L’esercito francese nella prima guerra mondiale

L'esercito francese ha dovuto ricostruirsi e ristrutturarsi dopo la perduta guerra franco-prussiana. Nonostante i grandi sforzi, tuttavia, la Francia non è riuscita ad attrezzare il suo esercito per la guerra moderna.

 

Genesi:

All'inizio del primo periodo moderno, sotto la guida di Luigi XIV e di Napoleone I, la Francia riuscì, nonostante alcune sconfitte, ad espandersi e consolidare la sua supremazia in Europa. A quel tempo il paese aveva l'esercito più potente.

Solo con l'emergere della Confederazione della Germania settentrionale sotto la guida della Prussia e della guerra franco-prussiana dal 1870 al 1871 questa supremazia poteva essere spezzata. Dopo la guerra, l'esercito francese è stato schiacciato e la Francia non solo ha dovuto cedere l'Alsazia-Lorena, ma anche pagare indennizzi elevati.

Spinta dall'orgoglio nazionale ferito e dalla speranza di riconquistare i territori perduti, la Francia iniziò a costruire un nuovo esercito poco dopo la guerra perduta.

 

 

 

Struttura:

Come la maggior parte delle altre grandi potenze europee, la Francia ha introdotto il servizio militare obbligatorio. Dall'età di 20 anni ogni francese ha dovuto servire nell'esercito per 3 anni, poi i soldati sono stati trasferiti nella riserva, dove hanno attraversato diverse tappe:

Da 20 a 23 anni: Servizio militare nell'esercito

Da 24 a 34 anni: Servizio nella riserva dell'esercito

Da 35 a 41 anni: Servizio nell'Esercito Territoriale

Da 42 a 48 anni: Servizio nella riserva dell'Esercito Territoriale

La forza di pace dell'esercito francese ammontava a 736.000 soldati, che sono aumentati a 3,5 milioni di soldati quando la riserva è stata mobilitata e ritirata. Tuttavia, solo 1,7 milioni di soldati dovevano essere dispiegati direttamente al fronte, gli altri come riserva, in rifornimento o con i pionieri.

L'esercito era diviso in due:

  • 173 Reggimenti di fanteria
  • 89 Reggimenti di cavalleria
  • 87 Reggimenti di artiglieria
  • 201 Reggimenti di riserva
  • 145 Reggimenti territoriali

Durante la mobilitazione i reggimenti attivi sarebbero stati riempiti da riservisti. A tal fine, ogni reggimento aveva diritto ad un personale di formazione che svolgeva corsi di aggiornamento con i riservisti.

 

 

 

Strategia dell'esercito francese:

Dopo la guerra franco-prussiana, l'orientamento e la strategia dell'esercito francese si è concentrata su due punti chiave:

  • Ampliamento delle fortificazioni al confine con il Reich tedesco
  • Una strategia di attacco offensivo

 

La costruzione di fortezze, nota anche come Barrière de fer, segna una serie di progetti di costruzione intorno alle città e ai punti importanti al confine con l'Impero tedesco. Già prima della guerra franco-prussiana, la Francia aveva costruito fortificazioni fortificate intorno alle città di Lione e Parigi. Più tardi seguirono Metz, Belfort e Langres. Dopo la guerra perduta e il trasferimento dell'Alsazia-Lorena nel Reich tedesco, la progettazione e la realizzazione della costruzione di una cintura fortezza lungo il confine con il Reich tedesco iniziò alla fine degli anni '70 e all'inizio degli anni '80 del XIX secolo. Il generale Séré de Rivières è stato incaricato di farlo, per cui il progetto di costruzione era conosciuto anche come Système Séré de Rivières.

Il progetto è stato sostenuto in particolare dal timore che la Germania potesse intraprendere una nuova guerra contro la Francia indebolita e dal diffuso revanscismo, ovvero la speranza di riportare in vita l'Alsazia-Lorena.

Il Comitato di Difesa, che ne era responsabile, fu istituito il 28 luglio 1872 e inizialmente era composto da 9 rappresentanti: il ministro della guerra, i rappresentanti dell'artiglieria e gli ingegneri militari. Le prime riunioni si tennero in segreto, poiché fu solo nel 1873 che le ultime truppe di occupazione tedesche lasciarono il paese. Il compito del Comité de Défense era quello di colmare il divario creato dalla perdita delle fortezze, modernizzando vecchi impianti e costruendone di nuovi, e di adattarli alle esigenze della guerra moderna.

Una volta completata la progettazione, la linea della fortezza fu divisa in due aree:

  • La parte settentrionale: Dal Mare del Nord lungo il confine belga e il confine storico con la Lorena e l'Alsazia fino al confine svizzero nella zona di Belfort
  • La parte meridionale: Dalle Alpi Marittime del confine svizzero al Mar Mediterraneo a Nizza

Soprattutto le vecchie guarnigioni e le città fortificate lungo il confine (Verdun, Toul, Épinal, Laon, Belfort, Nancy, Reims) hanno ricevuto un nuovo anello di fortezza o quello vecchio è stato modernizzato. Poiché queste città erano spesso collegate alla ben sviluppata rete ferroviaria, è stato possibile caricare qui grandi contingenti di soldati.

 

Fortificazioni vicino alla Brisach Gate a Belfort, foto di Thomas Bresson

 

Veduta aerea del villaggio di Villey-le-Sec con il Forte di Villey-le-Sec

 

Veduta aerea di Fort Douaumont vicino a Verdun nella primavera del 1916

 

 

Il secondo punto sulla strategia dell'esercito francese è stato il principio dell'offensiva all'eccesso, l'attacco all'estremo. L'idea alla base di questa strategia era che l'Alsazia-Lorena, persa nella guerra franco-prussiana, poteva essere riconquistata solo con un attacco incondizionato. Tra i principali rappresentanti di questa tattica c'era il noto Ferdinand Foch. A suo parere, il vantaggio tedesco di una popolazione più numerosa può essere compensato solo da attacchi decisivi.

Già poco dopo la fine della guerra franco-prussiana, questa strategia è stata elaborata e il carattere offensivo è diventato chiaro solo all'inizio del secolo. Fino all'agosto 1891, il Piano XI fu il primo piano a perseguire sia una strategia difensiva che offensiva. Quando la Francia si avvicinò diplomaticamente alla Russia nel 1892 e fu presa in considerazione una guerra a due fronti per il Reich tedesco, il piano fu rivisto e trasformato in Piano XII nel febbraio 1892. In quel momento, il Comitato stava anche considerando una possibile invasione della Francia da parte dell'Impero tedesco attraverso il Belgio, e i piani per farlo furono incorporati nella tattica francese. Questa ipotesi fu rafforzata quando nel 1904 un tedesco vendette ai servizi segreti francesi i piani di spiegamento della direzione dell'esercito tedesco. Lì i movimenti delle truppe furono segnati dalla Francia per bypassare le fortificazioni francesi e cadere nel fianco dell'esercito francese. Il piano francese XII fu adattato di conseguenza fino al 1906 nel piano XV.

Fino al settembre 1911 la pianificazione fu rivista e adattata più volte fino a quando, il 7 febbraio 1914, il Piano XVII fu consegnato ai comandanti dell'esercito e al comandante in capo. L'obiettivo del piano era ora di realizzare un avanzamento concentrato da due lati di Metz-Thionville o a nord del Belgio verso Arlon e Neufchâteau.

 

Le più importanti linee ferroviarie per il trasporto dei corpi d'armata durante la mobilitazione

 

Von Lvcvlvs - Eigenes Werk, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=29123349

Schema con le offensive previste secondo il piano XVII. In blu gli eserciti francesi, in grigio e belga e le fortificazioni del Système Séré de Rivières, in rosso le fortezze tedesche

 

 

 

Attrezzatura:

A differenza degli altri eserciti delle grandi potenze europee, l'esercito francese non è riuscito a tenere il passo con la modernizzazione.

Fino alla prima guerra mondiale fu indossata l'uniforme del 1870, composta da una lunga gonna blu e pantaloni rossi. Questa uniforme non solo era molto pesante, il che costituiva un problema per i soldati soprattutto a temperature elevate, ma anche i colori non erano più pensati per una guerra moderna e troppo vistosi. Altri eserciti, come quelli del Reich tedesco, avevano già introdotto colori più discreti.

 

Soldati francesi all'inizio della prima guerra mondiale. Conservano i tranquilli cappotti blu e i pantaloni rossi indossati durante i primi mesi di guerra

 

Soldati francesi con l'uniforme moderna e l'elmo di Adrian 1917 a Parigi

 

Ma non solo la pesante gonna faceva soffrire i soldati, ma anche l'attrezzatura da trasportare era circa il 20% più pesante di quella di altri eserciti. Sebbene un miglioramento fosse già in corso da alcuni anni, nulla è stato attuato fino allo scoppio della guerra. Solo dopo i primi mesi, le pesanti perdite e la conoscenza delle attrezzature obsolete, i soldati francesi erano meglio equipaggiati. Nel 1915, la vecchia uniforme è stata sostituita dalla divisa di campo blu orizzonte. Anche il copricapo Képi è stato sostituito con il casco Adrian per prevenire lesioni da schegge di guscio.

 

Casco Adrian

 

 

L'arma standard era il Lebel modèle 1886. Dopo che il chimico francese Paul Vieille sviluppò la polvere da sparo senza fumo nel 1886, il Lebel modèle 1886 fu il primo fucile sviluppato e costruito appositamente per questa nuova munizione. Anche se questo fucile è stato migliorato nel 1893 ed è stato usato come modèle nell'esercito francese nel 1886/93, rispetto al modello Mauser 88 tedesco o ad altri fucili moderni, la versione francese è rimasta indietro. Nel 1909, la pianificazione iniziò a sostituire il fucile obsoleto con il nuovo fucile Meunier, ma lo scoppio della prima guerra mondiale impedì l'avvio della produzione in serie.

 

Lebel modèle 1886

 

L'introduzione delle mitragliatrici fu fortemente trascurata dall'esercito francese, poiché quest'arma non corrispondeva alla strategia dell'offensiva concentrata. Mentre il Reich tedesco utilizzava già all'inizio della guerra circa 12.000 mitragliatrici, l'esercito francese ne usava solo circa 5.000. Durante la guerra, i modelli Hotchkiss M1914 , Chauchat e St. Étienne Mle furono introdotti nel 1907.

 

I soldati francesi sono addestrati con mitragliatrici Chauchat

 

Una mitragliatrice St. Étienne Mle 1907

 

 

L'artiglieria è stata impostata principalmente sul fucile da campo da 7,5 cm M1897, che era l'artiglieria standard dell'esercito francese con circa 4.000 pezzi all'inizio della guerra. Nonostante la massa di armi, questo si è rivelato insufficiente per i fucili tedeschi, poiché la portata dei cannoni francesi era di circa 3 chilometri inferiore a quella dei tedeschi. Solo con l'introduzione delle pistole Rimailho modello 1904TR lo svantaggio potrebbe essere compensato di nuovo. Oltre ai cannoni da 7,5 cm, fino all'inizio della guerra sono stati aggiunti 308 cannoni da campo pesante e 380 cannoni da assedio di calibro 12 cm.

 

Canon de 75 modèle 1897

 

Rimailho Model 1904TR

 

 

 

Equipaggiamento dell'esercito all'inizio e alla fine della guerra:

 

Pistole da campo da 75 Modèle 1897 3.840 pezzi
Pistole da montagna 65 mm 120 pezzi
Pistole da campo pesante 308 pezzi
Pistole antiaeree 1 pezzi
Mitragliatrici 5.000 pezzi
Veicoli a motore 9.000 pezzi
Aeroplani 162 pezzi

 

Pistole da campo da 75 Modèle 1897 5.484 pezzi
Pistole da montagna 65 mm 96 pezzi
Pistole da campo pesante 5.000 pezzi
Pistole antiaeree 404 pezzi
Mitragliatrici 18.000 pezzi
Veicoli a motore 88.000 pezzi
Aeroplani 3.608 pezzi

 

 

A causa del perdurare della guerra di posizione e delle elevate perdite ad essa associate, la parte francese iniziò a sviluppare veicoli corazzati e carri armati a partire dalla metà del 1915 per sfondare la linea di difesa tedesca.

Tra i primi veicoli di questo tipo furono i modelli Schneider CA1 e Saint-Chamonds, utilizzati per la prima volta all'inizio del 1917. Tuttavia, poiché questi veicoli si sono rivelati abbastanza inaffidabili, in seguito è stata utilizzata la molto più potente Renault FT. Questi carri armati e veicoli corazzati erano principalmente assegnati ai reggimenti di cavalleria. I reggimenti esistenti mantennero i loro vecchi nomi mentre i nuovi reggimenti si chiamavano Régiments de char de combat.

 

Schneider CA1

 

Saint-Chamond

 

Renault FT

 

 

 

Equilibrio durante la prima guerra mondiale:

Dopo la mobilitazione generale della Francia, l'esercito francese fu diviso in 5 eserciti secondo il Piano XVII:

  • Prima Esercito (7°, 8°, 13°, 14° e 21° corpo d'armata) con l'obiettivo di portare Mulhouse e Sarrebourg
  • Seconda Esercito (9°, 15°, 16°, 18° e 20° Esercito), con l'obiettivo di catturare il Morhange
  • Terza Esercito (4°, 5° e 6° corpo d'armata) per difendere la regione intorno a Metz
  • Quarto Esercito (12°, 17°, 17° e corpo d'armata coloniale) in riserva intorno alla foresta di Argonne
  • Quinta Esercito (1°, 2°, 3°, 3°, 10° e 11° corpo d'armata) per la difesa delle Ardenne

All'inizio della guerra, la Francia aveva circa 3,5 milioni di soldati, di cui 1,7 milioni in prima linea. Di queste

  • 65 % nella fanteria
  • 13 % in artiglieria
  • 10 % in cavalleria

Il restante 12% è stato distribuito tra i pionieri, le forniture e la gendarmeria.

Durante la guerra, circa 7.935.000 soldati hanno prestato servizio nell'esercito francese, compresi circa 500.000 soldati delle colonie francesi.

Alla fine della guerra, la Francia aveva perso circa 1.390.000 morti e ferito circa 2.500.000 soldati.

 

Le truppe francesi di riserva attraversano un fiume in viaggio verso Verdun

 

Truppe francesi 1915 in viaggio verso Gallipoli

 

Le truppe coloniali francesi nella lotta contro le truppe tedesche

 

Gruppo di soldati del 66° reggimento di fanteria. Tra il 15 maggio e il 30 giugno 1915

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

L'esercito francese nella prima guerra mondiale

L'esercito francese nella prima guerra mondiale Copertina flessibile – 26 ago 2014

Il più potente tra gli eserciti alleati della Prima guerra mondiale, quello francese, dovette sostenere i primi due anni del conflitto con le sue unità metropolitane e coloniali, dando poi un grande contributo alla vittoria finale. In comune con la maggioranza dei Paesi europei, prima della guerra l'esercito francese era basato su un servizio militare nazionale formato da soldati di leva richiamabili in servizio in caso di necessità, ma l'inizio delle ostilità, le gravi perdite subite, la crisi del potenziale umano e lo sviluppo di nuove tattiche e armi portarono a radicali cambiamenti. L'influenza di questi fattori su organizzazione, materiali, uniformi e schemi operativi dell'esercito francese nel corso della Grande Guerra sono l'argomento di questo libro.

Clicca qui!

 

 

La Grande guerra. 1914-1918

La Grande guerra. 1914-1918 Copertina flessibile – 25 set 2014

Questa solida sintesi della Grande guerra è frutto del lavoro di due storici diversi ma affini: l'uno, Rochat, esperto della dimensione prettamente militare; l'altro, Isnenghi, versato nella storia della cultura e degli intellettuali. Il volume intreccia così felicemente due filoni di studio per raccontare vicende politiche e culturali ma anche operazioni militari, ideologie e sogni ma anche cifre e fatti: il racconto stringente di come la guerra fu voluta e non voluta, condotta e contestata, maledetta e ricordata, di quale ruolo vi giocarono le forze politiche e gli intellettuali, di quale fu l'agire e il pensare di generali, soldati e società civile, donne, prigionieri.

Clicca qui!

 

 

La grande storia della prima guerra mondiale

La grande storia della prima guerra mondiale Copertina rigida – 31 mag 2018

Questo libro analizza tutti gli elementi-chiave del conflitto che ha cambiato il mondo moderno. Milioni di vittime, crollo di imperi secolari, nascita di ideologie e movimenti politici, utilizzo di tecnologie innovative come cacciabombardieri, carri armati, sottomarini, e di armi letali come i gas. Focalizzandosi sui fronti più importanti e sulle strategie che i due blocchi furono costretti a seguire, Peter Hart, grande esperto di storia militare, tratteggia una magistrale analisi del conflitto globale, rendendolo così un argomento avvincente e comprensibile a tutti, appassionati di storia e non, grazie anche alla copiosa aggiunta di testimonianze dei protagonisti, dai principali generali ai semplici fanti di trincea che hanno vissuto in prima linea gli orrori di un massacro insensato. 16 milioni furono le vittime tra soldati e civili. A più di un secolo dall'inizio della Grande Guerra, la cronaca del conflitto che ha cambiato il mondo.

Clicca qui!

 

 

Wwi La Guerra Che Ha Cambiato Le Guerre

Wwi La Guerra Che Ha Cambiato Le Guerre (Box)

È la prima guerra moderna della Storia. La prima combattuta globalmente, fra mare terra e cielo, con strategie e mezzi innovativi e sofisticati. La prima a innescare una corsa alle armi, con un’escalation di morte e orrore. A cent’anni dal terribile conflitto, questo cofanetto svela la storia e i retroscena delle “armi segrete” messe in campo dalle potenze belligeranti per sbloccare lo stallo della guerra di trincea. I due DVD, tra eccezionali materiali di archivio e testimonianze tratte da lettere e diari dei soldati, ci catapultano sui campi di battaglia, nelle città bombardate o sulle navi attaccate in mezzo all’oceano. La Prima Guerra Mondiale cambiò radicalmente il modo di fare e di concepire la guerra 1 - TERRORE DAL CIELO. Sebbene molti pensino che i blitz aerei siano nati durante la Seconda Guerra Mondiale, in realtà furono effettuati già durante la prima. Le bombe venivano sganciate dai giganteschi dirigibili tedeschi progettati dal conte Ferdinand von Zeppelin. 2 - MOSTRI CINGOLATI. I carri armati sono stati i primi mezzi corazzati mai utilizzati su un campo di battaglia. Venivano chiamati "navi da terra", quando sir Winston Churchill ne autorizzò la produzione. Adattati partendo da una macchina agricola, furono progettati in gran segreto dai Britannici, determinati a trovare un modo per sfondare le trincee nemiche. 3 - GAS LETALI. I tedeschi furono i primi a utilizzare armi chimiche: all’inizio fu impiegato il cloro, altamente tossico, che aveva effetti devastanti. L’impiego del gas sui campi di battaglia scatenò una escalation di orrori, alla ricerca di armi distruttive sempre più efficaci. 4 - squali d’ACCIAIO. All’inizio sottovalutati, divennero il terrore delle potenze alleate: gli U-boot, i famigerati sommergibili messi a punto dai tedeschi, seminarono il terrore nell’Atlantico. Come killer invisibili attaccavano in immersione, riuscendo ad affondare ben 5.200 navi nell’arco di tutta la guerra e mettendo quasi in ginocchio la Gran Bretagna.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!