La guerra russo-giapponese

Nei decenni successivi alla guerra civile in Giappone (1863-1868), il Giappone modernizzò costantemente le sue forze navali e terrestri e perseguì una politica estera estremamente aggressiva per espandere la sua sfera di potere. Durante la guerra con la Cina nel 1894 e 1895, il Giappone riuscì ad annettere Taiwan. Essa controllava anche la penisola coreana, che era ufficialmente indipendente ma segretamente uno stato vassallo del Giappone.

L'Impero zarista russo, specialmente i leader militari, guardò con preoccupazione all'espansione del Giappone ai confini russi. Le prime tensioni politiche derivano dall'affitto russo della penisola manciuriana di Liaodong e dalla creazione di una base navale. Quando nel 1900 la Russia occupò tutta la Manciuria nel nord della Cina e volle costruire una ferrovia dalla sua nuova base navale di Port Arhur alla Siberia, le tensioni si intensificarono e portarono alla guerra.

 

L'Asia nel XVIII secolo

L'Asia nel XVIII secolo

 

 

 

L'inizio della guerra:

Dopo la rivolta dei Boxer in Manciuria intorno al 1900, fu deciso politicamente che la Russia dovesse ritirarsi dai territori occupati. Fino al 1903, tuttavia, l'Impero zarista non rispettava l'accordo, poiché continuava a dipendere dal porto di Port Arthur nella Manciuria occidentale per avere almeno una base navale senza ghiaccio nel Pacifico. L'ex base principale di Vladivostok si è ghiacciata durante i mesi invernali ed era quindi inutilizzabile per la marina durante questo periodo.

Il Giappone si è visto ora costretto a risolvere militarmente le tensioni politiche con la Russia per evitare che anche le rivendicazioni russe si espandano ulteriormente nell'area. L'ammiraglio giapponese Togo Heihachiro è stato quindi incaricato di attaccare la prima squadriglia pacifica di russi che si trova a Port Arthur. L'attacco ebbe luogo nel febbraio 1904 quando 10 cacciatorpediniere giapponesi effettuarono un attacco siluro di notte. Tuttavia, non è stato possibile colpire una sola nave russa e quando la difesa portuale ha iniziato a perquisire la baia con i suoi riflettori, l'attacco ha dovuto essere fermato. Un altro attacco avvenne nelle ore mattutine, ma a causa delle batterie costiere le navi da guerra giapponesi non riuscirono ad avvicinarsi abbastanza per aprire il fuoco sulle navi russe, così i giapponesi avevano solo il blocco del porto.

 

Ammiraglio Tōgō Heihachirō

Ammiraglio Tōgō Heihachirō

 

 

 

L'attacco dalla terraferma:

Dopo che la marina giapponese non era riuscita ad affondare le navi da guerra russe, fu iniziato un attacco da terra. Nell'agosto 1904 iniziarono gli attacchi dei giapponesi contro le posizioni russe, che fecero una prima impressione sui sanguinosi combattimenti della Prima Guerra Mondiale. L'artiglieria giapponese ha sparato contro le posizioni russe, poi i fanti hanno iniziato a prendere d'assalto il filo spinato e hanno falciato migliaia di attaccanti con mitragliatrici. Particolarmente feroci furono i combattimenti intorno all'altezza 203, che non solo era il più forte fortificato, ma anche controllato il porto. Solo il 5 dicembre i giapponesi sono riusciti a conquistare le posizioni in una lotta uomo contro uomo. Il 2 gennaio 1905, le restanti truppe russe capitolano.

 

Soldati giapponesi

Soldati giapponesi

 

 

 

Le battaglie navali:

Poco dopo l'attacco via terra, 1 ° squadrone pacifico di russi è scaduto il 10 agosto 1904 da combinare con la restante flotta a Vladivostok. L'ammiraglio giapponese Togo era completamente impreparata per la scadenza del e ha dovuto inviare dopo 4 navi e 2 incrociatori. Che le navi russe erano significativamente più lente rispetto ai giapponesi, essi potevano raggiungere con loro, alla battaglia. In ammiraglia di questa battaglia l'ammiraglio Togo Mikasa, era solo uno della più moderne navi da guerra del tempo, pesantemente danneggiata, che le navi russe ha dovuto sopportare ma i danni più pesanti. Così il capitano, così come tutti gli alti ufficiali è stato ucciso sul ponte della nave ammiraglia russa Tsesarevich ha colpito. Alla fine della giornata, i russi avevano perso 1 nave da battaglia e 2 incrociatori e dovette tornare a Port Arthur. Dopo la sconfitta, il 1 ° squadrone pacifico non giocato alcun ruolo nel conflitto.

 

Nave da battaglia giapponese Mikasa

Nave da battaglia giapponese Mikasa

 

 

 

La conquista della Manciuria:

Oltre all'assedio e all'attacco a Port Arthur, le truppe giapponesi hanno attraversato la Corea per attaccare le truppe russe nel sud della Manciuria. Nel maggio 1904 i soldati giapponesi marciarono nella zona, spingendo le truppe russe sempre più indietro fino a quando in agosto nei pressi di Liaoyang ci fu un incontro di circa 125. 000 giapponesi e 158. 000 soldati russi.

I russi hanno cercato di sfondare le posizioni giapponesi con 2 attacchi di tempesta e respingerli di nuovo. Entrambi gli attacchi potrebbero essere difesi. Dopo che i giapponesi avevano perso circa 23. 000 uomini e i russi circa 18. 000, il generale russo Kuropatkin fece ritirare le sue truppe nella capitale manciuriana Mukden.

 

L'esercito russo in ritirata dopo la battaglia di Mukden

L'esercito russo in ritirata dopo la battaglia di Mukden

 

Nel febbraio e marzo 1905, 270. 000 soldati giapponesi iniziarono l'attacco alla città. Uno degli eserciti giapponesi li attaccò sul fianco sinistro, mentre la parte principale attaccò il centro e il fianco destro. Nonostante le fortificazioni con le mitragliatrici, i giapponesi riuscirono a sfondare la difesa con alte perdite e a spingere i russi verso nord. Così la Manciuria era completamente in mano giapponese.

 

 

 

La vittoria decisiva:

Due mesi dopo la caduta della Manciuria in mano giapponese, le flotte russa e giapponese si sono incontrate nello stretto di Tsushima tra Corea e Giappone. Dal 27 al 28 maggio 1905 infuriò qui la più grande battaglia navale da Trafalgar e l'ultima in cui furono utilizzate navi corazzate. Dopo che la marina russa ha perso 17 delle sue 28 navi e ne ha catturate 5, hanno dovuto ritirarsi.

Con la mediazione degli Stati Uniti, la pace di Portsmouth si concluse nel settembre 1905. In questo trattato di pace è stato concordato il ritiro delle forze armate russe e giapponesi dalla Manciuria. La Russia ha dovuto consegnare al Giappone anche la penisola di Liaodong e la metà meridionale di Sakhalin.

Questo ha posto fine alle ambizioni russe nella regione del Pacifico e il Giappone è stato in grado di assicurare la sua supremazia nei territori. Inoltre, per la prima volta è emersa l'inferiorità di una superpotenza europea rispetto a un paese extraeuropeo.

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

La flotta suicida. La disfatta della marina Russa nella guerra russo-giapponese (1904-1905)

La flotta suicida. La disfatta della marina Russa nella guerra russo-giapponese (1904-1905) Copertina flessibile – 25 gen 2018

27 maggio 1905: la flotta russa del Baltico, guidata dall'ammiraglio zarista Rozhestvensky, ha navigato per 18.000 miglia marine, affrontando un viaggio incredibile costellato da incidenti e difficoltà. Giunta nello stretto di Corea si scontrerà in un'epica battaglia navale contro le forze giapponesi. La conclusione sarà fatale per le sorti della guerra russo-giapponese che infuria da ormai sei mesi. Sconfitta umiliante e totale per la Russia, la battaglia di Tsushima non fu solo il grande successo dell'ammiraglio Togo, ma segnò l'ingresso nello scacchiere globale di una nuova e temibile superpotenza.

Clicca qui!

 

 

La guerra russo-giapponese 1904-1905

La guerra russo-giapponese 1904-1905 Copertina flessibile – 3 nov 2014

La guerra russo-giapponese segnò la prima sconfitta di una grande potenza europea imperialistica da parte di un Paese asiatico. Quando gli interessi espansionistici di Russia e Giappone entrarono in collisione per il predominio in Manciuria e in Corea, lo zar Nicola II diede per scontato che il Sol Levante non si sarebbe mai avventurato in un conflitto. Ma dopo una pianificazione durata diversi anni, nel 1904 il Giappone sferrò un attacco contro la base navale russa di Port Arthur, nella Penisola di Liaodong, cogliendo di sorpresa il nemico. Il libro tratta le successive fasi della guerra, un percorso che, dallo scoppio delle ostilità e attraverso l'evolversi dello scontro fra i due contendenti nei combattimenti del Fiume Yalu, dello Shaho, fino alla battaglia di Mukden (il più imponente fatto d'armi mai avvenuto prima della grande guerra), si concluderà con la vittoria giapponese.

Clicca qui!

 

 

La guerra russo-giapponese 1904-1905

La guerra russo-giapponese 1904-1905 Copertina flessibile – 1 gen 2012

All'inizio del secolo scorso (1904-05) il mondo fu scosso da un evento bellico che lasciò senza fiato politici e militari: il Giappone aveva risolto a proprio favore il conflitto con l'impero russo, distruggendo completamente la flotta zarista a Tsushima e annientando le armate russe nelle grandi battaglie campali di Port Arthur, Mukden e di Manciuria. Era quindi comparsa una nuova potenza nel settore asiatico che lanciava una sfida al mondo occidentale: l'assetto geopolitico nel Pacifico non sarebbe stato mai più quello di prima.

Clicca qui!

 

 

Incrociatori per il Sol Levante. Un ingegnere italiano da Genova a Tokio durante la guerra russo-giapponese

Incrociatori per il Sol Levante. Un ingegnere italiano da Genova a Tokio durante la guerra russo-giapponese Copertina flessibile – 12 mar 2005

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!
Loading cart ...