Le Guerre Indiane Americane

Già con la fondazione degli Stati Uniti d'America dalle allora 13 colonie sulla costa orientale del Nord America, era prevedibile che la sua espansione avrebbe portato più a ovest e quindi inevitabilmente a conflitti con le tribù indigene indiane.

Con l'Indian Removal Act del 1830, l'espulsione degli indiani non solo fu ufficialmente approvata dalla politica americana, ma anche promossa. Con questa legge era ora possibile espellere gli indiani nelle zone disabitate ad ovest del Mississippi e consegnare la terra lasciata in eredità ai coloni americani. Come risultato, ci furono ripetute rivolte, tra cui la Sac e la Fox negli stati dell'Illinois e del Wisconsin intorno al 1832, il Creek in Georgia e Alabama intorno al 1836 e i Seminoles in Florida intorno al 1837.

Ma anche dopo l'espulsione degli indiani, i coloni continuarono a rivolgersi all'Occidente.

 

La popolazione indiana del Nord America intorno al 1700

La popolazione indiana del Nord America intorno al 1700

 

 

 

I primi argomenti:

Le prime vere e proprie ostilità tra indiani e coloni si svolsero nel Minnesota nel 1862, quando il governo degli Stati Uniti non riuscì a ratificare le proprie leggi con sufficiente rapidità, che prevedevano il trasferimento di territori indiani per denaro e merci. Si arrivò così agli attacchi del Dakota contro i coloni, che durarono circa 3 mesi fino a quando il conflitto con l'impiccagione di 38 indiani si concluse il 26 dicembre 1862. I membri rimanenti della tribù furono espulsi in Nebraska e South Dakota, dove le loro terre vere e proprie furono cedute agli Stati Uniti.

Un altro conflitto avvenne in Colorado nel 1864, quando il capo tribù Cheynne e Arapaho chiese la pace tra i suoi guerrieri militanti e i cercatori d'oro in arrivo. I colloqui si sono svolti a Fort Lyon, dove gli indiani sono stati successivamente attaccati nel loro campo da circa 700 miliziani del Colorado guidati dal colonnello John Chivington. Lo stesso capo è sopravvissuto all'attacco, ma circa 150 indiani sono morti, provocando un conflitto di un anno tra gli indiani e l'esercito americano nella zona. Attacchi, guerriglia e massacriglia hanno segnato questo conflitto.

Anche dopo la scoperta dell'oro, nella regione del Montana scoppiò un conflitto simile tra gli indiani della tribù Sioux e i cercatori d'oro. Dopo che gli indiani avevano effettuato diversi attacchi contro i minatori, l'esercito americano ha deciso di costruire fortificazioni nella zona 3. Questi sono stati attaccati più volte dagli indiani e i viaggiatori sono stati presi in ostaggio. Quando il capitano William Fetterman cercò di liberare gli ostaggi il 21 dicembre 1866, con circa 80 soldati, furono imboscate e completamente massacrate. Il conflitto in questa regione durò altri 2 anni fino a quando il capo della Red Cloud fu il primo capo a firmare un trattato di pace con gli Stati Uniti, che includeva l'abbandono dei forti e il ritiro dei cercatori d'oro. Una grande riserva è stata creata anche per gli indiani del Sud Dakota (comprese le Black Hills).

 

I leader Sioux Red Cloud (a destra) e American Horse II (1891)

I leader Sioux Red Cloud (a destra) e American Horse II (1891)

 

 

 

La ricaduta del governo americano:

Il trattato di pace con gli indiani è durato solo sei anni. Dopo che l'oro è stato trovato anche nelle Black Hills, anche i cercatori d'oro si sono spinti in questa regione, il che ha portato ancora una volta a conflitti con gli indiani che vi abitano. I capi Sioux e Cheyenne Sitting Bull e Crazy Horse e i loro guerrieri hanno combattuto duramente contro i coloni invasori. Nel 1876 il governo degli Stati Uniti reagì inviando tre eserciti dell'esercito americano nell'area per intervenire contro gli indiani. Gli indiani Sioux vinsero la loro più grande vittoria durante la battaglia di Little Big Horn quando circondarono l'unità di cavalleria del tenente colonnello George Custer e massacrarono 225 soldati. Solo con i soldati supplementari che furono dispiegati nel 1881, gli indiani potevano essere sconfitti e costretti alla resa.

 

Toro seduto intorno al 1885

Toro seduto intorno al 1885

 

 

 

La fine delle guerre indiane:

Alla fine del XIX secolo la maggior parte delle tribù rimanenti erano in riserve. Solo raramente sono rimasti focolai, ma sono stati rapidamente schiacciati di nuovo dall'esercito americano. Così i conflitti bellicosi erano prevalentemente risolti, ma gli indiani vivevano nei territori loro assegnati in condizioni a volte miserabili. Da un lato, le aree erano di solito troppo piccole per garantire un approvvigionamento sufficiente per gli abitanti, dall'altro gli indiani erano stati privati dei loro mezzi di sussistenza a causa dello sterminio quasi totale dei bufali.

 

 

 

Interessante sapere:

Quando i primi coloni europei arrivarono in Nord America, si stima che vi abitassero circa 10 milioni di indiani. Nel 1900 il loro numero si era ridotto a circa 250. 000 a causa di guerre, malattie e carestie.

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!