L’ascesa e la supremazia della Prussia

Dopo la sconfitta di Napoleone, i piccoli stati frammentati nel cuore dell'Europa divennero una federazione di 39 stati tedeschi. La Confederazione era dominata dall'Austria, la Prussia ottenne lo status di grande potenza negli anni precedenti, ma non poté far valere i propri interessi nella Confederazione. Questa situazione portò ad una guerra con l'Austria attraverso una deviazione di una guerra con la Danimarca, al termine della quale la Prussia dominò gli stati tedeschi e fu posta la strada verso una Germania unita.

 

Europa centrale dal 1815 al 1866

Europa centrale dal 1815 al 1866

 

 

 

La guerra tedesco-danese:

L'origine delle tensioni tra la Federazione tedesca e la Danimarca si deve alla rivolta dello Schleswig-Holstein, che si concluse con una guerra triennale tra il 1848 e il 1851. Secondo il protocollo di Londra, alla corona danese è stata concessa la sovranità sui ducati di Schleswig (come feudo danese) e di Holstein e Lauenburg (come Stati membri della Confederazione tedesca), ma a condizione che tali Stati fossero trattati come entità indipendenti.

Alcune correnti politiche in Danimarca, tuttavia, hanno chiesto l'ulteriore integrazione di Schleswig in Danimarca, a vantaggio soprattutto dell'amministrazione. Il primo passo verso l'integrazione fu compiuto nel 1863 con il "Brevetto di marzo" del re danese Federico VII. Il 30 agosto è seguito un nuovo ordine costituzionale per Holstein, in cui vi era un'unica unione personale tra la Danimarca con lo Schleswigs da una parte e Holstein e Lauenburg dall'altra. Questo trattato è stato quindi una chiara violazione del Protocollo di Londra e ha suscitato notevoli proteste da parte della Confederazione tedesca e della popolazione.

Una separazione completa di Schleswig e Holstein-Lauenburg è stata effettuata il 28 settembre 1863 con la Legge fondamentale per gli affari comuni del Regno di Danimarca e del Ducato di Schleswig. Il primo ministro prussiano Otto von Bismarck si alleò con l'Austria e considerò un intervento militare contro la Danimarca.

Nel mese di novembre, il re danese Federico VII morì e gli successe Christian IX. Ha firmato una nuova costituzione il 18 novembre 1863, che ha portato all'occupazione di Holstein e Lauenburg da parte delle truppe dell'esercito tedesco.

Il 16 gennaio 1864 la Prussia e l'Austria rilasciarono un ultimatum di 48 ore alla Danimarca, che doveva invertire la Costituzione di novembre ed evacuare lo Schleswig. Quando la Danimarca non rispettò l'ultimatum, le truppe prussiane e austriache guidate dal maresciallo Friedrich von Wrangel attraversarono l'Edredone vicino a Rendsburg la mattina del 1° febbraio 1864. Allo stesso tempo un'unità prussiana cercò di attraversare lo Schlei a Missunde, ma fu respinta. Gli austriaci riuscirono meglio ad attraversare la Sorge e si avvicinarono alle fortificazioni di Danewerk fino a 10 chilometri. Il piano degli austriaci e dei prussiani di prendere in mano il Danewerk fallì, ma il comandante danese sfuggì al pericolo e fece trasferire le sue truppe al Düppeler Schanzen vicino a Flensburg.

 

Ritiro delle truppe danesi dalla Danewerke dal 5 al 6 febbraio 1864

Ritiro delle truppe danesi dalla Danewerke dal 5 al 6 febbraio 1864

 

Gli eserciti degli austriaci e dei prussiani avanzarono più a nord, i piani per l'assalto della Düppeler Schanzen non furono elaborati in un primo momento, poiché ciò avrebbe comportato perdite troppo elevate. Ma quando il tentativo di occupare l'isola di Alsen per tagliare le truppe danesi fallì, gli austriaci e i prussiani decisero di prendere d'assalto le trincee dopo tutto. A questo scopo le posizioni danesi furono bombardate con l'artiglieria dal 7 aprile 1864. Dopo circa una settimana, la metà delle armi danesi era già stata distrutta e circa un terzo dei soldati è morto, ferito o indebolito da malattie. L'attacco della tempesta prussiana del 18 aprile ha incontrato quindi poca resistenza e i primi 6 trincee hanno potuto essere catturati in breve tempo. Un contrattacco dei danesi è fallito e così le ultime 4 colline sono state liberate.

 

Tempesta sulla Düppeler Schanzen

Tempesta sulla Düppeler Schanzen

 

I primi negoziati di pace si sono svolti il 12 maggio con la mediazione di Inghilterra e Francia. Tuttavia, poiché le parti in guerra non sono riuscite a trovare un accordo su un percorso di confine, la guerra si è riaccesa alla fine di giugno.

Questa volta la Prussia è riuscita ad occupare rapidamente l'isola di Alsen. L'11 luglio l'intera penisola dello Jutland era già nelle mani di prussiani e austriaci. Ora che anche altre isole danesi erano in pericolo, la Danimarca ha dovuto negoziare un altro cessate il fuoco. Entrata in vigore il 20 luglio 1864.

Il 14 agosto 1865, il trattato di Gastein prevedeva che i ducati di Sassonia-Lauenburg e Schleswig fossero trasferiti in Prussia e Holstein in Austria. La guerra tra Austria, Prussia e Danimarca finì così, ma l'Austria non accettò il dominio della Prussia sulla Germania settentrionale, così le tensioni si rialzarono e finirono con la guerra tedesca.

 

 

 

La guerra tedesca:

Il punto di partenza per la guerra della Prussia e dei suoi alleati contro l'Austria e i suoi alleati fu il controllo sulla Germania settentrionale, emerso dalla guerra tedesco-danese.
In questo, i ducati di Schleswig e Holstein furono distribuiti in Prussia e Austria, ma, a differenza della Prussia, l'Austria accettò il governo secondario del duca Federico VIII di Schleswig-Holstein. La Prussia la considerava una violazione del Trattato di Gastein, negoziato dopo la guerra tedesco-danese.

Poiché non è stato possibile raggiungere un accordo politico, il 9 giugno 1866 le truppe prussiane marciarono a Holstein. L'Austria, d'altro canto, ha sollecitato la mobilitazione delle forze armate federali tedesche sulla base di un'esecuzione federale per l'auto-aiuto proibito da parte della Prussia. Il 14 giugno ha avuto luogo l'approvazione e Carlo di Baviera è stato nominato generale federale. La Prussia la considerava una violazione della costituzione federale e dichiarava sciolta la Confederazione tedesca.

Helmuth Graf von Moltke ebbe il comando supremo sulle truppe prussiane, che già ottennero grandi vittorie nella guerra tedesco-danese attraverso le sue tattiche moderne adattate alla rispettiva situazione. Ora Moltke ha affrontato 270. 000 truppe austriache e sassoni nel sud-est e 120. 000 truppe degli stati di Hannover e della Germania meridionale nel nord-ovest. Il suo esercito aveva un totale di circa 64. 000 soldati in meno. Così ha inviato 278. 000 uomini a sud-est, i restanti 48. 000 contro gli Hanoveriani. Nella battaglia di Langensalza i suoi soldati persero contro gli Hanoveriani, ma a causa delle ingenti perdite di questi ultimi, Hannover dovette capitolare alla fine di giugno 1866.

Moltke aveva il suo esercito diviso in 3 eserciti contro gli austriaci e la Sassonia. Un esercito fu in grado di spingere i Sassoni nella Boemia austriaca, mentre il comandante in capo degli austriaci, Ludwig von Benedek, era indeciso quale esercito prussiano attaccare. I prussiani ne approfittarono con le loro armi migliori e più veloci e spinsero gli austriaci sulla catena montuosa prima della fortezza Königgrätz.

 

Battaglia di Königgrätz - Il principe Friedrich Karl Nikolaus di Prussia comanda le truppe prussiane

Battaglia di Königgrätz - Il principe Friedrich Karl Nikolaus di Prussia comanda le truppe prussiane

 

Moltke ha ideato il piano per occupare 2 dei suoi eserciti con gli austriaci, mentre il suo terzo esercito ha attaccato il fianco. L'attacco avvenne il 3 luglio 1866, ma a causa del maltempo l'esercito che doveva effettuare l'attacco laterale non ricevette l'ordine. I primi due eserciti furono respinti, ma Ludwig von Benedek non li spinse, il che diede ai prussiani la possibilità di riorganizzarsi. Nel primo pomeriggio della battaglia, l'ordine di attaccare ancora raggiunto l'esercito di fianco. Questo attacco costrinse gli austriaci a ritirarsi, Königgrätz poté essere preso e l'imperatore austriaco dovette chiedere un armistizio.

 

Scena della battaglia decisiva di Königgrätz

Scena della battaglia decisiva di Königgrätz

 

Europa centrale dal 1866 al 1914

Europa centrale dal 1866 al 1914

 

 

 

Conseguenze della guerra in Germania:

Il 26 luglio 1866, una pre-pace di Nikolsburg mediata dall'imperatore francese Napoleone III si concluse dopo che l'Austria dichiarò il suo ritiro dalla politica sugli stati tedeschi. Il vero trattato di pace è arrivato con la pace di Praga.

La Prussia ha continuato la sua decisione di scioglimento da parte della Confederazione tedesca. Fu sostituita dai trattati di agosto, un'alleanza militare con gli stati della Germania settentrionale, che culminò nella Federazione della Germania settentrionale sotto la supremazia prussiana. Gli stati della Germania meridionale del Regno di Baviera, il Regno di Württemberg, il Granducato di Baden e il Granducato di Assia hanno firmato un'alleanza di protezione e difesa con la Prussia e la Confederazione della Germania del Nord, in modo che i rispettivi eserciti fossero sotto il comando della Prussia.

 

Bandiera della Confederazione della Germania settentrionale

Bandiera della Confederazione della Germania settentrionale

 

L'Austria dovette cedere il Veneto all'Italia, che durante la guerra si alleò con la Prussia. Anche se l'esercito italiano fu sconfitto dagli austriaci, la guerra fu vinta con la Prussia. Nel 1867, insieme all'Ungheria, il paese fondò la Doppia Monarchia, detta anche Imperiale e Reale (k. u. k. ).

L'imperatore francese Napoleone III non poté far valere la sua volontà territoriale per le rive del Reno. Le relazioni politiche tra Francia e Prussia si sono notevolmente deteriorate dopo il trattato di pace.

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!