrutte dalle navi da guerra statunitensi.

 

L'incrociatore spagnolo Cristóbal Colón, affondato nel luglio 1898 vicino a Santiago de Cuba

L'incrociatore spagnolo Cristóbal Colón, affondato nel luglio 1898 vicino a Santiago de Cuba

 

Per catturare la capitale cubana San Juan, il 12 maggio, 12 navi da guerra americane hanno iniziato a sparare nel porto, seguito da un blocco. Nel mese di luglio, 3. 300 marines sono stati in grado di effettuare un'operazione di sbarco, che ha permesso alla città di essere catturata senza molta resistenza.

 

La guerra tra Spagna e Stati Uniti si è conclusa con il trattato di pace il 12 agosto. Fino al 1902 Cuba rimase subordinata all'esercito americano, solo in seguito l'isola divenne indipendente. La base navale di Guantanamo è stata affittata dalla marina americana ed è ancora oggi sotto l'amministrazione statunitense.

 

Il 1° maggio 1899, l'ambasciatore francese negli Stati Uniti, Jules Cambon, firmò, a nome della Spagna, la dichiarazione di ratifica del trattato

Il 1° maggio 1899, l'ambasciatore francese negli Stati Uniti, Jules Cambon, firmò, a nome della Spagna, la dichiarazione di ratifica del trattato

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!