La prima guerra mondiale in mare

Con l'emergere dell'Impero tedesco nel 1872, emerse anche la Marina Imperiale, il cui sviluppo nella seconda marina più forte dopo la Royal Navy britannica, fu continuamente avanzata fino al 1914.

Con lo scoppio della prima guerra mondiale, le più grandi forze navali fino ad oggi si affrontarono, ma a parte la battaglia di Skagerrak del 1916 non ci fu alcuno scontro; invece, per la prima volta furono utilizzati sommergibili su larga scala, che avevano lo scopo di cambiare decisamente la guerra navale.

 

 

 

Antefatto:

Quando fu fondato il Reich tedesco, l'ex marina della Confederazione tedesca del nord divenne la nuova marina imperiale, che a quel tempo era già la sesta forza navale più forte. Negli anni successivi, la marina fu ampliata, inizialmente con un'attenzione particolare alla difesa costiera e alla sicurezza delle rotte commerciali marittime, e quindi più difensiva.

Solo all'inizio del secolo e grazie agli sforzi dell'Impero tedesco per la creazione di colonie, la marina fu costruita offensivamente su insistenza dell'imperatore Guglielmo II e fu creata la flotta d'altura. In Inghilterra, che per decenni ha dominato gli oceani del mondo con la sua Royal Navy, il riarmo tedesco è stato guardato con preoccupazione mentre si temeva un conflitto tra la marina inglese e quella tedesca. Questo ha portato alla corsa agli armamenti inglese-tedesca, per cui la marina tedesca non si è mai avvicinata alla marina inglese in termini di numeri e attrezzature.

 

Equilibrio di potere all'inizio della guerra:

Tipo di nave: Inghilterra Impero tedesco Francia Austria-Ungheria Russia USA Italia Giappone
Corazzate 20 15 4 0 0 10 4 2
Incrociatore da battaglia 9 4 0 3 0 0 4 2
Navi di linea 40 22 20 12 12 25 12 14
Incrociatore corazzato 34 9 22 3 6 17 10 13
Incrociatore coronato corazzato 73 41 12 9 8 17 11 18
Distruttori 256 149 84 33 103 61 63 49
Sottomarino 78 28 55 6 28 38 20 15

 

Il concetto tedesco di guerra navale si basava principalmente sul contributo del grande ammiraglio Alfred von Tirpitz, che promuoveva la costituzione di una forte flotta da battaglia e voleva distruggere il principale nemico dell'Inghilterra in un'unica e decisiva battaglia. Alternative come la guerra degli incrociatori, i blocchi di mare o l'uso autonomo dei sottomarini non sono stati considerati all'inizio della guerra. Solo quando l'imperatore tedesco, in qualità di comandante in capo della marina, non volle utilizzare le grandi navi da guerra per non perderle, l'attenzione sull'uso dei sottomarini aumentò.

La Royal Navy inglese era chiaramente superiore alla Marina tedesca all'inizio della guerra, ma la guerra inglese si basava sul blocco del Mare del Nord per tagliare le importazioni dell'Impero tedesco invece di rischiare inutili perdite in una battaglia navale.

 

 

 

 

Cronologia della guerra navale:

1914
- 2 agosto: Le navi da guerra tedesche depongono le mine al largo della Libau nell'attuale Lettonia. Gli incrociatori SMS Augsburg e SMS Magdeburg incendiano i depositi di munizioni russi nella zona costiera
- 4 agosto: L'incrociatore da battaglia Goeben e il piccolo incrociatore Breslau della divisione mediterranea tedesca stanno sparando in impianti portuali e navi da trasporto sulla costa algerina
- 5 agosto: Il giacimento minerario ausiliario tedesco Königin Luise depone le miniere marine nell'estuario del Tamigi. La nave è affondata dall'incrociatore inglese HMS Amphion
- 6 agosto: L'incrociatore inglese HMS Amphion corre su una miniera posata dal posamine tedesco Königin Luise e affonda nel mare.
La Danimarca chiude il Belt e la parte danese dell'Öresund per mezzo di miniere di mare
- 9 agosto: Ha affondato il U-13 sottomarino tedesco
- 12 agosto: Ha affondato il U-15 sottomarino tedesco
- 26 agosto: Il piccolo incrociatore tedesco Magdeburg è bloccato di fronte a Odensholm. I libri di segnalazione caddero nelle mani della Russia, che ne trasmise una copia agli inglesi e quindi possedeva un vantaggio decisivo e la conoscenza
- 28 agosto: Battaglia di Helgoland. Le perdite nel blu marino tedesco erano 3 piccoli incrociatori ed 1 torpediniera. Kaiser Wilhelm II. vietato come reazione alle perdite ulteriori azioni, che comportano perdite maggiori sono attesi
- 5 settembre: Il sottomarino tedesco U-21 che affonda l'incrociatore inglese HMS Pathfinder
- 13. settembre: Il sottomarino inglese E-9 che affonda l'incrociatore tedesco SMS Hela
- 22 settembre: Il sottomarino tedesco U-9 che affonda gli incrociatori corazzati inglesi HMS Aboukir, HMS Hogue e HMS Cressy.
- 15 ottobre: Il sottomarino tedesco U-9 che affonda l'incrociatore inglese HMS Hawke
- 27 ottobre: La corazzata inglese HMS Audacious ha corso su una miniera di mare tedesca ed è affondata
- 28 ottobre: Il piccolo incrociatore tedesco Emden affonda l'incrociatore russo Schemtschug e il cacciatorpediniere francese Mousquet
- 1 novembre: Lo squadrone tedesco dell'Asia orientale affonda gli incrociatori inglesi HMS Monmouth e HMS Good Hope durante la battaglia navale di Coronel
- 3 novembre: Gli incrociatori tedeschi bombardano la costa inglese a Yarmouth e Lowestoft
- 4 novembre: Il piccolo incrociatore tedesco SMS Karlsruhe affonda per motivi sconosciuti
- 9 novembre: L'incrociatore tedesco SMS Emden è affondato dall'Australian Light Cruiser Sydney
- 8 dicembre: Nella battaglia navale vicino alle Isole Falkland, l'intera squadra dell'Asia orientale, compresi gli incrociatori corazzati SMS Scharnhorst, SMS Gneisenau, i piccoli incrociatori SMS Nürnberg, SMS Leipzig e le navi da traino Baden e Santa Isabel sono stati distrutti ad eccezione dell'incrociatore SMS Dresden
- 16 dicembre: Gli incrociatori tedeschi bombardano le città inglesi di Hartlepool, Scarborough e Whitby

 

 

 

1915
- 1 gennaio: Il sottomarino tedesco U-24 che affonda la corazzata inglese Formidabile nella Manica
- 24 gennaio: Decifrando i messaggi radio della Marina tedesca si è giunti alla battaglia navale sulla Doggerbank. L'incrociatore pesante SMS Blücher è stato affondato nel processo
- 30 gennaio: Il sottomarino tedesco U-20 affonda due navi mercantili nella Manica senza preavviso secondo il Prisenrecht (diritto di prise)
- 18 febbraio: Come contromisura al blocco navale inglese, la leadership navale tedesca decretò la guerra senza restrizioni al commercio sottomarino e dichiarò le acque intorno all'Inghilterra e all'Irlanda zona di guerra. Questo approccio sta provocando una forte indignazione negli Stati neutrali.
- dal 19 febbraio al 18 marzo: La battaglia di Gallipoli si conclude in un disastro per le truppe inglesi e francesi
- 14 marzo: L'incrociatore tedesco SMS Dresden è affondato nelle neutre acque territoriali cilene dell'isola Robinson Crusoe dall'equipaggio stesso dopo che le navi da guerra inglesi hanno rintracciato la nave
- 7 maggio: Il sottomarino tedesco U-20 affondò la nave passeggeri RMS Lusitania dove morirono 1198 persone. Gli avvertimenti dell'ambasciata tedesca prima della partenza di New York sono stati ignorati. Contrariamente all'atteggiamento neutrale ufficiale degli Stati Uniti, la nave aveva caricato munizioni per le forze armate inglesi, perdendo così la sua condizione di neutralità bellica
- 23 maggio: L'Italia ha dichiarato guerra alle potenze centrali. Lo stesso giorno le città di Ancona, Rimini, Senigallia e l'estuario del Potenza furono bombardate da navi da guerra austro-ungariche
- 2 luglio: Navi da guerra tedesche e russe si scontrano nel Gotland. Il tedesco incrociatori albatross fili della miniera
- 11 luglio: Il piccolo incrociatore tedesco SMS Königsberg viene affondato dal team stesso dopo un pesante incendio
- 13 agosto: Il sottomarino tedesco U-14 affonda il trasportatore truppe britanniche Royal Edward nel Mar Egeo orientale
- 19 agosto: Il sottomarino tedesco U-24 ha affondato il passeggero britannico a vapore arabo. In seguito, l'istruzione che i piroscafi passeggeri non possono più essere attaccati.
Lo stesso giorno il sottomarino tedesco U-27 è stato affondato in acque irlandesi dalla trappola sottomarina inglese (nave mercantile armata e camuffata sotto bandiera USA) Baralong e i sopravvissuti sono stati fucilati dall'equipaggio inglese
- 23 ottobre: Il grande incrociatore SMS Prinz Adalbert è stato affondato dal sottomarino inglese E-8
- 5 novembre: Nel Golfo di Sollum in Egitto, il sottomarino tedesco U-35 affondò l'incrociatore ausiliario inglese HMS Tara e la cannoniera Abbas
- 8 novembre: Il sommergibile tedesco U-38 che affonda la nave passeggeri italiana Ancona a sud della Sardegna

 

 

 

1916
- 2 gennaio: Il 50% della flotta mercantile dell'Impero Ottomano fu affondata da sottomarini inglesi
- 1 febbraio: Per la prima volta uno zeppelin tedesco affondò una nave mercantile inglese nella Manica
- 22 marzo: La nave sottomarina inglese HMS Farnborough ha usato per la prima volta le bombe ad acqua e ha affondato il sottomarino tedesco U-68
- 24 marzo: Il sottomarino tedesco U-29 ha silurato il traghetto del canale Sussex, che potrebbe essere trainato pesantemente danneggiato in Francia
- 31 maggio e 01 giugno: Nelle acque dello Jutland, la battaglia di Skagerrak ha portato al più grande conflitto tra la Marina Imperiale e la Royal Navy. Lo scopo effettivo della leadership navale tedesca era quello di attaccare e indebolire gli squadroni inglesi di stanza vicino a Rosyth prima che i rinforzi inglesi potessero essere gradualmente eliminati. Tuttavia, poiché gli inglesi sono stati in grado di monitorare e decodificare il traffico radio tedesco, sono stati preparati. La Marina Reale ha portato con sé
-- 28 Corazzate
-- 9 Incrociatore da battaglia
-- 8 Incrociatore corazzato
-- 26 Incrociatori leggeri
-- 78 Distruttori
-- 1 Aereo nave madre nella battaglia.
La Marina Imperiale aveva
-- 16 Corazzate
-- 5 Incrociatore da battaglia
-- 6 Vecchie fodere
-- 11 Piccoli incrociatori
-- 61 torpediniere sono a vostra disposizione.
A differenza delle battaglie precedenti, questa volta la Royal Navy ha subito perdite maggiori rispetto alla Marina Imperiale. La marina inglese ha perso
-- 3 Incrociatore da battaglia HMS Queen Mary, HMS Indefatigable e HMS Invincible
-- 3 Incrociatore corazzato HMS Defence, HMS Warrior e HMS Black Prince
-- 8 Distruttori HMS Tipperary, HMS Ardent, HMS Fortune, HMS Nestor, HMS Nomad, HMS Shark, HMS Sparrowhawk e HMS Turbulent
La Marina Imperiale ha perso
-- 1 Grande incrociatore SMS Lützow
-- 4 Piccole imbarcazioni da crociera SMS Wiesbaden, SMS Frauenlob, SMS Elbing, SMS Rostock
-- 1 Fodera più vecchia SMS Pommern
-- 5 Torpediniere V4, V27, V29, V48 und S35
Nonostante le maggiori perdite da parte inglese, l'equilibrio di potere da parte della Royal Navy è rimasto.
- 5 giugno: L'incrociatore corazzato inglese HMS Hampshire corre su una miniera di mare tedesca e affonda. Tra i morti c'è il ministro della guerra inglese Kitchener
- 2 luglio: Agenti dell'Austria-Ungheria che affondano la corazzata italiana Leonardo da Vinci con una carica esplosiva
- 26 e 27 ottobre: 23 torpediniere tedesche affondano 1 cacciatorpediniere inglese e 14 navi ausiliarie nella Manica
- 10 novembre: 10 cacciatorpediniere tedesche affondate in un campo minato negli Stati Baltici
- 21 novembre: Nel Mar Egeo, la nave ospedale HMHS Britannico ha corso su una miniera di mare tedesca ed è affondata
- 25 novembre: Il sottomarino tedesco U-52 che affonda il transatlantico francese Suffren al largo delle coste del Portogallo

 

 

La battaglia di Skagerrak del 31 maggio 1916

La battaglia di Skagerrak del 31 maggio 1916

 

1917
- 9 gennaio: Il sottomarino tedesco U-32 che affonda il transatlantico inglese Cornwallis nel Mar Mediterraneo
- 1 febbraio: La Germania ricomincia la guerra senza restrizioni dei sottomarini
- 17 marzo: Due cacciatorpediniere inglesi sono affondate nella Manica
- 6 aprile: Gli Stati Uniti dichiarano guerra all'impero tedesco
- 10 maggio: Gli Alleati introducono il sistema dei convogli per proteggere le loro navi
- 19 luglio: I primi casi di rifiuto di obbedire agli ordini e di ammutinamento si sono verificati sulle grandi navi tedesche di linea SMS Prinzregent Luitpold e SMS Friedrich der Große
- 12 ottobre: Occupazione delle isole baltiche Saaremaa (Ösel), Hiiumaa (Dagö) e Muhu (Moon)
- 17 ottobre: Battaglia di Moon Sound tra le Marine imperiale e russa. Il transatlantico russo Slawa, 1 cacciatorpediniere russo e 1 sottomarino russo sono stati affondati
- 26 ottobre: Dopo l'affondamento delle navi brasiliane, il paese dichiara guerra all'Impero

 

 

 

1918
- 1 febbraio: Nella base navale austro-ungarica di Kotor, circa 6. 000 marinai hanno combattuto una rivolta. Dopo che non è stata ricevuta alcuna reazione, essa si è conclusa il 3 febbraio
- 23 aprile: L'ultima avanzata nel Mare del Nord della flotta imperiale d'altura si conclude con un guasto alla macchina dell'incrociatore da battaglia SMS Moltke
- 27 giugno: Il sottomarino tedesco U-86 affondò la nave ospedale Llandovery Castle. La maggior parte dei sopravvissuti sono stati poi fucilati nell'acqua e nelle scialuppe di salvataggio
- 10 ottobre: Il sottomarino tedesco U-123 che affonda la nave passeggeri inglese RMS Leinster
- 24 ottobre: Secondo gli ordini del Comando Flotta dell'Imperatore tedesco, la flotta d'altura doveva attaccare l'indebolita Royal Navy inglese nella zona della costa fiamminga e dell'estuario del Tamigi. Dal 29 al 30 ottobre, i primi marinai rifiutarono di eseguire i loro ordini e l'attacco fu annullato. Ciononostante, il rifiuto di obbedire agli ordini si è trasformato nell'insurrezione dei marinai di Kiel, che ha portato alla rivoluzione di novembre
- 9 novembre: Il sottomarino tedesco U-50 affonda il transatlantico inglese HMS Britannia a ovest di Gibilterra. E' stato l'ultimo affondamento di una nave da guerra nella prima guerra mondiale
- 11 novembre: Secondo i termini del cessate il fuoco, la flotta imperiale d'altura doveva essere consegnata ed è stata internata a Scapa Flow. La Prima Guerra Mondiale finì anche per la Marina Imperiale

 

 

 

 

L'autoaffondamento della flotta imperiale d'alto mare:
Il 18 novembre 1918, 20 sottomarini tedeschi salparono per l'Inghilterra, seguiti da 9 navi di linea, 5 grandi incrociatori, 7 piccoli incrociatori e 50 torpediniere il 19 novembre. Le navi SMS König Albert e SMS Dresden seguirono più tardi.

La flotta di Scapa Flow era stata disarmata secondo i regolamenti e solo 4. 500 marinai sono rimasti sul posto per operare sotto la guida del contrammiraglio Ludwig von Reuter. Nel giugno 1919 Reuter ridusse il numero dei marinai di circa 2. 200, in modo che il nucleo dei marinai rimasti gli fosse fedele. Alla base di tutto ciò c'era l'ipotesi di Reuters che i negoziati di pace sarebbero falliti, che lo stato di guerra sarebbe stato dichiarato nuovamente e che la flotta d'altura tedesca sarebbe caduta direttamente nelle mani dei britannici. Su questa base, Reuters ha deciso in un momento favorevole di dare l'ordine per il completo autoaffondamento delle navi da guerra.

Il 21 giugno 1919 la maggior parte della Royal Navy di stanza a Scapa Flow lasciò la base per una manovra nel Mare del Nord. Reuters ha riconosciuto il momento giusto e alle 11:00 ha dato l'ordine di aprire le valvole del mare. Le restanti navi inglesi hanno riconosciuto troppo tardi ciò che era successo, ha aperto ancora il fuoco sui marinai tedeschi, ma non poteva più prevenire il disastro. Ad eccezione di 1 nave di linea SMS Baden, 3 piccole navi da crociera SMS Emden, SMS Frankfurt e SMS Nürnberg e 11 torpediniere tutte le navi tedesche sono affondate:
-- Fodera SMS Bayern
-- Fodera SMS Friedrich der Große
-- Fodera SMS Großer Kurfürst
-- Fodera SMS Kaiser
-- Fodera SMS Kaiserin
-- Fodera SMS König Albert
-- Fodera SMS König
-- Fodera SMS Kronprinz Wilhelm
-- Fodera SMS Markgraf
-- Fodera SMS Prinzregent Luitpold
-- Fodera SMS Baden
-- Incrociatore da battaglia SMS Derfflinger
-- Incrociatore da battaglia SMS Hindenburg
-- Incrociatore da battaglia SMS Moltke
-- Incrociatore da battaglia SMS Seydlitz
-- Incrociatore da battaglia SMS von der Tann
-- piccola imbarcazione da crociera SMS Cöln
-- piccola imbarcazione da crociera SMS Karlsruhe
-- piccola imbarcazione da crociera SMS Dresden
-- piccola imbarcazione da crociera SMS Brummer
-- piccola imbarcazione da crociera SMS Bremse
-- piccola imbarcazione da crociera SMS Nürnberg
-- piccola imbarcazione da crociera SMS Frankfurt
-- piccola imbarcazione da crociera SMS Emden
-- Torpediniere della Prima Flottiglia (S 32, G 38, G 39, G 40, G 86, V 129)
-- La seconda flottiglia torpediniere (G 101, G 103, G 104, B 109, B 110, B 111, B 112)
-- Barche della torpedine della terza flottiglia (S 53, S 54, S 55, V 70, G 91)
-- Barche della torpedine della sesta flottiglia (V 45, S 49, S 50, S 131)
-- Barche della torpedine della settima flottiglia (S 56, S 65, V 78, V 83, G 89, S 136, S 138, H 145)
-- Barche della torpedine della diciassettesima mezza flottiglia (S 36, S 52)

 

 

Come conseguenza della violazione del trattato di armistizio, il governo tedesco dovette successivamente consegnare altre navi da guerra che avrebbero dovuto essere utilizzate per il Reichsmarine. Inoltre, decine di navi dovevano essere consegnate alla flotta mercantile.

Il contrammiraglio Ludwig von Reuter e 1773 ufficiali ed equipaggi furono catturati in cattività di guerra e non ritornarono in Germania fino al 31 gennaio 1920.

 

 

 

Perdite nella prima guerra mondiale:

 

Inghilterra Impero tedesco Francia Austria-Ungheria Russia USA Impero Ottomano
Corazzate 2 0 0 2 2 0 0
Incrociatore da battaglia 3 1 0 0 2 0 0
Navi di linea 11 2 4 1 2 0 2
Incrociatore corazzato 13 6 5 0 0 2 0
Incrociatore coronato corazzato 12 18 0 4 1 1 1
Sottomarino 55 199 15 9 28 3 0
Altre navi da guerra 257 239 51 12 197 15 36
Navi ausiliarie 765 319 90 13 110 42 57
Tutto 1188 784 165 41 232 63 69
Stazza senza navi ausiliarie 652.000 362.000 172.000 58.000 127.000 41.000 31.000
Morto 34.654 34.836 11.500 sconosciuto sconosciuto sconosciuto sconosciuto

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Aspetti marittimi della prima guerra mondiale

Aspetti marittimi della prima guerra mondiale Copertina flessibile – 20 nov 2018

Quando si parla di Prima Guerra Mondiale nella mente appaiono immagini raffiguranti cruenti combattimenti terrestri, i gas, la sofferenza della vita in trincea o sulle montagne innevate, dimenticando che la Prima Guerra Mondiale ha avuto una dimensione marittima non secondaria rispetto a quella terrestre, anzi. Appunto in questo sta la peculiarità dell'opera, che guarda e interpreta gli eventi politico-strategici da un punto di vista marittimo, spesso trascurato da molti storici, che privilegiano una visione "terrestre" di quella grande tragedia, non evidenziando a sufficienza che essa fu per gran parte provocata dalla rivalità sui mari e risolta dall'esercizio del potere marittimo dell'Intesa. Prima ancora che si scatenasse il conflitto, infatti, quelli che sarebbero diventati gli opposti schieramenti si confrontarono duramente sul mare con la "diplomazia delle cannoniere", per assicurarsi la libertà di navigazione e il libero accesso alle fonti di materie prime, ponendo sostanzialmente le premesse per il successivo scontro armato. Dopo lo scoppio delle ostilità, la lotta sul mare ha influito in maniera determinante sull'esito della guerra stessa, tant'è vero che il dominio dei mari da parte dell'Intesa e dei suoi alleati ha impedito che le Potenze Centrali potessero disporre di regolari rifornimenti, causando la loro sconfitta per esaurimento delle risorse. In tale ambito, il ruolo strategico dell'Italia è stato estremamente rilevante, nonostante l'esiguità dei mezzi e la relativa modestia delle risorse. Attingendo da fonti inedite, ma sicuramente autorevoli, il libro ripercorre gli eventi politico-marittimi precedenti allo scoppio delle ostilità, narra gli aspetti strategici dei principali scontri navali e illustra le principali ripercussioni politico-strategiche del conflitto. A 100 anni dalla fine di quell'inutile strage, il messaggio che il libro vuole trasmettere, attraverso la descrizione e la lettura degli eventi politico-strategici, è che gli aspetti marittimi hanno influito in maniera determinante sia sull'esplosione del conflitto che sulle successive vicende terrestri e che la Grande Guerra, ancora oggi, ha ancora molto da insegnare a chi desidera comprenderne le motivazioni reali, per evitare di compiere gli stessi errori.

Clicca qui!

 

 

Navi al fronte. La marina italiana e la grande guerra

Navi al fronte. La marina italiana e la grande guerra Copertina flessibile – 8 lug 2015

Le date, i nomi, gli avvenimenti più importanti e i fatti poco conosciuti della storia della Regia Marina durante la Prima guerra mondiale. Dal 24 maggio del 1915 e per 41 mesi di conflitto la Marina italiana ebbe un ruolo da protagonista a dimostrazione che la Grande Guerra non si combatté solo nelle trincee e sulle montagne. La Marina adottò una strategia di attesa e di deterrenza basata sulla conquista del potere marittimo in Adriatico, di cui lo sbarramento del Canale d'Otranto fu il più fulgido esempio. Grazie all'ammiraglio Paolo Thaon di Revel la Marina approntò le misure necessarie per difendere il patrimonio culturale e artistico italiano a partire da Venezia. A questo si aggiunsero vere e proprie operazioni che oggi definiremmo di carattere umanitario quale il salvataggio del popolo e dell'esercito serbo, la cessione di alcune navi per accogliere trovatelli, orfani, figli di pescatori morti in guerra o in mare seguito di naufragio. Grazie al contributo della Marina nacquero le "navi-asilo" che a Genova, Bari, Napoli e Venezia "arruolarono" alla cultura del mare tanti "marinaretti" sottraendoli alla strada, alla fame e alla criminalità. Non mancarono, infine, le eroiche e ardite operazioni, come la famigerata "beffa di Buccari", l'impresa di Pola e la difficile operazione di Premuda, che la Marina Militare ancora oggi celebra ogni 10 giugno come festa di Forza Armata, ad opera di Luigi Rizzo e Giuseppe Aonzo al comando dei MAS 15 e MAS 21.

Clicca qui!

 

 

Battaglie sconosciute. Storia della Regia Marina durante la grande guerra

Battaglie sconosciute. Storia della Regia Marina durante la grande guerra Copertina flessibile – 22 apr 2014

"Battaglie sconosciute" è la storia di tutte le 40 azioni di superficie combattute in Adriatico dalla Regia Marina durante la Grande Guerra. Alcune non erano mai state ricordate neppure nelle opere ufficiali (risalenti a loro volta a settant'anni fa) e nessuna era stata messa puntualmente a confronto con la contemporanea documentazione originale della marina austro-ungarica. Il quadro, finalmente completo, che emerge è quello di una guerra molto diversa da quello che la vulgata corrente ha ricordato, distrattamente, per un secolo. Questo libro è però anche un'analisi inaspettata, a cent'anni dal primo conflitto mondiale, in merito ai veri ruoli rivestiti da amici e nemici nel corso di quella strana guerra. Basato su fonti originali e su una ricca documentazione d'archivio "Battaglie sconosciute" può essere definito un saggio non convenzionale soltanto perché non indulge alla retorica del tempo, ma affronta a mente fredda anche le quantità economiche, politiche, diplomatiche e spionistiche che fanno, silenziosamente, da sfondo a qualsiasi guerra sul mare.

Clicca qui!

 

 

Storia delle navi da guerra. Ediz. illustrata

Storia delle navi da guerra. Ediz. illustrata Copertina rigida – 31 ott 2004

Nate come strumento per affermare la potenza navale di una nazione, le navi da guerra erano in origine poco più che navi mercantili armate con archi e balestre. I rapidi sviluppi tecnologici della nautica portarono alla nascita delle prime vere navi da combattimento, sebbene ancora limitate nella loro capacità offensiva e raggio d'azione. Le tattiche di battaglia navale restarono pertanto inalterate per più di 1500 anni. Il primo vero cambiamento avvenne con l'introduzione della polvere da sparo, che rese possibile alle navi di attaccare a distanza e di elevare i cannoni al rango di armi principali. Il ventesimo secolo celebrerà la trasformazione definitiva della marina militare.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!