Le guerre balcaniche

All'inizio del XX secolo, i Balcani erano guidati da correnti nazionaliste, che chiedevano l'indipendenza dei loro paesi, ma anche dalle rivendicazioni di potere dei grandi Stati europei, che cercavano di espandere la loro influenza territoriale e i territori annessi.

L'impero austro-ungarico, in particolare, ampliò notevolmente il suo territorio. Solo attraverso le trattative diplomatiche è stato possibile prevenire le guerre in un primo momento. Solo più tardi nei Balcani si svolsero guerre tra i nuovi Stati indipendenti, che portarono non solo a tensioni politiche tra le grandi potenze, ma anche a una conflagrazione che si diffuse in tutta Europa nel 1914 e portò alla Prima Guerra Mondiale.

 

 

 

Antefatto:

Per secoli, i Balcani sono stati parte dell'Impero Ottomano. Ma l'impero è stato sempre di nuovo esposto a guerre, che hanno indebolito la sua sfera di influenza sulla parte europea. Soprattutto attraverso le innumerevoli guerre con la Russia, l'Impero Ottomano dovette cedere grandi territori.

Durante la guerra russo-turca dal 1877 al 1878 e il successivo trattato di pace di San Stefano, l'Impero Ottomano dovette cedere parti del suo territorio. Con il Congresso di Berlino dal 13 giugno 1878 al 13 luglio 1878, alcune aree dei Balcani furono divise, creando così gli stati indipendenti di Serbia e Montenegro. L'Impero Ottomano, con riluttanza della Russia, riuscì anche a mantenere alcuni territori europei. La Bosnia ed Erzegovina apparteneva a questi territori, ma secondo l'art. 25 della Pace di Berlino del 13 luglio 1878 furono posti sotto l'amministrazione dell'Austria-Ungheria per 30 anni. Il 29 luglio 1878, il k. u. u. k. austro-ungarico. truppe con l'occupazione dei nuovi territori, che ha portato a sanguinose rivolte in alcune parti. Con il trattato di Mürzsteg del 3 ottobre 1903, l'Austria-Ungheria e la Russia hanno convenuto di lavorare insieme per garantire la pace e la stabilità nei Balcani.

Nel 1908 terminano i 30 anni di amministrazione delle regioni della Bosnia-Erzegovina. L'Austria e la Russia, tuttavia, hanno convenuto che l'Austria potrebbe mantenere le regioni se la Russia ottenesse il diritto di passaggio attraverso il Bosforo e i Dardanelli. Poiché in questo periodo ebbe luogo una rivoluzione dei giovani turchi nell'Impero Ottomano, l'impero fu fortemente indebolito politicamente. L'Austria ne ha approfittato per i propri scopi. Anche altri territori cominciarono ad agire, Creta dichiarò la sua annessione alla Grecia e la Bulgaria dichiarò la sua indipendenza.

Nel luglio 1908, tuttavia, i giovani turchi cercarono di inviare deputati al parlamento che avevano reintegrato e quindi di riprendere il controllo della Bosnia ed Erzegovina. Il 4 ottobre l'imperatore austriaco Francesco Giuseppe I ordinò l'annessione dei territori.

L'annessione ha portato a proteste nell'Impero Ottomano, in Serbia e in Russia, perché la popolazione non voleva che la popolazione slava dei territori annessi fosse sotto la guida austriaca. Una guerra potrebbe essere evitata solo se la Russia fosse stata indebolita dopo la guerra con il Giappone, la Francia, che era alleata con la Russia, non vedeva alcun motivo per entrare in guerra e l'Austria era sostenuta dalla Germania.

Nel 1909 si svolsero negoziati tra l'Austria e l'Impero Ottomano, che alla fine accettò l'annessione dopo un pagamento di 50 milioni di corone e altri accordi.

 

Caricatura contemporanea di Leonard Raven-Hill (1912), che illustra la situazione nei Balcani di allora

Caricatura contemporanea di Leonard Raven-Hill (1912), che illustra la situazione nei Balcani di allora

 

 

 

La prima guerra dei Balcani:

La Russia ha inizialmente accettato l'annessione dei territori da parte dell'Austria-Ungheria, come il paese sperava per i propri vantaggi. Poiché questi non hanno incontrato la Russia ha risposto all'espansione dell'influenza austriaca con la creazione dell'alleanza balcanica tra Serbia e Bulgaria. In seguito, Grecia e Montenegro si unirono all'alleanza su iniziativa dei due paesi, cosicché gli obiettivi cambiarono e l'alleanza non più contro l'Austria-Ungheria, ma contro l'Impero Ottomano.

Le grandi potenze europee hanno accettato di riconoscere lo status attuale nei Balcani, ma erano consapevoli che i piccoli Stati balcanici non potevano essere controllati.

L'8 ottobre 1912 il Montenegro fu il primo paese a dichiarare guerra all'Impero Ottomano. Il 16 ottobre l'Impero dichiarò guerra alla Bulgaria, che portò Serbia, Bulgaria e Grecia a dichiarare guerra all'Impero il 17 ottobre. All'inizio del conflitto, l'Alleanza poteva contare su circa 474. 000 soldati, mentre le forze armate ottomane avevano una forza di soli 290. 000 uomini.

 

Soldati bulgari

Soldati bulgari

 

La prima battaglia ebbe luogo il 21 ottobre vicino al fiume Sarantaporos, quando le truppe greche sconfissero gli ottomani. Kozani è stato preso il 24 ottobre e Giannitsa è caduta il 1° novembre. Il 7 novembre, le truppe greche raggiunsero la città di Salonicco, che fu tenuta da 26. 000 soldati ottomani. Dopo i negoziati, le truppe ottomane si ritirarono e consegnarono la città senza combattere. Ioannina cadde il 21 febbraio 1913 e il porto di Valona il 6 marzo.

 

Soldati ottomani

Soldati ottomani

 

Le truppe serbe riuscirono a prendere Üsküb il 6 novembre 1912 e Monastir il 29 novembre 1912. La città di Scutari fu conquistata con le truppe montenegrine il 3 maggio 1913.

Con le vittorie bulgare nelle battaglie di Kirk Kilisse e Lüleburgaz, le truppe bulgare riuscirono ad avanzare fino a Costantinopoli, ma non riuscirono a conquistare la città. Il 20 novembre 1912, la Bulgaria e l'Impero Ottomano conclusero un trattato di pace separato, che fu rotto di nuovo il 2 febbraio 1913, quando le truppe bulgare, sostenute dalle truppe serbe, riuscirono a conquistare la città di Adrianopel il 26 marzo 1913.

Il 1° maggio 1913 fu firmato un armistizio tra l'Impero Ottomano e l'Alleanza. Con il trattato di Londra del 30 maggio 1913, la guerra si concluse e l'Impero Ottomano rinunciò a tutti i territori europei ad ovest della linea tra Midia sul Mar Nero ed Enez sulla costa dell'Egeo, e Creta si unì ufficialmente alla Grecia.

 

Artiglieria greca

Artiglieria greca

 

Durante la guerra, anche l'Albania ha dichiarato la propria indipendenza. Nei trattati di Londra, i territori occupati da Serbia e Montenegro sono stati ufficialmente riconosciuti e all'Albania sono stati concessi alcuni territori. La Serbia, in particolare, ha protestato contro la decisione in quanto ha negato al paese l'accesso all'Adriatico.

 

 

 

La seconda guerra balcanica:

Poco dopo i Trattati di Londra, sono sorte tensioni tra i paesi balcanici sulla divisione del territorio. La Bulgaria, ad esempio, non era d'accordo con la demarcazione della Macedonia e ha chiesto alla Serbia di restituire una parte del suo territorio. La Serbia, invece, si era vista negare l'accesso all'Adriatico nei trattati di indipendenza dall'Albania. La Serbia e la Grecia si allearono il 19 maggio 1913 per assicurare il loro futuro. Anche l'Impero Ottomano aspettò solo l'opportunità di recuperare i territori perduti. Così la prossima guerra nei Balcani era prevedibile.

Il 29 giugno 1913 le truppe bulgare attaccano l'esercito greco e serbo senza dichiarare guerra. Ma la difesa respinse gli attaccanti e i due stati dichiararono guerra alla Bulgaria l'8 luglio. Il 10 luglio la Romania, rimasta neutrale nella prima guerra dei Balcani, ha dichiarato guerra alla Bulgaria e l'11 luglio l'Impero Ottomano ha dichiarato guerra alla Bulgaria.

Attaccati da tutte le parti, i pochi difensori bulgari rimasti non hanno saputo resistere, cosicché già dopo pochi giorni le truppe rumene si sono trovate di fronte alla capitale Sofia e le truppe ottomane hanno potuto prendere Adrianopel il 21 luglio.

 

Soldati bulgari catturati

Soldati bulgari catturati

 

Le forze armate bulgare vere e proprie sono state coinvolte in battaglie con le truppe greche quasi per tutta la durata della guerra, cosicché non potevano essere dispiegate nemmeno su altri fronti.

A causa della completa superiorità degli alleati contro la Bulgaria, che è stata lasciata sola, la Bulgaria ha dovuto accettare un trattato di pace. La firma avvenne il 10 agosto 1913 e il paese fu costretto a cedere quasi tutti i territori che aveva conquistato durante la prima guerra balcanica.

 

I Balcani nel X e XI secolo

I Balcani nel X e XI secolo

 

I Balcani nel XIV e XV secolo

I Balcani nel XIV e XV secolo

 

I Balcani nel XIX secolo

I Balcani nel XIX secolo

 

I Balcani fino al 1915

I Balcani fino al 1915

 

 

 

Le conseguenze delle guerre nei Balcani:

Le guerre balcaniche non furono solo l'epitome degli sforzi dei paesi balcanici per raggiungere l'autonomia dall'Impero Ottomano e dall'Austria-Ungheria, ma per molti aspetti servirono anche come guerra per procura alle grandi potenze europee che volevano espandere la loro influenza nei Balcani.

Le guerre sono state particolarmente segnate dalla brutale azione contro la popolazione civile, che ha sofferto in particolare sotto le rispettive forze di occupazione. Intere regioni sono state ripulite etnicamente con l'espulsione o l'assassinio di massa, che ha avvelenato le condizioni dei paesi balcanici fino ad oggi.

La conseguenza decisiva delle guerre balcaniche fu la decisione di alcuni paesi di non accettare i confini tracciati dopo la seconda guerra balcanica e di cogliere ogni occasione per rivederli nuovamente. Questo ha portato infine ad un nazionalista serbo che ha sparato all'erede austriaco al trono e da una guerra per procura ad una guerra europea.

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Le guerre balcaniche

Le guerre balcaniche Copertina flessibile – 5 mag 2016

Le due guerre balcaniche del 1912-1913 sono comunemente considerate i prodromi della prima guerra mondiale. Bulgaria, Serbia, Grecia e Montenegro, coalizzate, affrontarono e vinsero nel 1912 l'impero ottomano in Tracia, in Macedonia, negli attuali Kosovo e Albania; i contrasti nella spartizione delle terre macedoni accesero nel 1913 un secondo conflitto, questa volta tra la Bulgaria e i suoi ex alleati. L'intera crisi fu accompagnata dal braccio di ferro diplomatico fra l'Austria-Ungheria e la Russia imperiale, moltiplicando le rivalità fra le grandi potenze e accelerando la militarizzazione europea. Il volume ritrae il contesto dei Balcani tra il 1878 e il 1912 e il complesso scenario entro cui maturarono i due conflitti. Le guerre sono descritte nel loro aspetto strategico, nei risvolti diplomatici come pure nell'impatto drammatico che ebbero sulla popolazione civile, in particolare sui musulmani della Turchia europea. Un'esperienza che ebbe durature conseguenze sulle relazioni politiche e culturali tra gli stati balcanici e i cui segni e ricordi non cessano di pesare sui processi d'integrazione europea della regione.

Clicca qui!

 

 

Storia dei Balcani

Storia dei Balcani Copertina flessibile – 18 mag 2006

In questa sintesi, Hösch traccia l'evoluzione storica dei Balcani a partire dall'età antica; dopo averne tratteggiato i caratteri generali, il volume si sofferma in particolare sulla secolare presenza nella regione dell'impero ottomano. Il fuoco del volume è tuttavia fondamentalmente sull'età contemporanea, sul groviglio di conflitti che trovano nei Balcani l'innesco della Grande Guerra, sugli assetti dell'area decisi a Versailles, e sulle vicende del secondo dopoguerra.

Clicca qui!

 

 

I Balcani dopo i Balcani. Eredità e identità

I Balcani dopo i Balcani. Eredità e identità Copertina flessibile – 12 nov 2015

L'Europa ha due aree di confine: il Mediterraneo e l'ampia frontiera orientale. Nel Sud-Est europeo, nei Balcani, i due confini si saldano; si sovrappongono l'ortodossia post-bizantina, l'islam e il cattolicesimo, si incontrano la Mitteleuropa e l'Oriente. Un pezzo d'Europa a lungo non considerato europeo, di periferia, una regione alla ricerca di un senso e di un'identità tra difficili eredità storiche e sofferte modernizzazioni.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!
Loading cart ...