La guerra messicano-americana

Il Messico ha fatto parte delle colonie spagnole in America fin dal XVI secolo. Solo con l'indipendenza degli Stati Uniti e della Rivoluzione francese la popolazione del Messico ha lottato per l'indipendenza dalla Spagna. Quando Napoleone occupò la Spagna durante il suo impero, i liberali messicani ne approfittarono e iniziarono la loro ribellione. Sostenuta da indiani e dai discendenti di immigrati bianchi e locali, la guerra durò 10 anni fino a quando le autorità coloniali spagnole furono sconfitti, i liberali stessi erano al potere in Spagna, e il Messico si dichiarò repubblica indipendente nel 1820.

Ma a causa dei diversi orientamenti della chiesa, della popolazione e dei problemi economici, il paese era difficilmente governabile. Nel 1822 fu proclamato un impero, nel 1823 fu proclamata nuovamente la repubblica, ma furono governati solo da forti personalità del mondo militare.

Il territorio dell'allora Repubblica Messicana non solo si estendeva all'area oggi conosciuta, ma anche la costa occidentale del Nord America faceva parte dello stato messicano. Mentre sempre più coloni provenienti dall'est degli Stati Uniti si stabilirono nell'ovest a partire dagli anni '20 del XIX secolo, si svilupparono tensioni tra i coloni e i messicani, che in seguito si conclusero in una guerra.

 

 

 

Sfondo:

Nel 1821, solo 300 coloni provenienti dall'est degli Stati Uniti si stabilirono nella vastità del Texas. Intorno al 1830 c'erano già più di 30. 000 coloni che tentarono la fortuna come agricoltori della zona. D'altra parte, erano rimasti solo circa 10. 000 messicani che si sentivano minacciati dai nuovi coloni. Così il governo messicano inviò truppe in Texas per occupare le città, controllare il confine con gli Stati Uniti e imporre dazi elevati sulle importazioni ed esportazioni da e verso gli Stati Uniti. Nel 1832 le truppe messicane furono di nuovo ritirate, ma il leader degli immigrati texani statunitensi Stephen Austin chiese nel 1833 nella capitale messicana il governo di fare del Texas una provincia autonoma. Il governo respinse la richiesta e imprigionò Austin per 18 mesi.

 

 

 

La via della guerra:

La reazione alla richiesta di autonomia fu il rinvio delle truppe messicane in Texas. I coloni americani cominciarono ad armarsi con la rinnovata occupazione. Quando nel settembre 1835 l'esercito messicano nella città di Gonzales cercò di disarmare i coloni, la situazione si aggravò e i coloni respinsero le truppe messicane dal Texas.

Il generale messicano Antonio Lopez de Santa Anna, che regnò dal 1833 in poi, mobilitò le sue truppe e attraversò il Rio Grande nel febbraio 1836 con l'obiettivo di conquistare la città di San Antonio. Lungo la strada incontrò coloni texani, che con un totale di 183 uomini si radunarono nella vecchia stazione di missione di Alamo. L'assedio è iniziato il 23 febbraio. Durante l'assedio e il vincolo delle truppe messicane, un incontro dei coloni ha preparato la dichiarazione di indipendenza il 2 marzo. Il 6 marzo, gli uomini sono stati sopraffatti da Alamo, Santa Anna non ha lasciato vivere nessuno degli uomini sopravvissuti.

 

Antonio López de Santa Anna

Antonio López de Santa Anna

 

Missione Alamo a San Antonio

Missione Alamo a San Antonio

 

Sempre il 27 marzo, quando l'esercito messicano ha trionfato a Goliad, hanno fatto uccidere circa 300 coloni maschi che si sono arresi. Sam Houston ha mobilitato un piccolo esercito di coloni per opporsi all'esercito messicano. Per prima cosa, però, lasciò che le sue truppe iniziassero un ritiro strategico prima di passare all'offensiva nell'aprile 1836. Il 21 aprile a San Jacinto, riesce a sorprendere i messicani e a batterli in 18 minuti. Più di 600 soldati messicani furono uccisi in battaglia il giorno dopo, quando i coloni effettuarono un'operazione di bonifica nella zona, il generale Santa Anna cadde nelle loro mani. Santa Anna fu costretta a firmare gli accordi di Velasco a maggio, ma il governo messicano non vide più Santa Anna in carica come presidente e non accettò i trattati di pace.

 

 

 

Indipendenza Texas:

L'ex comandante dell'esercito Sam Houston è stato nominato nuovo presidente del Texas dopo il fallimento dei contratti del Velasco. Ha cercato di far ammettere il suo paese negli Stati Uniti. Tuttavia, la sua richiesta è stata inizialmente respinta dagli Stati membri che erano già contrari alla schiavitù, che è ancora consentita in Texas. Così il Texas è rimasto uno stato indipendente per 9 anni, ma ha sofferto di un'economia debole e della povertà associata della popolazione. Inoltre, i ranger allestiti per tenere lontane le truppe messicane sono costati una grossa somma.

Fu solo quando James Polk fu eletto Presidente degli Stati Uniti nel 1845 che il Texas fu ammesso negli Stati Uniti insieme alla California. Il nuovo presidente ha inviato una delegazione nella capitale messicana per negoziare finalmente gli ultimi punti di contesa oltre i confini e l'acquisto del Nuovo Messico e della California. Ma il governo messicano non ha risposto all'offerta e ha anche snobbato la delegazione. Polk fu costretto a spostare le truppe alla foce del Rio Grande. I messicani attaccarono nell'aprile 1846 e iniziò la guerra tra Messico e Stati Uniti.

 

James K. Polk, undicesimo presidente degli Stati Uniti

James K. Polk, undicesimo presidente degli Stati Uniti

 

 

 

La guerra con gli USA:

Mentre il conflitto in Messico era inizialmente limitato al Texas e contro il Texas, l'adesione del Texas agli Stati Uniti ha portato ad una guerra con questo avversario molto più grande.

Nell'aprile 1846, dopo che il presidente degli Stati Uniti aveva spostato le sue truppe al confine con il Messico, le offensive iniziarono a sud sul territorio messicano. In Occidente, una forza di 1600 uomini guidata dal generale Stephen Kearny è avanzata a Santa Fe nel Nuovo Messico. Dopo aver preso la città, marciò verso la California, ma trovò l'area occupata dai seguaci dell'esploratore e geometra John Fremont. Nel frattempo, i soldati rimasti a Santa Fe sotto la guida di Alexander Doniphan si spostarono più a sud, prendendo El Paso e poi la città di Chihuahuahua.

Nel Texas stesso, le truppe statunitensi guidate dal comandante Zachary Taylor sconfissero i messicani a Palo Alto e Resaca de la Palma e presero Matamoros. Nel settembre 1846 le truppe di Taylor e Doniphan si uniscono e conquistano la città di Monterrey dopo 5 giorni di assedio.

 

Zachary Taylor

Zachary Taylor

 

La battaglia di Monterrey. Presumibilmente l'assalto dell'Obispado è raffigurato. Litografia di Tompkins Harrison Matteson, prima del 1855

La battaglia di Monterrey. Presumibilmente l'assalto dell'Obispado è raffigurato. Litografia di Tompkins Harrison Matteson, prima del 1855

 

L'ex generale Santa Anna, che viveva in esilio a Cuba dal 1844, vide la sua ora e tornò in Messico alla fine del 1846 per riconquistare il potere sul paese. Cominciò subito a costituire un nuovo esercito e a marciare con esso nel febbraio 1847 contro le truppe di Taylor.

Allarmato dal nuovo esercito messicano, il presidente degli Stati Uniti Polk, sotto la guida del generale Winfield Scott, ha pianificato un atterraggio anfibio con circa 12. 000 uomini. Questo è stato effettuato nel marzo 1847 nella città portuale di Veracruz, sulla costa caraibica. Per 3 giorni la città è stata colpita dal mare prima di essere presa d'assalto e capitolare. Le truppe americane si spostarono immediatamente più all'interno della capitale Città del Messico.

 

Winfield Scott

Winfield Scott

 

L'atterraggio a Veracruz. Pittura di Nathaniel Currier, 1840s

L'atterraggio a Veracruz. Pittura di Nathaniel Currier, 1840s

 

Dopo che Santa Anna dovette accettare altre 3 sconfitte e riconobbe la disperazione della guerra, nell'agosto del 1847 chiese un armistizio. Dopo 2 settimane di trattative interrotte senza risultato, i combattimenti sono ripresi e hanno conquistato la capitale messicana a settembre.

 

Il caso di Città del Messico. Pittura di Carl Nebel, 1851

Il caso di Città del Messico. Pittura di Carl Nebel, 1851

 

I successivi negoziati di pace si conclusero nel febbraio 1848 con il trattato di Guadalupe Hidalgo.

 

Mappa della zona di guerra

Mappa della zona di guerra

 

 

 

Conseguenze della guerra:

Nel trattato di pace concluso il Messico doveva riconoscere la sovranità del Texas e anche l'adesione agli Stati Uniti. Il governo ha anche dovuto approvare la vendita dei territori del New Mexico, Arizona, metà di Colorado, Utah, Nevada e California per 15 milioni di dollari. La questione del confine è stata risolta anche stabilendo il nuovo confine tra i due Stati dal Rio Grande a ovest fino alla costa. Così, per la prima volta, il territorio degli Stati Uniti si estendeva da costa a costa.

Nel 1853, altre aree del Nuovo Messico e dell'Arizona furono vendute agli Stati Uniti per altri 10 milioni di dollari.

 

I territori ceduti dal Messico Alta California, Nuevo Messico, i territori contesi e lo stato indipendente del Texas

I territori ceduti dal Messico Alta California, Nuevo Messico, i territori contesi e lo stato indipendente del Texas

 

A seguito di queste vendite di superficie, il territorio messicano si è ridotto di circa il 50%. All'epoca, tuttavia, non si conoscevano quasi nessuna risorsa mineraria nelle aree vendute, e l'economia si espandeva solo in minima parte.

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!
Loading cart ...