La rivoluzione francese

Rivoluzione francese 10 anni uno degli eventi più letali nel periodo moderno in anticipo in Europa. Per la prima volta nella storia, si ribellano ai livelli più bassi della società contro la classe dirigente, che portò alla rivoluzione in Francia e ancora una volta gettato l'Europa in guerra.

 

Contesti:

Dopo i sette anni guerra, Francia ha sofferto di difficoltà economiche, elevato debito pubblico e un esercito di difficoltà di montaggio. Alle riforme aspirava ad imporre tasse elevate sono state rilasciate, che riguarda solo il livello più basso della società e così le persone già povere. La nobiltà e il clero era esentato dalle tasse per la maggior parte, che ha preso dopo lui e gradualmente sempre più risentimento nella popolazione.

nel 1789 fu un anno negativo per l'agricoltura. Le colture erano magre e ampie fasce della popolazione alla fame. C'era anche un monarca in potenza, con il re Louis XVI. non grave abbastanza preso i problemi all'interno della società e considerata come molto dispendioso con soldi delle tasse.

 

Luigi XVI di Francia

Luigi XVI di Francia

 

Insoddisfazione emergenti già in larga parte della popolazione ha richiesto le riforme per migliorare le condizioni di vita. Licenza riforme Ludwig ha cercato di placare il suo popolo, ma si trasferì il suo militare già per la sua sicurezza a Parigi. Quando divenne chiaro al popolo che la situazione per loro che non cambierebbe nulla, ha marciato in massa alla Bastiglia, la prigione di stato francese a Parigi. Quando i primi colpi sono stati sparati là, la situazione ha intensificato e la rivoluzione francese ha preso il suo corso.

 

La presa della Bastiglia il 14 luglio 1789

La presa della Bastiglia il 14 luglio 1789

 

 

 

La prima fase:

Là ha cominciato la presa della Bastiglia il 14 luglio 1789. Questa volta, però solo 7 prigionieri c'erano, ma l'edificio stesso era un sinonimo di oppressione di stato per la popolazione locale. La prigione comandante Bernard-René Jordan de Launay Jordan era completamente sopraffatto da questa situazione e ha ordinata le sue guardie di aprire il fuoco sulla gente. La quantità dovuto protestare circa 98 morti e 73 feriti, quando il comandante ma ha deciso di passare la prigione. Vendetta 3 soldati e 3 ufficiali è stato ucciso, fra loro anche Bernard-René Jordan de Launay Jordan.

Egged dalla rivoluzione a Parigi sono sorti in molte parti del paese ora dai contadini e iniziato il saccheggio di castelli e monasteri, di bruciare e. Soprattutto a pezzi avevano sui documenti sui diritti di Mr, così i padroni di casa non potrebbe esercitare i loro diritti feudali agli agricoltori e che erano liberi della loro regola.

Non passò molto tempo fino a quando la notizia della rivolta raggiunse anche il re e l'Assemblea nazionale a Versailles. Dopo la tempesta della Bastiglia, l'Assemblea nazionale era diventato all'autorità politica delle riforme erano ora affermate. Per calmare la situazione nel paese e per portare sotto controllo erano proprio su che questa Assemblea nazionale abolì i privilegi delle tenute privilegiate e il sistema feudale.
Quindi, ha prodotto una dichiarazione dei diritti umani e civili che dovrebbe essere adottata il 26 agosto 1789. Per questo scopo era necessaria una firma del re, ma che non ha lasciato questo. Fino a ottobre, inoltre non è successo niente, che ha mobilitato una folla di 1. 000-forte diversi e si trasferì al Castello di versailles a costringere il re alla firma e a trasferirsi a Parigi. Data la massa, s'inchinò al re e firmato il documento.

Inoltre, il sistema politico della Francia in una monarchia costituzionale è stato programmato dall'Assemblea nazionale, di trasformare, a quali leggi potrebbero essere fatta solo da rappresentanti eletti e un temporaneo diritto di veto era al re.

La prevista ristrutturazione dell'ammortizzatore sistema feudale francese Europa infatti poca comprensione, ha visto altri sovrani ora è esposto al rischio, che potrebbero esserci scontri nel proprio paese. Così minacciato Papa Pius VI. al giuramento della nuova Costituzione sotto pena di scomunica e dichiarati i diritti umani mirati per senza Dio. Per scongiurare la rivoluzione in Francia, Austria e Impero Romano Santo considerato operazioni anche militari.

Dopo il forzato spostamento a Parigi anche del re francese Louis XVI ha cercato di essere padrone del proprio paese. Per questo, ha cercato di eseguire nel giugno 1791 nei Paesi Bassi austriaci a da lì con il supporto delle altre potenze europee militarmente per sedare la rivolta. Poco prima del confine, tuttavia, la coppia reale è stata catturata e ricondotti a Parigi e il Club giacobino potente chiamato immediatamente per l'abolizione della monarchia e l'istituzione di una Repubblica.

 

La dichiarazione dei diritti umani e civili in una presentazione di Jean-Jacques Le Barbier

La dichiarazione dei diritti umani e civili in una presentazione di Jean-Jacques Le Barbier

 

 

 

La seconda fase:

La seconda fase della rivoluzione è stata caratterizzata da particolare crudeltà. Questo si riflette non solo a livello nazionale, ma ha condotto inoltre alle guerre con le altre alimentazioni grandi europee.

Nazionali:
Dopo la conversione della Francia alla Repubblica con mosse democratiche radicale, i rivoluzionari con tutta la durezza erano contro i loro avversari. Dopo documenti incriminanti sono stati trovati in un armadio segreto del re, l'aiuto incluso il sovrano straniero sulla frantumazione della rivolta, la convenzione nazionale (che era anche la Corte di giustizia) è stato un Tradimento contro il re di. La frase per cospirazione contro la libertà era infine un voto con 361:360 colpevole e l'esecuzione del re era la ghigliottina il 21 gennaio 1793.

 

Re Ludwig XVI. esecuzione

Re Ludwig XVI. esecuzione

 

Questo strumento per uccidere dovrebbe caratterizzare anche il resto e la dominazione della Repubblica per i prossimi anni. Già nel marzo 1793, fu creato un tribunale rivoluzionario, che dovrebbe dare le sentenze sull'avversario della rivoluzione. Questo esercizio di regola radicale viene chiamato anche il Regno di giacobino, poiché questo ordine ha avuto la maggiore influenza sulle vicende politiche al momento e ha spinto in avanti l'esecuzione di uccidere gli avversari di rivoluzione duramente. Fino al settembre dello stesso anno sono stati condannati a sperimentazioni 66 da 260 a morte dalla ghigliottina. Sotto la spinta del giacobino frasi di morte di ordine sono stati pronunciati poi da autunno 1793 più spesso e già al minimo sospetto, c'erano ora difficilmente limiti all'uccisione di persone.

Questa dilagante uccisione di persone raggiunto presto inaspettati percorsi. Rivoluzione anche seguaci della prima ora erano ora denunciati come sospetti e condannati a morte. Alla fine del "grande terrore" è venuto dopo che il capo dell'ordine dei giacobini Maximilien de Robespierre furono uccisi dalla ghigliottina il 28 luglio 1794 insieme a 21 altri seguaci dell'ordine stesso.

 

Francia dal 1789 al 1794

Francia dal 1789 al 1794

 

 

All'estero:
In modo condizionale dal fatto che la rivoluzione francese con altri sovrani degli Stati europei ha incontrato poca simpatia, il governo rivoluzionario di un eventuale intervento militare delle altre grandi potenze ha costretto nell'aprile 1792 prevenire e dichiarò guerra all'Austria. Che l'esercito francese al momento della dichiarazione di guerra in uno stato pietoso era inoltre è stato ignorato, affiancato da molti ufficiali e soldati non della rivoluzione e hanno abbandonato. Inoltre, c'erano pochissime unità di cavalleria e artiglieria, i soldati del piede sono stati sollevati da volontari che avevano poca o nessuna esperienza di combattimento.

La prima spedizione guidata da truppe francesi nei Paesi Bassi austriaci (l'attuale Belgio). Già, molti dei volontari francesi fuggiti dopo i primi colpi dei soldati austriaci vi stazionano già e la campagna era già nei primi giorni per il soccombere.

Nonostante il fallimento militare, la Francia Prussia dichiarò guerra anche in estate 1792. Dal Prussia e in Austria la spartizione della Polonia a quel tempo con la Russia suo alleato fu commissionato Duke Ferdinant von Braunschweig, per procedere contro le truppe francesi. In agosto 1792 ha messo il suo esercito al confine francese, era situato nella "battaglia di Valmy" arrendersi gli ultimi resti dell'artiglieria francese e prelevare.

I francesi sono stati rafforzati dal battito del Brunswick e nuovamente invasero i Paesi Bassi austriaci e potrebbero battere un più piccolo esercito degli austriaci a Jemappes.

nel 1793 la Francia dichiarò guerra all'Olanda, britannici e spagnoli hanno continuati. Coscrizione che ha causato tumulti di ampie fasce della popolazione, che è già distante dalla rivoluzione, fu proclamato nel loro paese. In questo trailer tumultuoso cosegnato la mediterranea di Tolone sulla monarchia britannica, nei Paesi Bassi austriaci, l'esercito ha offerto poca resistenza e viene letto dagli austriaci ancora distribuire.

Contro l'esercito critica al contrario atto che, l'ingegnere militare Lazare Carnot in agosto 1793 fu nominato ministro della guerra. Cominciò immediatamente a sorvegliare la mobilizzazione generale e ha assicurato che l'esercito è stato nuovamente fornito con rifornimenti e armi adeguate. Ulteriormente, ha incoraggiato l'approccio aggressivo di soldati attraverso promozioni più veloce, così dovrebbe essere aumentata la prontezza dei soldati e anche l'ufficiale resi accessibili ai livelli inferiori della società.

Questa ristrutturazione dell'esercito finalmente ripagato nel 1793 nella seconda metà. Le truppe francesi ripresero città cedute Tolone che al britannico, in cui è il capitano Napoleone Bonaparte militarmente puntato l'artiglieria per la prima volta in. quindi, anche la zona della Vandea fu riconquistata, per cui la pacificazione era un altro 3 anni.

nel 1794, i francesi dei Paesi Bassi austriaci potrebbero occupare ed espellere gli inglesi e gli austriaci.

 

1. guerra di coalizione dal 1792 al 1795

1. guerra di coalizione dal 1792 al 1795

 

 

 

La terza fase:

Voli nazionali:
dibattito nazionale sulla politica ha prevalso al terzo livello di fase fra il nuovo governo rivoluzionario, le iniziative popolari per l'uguaglianza sociale, come pure l'ancora numerosi sostenitori dell'ex monarchia.

Perché molti avversari politici furono uccisi durante la seconda fase, il governo era, per quanto stabilito, per imporre una nuova costituzione. Questo è stato pubblicato il 22 agosto 1795 dalla convenzione e a seguito del referendum positivo, è entrato in vigore il 23 settembre.

Le elezioni nell'aprile 1797 è, tuttavia, ha dimostrato che i sostenitori della monarchia più forte ancora. Per ottenere una torsione politica rinnovata precedentemente determinata è tre dei direttori della convenzione sotto utilizzare dell'esercito nel settembre 1797 per il colpo di stato. Il Napoleone Bonaparte trasferiti in generale è stato uno dei sostenitori all'interno dell'esercito. Questo occupato con i suoi soldati di Parigi mentre in 49 dipartimenti dichiarati i risultati delle elezioni che 177 membri dei sostenitori della monarchia e del invalid perdono loro mandati. Con questa misura, i più forti sostenitori della monarchia furono rovesciati politicamente per il momento.

 

Parigi al tempo della rivoluzione francese

Parigi al tempo della rivoluzione francese

 

 

Ma la Repubblica era ancora troppo instabile per difendersi contro le ostilità interne costantemente. Quindi non c'era nessun altro che Napoleone Bonaparte salì al potere in sé in maggio 1798 e giugno 1799 ulteriormente, piccoli colpi fino a.

 

All'estero:
Nel 1795 la Francia aveva dopo le vittorie contro gli inglesi e gli austriaci i Paesi Bassi austriaci annessa, occupato la Renania e fece pace con la Prussia e Spagna.

Anche se la Francia non più militarmente è stata minacciata, ma il fatto che la ristrutturazione dell'esercito era basata sul principio della forza stessa fornitura con nuove conquiste, costretto Francia dal 1796 a una rinnovata campagna contro l'Austria. Qui il nuovo generale di divisione fatto un nome per se stesso prima che ha preso il potere nella stessa Francia: Napoleone Bonaparte.

 

1. guerra di coalizione dal 1795 al 1797

1. guerra di coalizione dal 1795 al 1797

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

La Rivoluzione francese

La Rivoluzione francese: 1 Copertina flessibile – 13 mar 1998

La più moderna e ampia storia della Rivoluzione: una vivace narrazione condotta secondo i metodi della nuova storiografia francese. Collocata in un ampio arco storico, la Rivoluzione viene articolata nelle diverse rivoluzioni che i vari ceti sociali condussero al suo interno. E assume una nuova fisionomia: il Terrore passa in secondo piano rispetto all'Assemblea Costituente e al Direttorio; Marat e Robespierre cedono il passo ai protagonisti del nuovo corso "borghese". François Furet (1927-1997) è stato direttore del Centro di ricerche storiche all'Ecole Pratique des Hautes Etudes. Denis Richet (1927-1989), dopo aver insegnato alla Sorbona e all'Università di Tours, è stato Directeur d'études all'Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi.

Clicca qui!

 

 

La rivoluzione francese. Una storia intellettuale dai Diritti dell'uomo a Robespierre

La rivoluzione francese. Una storia intellettuale dai Diritti dell'uomo a Robespierre Copertina rigida – 4 gen 2016

Per molto tempo gli storici hanno dato per scontato ciò che era evidente ai testimoni dell'epoca: che la rivoluzione francese fu causata dalle idee radicali dell'Illuminismo. Negli ultimi decenni gli studiosi hanno invece cominciato a sostenere che la rivoluzione venne portata avanti dalle forze sociali, dalla politica, dall'economia o dalla cultura; da quasi tutto insomma, escludendo però i concetti astratti di libertà e uguaglianza. In questo libro, uno dei maggiori storici dell'età dell'Illuminismo restituisce alla storia intellettuale della Rivoluzione la sua legittima centralità. Attingendo copiosamente a fonti di prima mano, Jonathan Israel ricostruisce il gigantesco dibattito intellettuale che produsse e accompagnò le varie fasi della Rivoluzione francese, dimostrando come tali idee divisero i capi rivoluzionari in blocchi ideologici violentemente opposti, e come questi conflitti sfociarono infine nel terrore. Nella rivoluzione culminarono gli ideali di emancipazione e di democrazia dell'Illuminismo, se si concluse diversamente è solo perché tali idee vennero tradite.

Clicca qui!

 

 

La rivoluzione francese. Dalla presa della Bastiglia all'avvento di Napoleone

La rivoluzione francese. Dalla presa della Bastiglia all'avvento di Napoleone Copertina flessibile – 16 ott 2017

Un saggio ormai classico sulla rivoluzione francese, un libro che non si limita al racconto dei fatti, ma ci restituisce anche vivide immagini e, soprattutto, tenta una spiegazione. Apparso per la prima volta nel 1928, in seguito completamente rivisto e aggiornato, il libro di Gaxotte suscitò, fin dalla prima pubblicazione, ampia eco e discussioni. La visione dell'autore, infatti, supera alcuni stereotipi storiografici sull'89, e talvolta vi si scontra apertamente. Gaxotte indaga la concatenazione degli eventi, descrive il tumulto delle strade, l'orrore delle sommosse, illuminando, al di là delle prese di posizione ideologiche, soprattutto quel volto "demoniaco" e meno indagato di uno dei momenti nodali nella storia dell'umanità.

Clicca qui!

 

 

La Rivoluzione Francese

La Rivoluzione Francese

Un'eccezionale produzione History Channel, realizzata con grandiose ricostruzioni, migliaia di attori e con il contributo dei maggiori esperti internazionali. L'opera è composta da due filmati: VERSO LA REPUBBLICA. Sono esaminate le cause sociali, economiche e culturali che portarono alla rivoluzione e le drammatiche fasi della nascita della repubblica: dalla formazione dell'Assemblea Nazionale, alla presa della Bastiglia, fino all'arresto della famiglia reale in fuga e all'introduzione della ghigliottina. L'ETA' DEL TERRORE. Parigi, 21 gennaio 1793. Colpi di cannone annunciano che il Re, Luigi XVI, è stato ghigliottinato. Il sovrano fu solo una delle migliaia di vittime della ghigliottina. Era iniziata l'età del Terrore. Il Comitato di Salute Pubblica, guidato da Robespierre, condannò a morte moltissimi cittadini innocenti, sospettati di essere oppositori della Rivoluzione.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!
Loading cart ...