Serbatoio Mark V

Il Mark V è stato l'ultimo e più grande serbatoio costruito in Gran Bretagna durante la prima guerra mondiale.

 

Sviluppo e implementazione:

Il serbatoio Mark IV era un serbatoio avanzato per l'epoca, ma aveva ancora troppi difetti. Per questo motivo, l'Alto Comando britannico ha chiesto lo sviluppo di un modello successore.

William Tritton, che aveva già sufficiente esperienza nello sviluppo di carri armati e veicoli corazzati, iniziò con lo sviluppo a metà del 1917. Inizialmente, ha sviluppato un concetto completamente nuovo, tra cui un nuovo scafo, un nuovo motore, cambio e sistema di governo. Ma mentre stavano già lavorando su un modello in legno, i vincoli economici costrinsero Tritton a non sviluppare un serbatoio completamente nuovo, ma a modernizzare l'attuale Mark IV.

Così il Mark IV ha rilevato la fusoliera, i rulli catena e le rotaie. Almeno il nuovo motore sviluppato all'inizio del 1917 e una trasmissione più potente poteva essere installata nel Mark V. Il motore Ricardo a sei cilindri in linea da 19 litri produceva 150 PS e nuovi impianti idraulici e un sistema a frizione multipla permetteva al serbatoio di essere azionato dal solo conducente. Per il mitragliatore è stata aggiunta una protezione antischegge per ridurre al minimo il rischio di lesioni.

Dopo il successo della dimostrazione a metà del 1917, è stato ordinato un totale di 400 vasche, di cui 200 femminili e 200 maschili, e la produzione è iniziata in autunno. A metà del 1918 erano disponibili i primi serbatoi Mark V sul fronte occidentale.

In considerazione delle posizioni tedesche fortemente fortificate della Siegfried Line, l'Alto Comando britannico si rese conto che i serbatoi Mark IV e Mark V utilizzati non erano stati progettati per superare i fossati di 3,5 metri di larghezza. Si è pertanto deciso di modificare di conseguenza i serbatoi. Il maggiore Philip Johnson, membro dell'officina del Central Tank Corps, è venuto a conoscenza della chiamata e ha modificato lui stesso un carro armato Mark V. L'ha tagliato nella parte posteriore e ha allungato il veicolo di 1,8 metri con montanti metallici. Il Mark V modificato è stato classificato come Mark V* (stella) dall'Alto Comando e sono state costruite complessivamente 645 unità. Lo spazio ora disponibile nell'area posteriore è stato utilizzato per il trasporto di soldati, rendendo il Mark V* il primo veicolo da combattimento di fanteria al mondo.

Poiché la conversione del maggiore Philip Johnson era solo una soluzione di emergenza e a mobilità limitata, l'idea di William Tritton è stata ripresa e ha rivisto il modello ancora una volta. Ma ora ha adattato il baricentro e la fusoliera alla lunghezza e ha installato anche il nuovo motore da 225 PS di potenza disponibile all'epoca. Il serbatoio è stato poi classificato come Mark V** (2 stelle) e costruito 197 volte.

Il primo grande dispiegamento di carri armati Mark V avvenne il 7 luglio 1918 durante la battaglia di Hamel, dove 60 carri armati sostennero i fanti australiani. Nell'agosto 1918 anche 288 carri armati furono utilizzati nella battaglia di Amiens e ottennero un grande successo. Oltre agli inglesi, anche i canadesi e gli USA usavano queste cisterne. A differenza degli inglesi, tuttavia, gli americani non riuscirono a raggiungere il successo, 18 dei 21 carri armati del 301° battaglione americano di carri armati pesanti furono distrutti in settembre e novembre durante l'attacco alla Siegfried Line.

Dopo la prima guerra mondiale, 70 carri armati Mark V sono stati trasferiti alla fazione bielorussa per sostenerli nella loro lotta contro i bolscevichi. Anche la Lituania e la Lettonia hanno ricevuto alcune cisterne che sono state in servizio fino al 1939.

 

Serbatoio Mark V

Serbatoio Mark V

 

Britannico Mark V* serbatoio, sul tetto c'è un telaio, con il quale la capacità di attraversamento della trincea potrebbe essere aumentata

Britannico Mark V* serbatoio, sul tetto c'è un telaio, con il quale la capacità di attraversamento della trincea potrebbe essere aumentata

 

Serbatoio Mark V**

Serbatoio Mark V**

 

 

Dati tecnici:

Individuazione: Serbatoio Mark V
Terra: Gran Bretagna
Lunghezza: 8,05 metri
Larghezza: 3,2 metri
Altezza: 2,64 metri
Peso: 29 tonnellate
Velocità massima: 7,4 chilometri all'ora
Corazza: Da 8 a 16 mm
Armamento principale: 2 pistole Hotchkiss QF 6 pdr (57 mm)
(solo versione maschile)
Altre armi: 4 x mitragliatrici 7,71mm
(versione maschile)
6 x mitragliatrici 7,62mm
(versione femminile)
Guida: Motore Ricardo a 6 cilindri da 150 PS
Fascia: 72 chilometri
Guarnigione: 8 uomini

 

 

Individuazione: Serbatoio Mark V*
Terra: Gran Bretagna
Lunghezza: 9,97 metri
Larghezza: 3,2 metri
Altezza: 2,64 metri
Peso: 32 tonnellate
Velocità massima: 7,4 chilometri all'ora
Corazza: Da 8 a 16 mm
Armamento principale: 2 pistole Hotchkiss QF 6 pdr (57 mm)
(solo versione maschile)
Altre armi: 4 x mitragliatrici 7,71mm
(versione maschile)
6 x mitragliatrici 7,62mm
(versione femminile)
Guida: Motore Ricardo a 6 cilindri da 150 PS
Fascia: 72 chilometri
Guarnigione: 8 uomini

 

 

Individuazione: Serbatoio Mark V**
Terra: Gran Bretagna
Lunghezza: 9,87 metri
Larghezza: 3,94 metri
(versione maschile)
8,28 metri
(versione femminile)
Altezza: 2,62 metri
Peso: 34-35 tonnellate
Velocità massima: 8 chilometri all'ora
Corazza: Da 6 a 15 mm
Armamento principale: 2 pistole Hotchkiss QF 6 pdr (57 mm)
(solo versione maschile)
Altre armi: 4 x mitragliatrici 7,71mm
(versione maschile)
6 x mitragliatrici 7,62mm
(versione femminile)
Guida: Motore Ricardo a 6 cilindri da 225 PS
Fascia: 100 chilometri
Guarnigione: 8 uomini

 

 

Serbatoio Mark V

Serbatoio Mark V

 

Serbatoio Mark V

Serbatoio Mark V

 

Serbatoio Mark V*

Serbatoio Mark V*

 

Serbatoio Mark V*

Serbatoio Mark V*

 

Serbatoio Mark V**

Serbatoio Mark V**

 

Serbatoio Mark V**

Serbatoio Mark V**

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

I carri armati poco conosciuti del Regio Esercito. Prototipi, piccole serie e carri esteri. Ediz. illustrata

I carri armati poco conosciuti del Regio Esercito. Prototipi, piccole serie e carri esteri. Ediz. illustrata Copertina flessibile – 16 mag 2015

Tra il 1915, quando l'Italia decise di partecipare alla Grande Guerra, e l'8 settembre 1943, data in cui venne reso noto l'armistizio firmato cinque giorni prima a Cassibile, il Regio Esercito progettò, sperimentò e mise in linea un certo numero di carri armati. Scavando, da perfetto segugio, negli annali di istituzioni e industrie l'autore documenta questi progetti e produzioni di carri armati italiani del periodo 1915-1943, alcuni dei quali neppure entrati in fabbricazione. La ricerca diventa occasione di più ampie riflessioni di natura strategica e ideale evidenziando la capacità dell'autore di trasferire il lettore da una semplice disamina tecnica a considerazioni di carattere generale in cui convergono la fatica degli uomini, l'inventiva dei tecnici, le condizioni del nostro Paese, la volontà e i deficit delle istituzioni. Il libro si articola in 4 capitoli suddivisi in numerosi paragrafi, corredati da copiosa documentazione fotografica sia a colori che in b/n, da ampia bibliografia e interessanti note in calce.

Clicca qui!

 

 

I corazzati di circostanza italiani

I corazzati di circostanza italiani Copertina flessibile – 17 giu 2016

La motorizzazione delle forze armate si è affermata durante la Prima Guerra Mondiale anche se ancora durante il grande conflitto successivo, la Seconda Guerra Mondiale, vi fu un rilevante ricorso alla trazione animale e non mancò l'impiego, anche in alcuni memorabili episodi, di reparti di cavalleria. Questa trattazione, quindi, si concede la libertà di passare in rassegna i veicoli motorizzati che, per un motivo o per l'altro, si discostino dalle schede tecniche che ne riportano le caratteristiche. In qualche caso non si può parlare di "scostamenti" poiché si tratta di realizzazioni di fortuna, nate dall'abilità dei meccanici delle officine da campo, stravolgendo completamente la natura del veicolo di partenza.

Clicca qui!

 

 

Uomini e macchine in guerra. La tecnologia e le culture attraverso millenni di conflitti. Ediz. illustrata

Uomini e macchine in guerra. La tecnologia e le culture attraverso millenni di conflitti. Ediz. illustrata Copertina rigida – 9 nov 2017

Una guida per immagini completa e approfondita sulla tecnologia della guerra e la sua evoluzione nel corso della storia. Profili delle armi, armature, uniformi ed equipaggiamenti fondamentali, dalla Mesopotamia dell'età del bronzo ai giorni nostri. Immagini e schede dei pezzi di armamento più significativi da vari punti di vista, che sottolineano le caratteristiche che li hanno resi così efficaci. Il racconto delle tecniche e delle tattiche adottate dai più grandi capi militari, dell'impatto sugli eserciti che le hanno usate e degli effetti che hanno avuto sulla conclusione dei più importanti conflitti.

Clicca qui!

 

 

La Grande Guerra 1914-1918

La Grande Guerra 1914-1918 (Box)

1. L'offensiva tedesca - inizia la guerra di trincea 2. Il conflitto si allarga - attacchi e contrattacchi 3. Il crollo degli imperi centrali Milioni di soldati costretti a combattere nel fango delle trincee, attacchi mal pianificati, il miraggio di una rapida vittoria: la Prima Guerra Mondiale doveva essere una guerra lampo, si trasformò in una spaventosa e inutile carneficina. La storia del conflitto è narrata anno per anno, frutto di un lungo lavoro di ricerca negli archivi di tutto il mondo. Un'opera grandiosa, che offre un quadro degli eventi bellici su tutti i fronti, in oltre 4 ore di immagini originali dell'epoca e con mappe che illustrano strategie e battaglie

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!