La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale fu combattuta dal 1914 al 1918 in Europa, Africa, Medio Oriente e Asia. E 'stata la guerra più completa della storia fino ad oggi, che copre tutti i settori dello stato, della società, dell'economia e della cultura. Un totale di quasi 70 milioni di soldati erano sotto le armi. Circa 17 milioni di persone hanno perso la vita nelle sanguinose guerre di posizione, considerate la catastrofe originale del XX secolo.

 

 

 

La via della guerra:

L'origine della crisi, che portò alla guerra mondiale nel 1914, risiedeva nelle precedenti guerre balcaniche e nelle aspirazioni nazionali dei singoli Stati e nell'ingerenza delle grandi potenze europee Austria-Ungheria, che volevano impedire con ogni mezzo un Grande Impero serbo e la Russia, che sosteneva i loro "fratelli" slavi.

 

Spostamenti di frontiera nei Balcani 1878 - 1913

Spostamenti di frontiera nei Balcani 1878 - 1913

 

Questo estremismo nazionale, soprattutto in Serbia, che voleva espandere il territorio che aveva conquistato fino ad allora ed estenderlo a tutti i Balcani, ha portato alla fondazione di Mlada Bosna. Si trattava di un'associazione di studenti serbi attivi in Bosnia-Erzegovina, annessa dall'Austria-Ungheria, il cui scopo era l'annessione di questa regione alla Serbia. A partire da questo gruppo, già prima del 1914 si verificarono diversi attacchi, il cui culmine fu però l'uccisione dell'erede austriaco al trono Francesco Ferdinando.

Franz Ferdinand visitò la capitale Sarajevo nel luglio 1914 con la moglie Sophie Chotek, duchessa di Hohenberg. Lì, tra le altre cose, era previsto un viaggio in automobile attraverso la città, che i membri della Mlada Bosna volevano usare per compiere un attacco mortale. Intorno alle 10 del mattino il gruppo ha superato l'assassino Mehmedbašić, che aveva il compito di lanciare una bomba nel veicolo di Franz Ferdinand e ucciderlo con esso. Poiché Mehmedbašić non riusciva a vedere in quale veicolo era seduto Franz Ferdinand, fermò il suo tentativo.

Poco dopo il secondo assassino Čabrinović chiese con un poliziotto in quale veicolo era seduto l'erede al trono. Quando ha ricevuto una risposta, ha sbloccato la sua bomba e l'ha lanciata verso il veicolo. L'autista notò il lancio, accelerò e Franz Ferdinand alzò il braccio sopra la moglie per protezione. La bomba rimbalzò sulla macchina e rotolò sulla parte superiore aperta del veicolo, poi la bomba esplose davanti all'auto successiva. Čabrinović cercò di uccidersi con il cianuro, ma il veleno era troppo vecchio e perse il suo effetto. E' stato successivamente arrestato.

Un altro assassino, Gavrilo Princip, è stato immerso in un caffè durante la frenetica corsa e ha aspettato.

Il viaggio dell'erede al trono si è concluso per primo nel municipio. Contro qualche consiglio Franz Ferdinando decise di recarsi in ospedale per visitare il tenente colonnello Merizzi, ferito al primo attacco. Durante il tragitto, il veicolo ha dovuto fermarsi per un breve periodo di tempo, proprio di fronte al caffè in cui era seduto Gavrilo Princip. Ha colto l'occasione e ha marciato direttamente verso il veicolo. Mentre camminava, ha estratto la pistola e ha sparato due colpi. Il primo colpo ha colpito Sophie Chotek nell'addome, il secondo ha colpito Franz Ferdinand in gola, che ha perso conoscenza poco dopo.

Anche il preside cercò di uccidersi con il cianuro, ma come per Čabrinović il veleno era già troppo vecchio e non funzionava più. Il preside è stato arrestato. L'erede al trono e sua moglie morirono più tardi per le gravi ferite. La cosiddetta "crisi di luglio" è iniziata con la morte.

 

L'assassinio di Sarajevo

L'assassinio di Sarajevo

 

 

 

La crisi di luglio:

Con la morte dell'erede al trono austriaco, diversi leader militari austriaci iniziarono a premere per un immediato sciopero militare contro la Serbia. Anche se gli assassini erano residenti in Bosnia-Erzegovina, la leadership austriaca ha visto nella leadership serba la mente dietro gli attacchi.

Dopo qualche esitazione da parte del Ministero degli Esteri austriaco, il Reich tedesco è stato consultato sui passi successivi, poiché uno sciopero militare contro la Serbia avrebbe inevitabilmente portato ad una guerra con la Russia. Dopo che il governo tedesco aveva promesso alla dirigenza austriaca una mano libera nei suoi rapporti con la Serbia (che oggi viene erroneamente considerata come un cosiddetto assegno in bianco per uno sciopero militare), il 23 luglio 1914 il governo serbo ricevette un ultimatum che doveva essere adempiuto entro 48 ore. Questo ultimatum riguardava principalmente il divieto delle associazioni estremiste, il divieto dei comunicati stampa diretti contro l'Austria-Ungheria e il licenziamento di funzionari pubblici impegnati in agitazioni antiaustriache. I paragrafi 5 e 6 sono stati considerati più urgenti e anche non compilabili:
"5. di autorizzare l'insediamento in Serbia di organi dell'impero austro-ungarico. 6. avviare un'inchiesta giudiziaria contro i partecipanti al complotto del 28 giugno che si trovano sul territorio serbo; e 6. partecipare all'inchiesta sulle azioni del governo serbo contro il governo serbo nella repressione del movimento sovversivo diretto contro l'integrità territoriale della monarchia. Gli enti governativi a tal fine delegati parteciperanno alle relative indagini".

Il potere di protezione russo è stato informato dell'ultimatum dalla dirigenza serba. La mobilitazione delle forze armate in Russia è iniziata sotto la massima segretezza il 25 luglio, poiché la dirigenza russa considerava inevitabile un conflitto con l'Austria e il suo alleato Germania.

Anche la Francia, alleata della Russia, è stata informata dell'ultimatum. Per decenni, la dirigenza militare francese aveva insistito per la guerra contro la Germania per recuperare l'Alsazia-Lorena, perduta nella guerra franco-tedesca. Il 26 luglio la dirigenza militare francese ha accettato di mobilitare le truppe a 10 chilometri di distanza dal confine con la Germania per non essere responsabile di eventuali incursioni alla frontiera.

Il 25 luglio alle 17. 55 la risposta serba all'ultimatum fu data all'Austria-Ungheria, ma allo stesso tempo fu ordinata la mobilitazione generale nel paese. La risposta prometteva la maggior parte delle affermazioni dell'Austria secondo cui solo i funzionari austriaci sarebbero tornati nel paese per le indagini.

Mentre la risposta è stata ritenuta sufficiente dalla maggior parte delle principali potenze europee, l'Austria-Ungheria ha insistito sulla piena attuazione. Nei tre giorni successivi erano ancora in corso negoziati che avrebbero dovuto trovare una soluzione diplomatica quando l'Austria dichiarò guerra alla Serbia il 28 luglio 1914 su sollecitazione di alcuni politici e militari.

Il 29 luglio ha avuto luogo la mobilitazione parziale ufficiale della Russia, con il Ministero degli Esteri che ha informato l'ambasciatore tedesco che questa mobilitazione era diretta solo contro l'Austria-Ungheria e non contro la Germania.

 

Il governo tedesco era ora esposto ai suoi obblighi di alleanza con l'Austria e informò la leadership russa che un'ulteriore mobilitazione delle forze russe avrebbe portato alla mobilitazione tedesca. La Russia ha ignorato questa minaccia e ha emesso la mobilitazione generale il 30 luglio. Su insistenza del capo di stato maggiore tedesco Helmuth von Moltke, la mobilitazione generale ha avuto luogo in Austria il 31 luglio e un ultimatum è stato inviato alla Russia per revocarla entro 12 ore. Un ultimatum di 18 ore raggiunse contemporaneamente la Francia, che chiedeva la sua posizione neutrale in un conflitto russo-tedesco.

 

Wilhelm II. ha decretato lo stato di guerra (annunciato come uno stato di pericolo imminente di guerra) il 31 luglio 1914, ai sensi dell'articolo 68 della Costituzione

Wilhelm II. ha decretato lo stato di guerra (annunciato come uno stato di pericolo imminente di guerra) il 31 luglio 1914, ai sensi dell'articolo 68 della Costituzione

 

Dopo che le 12 ore per l'ultimatum alla Russia erano trascorse senza risposta, la Germania ha mobilitato le sue forze il 1° agosto e ha dichiarato guerra alla Russia la sera. Poiché la risposta francese all'ultimatum dato loro era insufficiente, la dichiarazione di guerra della Germania seguì il 3 agosto 1914. Quando le truppe tedesche agirono secondo il piano Schlieffen e marciarono attraverso il Belgio neutrale, la garanzia britannica per il Belgio entrò in vigore e la dichiarazione di guerra alla Germania ebbe luogo il 4 agosto 1914.

Cronologia:

  • 28 giugno: Assassinio dell'arciduca Francesco Ferdinando a Sarajevo
  • 5-6 luglio: "Mission Hoyos" e il "assegno in bianco" tedesco
  • 23 luglio: L'ultimatum austriaco alla Serbia
  • 25 luglio: La risposta serba all'ultimatum
  • 28 luglio: L'Austria-Ungheria dichiara guerra alla Serbia
  • 29 luglio: Bombardamento di Belgrado
  • 29 luglio: Mobilitazione parziale russa
  • 31 luglio: Mobilitazione generale russa
  • 31 luglio: Ultimatum tedeschi a Francia e Russia
  • 1 agosto: Mobilitazione generale tedesca e dichiarazione di guerra alla Russia
  • 2 agosto: Ultimatum tedesco al Belgio e occupazione del Lussemburgo
  • 3 agosto: Dichiarazione tedesca di guerra alla Francia
  • 4 agosto: Invasione tedesca del Belgio
  • 4 agosto: Dichiarazione di guerra della Gran Bretagna alla Germania
  • 6 agosto: L'Austria-Ungheria dichiara guerra alla Russia
  • 8 agosto: La Gran Bretagna dichiara guerra all'Austria-Ungheria

 

Alleanze durante la prima guerra mondiale

Alleanze durante la prima guerra mondiale

 

 

 

1914 (primo anno di guerra):

Fronte occidentale:

La strategia e la tattica per la campagna contro la Francia si basavano sul piano Schlieffen elaborato già nel 1905 da Alfred Graf von Schlieffen. Il piano era quello di mantenere le truppe difensive ad est in caso di guerra su due fronti con la Russia e la Francia, e di bypassare le fortificazioni francesi ad ovest con un movimento di forcipe che attraversa il Belgio e di cadere nelle spalle dell'esercito francese per ottenere una rapida vittoria. Poi le truppe dovevano essere inviate ad est per combattere contro la Russia.

 

Il piano Schlieffen tedesco

Il piano Schlieffen tedesco

 

Il piano francese XVII

Il piano francese XVII

 

La struttura di base di questo piano Schlieffen fu implementata nell'agosto 1914 dal più alto comando militare. Così le truppe tedesche cominciarono ad invadere il Belgio in un attacco fulmineo per occupare la fortezza belga di Liegi. La città fu conquistata il 7 agosto, e le 12 fortezze della cinta fortificata potevano essere conquistate gradualmente o completamente distrutte solo dopo un pesante fuoco di artiglieria.

Contrariamente alla strategia tedesca, il piano francese prevedeva l'invasione dell'Alsazia e della Lorena, annessa dalla Germania nel 1871. Le truppe francesi riuscirono ad impadronirsi dell'importante città industriale di Mulhouse il 7 agosto, ma il 24 agosto cadde in mani tedesche e l'avanzata francese fu respinta.

A nord, dopo la conquista di Liegi, iniziarono gli ampi movimenti circostanti delle truppe tedesche. I primi a prendere di mira Bruxelles e il Namur fortificato, con l'esercito belga che si ritira contemporaneamente nella fortezza di Anversa e viene assediato per due mesi. Alla fine del mese sono iniziate diverse offensive da entrambe le parti lungo l'intero confine tra Francia e Germania. Le truppe francesi in particolare hanno subito enormi perdite quando i soldati si sono imbattuti ciecamente nelle postazioni di mitragliatrici tedesche e migliaia sono stati falciati. Ma anche le truppe tedesche non riuscirono a superare le linee francesi, come ci si aspettava.

Nel frattempo, i 5 eserciti tedeschi (da 1 a 5) dispiegati nel nord hanno continuato ad avanzare verso ovest. Dopo la cattura di Bruxelles, tuttavia, la prima armata più a nord sotto la guida di Alexander von Kluck si allontanò dalla sua rotta e inseguì le truppe francesi e il corpo di spedizione britannico in direzione sud. Il piano per la prima armata era originariamente di bypassare Parigi da nord e poi circondarla. A causa di questa svolta, la linea del fronte dei tedeschi era completamente tesa e la prevista circonvallazione di Parigi ha dovuto essere abbandonata alla fine di agosto.

La controffensiva francese è stata lanciata all'inizio di settembre. Il 6 settembre le truppe francesi si sono schierate sul fianco delle truppe tedesche e l'avanzata tedesca ha potuto così essere fermata nella battaglia della Marna. L'esercito 1. che si era spinto troppo oltre, dovette tornare indietro e aprire uno spazio di circa 40 chilometri tra gli eserciti, che furono invasi dalle truppe francesi e britanniche. Solo quando il tenente colonnello Richard Hentsch, che aveva il comando supremo del primo e del secondo esercito tedesco, diede l'ordine di ritirarsi, fu possibile colmare il divario e fermare l'avanzata dei francesi e degli inglesi.

A metà settembre l'offensiva tedesca e franco-britannica si è arrestata e dal 13 al 19 settembre è iniziata la cosiddetta "corsa al mare", con entrambe le parti che ancora cercano di scavalcare il nemico a nord. La linea del fronte si estendeva dalla Svizzera al Mare del Nord.

 

Fronte occidentale Agosto - Settembre 1914

Fronte occidentale Agosto - Settembre 1914

 

Gara al mare fino alla fine del 1914

Gara al mare fino alla fine del 1914

 

Nel mese di ottobre le truppe tedesche tentano di nuovo l'offensiva e potrebbero prendere le città di Lille, Gand, Bruges e Ostenda nonostante le ingenti perdite. Con l'istituzione di corpi di riserva in fretta, la leadership tedesca ha cercato di riportare il movimento in guerra a Ypres. Nella prima battaglia delle Fiandre dal 20 ottobre al 18 novembre 1914, decine di migliaia di persone persero la vita senza alcun vantaggio territoriale. Questo pose fine alla guerra di movimento e i soldati di entrambe le parti cominciarono a scavare in trincea, la guerra di trincea era iniziata.

 

 

Fronte orientale:

Contrariamente al calcolo e alla visione del comando supremo dell'esercito, le truppe russe potrebbero essere mobilitate più velocemente del previsto. Questo ha portato le truppe russe a compiere un'offensiva nella Prussia orientale solo 2 settimane dopo la dichiarazione di guerra. L'ottava armata, che doveva difendere la Prussia orientale, dovette ritirarsi. In seguito all'offensiva russa, l'esercito è stato rafforzato e la leadership è stata assunta dal maggiore generale Erich Ludendorff e dal colonnello generale Paul von Hindenburg.

Dal 26 al 31 agosto ha avuto luogo la controffensiva tedesca, che è riuscita a fermare e respingere le truppe russe. Dopo che il primo e il secondo esercito russo dovette capitolare, le truppe russe rimanenti si ritirarono dalla maggior parte delle aree della Prussia orientale.

 

Battaglia di Tannenberg 1914

Battaglia di Tannenberg 1914

 

Le truppe russe invasero anche il territorio dell'Austria-Ungheria e furono in grado di invadere la Galizia (territorio dell'Ucraina occidentale) e conquistare l'Impero Austro-Ungarico. truppe di nuovo ai Carpazi, con la città fortemente fortificata di Przemyśl assediata dai russi.

Dal 29 settembre al 31 ottobre 1914 si tentò di avanzare con la nona armata tedesca dal sud della Polonia alla Vistola. Questo tentativo fallì e il 1° novembre il colonnello generale von Hindenburg fu nominato comandante in capo dell'esercito tedesco.

Il 9 novembre le truppe russe iniziarono il secondo assedio dell'importante città di Przemyśl. L'assedio terminò solo il 22 marzo 1915, quando i 110. 000 resti dell'impero imperiale austro-ungarico furono distrutti. L'esercito si è arreso.

L'obiettivo bellico dell'Austria nella conquista della Serbia fallì a causa della massiccia resistenza delle truppe serbe, che avevano sconfitto l'esercito imperiale e reale. e li ha costretti a ritirarsi.

La prima vittoria è stata vinta dal Regno Unito. truppe nel mese di dicembre, quando hanno respinto l'offensiva russa su Cracovia. Ma anche qui il passaggio alla guerra di trincea era all'orizzonte.

 

Siti di guerra secondaria:

Oltre ai combattimenti nel continente europeo, i combattimenti si svolgevano ovunque, dove si trovavano le colonie delle terre d'origine. Gli inglesi avevano già deciso il 5 agosto 1914 di attaccare le colonie tedesche con il sostegno dei paesi del Commonwealth.

La colonia tedesca del Togo, circondata da colonie nemiche, fu completamente conquistata poco dopo lo scoppio della guerra.

In Camerun, le truppe tedesche inizialmente erano in grado di resistere, ma a causa della superiorità delle truppe alleate alla fine del 1914 dovettero ritirarsi nell'entroterra e continuare una guerra di guerriglia che si concluse solo nel 1916.

L'Africa sud-occidentale tedesca è stata tenuta dalle truppe tedesche nel 1914. La ribellione del popolo birmano contro i britannici ha svolto un ruolo decisivo in questo senso. Tuttavia, quando questa fu sconfitta nel febbraio 1915, anche la colonia tedesca cadde in seguito.

L'Africa orientale tedesca era l'unica colonia tedesca sotto la guida di Paul von Lettow-Vorbeck che poteva resistere alle truppe nemiche fino alla fine della guerra nel 1918.

Le colonie tedesche nel Pacifico erano quasi completamente in balia dei loro nemici senza truppe di protezione. La maggior parte di loro sono stati consegnati in Giappone, Australia e Nuova Zelanda senza combattere.

 

Anni di guerra dal 1914 al 1916

Anni di guerra dal 1914 al 1916

 

 

 

1915 (secondo anno di guerra):

Fronte occidentale:

All'inizio del secondo anno di guerra le truppe alleate cercarono di spingere i fianchi tedeschi a nord vicino a Lille e a sud vicino a Verdun per tagliare le truppe tedesche dalla loro fornitura. I preparativi iniziarono alla fine del 1914 in Champagne, dove gli Alleati utilizzarono per la prima volta le tattiche della battaglia materiale che avrebbe determinato il resto della guerra. Le posizioni tedesche furono bombardate dall'uso massiccio dell'artiglieria e poi assalite dalla fanteria. Tuttavia, poiché le truppe tedesche erano preparate al bombardamento e avevano ampliato le loro posizioni di conseguenza, il tentativo di assalto si concluse con un fiasco.

In cambio, le truppe tedesche cercarono di ricominciare un'offensiva. A questo scopo il cloro gassoso fu utilizzato per la prima volta nella seconda battaglia delle Fiandre del 22 aprile 1915. Anche se questa missione riuscì a far prendere il panico alle truppe francesi e algerine dispiegate in prima sezione e quindi a spingerle in volo, ai tedeschi mancavano soldati di riserva sufficienti per colmare il vuoto che ne derivava. Poco dopo, le truppe britanniche e canadesi appena arrivate furono in grado di colmare il vuoto che si era venuto a creare.

Il 9 maggio le truppe britanniche e francesi cercarono di sfondare le posizioni tedesche ad Artois. A causa delle elevate perdite (da parte degli alleati circa 110. 000, da parte tedesca circa 75. 000 morti) l'offensiva ha dovuto essere fermata già a metà giugno.

Nei mesi di settembre e ottobre, gli Alleati hanno nuovamente lanciato offensive nella zona di Artois e in Champagne. Dopo perdite di oltre 250. 000 soldati e nessun guadagno sul terreno, anche queste offensive sono state interrotte.

 

Fronte orientale:

Temendo che l'Italia entrasse in guerra al fianco degli Alleati quest'anno, aprendo un terzo fronte per l'Austria-Ungheria, Paul von Hindenburg ed Erich von Ludendorff, che erano al comando delle truppe del fronte orientale, hanno spinto per una rapida vittoria sulla Russia. A questo scopo sono state portate sul fronte truppe fresche, con le quali i tedeschi sono riusciti fino alla fine di febbraio a dislocare completamente le truppe russe dalla Prussia orientale.

Poiché la Galizia era ancora occupata, le truppe tedesche e austriache iniziarono un'offensiva contro le truppe russe a maggio. A metà maggio, le truppe sono riuscite a sfondare le posizioni russe e a San, il che ha portato ad una svolta decisiva sul fronte orientale. Ma nonostante questi successi, l'Austria-Ungheria aveva già perso circa 2 milioni di uomini nel marzo 1915 ed era ormai completamente dipendente dalle truppe dell'Impero tedesco.

A giugno l'offensiva tedesca è continuata e dopo la riconquista di Przemyśl il 4 giugno e di Lemberg il 22 giugno, le truppe russe sono state minacciate di accerchiamento. L'Alto Comando del Fronte Orientale ha esortato truppe fresche ad accerchiare le truppe nemiche, ma la richiesta è stata negata a causa dell'alto rischio.

Le offensive successive non portarono all'auspicato accerchiamento delle truppe russe, ma a causa delle grandi conquiste sul terreno la Russia fu costretta ad accorciare il fronte e fece evacuare la Polonia, la Lituania e gran parte del Kurland. Alla fine di settembre 2 ulteriori offensive delle potenze centrali sono fallite. Anche se i russi hanno subito perdite significativamente maggiori, il fronte è stato in grado di tenerli e quindi legare le truppe che la Germania avrebbe avuto bisogno di più urgentemente sul fronte occidentale.

 

Fronte orientale 1915

Fronte orientale 1915

 

Fronte sud:

Con l'entrata in guerra dell'Impero Ottomano nel 1914 al fianco delle potenze centrali, si aprì un altro teatro di guerra anche in Medio Oriente. Nel febbraio 1915 le truppe alleate iniziarono l'operazione "Dardanellen" per costringere l'Impero Ottomano a lasciare rapidamente la guerra con attacchi mirati. A tal fine, le fortificazioni costiere furono bombardate da navi da guerra britanniche e francesi lungo i Dardanelli. Inoltre, le barriere della miniera dovrebbero essere rimosse per sfondare verso la capitale Costantinopoli. La svolta è iniziata il 18 marzo, ma dopo alcune perdite di navi da guerra il tentativo ha dovuto essere abbandonato. Gli Alleati iniziarono ora a prepararsi a sbarcare le truppe per attaccare la capitale via terra.

Il 25 aprile, circa 78. 000 soldati britannici e 17. 000 francesi sono stati schierati sulla penisola di Gallipol e sulla costa vicino a Kum Kale. Contrariamente alla valutazione dell'Alto Comando Alleato, la resistenza delle truppe ottomane fu molto più forte del previsto e lo sbarco dovette essere interrotto nuovamente all'inizio del 1916, con pesanti perdite.

 

Attacco a Gallipoli

Attacco a Gallipoli

 

Il 23 maggio 1915 l'Italia dichiarò guerra all'Austria-Ungheria e fu aperto un terzo fronte. In precedenza, Germania e Austria avevano tentato di persuadere l'Italia a diventare neutrale sottoponendo cessioni territoriali, ma attraverso negoziati con gli Alleati l'Italia ha ricevuto maggiori garanzie rispetto alle potenze centrali. Questo era il terzo fronte per l'Austria lungo le Dolomiti, le Alpi Carniche fino alla costa adriatica.

Poco dopo la dichiarazione di guerra le truppe italiane aprirono offensive sull'Isonzo e sulle Dolomiti. La difesa degli austriaci a quel tempo consisteva principalmente di milizie, difese terrestri e Landsturm. Questo portò alle truppe italiane alcuni successi, ma non riuscirono ad ottenere una svolta decisiva e diedero così inizio alla lunga guerra alpina.

 

Il 14 ottobre 1915 la Bulgaria entrò in guerra insieme alle potenze centrali. Dopo la perduta seconda guerra balcanica e la perdita di territorio, l'esercito bulgaro ha spinto per una revisione del trattato di pace e l'ulteriore espansione della Bulgaria. L'offensiva contro la Serbia ha avuto luogo il 6 ottobre, ma la dichiarazione di guerra è stata rilasciata solo il 14 ottobre.

Le truppe serbe, già chiaramente indebolite dall'offensiva austriaca, non avevano molto da opporre alle truppe bulgare. Già il 9 ottobre la capitale Belgrado è caduta e le restanti truppe serbe hanno dovuto ritirarsi sulle montagne albanesi e montenegrine. La Serbia occupata fu poi divisa tra la Bulgaria e l'Austria.

 

 

La guerra in Medio Oriente

La guerra in Medio Oriente

 

 

 

1916 (terzo anno di guerra):

Fronte occidentale:

Il 21 febbraio le truppe tedesche iniziarono ad attaccare le fortificazioni intorno a Verdun. Lo scopo dell'attacco era quello di raddrizzare la linea del fronte per prevenire un attacco ai fianchi tedeschi indeboliti, per tornare da una guerra di posizione ad una guerra di movimento e per convincere la dirigenza militare francese a voler mantenere Verdun per motivi di orgoglio nazionale nonostante le perdite.

L'attacco è stato diviso in quattro fasi. La prima fase è iniziata il 21 febbraio, con l'artiglieria tedesca che ha lanciato un fuoco continuo di otto ore alle postazioni francesi prima che la fanteria lanciasse un attacco di tempesta. Poiché le truppe francesi offrirono più resistenza del previsto, i tedeschi furono in grado di ottenere solo piccoli guadagni di terreno. Solo Fort Douaumont ha potuto essere catturato il 25 febbraio, ma il suo valore tattico era molto basso. L'attacco e la perdita del forte aveva risvegliato la volontà dei francesi di lottare ancora di più per esso e la fortezza di Verdun doveva essere tenuta con tutti i mezzi. La strada di approvvigionamento da Bar-le-Duc a Verdun era usata come simbolo della difesa. L'intera fornitura passava attraverso questa strada, che non poteva essere interrotta dai tedeschi. La prima fase si è conclusa il 4 marzo, quando l'attacco tedesco è stato sconfitto di fronte all'artiglieria francese.

Nella seconda fase sono stati fatti attacchi alle catene montuose. Soprattutto le altezze Le-Mort-Homme e Höhe 304 hanno causato molte morti e contribuito all'immagine dell'"inferno di Verdun". Anche questa volta le truppe tedesche non hanno ottenuto una vittoria decisiva.

Nella terza fase, l'obiettivo non era più posto sulle fortificazioni, ma sulla città di Verdun stessa per tagliare l'approvvigionamento francese. Il 2 giugno, Fort Vaux è stato conquistato, ma uno sfondamento in prima linea nel villaggio di Fleury-devant-Douaumont è fallito.

Nella quarta fase, un altro tentativo di sfondare le linee nemiche, ma a Fort de Souville anche questo attacco si è bloccato. Poiché gli Alleati avevano lanciato un'offensiva sulla Somme, l'esercito dovette ritirare le truppe da Verdun e utilizzarle per la difesa.

 

Mappa della battaglia di Verdun del 21 febbraio 1916

Mappa della battaglia di Verdun del 21 febbraio 1916

 

La battaglia di Verdun 1916

La battaglia di Verdun 1916

 

 

Il 1° luglio 1916 gli Alleati iniziarono una grande offensiva sulla Somme. Dopo otto giorni di fuoco continuo di circa 1. 500 cannoni, i soldati, prevalentemente britannici, si sono precipitati verso le posizioni tedesche. Contrariamente alla convinzione del comandante britannico Douglas Haig, le posizioni tedesche non furono quasi mai danneggiate e quindi i soldati poterono occupare nuovamente le loro posizioni dopo l'incendio di artiglieria e ricoprirono i soldati inglesi in avvicinamento con pesanti colpi di mitragliatrice. Solo nella prima mezz'ora dell'attacco, circa 8. 000 soldati sono morti nell'attacco.

Nonostante queste perdite, gli attacchi sono proseguiti fino alla fine di novembre, e anche i carri armati britannici sono stati utilizzati per la prima volta in settembre. Alla fine di novembre, gli attacchi avevano portato gli Alleati da 8 a 10 chilometri di guadagno di terreno, per cui circa 624. 000 soldati dovettero morire.

 

Mappa Battaglia della Somme

Mappa Battaglia della Somme

 

 

Nel mese di ottobre, i francesi hanno anche lanciato la loro controffensiva a Verdun. Dopo che i forti Douaumont e Thiaumont potevano essere presi, i tedeschi dovettero anche sgombrare Fort Vaux il 2 dicembre. Alla fine dell'anno, i francesi avevano riconquistato quasi tutte le aree intorno a Verdun che erano state occupate dai tedeschi in primavera.

 

 

Fronte orientale:

Nel marzo 1916 Alexei Brussilov assunse il comando dell'esercito meridionale russo. Con questo ha iniziato dal 4 giugno con una grande offensiva e potrebbe a est di Kowel (nell'odierna Ucraina occidentale) il 4. k. u. k. quasi completamente. Più a sud, è stato costruito il 7° k. u. k. Anche l'esercito è quasi completamente esaurita. Solo nelle prime settimane dell'offensiva, le perdite del k. u. k. sono state le seguenti Esercito a circa 624. 000 soldati.

Dal momento che gli eserciti russi sono stati in grado di registrare grandi guadagni in terreno e si stavano avvicinando al confine rumeno, la Romania finalmente si unì agli Alleati nella guerra.

Tuttavia, poiché l'offerta dell'esercito russo che avanzava vacillava e gli attacchi degli eserciti laterali venivano respinti, l'offensiva rimase sospesa fino alla fine dell'anno e non poteva più essere proseguita.

 

A causa dell'avanzata dell'esercito russo e dell'apparente vittoria degli Alleati, la Romania decise di unirsi agli Alleati il 27 agosto e dichiarare guerra alla Germania e all'Austria-Ungheria. All'inizio di settembre le truppe rumene sono riuscite a guadagnare terreno in Transilvania prima che l'esercito fosse respinto nella battaglia di Sibiu dal 22 al 29 settembre. Il 9° esercito tedesco si è ora recato in Romania il 23 novembre, insieme alle truppe bulgare e turche. Il 6 dicembre la capitale rumena Bucarest è crollata e le potenze centrali hanno ora accesso ai giacimenti petroliferi di Ploiești e ai prodotti agricoli urgentemente necessari nel proprio paese. Solo il nord-est poteva essere trattenuto fino alla fine della guerra dalle truppe rumene con l'aiuto delle truppe russe.

 

Fronte sud:

Il 4 gennaio 1916 le truppe austriache lanciarono la loro offensiva contro il Regno di Montenegro, che dovette arrendersi il 23 gennaio. L'Albania è stata in gran parte occupata anche dalle truppe austriache in un'altra offensiva, mentre le restanti truppe serbe si sono ritirate e sono state sbarcate con l'aiuto degli italiani. Solo la città portuale di Valona poteva essere tenuta dalle truppe italiane.

 

Sul fronte alpino le truppe austriache iniziarono un'offensiva da maggio per respingere le truppe italiane. Dopo le pesanti perdite dell'impero austro-ungarico. Durante l'offensiva russa, tuttavia, è stato necessario ritirare le truppe e fermare l'offensiva. In cambio, gli italiani hanno cercato di sfondare l'Isonzo da marzo a novembre. Riuscirono a conquistare le città di Gorizia e dell'altopiano di Doberdo, ma non si ottennero altre vittorie. Il 28 agosto 1916 l'Italia dichiarò guerra al Reich tedesco. Questi erano già stati preparati e avevano spostato un corpo alpino per assicurare il confine con l'Italia.

 

 

 

1917 (quarto anno di guerra):

Fronte occidentale:

Dopo le battaglie perse a Verdun nel 1916, l'esercito tedesco fu duramente colpito e si ritirò strategicamente importante nella posizione fortemente sviluppata di Siegfried. Dal 16 al 19 marzo, l'arco frontale della Somme è stato sgomberato e le truppe si sono spostate indietro per accorciare la linea del fronte e stabilizzarla.

 

Posizione Siegfried

Posizione Siegfried

 

Gli Alleati, invece, iniziarono le loro offensive primaverili. Le truppe britanniche attaccarono Arras il 9 aprile, le truppe francesi combatterono sull'Aisne e in Champagne. Ad Arras le truppe tedesche erano state completamente sorprese dall'attacco. Gli inglesi riuscirono a prendere il crinale a Vimy, ma poi l'avanzata si bloccò. Anche le truppe francesi non sono riuscite a raggiungere l'obiettivo di prendere il massiccio montuoso del Chemin des Dames. Già a maggio entrambe le offensive hanno dovuto essere interrotte dopo gravi perdite.

Dopo che il generale Pétain ha ricevuto il comando supremo da parte francese il 29 aprile, l'ammutinamento nelle divisioni francesi, che si è infiammato dopo le offensive fallite, ha potuto essere contenuto e le truppe rese nuovamente operative. Nei mesi di agosto e ottobre si sono svolte due piccole offensive nei pressi di Verdun e sull'Aisne, che hanno spinto le truppe tedesche indietro di qualche chilometro.

A sud di Ypres, tuttavia, le truppe britanniche sono riuscite a sfondare la difesa tedesca e a guadagnare otto chilometri di terreno. Per un anno e mezzo i minatori scavarono gallerie sotto le posizioni tedesche e fornirono loro delle miniere. Il 21 maggio sono stati fatti esplodere, innescando la più grande esplosione non nucleare della storia della guerra. Circa 10. 000 soldati tedeschi hanno perso la vita e le truppe britanniche potrebbero andare all'offensiva per prendere l'importante base sottomarina tedesca di Ostenda e Zeebrugge. Ma già a Langemark-Poelkapelle l'avanzata si è fermata e all'inizio di novembre l'obiettivo di rilevare la base sottomarina è stato abbandonato.

Dal 20 novembre al 6 dicembre, le truppe britanniche nella zona di Havrincourt sono riuscite a rompere la vittoria dei tedeschi schierando unità di carri armati e spingendo indietro di circa sette chilometri. L'uso della nuova arma cisterna fu accompagnato da perdite elevate (circa il 30% dei 320 carri armati utilizzati furono distrutti) e non costituì una svolta decisiva nella guerra, ma questa tecnologia doveva costituire la pietra angolare per tutte le forze armate del mondo intero. Tuttavia, nella controffensiva lanciata dai tedeschi il 30 novembre, quasi tutte le conquiste territoriali dovettero essere cedute ai tedeschi.

 

All'inizio dell'anno i vertici dell'esercito potevano affermarsi con l'imperatore tedesco con la richiesta di ripresa della guerra senza restrizioni dei sottomarini. Sebbene ciò fosse già stato fatto all'inizio del blocco britannico nel Mare del Nord, è stato di nuovo limitato dalla protesta degli Stati neutrali. Dopo che le potenze centrali avevano fatto un'offerta di pace agli alleati dopo la vittoria sulla Romania, ma questa fu respinta e invece il presidente americano Woodrow Wilson aveva fatto una controproposta, che non era accettabile, la discussione con l'imperatore era sufficiente per la continuazione. Con la riapertura, gli Stati Uniti hanno interrotto le relazioni diplomatiche con la Germania il 3 febbraio e hanno dichiarato guerra il 6 aprile. Così i Central Powers sono stati esposti ad un altro forte avversario.

 

Fronte orientale:

All'inizio del 1917, gli effetti del blocco marittimo del Mar Baltico e dei Dardanelli sull'economia e la società russa sono aumentati. L'alta inflazione e la scarsità di cibo hanno portato alla rivolta di lavoratori, soldati e donne contadine nel mese di febbraio. Queste manifestazioni di massa erano politicamente rappresentate dai sovietici, che stabilirono una doppia regola con il partito borghese rappresentato nel governo e riuscirono a persuadere lo zar ad abdicare. La continuazione della guerra fu comunque decisa.

Sotto la guida tedesca, i leader bolscevichi di alto livello, tra cui Lenin, sono stati portati in treno dalla Svizzera in esilio in Russia. Quando Lenin arrivò in Russia, cominciò subito ad affermare i suoi obiettivi politici e chiese la fine della guerra. Queste richieste sono state in gran parte sostenute dalla popolazione stanca di guerra.

Nonostante i continui disordini nel paese, il 29 giugno il ministro della guerra Alexander Kerenski ha iniziato ad attuare la sua dottrina "continuazione della guerra, nessuna pace speciale" e a lanciare un'offensiva a Stanislau (Ucraina occidentale). Le truppe russe riuscirono a penetrare fino a Kalusz, ma poi l'avanzata fu legata alla resistenza delle truppe delle potenze centrali. Quando molti soldati cominciarono a disertare e l'esercito russo fu colpito da segni di disintegrazione, l'offensiva fu interrotta.

In seguito le potenze centrali hanno iniziato la loro offensiva e potrebbero avanzare fino a Tarnopol e Czernowitz. Mentre le truppe tedesche conquistarono Riga in settembre e alcune isole baltiche in ottobre, un tentativo di colpo di stato bolscevico in Russia fu sconfitto e Lenin dovette fuggire in Finlandia.

Alla fine di settembre c'è stato un altro colpo di stato, questa volta del generale Kornilow. Per assicurarsi il potere, il ministro della guerra Alexander Kerenski dovette ricorrere ai bolscevichi e quindi a Lenin. A novembre ha fatto precipitare la situazione e ha rovesciato il governo con i suoi bolscevichi. Il 5 dicembre è stato concordato un cessate il fuoco tra la Russia e le potenze centrali, che è stato mantenuto fino all'inizio dei negoziati di pace. I colloqui a Brest-Litovsk sono iniziati il 22 dicembre e si sono conclusi solo il 3 marzo con la firma del trattato di pace.

 

Espansione sul fronte orientale 1917 - 1918

Espansione sul fronte orientale 1917 - 1918

 

Fronte sud:

Nel sud dell'Impero Ottomano le truppe britanniche iniziarono la loro offensiva all'inizio dell'anno e furono in grado di prendere Baghdad il 1° marzo 1917. Con questa cattura, i piani militari delle potenze centrali furono scossi e il Reich tedesco inviò l'ex capo di stato maggiore Falkenhayn in Medio Oriente per riconquistare la città.

Un'altra offensiva britannica è stata condotta in territorio palestinese. Nell'ultimo grande attacco di cavalleria della storia militare, gli inglesi, guidati dal generale Edmund Allenby, catturarono la città di Be'er Sheva e spinsero le truppe ottomane e tedesche a Gerusalemme. Falkenhayn voleva difendere la città contro gli inglesi in ogni circostanza, ma fu ordinato dalla Germania di evacuare la città, poiché l'Impero tedesco non voleva essere responsabile della distruzione della città storica e quindi danneggiare ulteriormente la sua reputazione in pubblico. Il 9 dicembre, le truppe britanniche si sono trasferite in città senza combattere.

 

Sul fronte alpino le truppe italiane cercarono per l'undicesima volta di fare un salto di qualità all'Isonzo. Le truppe dell'Impero Austro-Ungarico L'esercito era così indebolito che l'imperatore austriaco doveva pregare per l'appoggio dell'imperatore tedesco per poter mantenere il fronte. I tedeschi hanno poi inviato il 14° esercito nella zona e hanno battuto l'offensiva italiana attaccando l'Isonzo stesso. In questo attacco è stata usata una nuova tattica, sviluppata, tra gli altri, da Erwin Rommel (poi Feldmaresciallo e Desert Fox), che prevedeva rapidi progressi senza tener conto della protezione del fianco. Così le truppe tedesche riuscirono a sfondare la difesa italiana, avanzare di 130 chilometri e raggiungere Venezia fino a 30 chilometri. Qui l'offensiva si è fermata e l'avantreno si è dovuto stabilizzare di nuovo.

 

Anni di guerra dal 1917 al 1918

Anni di guerra dal 1917 al 1918

 

 

 

1918 (quinto anno di guerra):

Fronte occidentale:

Con l'armistizio sul fronte orientale alla fine del 1917, le truppe tedesche si liberarono, che il comando dell'esercito inviò immediatamente sul fronte occidentale per effettuare due nuove offensive nel 1918, prima che le truppe americane sbarcassero in Francia e avessero così decisamente cambiato la forza delle truppe a favore degli alleati.

La prima offensiva lungo la Somme è iniziata il 21 marzo. La tattica originale di utilizzare massicciamente le truppe in un unico luogo e quindi di raggiungere la svolta è stata cambiata più volte nei giorni successivi fino a quando finalmente sono emersi 3 punti, che erano troppo deboli per una decisione. Su una lunghezza di circa 80 chilometri, le truppe tedesche sono riuscite ad avanzare fino a 60 chilometri nonostante i continui problemi logistici. Tuttavia, non è stato possibile raggiungere un obiettivo strategico e le perdite da parte tedesca erano talmente elevate da non poter più essere compensate. Quando le truppe australiane lanciarono una controffensiva da Amiens, quella tedesca dovette essere interrotta.

 

La seconda offensiva tedesca è stata condotta nelle Fiandre lungo il fiume Leie da Ludendorff. L'obiettivo era quello di attaccare su una lunghezza di circa 30 chilometri per avanzare verso la costa del canale a ovest di Ypres. Ma poiché la maggior parte dei soldati sono stati dispiegati a sud per l'offensiva, a Ludendorff ne era rimasta solo una piccola parte. Dopo la cattura dell'importante Kemmelberg, tuttavia, l'offensiva si è già bloccata. Inoltre, sempre più ordini sono stati rifiutati dalle truppe tedesche, completamente demoralizzate e poco servite. Per rafforzare nuovamente il morale, la direzione dell'esercito tedesco ha aperto una nuova offensiva il 27 maggio, nella quale è riuscita fino al 29 maggio sulla Marna, il 3 giugno poco prima che Villers-Cotterêts si alzasse. A causa dei contrattacchi dei soldati americani appena arrivati e della mancanza di logistica, l'offensiva ha dovuto essere fermata il 6 giugno.

 

L'ultima offensiva tedesca è iniziata il 15 luglio sulla Marna con gli ultimi mezzi disponibili. Dopo i successi iniziali, i tedeschi dovettero ritirarsi di nuovo a causa dei contrattacchi francesi e americani e dell'uso massiccio dei serbatoi francesi del tipo Renault FT-17. Dopo di che, l'esercito tedesco era solo sulla difensiva.

 

Le ultime offensive tedesche del 1918

Le ultime offensive tedesche del 1918

 

La controffensiva alleata è iniziata l'8 agosto ad Amiens. Ad est di Villers-Bretonneux, 530 carri armati britannici e 70 carri armati francesi da soli si avvicinarono al secondo esercito tedesco, che a quel tempo era in uno stato completamente demoralizzato. Ciò che colpisce di questa battaglia è l'elevato numero di prigionieri tedeschi, che dà l'impressione della disintegrazione dell'esercito tedesco. Alla fine della battaglia, 50. 000 tedeschi erano in cattività con solo 25. 000 morti. All'inizio le truppe alleate riuscirono a guadagnare solo 20 chilometri di terreno, ma lo shock e i segni di disintegrazione dell'esercito tedesco aumentarono bruscamente.

Come risultato dei progressivi guadagni di terra degli Alleati, il Comando Supremo dell'Esercito fu costretto a ritirare le sue truppe nella posizione Siegfried all'inizio di settembre. Il 29 settembre, tuttavia, le truppe americane riuscirono per la prima volta a far passare la forte linea di difesa tedesca. Fino all'armistizio dell'11 novembre, la maggior parte delle posizioni tedesche potevano essere mantenute, cosicché alla fine della guerra una piccola parte del nord-est della Francia e buona metà del Belgio e del Lussemburgo erano ancora occupati dalla Germania.

 

La situazione del k. u. k. Nel 1918 le forze armate erano chiaramente peggiori che nell'esercito tedesco. Malnutrizione, diserzione e suicidi erano all'ordine del giorno e l'industria delle armi minacciava di crollare completamente. Dal 6 ottobre, gli Stati di Slovenia, Croazia e Serbia hanno iniziato a istituire i consigli nazionali. L'Ungheria è seguita il 25 ottobre. Allo stesso tempo, gli Alleati lanciarono una grande offensiva a Vittorio, quando l'Impero Austro-Ungarico fu sconfitto. soldati ha rifiutato l'ordine di contrattaccare, il crollo dell'esercito è diventato evidente.

La Cecoslovacchia è stata fondata il 28 ottobre, seguita un giorno dopo dall'indipendenza dello Stato di sloveni, croati e serbi. Il 31 ottobre l'Ungheria ha posto fine alla sua unione con l'Austria, rompendo così la doppia monarchia e lasciando solo lo stato troncato austriaco. La firma dell'armistizio di Villa Giusti è stata effettuata dal generale Weber il 3 novembre, ponendo fine alla guerra e all'esistenza dell'Austria-Ungheria.

 

Fronte orientale:

Alla fine del 1917 fu concluso un armistizio tra Russia e Germania. I negoziati su un trattato di pace negoziato a Brest-Litovsk, tuttavia, sono stati costantemente rinviati dalla parte russa nella speranza che i consigli dei lavoratori e dei soldati si sarebbero presto rialzati anche in Europa occidentale.

Il 25 gennaio 1918 anche l'Ucraina si dichiarò indipendente e il 9 febbraio 1918 negoziò una pace separata con le potenze centrali, in cui grandi quantità di grano dovevano essere consegnate in cambio dei territori occidentali che erano stati assegnati.

Quando il negoziatore russo Leo Trotsky organizzò una parziale mobilitazione dell'esercito dopo la pace separata dell'Ucraina, ma non voleva ancora firmare il trattato di pace, le potenze centrali iniziarono in breve tempo ad occupare parti delle zone di confine occidentale negli Stati baltici, sulla Crimea, sulla zona industriale ai Donets e in Bielorussia per esercitare pressioni. La Russia è stata ora costretta a firmare il trattato di pace il 3 marzo in condizioni molto più severe.

Dal trattato è emerso che le potenze centrali stavano sgombrare la maggior parte dei territori occupati, ma che la Russia doveva cedere grandi territori. Così sono nati gli Stati baltici e dopo 150 anni è riemersa una Polonia indipendente.

 

Fronte sud:

La situazione militare dell'Impero Ottomano fu catastrofica nell'estate del 1918. Nelle parti meridionali dell'impero si levarono le tribù arabe, combattendo con il sostegno britannico per un paese indipendente. Insieme alle truppe britanniche, a metà del 1918 avevano conquistato le importanti città di Baghdad, Gerusalemme e Damasco, superando i confini della Mesopotamia e della Palestina.

Il 3 luglio è morto anche il sultano Mehmed V. Il suo successore fu suo fratello Mehmed VI. Per poter negoziare condizioni di pace favorevoli per l'Impero Ottomano, il nuovo sultano entrò immediatamente in trattative con gli Alleati. Il 30 ottobre è stato firmato l'armistizio di Moudros, con il sultano che risponde a tutte le richieste alleate in segno di buona volontà. Tali richieste comprendevano, tra l'altro, la completa bonifica delle aree al di fuori dell'Anatolia e l'istituzione di un'amministrazione militare alleata per Istanbul e lo Stretto. Anche l'Impero Ottomano si ritirò dalla guerra e fu sciolto in seguito alle trattative di pace degli anni a venire.

 

 

 

La rivoluzione politica in Germania e l'armistizio:

Il 29 settembre 1918, in seguito allo sfondamento degli alleati in posizione di Sigfrido, il generale Erich Ludendorff, comandante in capo dell'esercito, si espresse a favore di un armistizio con l'imperatore tedesco. Il 30 settembre, tuttavia, l'ammiraglio Reinhard Scheer, il capo del neonato comando navale di guerra, iniziò a spostare insieme a Wilhelmshaven la flotta tedesca di alto mare. Lo sfondo era costituito da accenni al comando della flotta che la flotta tedesca sarebbe stata consegnata agli Alleati in caso di armistizio. Per non dover seguire questa richiesta, il contrammiraglio Adolf von Trotha ha elaborato un piano d'attacco per pareggiare contro il doppio della grande flotta britannica. Il corso di questo attacco dovrebbe essere una partenza alla fine di ottobre con l'obiettivo di un attacco alla costa fiamminga e all'estuario del Tamigi. L'ordine fu dato alla flotta il 24 ottobre, ma il 27 ottobre gli equipaggi di alcune delle più grandi navi da guerra cominciarono a rifiutarla.

Il 29 ottobre, l'ordine di scadenza dell'ammiraglio Franz von Hipper è stato revocato e gli squadroni sono stati richiamati nelle rispettive sedi. In seguito la 3a Squadriglia della flotta entrò a Kiel il 1° novembre, dove i leader del rifiuto di obbedire agli ordini si trovavano negli equipaggi. Di conseguenza, 47 marinai sono stati arrestati all'arrivo, il che ha portato a proteste di massa. Il 3 novembre, la situazione si è aggravata quando 7 dimostranti sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco. A Kiel ha avuto luogo l'insurrezione dei marinai di Kiel, le cui proteste si sono diffuse in breve tempo in tutto il paese, e il 6 e 7 novembre c'è già stato un cambio di potere nelle città di Amburgo e Monaco di Baviera. In risposta ad una richiesta dell'imperatore tedesco ai suoi comandanti per una violenta repressione delle rivolte, fu informato che la maggioranza dei soldati avrebbe rifiutato l'ordine.

Il 7 novembre, la maggioranza del Partito socialdemocratico tedesco (MSPD) ha invitato il Cancelliere del Reich a persuadere l'imperatore ad abdicare. Quando la domanda non ebbe successo, i lavoratori delle grandi fabbriche berlinesi iniziarono uno sciopero generale il 9 novembre e l'MSPD si dimise dal governo. In seguito il cancelliere imperiale Max von Baden annunciò con la propria autorità l'abdicazione dell'imperatore e la rinuncia al trono da parte del principe ereditario e consegnò la carica di cancelliere imperiale a Friedrich Ebert. Alle 14. 00 dello stesso giorno, Philipp Scheidemann proclama la Repubblica tedesca senza consultare il Cancelliere del Reich.

L'imperatore Guglielmo II, che dopo la sua deposizione aveva assistito all'assassinio della famiglia degli zar russi e temeva la stessa sorte, il 10 novembre fuggì dal suo quartier generale nei Paesi Bassi in esilio, dove il 28 novembre annunciò che avrebbe rinunciato alla corona di Prussia e alla corona imperiale tedesca per tutto il futuro.

 

Fuga Wilhelms II. (metà o quarto da sinistra) il 10 novembre 1918, sulla piattaforma del confine belga-olandese attraversando Eysden poco prima della partenza in esilio in olandese

Fuga Wilhelms II. (metà o quarto da sinistra) il 10 novembre 1918, sulla piattaforma del confine belga-olandese attraversando Eysden poco prima della partenza in esilio in olandese

 

Dal 29 ottobre al 4 novembre, gli alleati hanno negoziato le condizioni per un armistizio con la Germania. Il 6 novembre sono stati inviati in Germania, dopodiché il segretario di Stato Matthias Erzberger si è recato con un diplomatico e due ufficiali nella foresta di Compiègne l'8 novembre, dove ha iniziato i negoziati sull'armistizio sotto la guida del maresciallo francese Ferdinand Foch. Il contratto è stato firmato dalle delegazioni tedesca e francese l'11 novembre e ha avuto una durata iniziale di 36 giorni. Tra le richieste c'erano l'evacuazione dei territori occupati dai tedeschi entro 14 giorni, l'evacuazione della riva sinistra del Reno e delle città di Magonza, Coblenza e Colonia da qualsiasi unità militare entro 25 giorni. Inoltre, sono stati revocati il trattato di pace di Brest-Litovsk tra Germania e Russia e il trattato di pace separato con l'Ucraina. La guerra era quindi finita anche sul fronte occidentale.

 

Armistizio di Compiègne

Armistizio di Compiègne

 

 

 

Le conseguenze della guerra e dei trattati di pace:

Fino ad allora, la prima guerra mondiale è stato, sotto ogni punto di vista, il conflitto militare più grande e più ampio della storia. In nessun'altra guerra sono stati coinvolti così tanti paesi, milioni di soldati dispiegati, l'economia, lo sviluppo tecnologico e, ultimo ma non meno importante, la popolazione civile colpita.

Le perdite sono state pari a circa 9,56 milioni di soldati, tra la popolazione civile si sono registrati circa 7 milioni di morti.

 

Terra: Numero totale di soldati schierati: Soldati uccisi in azione: Morti in percentuale:
Impero tedesco 13,25 milioni 2 milioni 15%
Austria-Ungheria 7,8 milioni 1,5 milioni 19%
Impero Ottomano 3 milioni 0,6 milioni 20%
Inghilterra 7 milioni 0,85 milioni 12%
Francia 8,1 milioni 1,3 milioni 16%
Russia 12 milioni 1,85 milioni 15%
Bulgaria 1,2 milioni 0,1 milioni 8%
Italia 5 milioni 0,68 milioni 14%
Romania 1,2 milioni 0,34 milioni 28%
Serbia 0,7 milioni 0,13 milioni 19%
USA 4,74 milioni 0,21 milioni 4%
Tutto: 63,99 milioni 9,56 milioni 15%

 

 

Il numero totale di soldati feriti ammonta a circa 20 milioni.
A causa dell'uso massiccio dell'artiglieria e delle granate, delle granate a frammentazione, delle mine, ecc. ad essa associate, molti dei soldati feriti sono stati contrassegnati da gravi ferite, alcune con amputazioni. Di conseguenza, il settore della chirurgia plastica e della produzione di protesi si è sviluppato per la prima volta nel sistema sanitario dopo la guerra. Per la prima volta sono stati riconosciuti anche disturbi da stress post-traumatico, che si sono verificati frequentemente tra i soldati e sono stati riscontrati più frequentemente in tremori incontrollati. Ciò era dovuto al fatto che la tensione sui soldati che si trovavano nelle trincee e nei bunker mentre venivano sparati dall'artiglieria nemica portava ad un sovraccarico psicologico.

Dopo la guerra, innumerevoli soldati feriti continuarono a morire. Spesso soccombono a gravi ferite, muoiono di malattie che non possono curare i corpi indeboliti o muoiono di fame, perché a quel tempo non esisteva un meccanismo di cattura sociale nella vita sociale, come la pensione di invalidità.

Altre vittime sono soldati e civili che morirono in seguito alla diffusione dell'influenza spagnola nel 1918. In tutto il mondo sono morte tra i 25 e i 40 milioni di persone. Le vittime, tuttavia, si aggiungono solo indirettamente alle vittime della guerra.

 

La spesa totale per la guerra in tutto il mondo ammontava a circa 956 miliardi di Goldmark.

 

Terra: Uscite:
Inghilterra 208 miliardi
Impero tedesco 194 miliardi
Francia 134 miliardi
USA 129 miliardi
Russia 106 miliardi
Austria-Ungheria 99 miliardi
Italia 63 miliardi

 

 

 

Trattati di pace:

La preparazione dei trattati di pace tra gli alleati e i rispettivi oppositori di guerra iniziò il 18 gennaio 1919 con la Conferenza di pace di Parigi. All'incontro hanno partecipato complessivamente 32 Stati, con le potenze vittoriose di Inghilterra, Francia, Italia e Stati Uniti in carica da un lato e le potenze centrali escluse dai colloqui dall'altro. Questi ultimi sono stati convocati solo dopo la stipula dei contratti.

Ci sono stati in totale 5 trattati di pace:
- Con la Germania il trattato di Versailles
- Il trattato di Saint-Germain con l'Austria
- Il trattato di Trianon con l'Ungheria
- Con la Bulgaria il trattato di Neuilly-sur-Seine
- Con la Turchia (come successore legale dell'Impero Ottomano) il Trattato di Sèvres

 

Il trattato di Versailles:

Il trattato fu firmato dalla Germania (sotto massiccia protesta) il 28 giugno 1919 dopo le minacce di intervento militare del ministro degli esteri Hermann Müller (SPD) e del ministro dei trasporti Johannes Bell (Centro) ed entrò in vigore il 10 gennaio 1920.
firmatari lo erano:
- Germania
- gli Stati Uniti (che però non hanno ratificato il trattato e hanno concluso un trattato di pace separato con la Germania a Berlino il 25 agosto 1921)
- Inghilterra
- Francia
- Italia
- Giappone
- Belgio
- Bolivia
- Brasile
- Cuba
- Ecuador
- Grecia
- Guatemala
- Haiti
- siepe
- Honduras
- Liberia
- Nicaragua
- Panama
- Perù
- Polonia
- Portogallo
- Romania
- Regno di Serbia
- Croazia
- Slovenia
- Siam
- Cecoslovacchia
- Uruguay
- La Cina (dal 1917 nella guerra contro il Germania) non firmò il trattato

 

Perdita di territorio:

aree da cedere immediatamente:
- Dall'Alsazia-Lorena alla Francia
- quasi tutta la Prussia occidentale verso la Polonia
- Poznan in Polonia
- la metà meridionale del distretto prussiano orientale di Neidenburg in Polonia
- dal Reichthaler Ländchen alla Polonia
- piccole strisce di confine tra la Bassa Slesia e la Polonia
- dalla regione di Hultschin alla Cecoslovacchia
- Nuovo Camerun in Francia
- l'area di locazione di Kiautschou al Giappone
- gli arcipelaghi delle Isole Marianne e delle Isole Caroline in Giappone

Assegnazione dopo il referendum:
- Schleswig settentrionale e Danimarca
- Dall'Alta Slesia alla Polonia
- Eupen-Malmedy e l'ex Neutral Moresnet in Belgio

alla Società delle Nazioni:
- la regione di Saar
- Danzica con dintorni
- il Memelland, occupato dalla Lituania il 10 gennaio 1923. 1924 posto sotto la sovranità della Lituania come regione autonoma
- le rimanenti colonie tedesche

occupata dalla Francia:
- Renania

La Germania doveva quindi coprire una superficie di circa 70. 570 km² e ha perso circa 7,3 milioni di abitanti.

 

Riparazioni:

L'articolo 231 assegnava l'unico debito di guerra al Reich tedesco. Sulla base di questo articolo, sono state fatte elevate riparazioni al governo successivo. I primi crediti per il periodo dal 1919 al 1921 ammontavano a 20 miliardi di marchi d'oro. Nel gennaio 1921, il credito totale è stato fissato a 226 miliardi di Goldmark, le obiezioni e le controfferte da parte tedesca sono state respinte.

A causa dell'inflazione incipiente negli anni '20, anche la domanda ai tedeschi fu adattata con il Piano Dawes. Questo fu sostituito nel 1929 dal Piano Giovani, che prevedeva il pagamento di 34,5 miliardi di Reichsmark in 59 rate annuali. Il 3 ottobre 2010, l'ultima rata è stata pagata dalla Repubblica federale di Germania.

Inoltre, la Germania ha dovuto cedere la maggior parte della sua flotta mercantile agli alleati a titolo di compensazione, il che ha gravemente ostacolato le importazioni e le esportazioni, indebolendo così l'economia. Inoltre la Germania ha perso l'80 % dei suoi giacimenti di minerale di ferro, il 63 % dei suoi giacimenti di minerale di zinco, il 28 % della sua produzione di carbone e il 40 % dei suoi altiforni a causa dei trasferimenti di territorio. La perdita di Posen e della Prussia occidentale ha ridotto la superficie agricola del 15 %, il raccolto di grano del 17 % e il bestiame del 12 %.

 

Requisiti e restrizioni militari:

Per evitare un nuovo rafforzamento dell'esercito tedesco e quindi per evitare ulteriori guerre, il trattato ha imposto severe restrizioni all'esercito tedesco
- L'esercito tedesco può contenere un massimo di 100. 000 uomini, compresi un massimo di 4. 000 ufficiali in un esercito professionale
- Abolizione del servizio militare obbligatorio
- Scioglimento del Grande Stato Maggiore Generale
- Limitazione ad un periodo di servizio una tantum di 12 anni senza possibilità di reimpegno; un massimo del 5% delle squadre è autorizzato a partire all'inizio di ogni anno (ciò dovrebbe impedire il servizio militare segreto)
- Divieto di associazioni militari, missioni militari e misure di mobilitazione
- La Marina può avere un massimo di 15. 000 uomini e solo sei navi blindate, sei incrociatori, 12 cacciatorpediniere e 12 torpediniere che non superino una certa dimensione e dislocamento.
- Consegna della flotta d'altura tedesca (affondata il 21 giugno 1919 davanti alla base della flotta inglese Scapa Flow)
- nessuna arma pesante come sottomarini, carri armati e navi da guerra
- Divieto di agenti di guerra chimica
- Restrizione dei depositi di armi (102. 000 fucili, 40,8 milioni di cartucce di fucili)
- Divieto delle forze aeree
- Demilitarizzazione della Renania e di una striscia di 50 km di larghezza a est del Reno
- Divieto di costruzione di fortezze lungo il confine tedesco e rettifica di edifici esistenti
- Divieto di fortificazione e di artiglieria tra il Mar Baltico e il Mare del Nord
- Inoltre, sono state vietate tutte le misure ritenute idonee alla preparazione di una guerra. Tra le altre cose, questo ha avuto un effetto sulla Croce Rossa tedesca, che in seguito ha dovuto mettere in secondo piano il suo compito originario.
- nessun armamento di civili

 

Il Trattato di Versailles fu accettato in Germania sia dai soldati che dalla popolazione civile, in gran parte con incomprensione e come "dettato". Per la maggior parte, l'esercito tedesco non era stato sconfitto militarmente (si trovava ancora in territorio nemico) e il trattato di capitolazione e di pace era stato portato avanti da politici di sinistra e comunisti/ebrei. Poco dopo la guerra si sviluppò la cosiddetta "leggenda del colpo di pugnale", diffusa da circoli e partiti politici di destra.

 

Firma del contratto nella galleria degli specchi del Palazzo di Versailles

Firma del contratto nella galleria degli specchi del Palazzo di Versailles

 

Le perdite territoriali tedesche dovute al trattato di Versailles in Europa

Le perdite territoriali tedesche dovute al trattato di Versailles in Europa

 

Il trattato di Saint-Germain:

Il trattato di Saint-Germain si basava sul trattato di Versailles e forniva all'Austria la cessione del territorio e i pagamenti di riparazione. La monarchia austro-ungarica si era già disintegrata con la secessione e l'indipendenza di alcuni stati. Il trattato fu firmato il 10 settembre 1919 ed entrò in vigore il 16 luglio 1920.
firmatari lo erano:
- Austria
- USA
- Gran Bretagna
- Francia
- Italia
- Giappone
- Belgio
- Cina
- Cuba
- Grecia
- Nicaragua
- Panama
- Polonia
- Portogallo
- Romania
- lo Stato serbo-croato-sloveno
- Siam
- Cecoslovacchia

 

Perdita di territorio:

- Boemia, Moravia, Moravia, Austria-Silesia e alcuni comuni della Bassa Austria (ad esempio Feldsberg, stazione ferroviaria di Gmünd e altri comuni) alla neonata Cecoslovacchia
- Dalla Galizia alla Polonia
- Alto Adige, Welschtirol e la Valle del Canale in Italia
- Dall'Istria all'Italia
- Bucovina in Romania
- Dalmazia, Carniola, parti della Bassa Stiria, nonché la Carinzia Mießtal e il Seeland al nuovo Regno dei Serbi, Croati e Sloveni
- Tedesco-ovest dell'Ungheria all'Austria e riceve il nome Burgenland

Altre edizioni:

- L'uso di "Deutschösterreich" come nome di stato era proibito
- L'annessione al Reich tedesco era proibita
- Austria e Cecoslovacchia per pagare i risarcimenti
- L'arruolamento generale è stato vietato
- L'esercito professionale può avere una forza massima di 30. 000 uomini
- Le fabbriche di armamenti e le armi devono essere distrutte

 

 

Il trattato di Trianon:

Il trattato di Trianon poteva essere firmato solo il 4 giugno 1920 dagli inviati ungheresi Ágoston Benárd, ministro del Welfare, e Alfréd Drasche-Lázár, ambasciatore, dopo lo scioglimento della monarchia austro-ungarica nel 1918, alcuni paesi dichiararono la loro indipendenza e la guerra ungherese-romana scoppiò dal 15 al 16 aprile 1919 a causa di dispute frontaliere.
firmatari lo erano:
- Ungheria
- Inghilterra
- Francia
- Italia
- Giappone
- Belgio
- Siam
- Grecia
- Nicaragua
- Panama
- Polonia
- Portogallo
- Romania
- il nuovo Regno serbo-croato-sloveno di recente formazione
- Cecoslovacchia
- gli Stati Uniti hanno concluso un trattato di pace separato con l'Ungheria

 

Perdita di territorio:
- Slovacchia di oggi e l'Ucraina dei Carpazi alla Cecoslovacchia
- dall'odierno Burgenland all'Austria
- Croazia, Slavonia, Prekmurje, le regioni Batschka e Baranya meridionale (Drávaköz) e parti del Banato al Regno dei Serbi, Croati e Sloveni
- Transilvania con il resto del Banato e con Partium in Romania
- una piccola area con 14 villaggi nell'estremo nord è stata assegnata alla Polonia
- la Città Libera di Fiume (St. Veit am Flaum o Fiume o Fiume o Rijeka) è stata assegnata all'Italia

Altre edizioni:
- Compensazione (non è stata però menzionata una somma)
- L'esercito professionale può avere una forza massima di 35. 000 uomini
- Divieto di artiglieria pesante, carri armati e aeromobili

 

 

Il trattato di Neuilly-sur-Seine:

Il trattato di Neuilly-sur-Seine è stato firmato il 27 novembre 1919.
firmatari lo erano:
- Bulgaria
- Inghilterra
- Francia
- Italia
- Giappone
- gli stati alleati con gli Alleati

Perdita di territorio:
- La Tracia occidentale passò sotto l'amministrazione degli Alleati, e con essa l'importante città portuale di Dedeagatsch, con la quale la Bulgaria perse l'accesso all'Egeo alla Grecia
- Zaribrod , alcuni villaggi lungo il fiume Timok e Strumiza (i cosiddetti territori occidentali bulgari) sono arrivati al nuovo regno di serbi, croati e sloveni. Anche la Bulgaria ha dovuto riconoscere il nuovo regno
- Dalla Dobrugia meridionale alla Romania

Altre edizioni:
- 400 milioni di dollari di risarcimento
- L'esercito professionale può avere una forza massima di 20. 000 uomini
- Scambi di popolazione tra Grecia e Bulgaria

 

Il trattato di Sèvres:

Il trattato di Sèvres fu firmato il 10 agosto 1920, ma non poté più essere ratificato perché l'impero ottomano successivamente si sciolse.

i requisiti effettuati:
- Mesopotamia (Regno dell'Iraq), Palestina, Siria e Libano sono stati posti sotto il mandato della Società delle Nazioni

le edizioni mirate:
- Indipendenza da Hedschas, Armenia e Mesopotamia
- Autonomia del Kurdistan con la prospettiva dell'indipendenza
- Tracia orientale (ad eccezione di Istanbul e dei suoi immediati dintorni) verso la Grecia
- I protettorati dell'Inghilterra attraverso Cipro e l'Egitto, della Francia attraverso il Marocco e la Tunisia dovevano essere riconosciuti

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

La grande storia della prima guerra mondiale

La grande storia della prima guerra mondiale Copertina rigida – 31 mag 2018

Questo libro analizza tutti gli elementi-chiave del conflitto che ha cambiato il mondo moderno. Milioni di vittime, crollo di imperi secolari, nascita di ideologie e movimenti politici, utilizzo di tecnologie innovative come cacciabombardieri, carri armati, sottomarini, e di armi letali come i gas. Focalizzandosi sui fronti più importanti e sulle strategie che i due blocchi furono costretti a seguire, Peter Hart, grande esperto di storia militare, tratteggia una magistrale analisi del conflitto globale, rendendolo così un argomento avvincente e comprensibile a tutti, appassionati di storia e non, grazie anche alla copiosa aggiunta di testimonianze dei protagonisti, dai principali generali ai semplici fanti di trincea che hanno vissuto in prima linea gli orrori di un massacro insensato. 16 milioni furono le vittime tra soldati e civili. A più di un secolo dall'inizio della Grande Guerra, la cronaca del conflitto che ha cambiato il mondo.

Clicca qui!

 

 

La prima guerra mondiale. Da Sarajevo a Versailles. Ediz. a colori

La prima guerra mondiale. Da Sarajevo a Versailles. Ediz. a colori Copertina rigida – 8 nov 2018

Questa edizione comprende contenuti dedicati al centenario della prima guerra mondiale. La prima guerra mondiale, combattuta fra il 1914 e il 1918, ha rappresentato un conflitto su larga scala e ha tracciato un marchio indelebile nella memoria collettiva di intere nazioni. Quest'opera narra il corso della Grande Guerra in vividi dettagli, ricreando gli antefatti e l'atmosfera di battaglie epiche come Gallipoli, la Somme, Verdun. Un libro per ricordare e per capire davvero gli scontri, le strategie e i personaggi che hanno cambiato radicalmente il corso della storia.

Clicca qui!

 

 

La Grande guerra. 1914-1918

La Grande guerra. 1914-1918 Copertina flessibile – 25 set 2014

Questa solida sintesi della Grande guerra è frutto del lavoro di due storici diversi ma affini: l'uno, Rochat, esperto della dimensione prettamente militare; l'altro, Isnenghi, versato nella storia della cultura e degli intellettuali. Il volume intreccia così felicemente due filoni di studio per raccontare vicende politiche e culturali ma anche operazioni militari, ideologie e sogni ma anche cifre e fatti: il racconto stringente di come la guerra fu voluta e non voluta, condotta e contestata, maledetta e ricordata, di quale ruolo vi giocarono le forze politiche e gli intellettuali, di quale fu l'agire e il pensare di generali, soldati e società civile, donne, prigionieri.

Clicca qui!

 

 

Il grido dei morti. La prima guerra mondiale: il più atroce conflitto di ogni tempo

Il grido dei morti. La prima guerra mondiale: il più atroce conflitto di ogni tempo Copertina flessibile – 9 mag 2017

Porta d'accesso al "secolo breve", guerra che avrebbe dovuto porre fine a tutte le guerre, "inutile strage": il primo conflitto mondiale fu una tragedia che costò la vita a oltre nove milioni di persone. La Grande guerra fu lo sbocco finale della corsa agli armamenti perseguita dalle principali potenze europee (in particolare dalla Germania), il frutto avvelenato dell'imperialismo. Ma davvero il Reich tedesco rappresentava una minaccia per l'ordine e la stabilità dell'Europa? Davvero si trattò di un conflitto inevitabile? A queste e altre domande risponde lo storico Niall Ferguson. Muovendosi in una interdisciplinare "terra di nessuno", confrontando dati economici e finanziari, rileggendo i testi dei "poeti di guerra", gli articoli dei principali quotidiani dell'epoca, come pure i libri di memorie o i documenti diplomatici, Ferguson fa piazza pulita di tanti miti e luoghi comuni e solleva questioni cruciali che intaccano alla radice la nostra percezione e conoscenza della prima guerra mondiale: è vero che l'opinione pubblica accolse la guerra con entusiasmo? Chi vinse la pace, o meglio, a chi toccò di pagare il prezzo della guerra? E soprattutto: ne valse la pena? Alla fine "Il grido dei morti", nelle sue conclusioni, ci consegna un'unica, terribile verità: la prima guerra mondiale non fu soltanto una tragedia. Fu il più grave errore della storia moderna.

Clicca qui!

 

 

Apocalypse La Prima Guerra Mondiale

Apocalypse La Prima Guerra Mondiale (Box)

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!