Serbatoio Mark VI

Il Mark VI era un progetto di sviluppo di un serbatoio pesante, che dovrebbe applicare un nuovo design dei precedenti serbatoi Mark, ma non ha ottenuto oltre un progetto. 

 

Sviluppo e implementazione:

Dopo la battaglia di Arras, il 16 giugno 1917 si tenne una conferenza presso la sede della Seconda Brigata Britannica per discutere le esperienze dei carri armati utilizzati e i desideri e i requisiti per un modello successivo.

I comandanti supremi concordarono che il nuovo serbatoio doveva avere una potenza significativamente maggiore e che non ci dovevano essere più versioni maschili e femminili, ma un solo serbatoio che combinasse entrambe le versioni.

Nel mese di dicembre, il Tank Supply Committee, responsabile dello sviluppo in Gran Bretagna, ha ordinato lo sviluppo di un serbatoio Mark V e Mark VI.

Mentre il Mark V era quasi interamente basato sul serbatoio del Mark IV, il serbatoio del Mark VI è stato ridisegnato da zero. Per combinare le versioni maschile e femminile, la pistola QF 6-Libbra 57 mm è stata montata tra le catene nella parte anteriore, mentre le mitragliatrici sono state inserite nella torretta. In questo modo sono stati eliminati i rigonfiamenti laterali dove le pistole erano normalmente montate e la larghezza è stata ridotta di conseguenza.

Il motore a benzina da 19 litri con 150 PS, che azionava le catene più larghe 75 cm, doveva ora servire come motore. Il vano motore deve essere separato dal vano equipaggio in modo che l'equipaggio non sia più esposto al rumore e ai fumi di scarico.

Lo sviluppo del nuovo Mark VI è stato sostenuto dal direttore dell'ingegneria Walter Wilson, mentre il tenente colonnello Albert Gerald Stern del ministero delle munizioni ha voluto produrre il maggior numero possibile di serbatoi e portarli in Francia. Quando gli Stati Uniti entrarono nella prima guerra mondiale e iniziarono a costruire i propri battaglioni di carri armati, il maggiore James A. Drain ordinò 600 carri armati Mark VI, anche se non era ancora stato costruito un prototipo diverso da un modello in legno. Secondo il colonnello Stern, tuttavia, il progetto comune tra Gran Bretagna e Stati Uniti con la costruzione di un carro armato Mark VIII fu minacciato da quest'ordine e fece fermare immediatamente lo sviluppo del Mark VI. Così solo il modello in legno di questo serbatoio poteva essere costruito.

 

Modello in legno del Mark VI

Modello in legno del Mark VI

 

Modello in legno del Mark VI

Modello in legno del Mark VI

 

Modello in legno del Mark VI

Modello in legno del Mark VI

 

Modello in legno del Mark VI

Modello in legno del Mark VI

 

 

Dati tecnici:

Individuazione: Serbatoio Mark VI
Terra: Gran Bretagna
Lunghezza: 8,05 metri
Larghezza: 2,53 metri
Altezza: 2,64 metri
Peso: 27 tonnellate
Velocità massima: 7,4 chilometri all'ora
Corazza: Da 8 a 16 mm
Armamento principale: 1 x Hotchkiss QF 6 pdr (57 mm) pistola
Altre armi: 6 x mitragliatrici 7,71mm
Guida: Motore Ricardo a 6 cilindri da 150 PS
Fascia: 72 chilometri
Presidio: 8 uomini

 

 

Serbatoio Mark VI

Serbatoio Mark VI

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

I carri armati poco conosciuti del Regio Esercito. Prototipi, piccole serie e carri esteri. Ediz. illustrata

I carri armati poco conosciuti del Regio Esercito. Prototipi, piccole serie e carri esteri. Ediz. illustrata Copertina flessibile – 16 mag 2015

Tra il 1915, quando l'Italia decise di partecipare alla Grande Guerra, e l'8 settembre 1943, data in cui venne reso noto l'armistizio firmato cinque giorni prima a Cassibile, il Regio Esercito progettò, sperimentò e mise in linea un certo numero di carri armati. Scavando, da perfetto segugio, negli annali di istituzioni e industrie l'autore documenta questi progetti e produzioni di carri armati italiani del periodo 1915-1943, alcuni dei quali neppure entrati in fabbricazione. La ricerca diventa occasione di più ampie riflessioni di natura strategica e ideale evidenziando la capacità dell'autore di trasferire il lettore da una semplice disamina tecnica a considerazioni di carattere generale in cui convergono la fatica degli uomini, l'inventiva dei tecnici, le condizioni del nostro Paese, la volontà e i deficit delle istituzioni. Il libro si articola in 4 capitoli suddivisi in numerosi paragrafi, corredati da copiosa documentazione fotografica sia a colori che in b/n, da ampia bibliografia e interessanti note in calce.

Clicca qui!

 

 

I corazzati di circostanza italiani

I corazzati di circostanza italiani Copertina flessibile – 17 giu 2016

La motorizzazione delle forze armate si è affermata durante la Prima Guerra Mondiale anche se ancora durante il grande conflitto successivo, la Seconda Guerra Mondiale, vi fu un rilevante ricorso alla trazione animale e non mancò l'impiego, anche in alcuni memorabili episodi, di reparti di cavalleria. Questa trattazione, quindi, si concede la libertà di passare in rassegna i veicoli motorizzati che, per un motivo o per l'altro, si discostino dalle schede tecniche che ne riportano le caratteristiche. In qualche caso non si può parlare di "scostamenti" poiché si tratta di realizzazioni di fortuna, nate dall'abilità dei meccanici delle officine da campo, stravolgendo completamente la natura del veicolo di partenza.

Clicca qui!

 

 

Uomini e macchine in guerra. La tecnologia e le culture attraverso millenni di conflitti. Ediz. illustrata

Uomini e macchine in guerra. La tecnologia e le culture attraverso millenni di conflitti. Ediz. illustrata Copertina rigida – 9 nov 2017

Una guida per immagini completa e approfondita sulla tecnologia della guerra e la sua evoluzione nel corso della storia. Profili delle armi, armature, uniformi ed equipaggiamenti fondamentali, dalla Mesopotamia dell'età del bronzo ai giorni nostri. Immagini e schede dei pezzi di armamento più significativi da vari punti di vista, che sottolineano le caratteristiche che li hanno resi così efficaci. Il racconto delle tecniche e delle tattiche adottate dai più grandi capi militari, dell'impatto sugli eserciti che le hanno usate e degli effetti che hanno avuto sulla conclusione dei più importanti conflitti.

Clicca qui!

 

 

La Grande Guerra 1914-1918

La Grande Guerra 1914-1918 (Box)

1. L'offensiva tedesca - inizia la guerra di trincea 2. Il conflitto si allarga - attacchi e contrattacchi 3. Il crollo degli imperi centrali Milioni di soldati costretti a combattere nel fango delle trincee, attacchi mal pianificati, il miraggio di una rapida vittoria: la Prima Guerra Mondiale doveva essere una guerra lampo, si trasformò in una spaventosa e inutile carneficina. La storia del conflitto è narrata anno per anno, frutto di un lungo lavoro di ricerca negli archivi di tutto il mondo. Un'opera grandiosa, che offre un quadro degli eventi bellici su tutti i fronti, in oltre 4 ore di immagini originali dell'epoca e con mappe che illustrano strategie e battaglie

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!