Le guerre d’indipendenza sudamericane

Il Sud America è stato saldamente in mano spagnola fin dall'inizio della colonizzazione. Sebbene il dominio spagnolo iniziò con brutali violenze contro la popolazione indigena, nel corso del tempo si instaurò un sistema di amministrazione congiunta tra funzionari spagnoli e i privilegiati creoli (bianchi di origine americana) e si stabilizzò un lungo periodo di stabilità.

Fu solo con la rivoluzione nera ad Haiti, alla fine del XVIII secolo, che portò alla nascita del primo stato nero del nuovo continente, che le preoccupazioni diffuse tra i creoli, che questa rivoluzione poteva diffondere nelle altre colonie.

 

Mappa del Sud America alla fine del XVIII secolo

Mappa del Sud America alla fine del XVIII secolo

 

Ma lo stimolo per il movimento indipendentista fu solo la deposizione della famiglia reale spagnola da parte di Napoleone e l'entrata in guerra spagnola contro l'Inghilterra con il successivo blocco navale degli inglesi, che portò i creoli a non rendere il controllo sull'America meridionale dipendente dalla Spagna, ma ad amministrare i paesi stessi.

 

 

 

L'inizio delle rivolte:

Le prime rivolte si svolsero a Neugranada (sul territorio dell'odierna Colombia) a partire dal 1810. Questi si sono rapidamente diffusi in Venezuela, Cile e il viceregno Rio de la Plata. Ma invece di combattere contro l'attuale dominio straniero degli spagnoli, le rivolte si trasformarono in una guerra civile tra i realisti, che erano fedeli alla famiglia reale spagnola, e la popolazione mista razziale e nera, che volevano deporre i ricchi creoli.

La prima proclamazione di una repubblica indipendente fu fatta in Venezuela nel 1811. Ma poco dopo la sua proclamazione, i seguaci della Repubblica furono espulsi dal realista Domingo de Monteverde e l'antico status fu ripristinato. Uno dei repubblicani espulsi fu Simon Bolivar, che fuggì a Neugranada e nel 1813 invase con un nuovo esercito, sconfisse i realisti e proclamò nuovamente la repubblica.

 

Simón Bolívar

Simón Bolívar

 

Anche questa volta, l'esistenza della Repubblica ebbe vita breve, quando Jose Boves prese i realisti per contrattaccare, cacciò di nuovo Bolivar e ripristinò il suo antico status.

 

 

 

L'intervento spagnolo:

Quando la guerra d'indipendenza spagnola contro Napoleone finì in Europa e il re Ferdinando si sedette di nuovo sul trono, la Spagna cercò di riprendere il controllo delle colonie inviando truppe dal 1814 in poi.

A questo scopo, il generale Pablo Morillo fu dotato di circa 10. 000 uomini per occupare il Venezuela e la Nuova Granada. Riuscì a conquistare le città costiere con il suo esercito, ma nell'interno dovette sottomettersi alla feroce resistenza delle truppe di guerriglia di Simon Bolivar. Bolivar ha potuto contare anche sull'appoggio di Antonio Paez e dei suoi tenaci allevatori di bestiame delle pianure venezuelane, nonché dei soldati britannici e irlandesi provenienti dalla piccola colonia britannica del Sud America dopo la guerra contro Napoleone, ora senza lavoro.

Con questo esercito Bolivar invase Neugranada nel 1819, vinse una vittoria contro gli spagnoli a Boyaca e occupò la città di Bogotà. Poco tempo dopo anche la città di Carabobo cadde nelle mani di Bolivar. Così controllava quasi tutta l'area della Nuova Granada e del Venezuela, che unì per formare una Grande Colombia.

 

 

 

La rivoluzione in Argentina e Cile:

Già nel 1810, una giunta (assemblea) fu costituita in Argentina per guidare i soldati contro gli spagnoli e i realisti. Nel 1812 l'esercito fu rafforzato da José de San Martin, che aveva già combattuto nella guerra d'indipendenza spagnola e aveva l'esperienza necessaria. Ha migliorato la tattica e la disciplina dei suoi soldati e potrebbe condurli così bene contro gli spagnoli e i realisti.

In Cile, spagnoli e realisti riuscirono a mantenere la loro posizione di potere nella guerra civile fino al 1814 ed espellere il leader rivoluzionario Bernardo O´Higgins. Fuggì con i suoi seguaci in Argentina dove si unì all'esercito di San Martin.

Per espellere i governanti nelle ultime due roccaforti degli spagnoli Perù e Cile, San Martin e O´Higgins hanno concepito il piano per una campagna prima contro il Cile e poi contro il Perù. Questo fu attuato nel gennaio 1817, quando l'esercito di 5. 000 uomini prese la difficile strada attraverso le Ande, durante la quale la marcia dovette subire delle perdite, ma poté attaccare il nemico in modo del tutto sorprendente e battere Chacabuco.

Gli spagnoli, invece, inviarono il loro esercito dal Perù per riprendere il controllo del Cile. All'inizio di questa campagna, vincono alcune vittorie, ma nell'aprile 1818 soccombono a San Martin e l'indipendenza del Cile diventa definitiva.

Dal 1820 San Martino preparò un'invasione del Perù con l'aiuto della flotta cilena e dell'ammiraglio inglese Thomas Cochrane. Tutto ciò ebbe inizio nel 1821, quando la città di Lima fu sottratta da dove egli dichiarò la sua indipendenza. Tuttavia, su consiglio di Simon Bolivar, San Martin si ritirò nella sua vita privata nel 1822 e Bolivar stesso condusse la campagna contro i realisti rimasti in Perù. La vittoria decisiva fu vinta nel dicembre 1824 dal suo vice Antonio Jose de Sucre nella battaglia di Ayacucho, dove sconfisse definitivamente i soldati peruviani e pose così fine al dominio spagnolo sull'America del Sud.

 

Antonio José de Sucre

Antonio José de Sucre

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!
Loading cart ...