Barone Manfred Albrecht von Richthofen (Barone Rosso)

Barone Manfred Albrecht von Richthofen non era solo il pilota da caccia tedesco di maggior successo nella Prima Guerra Mondiale, ma anche il più famoso pilota tedesco, che è ancora oggi conosciuto come il Barone Rosso a causa del suo aereo dipinto di rosso dopo la guerra.

 

 

Origine e adolescenza:

Manfred Albrecht von Richthofen nacque il 2 maggio 1892 a Breslau come figlio dell'ufficiale di cavalleria Albrecht Freiherr von Richthofen e Kunigunde von Richthofen.

Dopo il trasferimento della famiglia a Schweidnitz, Manfred iniziò a interessarsi alla caccia e all'equitazione all'età di 9 anni. All'età di 11 anni ha già preso parte a grandi battute di caccia.

 

 

 

Carriera militare:

Nel 1903 Manfred iniziò la sua carriera militare con una visita alla scuola per cadetti di Wahlstatt, da dove nel 1909 passò alla scuola principale per cadetti di Lichterfelde.

Dopo aver completato la sua formazione, nella primavera del 1911 si unì al Reggimento Ulanen "Imperatore Alessandro III di Russia" (prussiano occidentale) n. 1 nel grado di Guardiamarina.

Fu promosso tenente il 19 novembre 1912.

 

Barone Manfred Albrecht von Richthofen

Barone Manfred Albrecht von Richthofen

 

Manfred von Richthofen sulla cartolina di Sanke

Manfred von Richthofen sulla cartolina di Sanke

 

 

 

Uso nella prima guerra mondiale:

Dopo lo scoppio della prima guerra mondiale, il reggimento di Manfred fu prima trasferito al fronte orientale, ma pochi giorni dopo al fronte occidentale.

Dal loro punto di dispiegamento vicino a Diedenhofen, von Richthofen ha preso parte all'occupazione del Lussemburgo, seguita dall'invasione del Belgio. Poiché la guerra era ancora in corso a quel tempo, Manfred svolgeva principalmente un lavoro di ricognizione dietro le linee nemiche come esploratore a cavallo.

Il 1° settembre 1914 Manfred fu trasferito alla 4a armata di fronte a Verdun come ufficiale dei servizi segreti. Su sua personale richiesta e richiesta di trasferimento, Manfred fu assegnato alla 18a Brigata di fanteria il 15 gennaio 1915 come ufficiale dell'ordine. Grazie alla distanza dal fronte, von Richthofen riuscì ad essere all'altezza della sua passione per la caccia, ma questo lo soddisfaceva sempre meno.

Per questo motivo, su sua richiesta, si trasferì nella nuova forza aerea e vi iniziò il suo addestramento il 30 maggio 1915 come osservatore nella Flieger Ersatzabteilung 7 di Colonia. In seguito fu assegnato il 21 giugno 1915 al reparto pilota sul campo 69 vicino a Lemberg sul fronte orientale per effettuare voli di ricognizione.

Nell'agosto 1915, l'edificio fu spostato da Richthofen al fronte occidentale e assegnato al dipartimento dei piccioni di Ostenda. Questo dipartimento doveva effettuare bombardamenti segreti sull'Inghilterra. Tuttavia, poiché gli aerei AEG G forniti da AEG G non avevano la portata necessaria, sono stati effettuati solo attacchi alle navi britanniche nella Manica e alle posizioni francesi. Von Richthofen ha presentato una nuova domanda di trasferimento, questa volta al reparto colombiere di Metz. Durante il viaggio in treno ha incontrato il suo futuro capo squadrone Oswald Boelcke.

A Metz Manfred si diplomò come pilota, volò alcune missioni a Verdun e fu assegnato nel settembre 1916 al Jagdstaffel (Jasta) 2, dove era sotto il comando di Oswald Boelcke. Già il 17 settembre 1916 Richthofen riuscì a registrare il suo primo tiro via Cambrai.

Nelle prossime settimane Richthofen è stato in grado di ottenere ulteriori riprese. A metà gennaio 1917, a metà gennaio 1917, registra il suo 16° tiro, al termine del quale riceve l'ordine Pour le Mérite. Poco dopo ricevette il comando dello Jagdstaffel 11, il 22 marzo 1917 fu promosso tenente, il 6 aprile 1917 maestro di cavalleria.

Dopo la morte di Max Immelmann il 18 giugno 1916 e di Oswald Boelcke il 28 ottobre 1916, Manfred von Richthofen divenne l'aviatore tedesco di maggior successo e abbatté 20 aerei nemici solo nell'aprile 1917.

Nel giugno 1917 gli squadroni di caccia 4, 6, 10 e 11 furono uniti allo squadrone di caccia 1, il cui comando fu trasferito da Richthofen. Durante un combattimento aereo di luglio, si fece talmente male alla testa che dovette effettuare un atterraggio d'emergenza perché per un breve periodo di tempo è rimasto cieco. Richthofen non potrebbe mai riprendersi completamente da questa ferita.

 

Pilota della squadriglia di caccia 1, Richthofen si siede nell'aereo

Pilota della squadriglia di caccia 1, Richthofen si siede nell'aereo

 

Dopo una lunga convalescenza e riposo, Manfred e suo fratello Lothar von Richthofen furono convocati alle trattative di pace a Brest-Litowsk il 26 dicembre 1917. A metà gennaio 1918, dopo la conclusione delle trattative, Manfred fu trasferito a Berlino per testare nuovi prototipi di aerei presso l'impianto di prova di Flugzeugmeisterei.

In seguito Richthofen è stato trasferito di nuovo nella sua squadra di caccia e ha partecipato di nuovo ai combattimenti sul fronte occidentale.

 

 

 

Lancio e morte di Richthofens:

Il 21 aprile 1918, Richthofen e altri nove aerei volano una nuova missione sul fronte occidentale. Questo ha portato ad una battaglia aerea con gli aviatori britannici, in cui uno degli aerei ha cercato di allontanarsi dai combattimenti. Quando Manfred von Richthofen seguì l'aereo, un proiettile lo colpì nella parte destra del corpo, ferendone i polmoni, il fegato e il cuore. Von Richthofen ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza vicino alla comunità francese di Corbie, dove i soldati australiani lo hanno trovato. Poco dopo l'atterraggio von Richthofen morì di ferite.

A tutt'oggi non è stato possibile chiarire chi ha sparato il colpo a Richthofen. Sono considerati i tre artiglieri antiaerei australiani Robert Buie, William John "Snowy" Evans e il sergente Cedric Popkin, che hanno sparato le loro mitragliatrici all'aereo Richthofen.

 

La replica di un Fokker Dr. I con cui Richthofen ha volato l'ultima volta

La replica di un Fokker Dr. I con cui Richthofen ha volato l'ultima volta

 

 

 

Ubicazioni:

Il 22 aprile 1918 il cadavere di Manfred von Richthofen fu sepolto a Bertangles da ufficiali dell'aviazione inglese con gli onori militari. Già nella notte gli abitanti dei villaggi francesi cercarono di disonorare la tomba in modo vile e di perire al cadavere. Anche l'aereo di Richthofens è stato completamente smantellato dai cacciatori di souvenir.

 

Sepoltura di Richthofen a Bertangles da parte di ufficiali britannici

Sepoltura di Richthofen a Bertangles da parte di ufficiali britannici

 

Il 23 aprile 1918, un pilota di caccia britannico lasciò cadere la notizia della morte di Richthofens sull'aeroporto dello squadrone.

In Germania, un funerale in onore del pilota caduto si tenne solo il 2 maggio 1918. Nel 1923, su istigazione delle autorità militari francesi, il corpo fu trasferito per la prima volta nel cimitero militare tedesco di Fricourt. Su richiesta della famiglia, il trasferimento all'Invalidenfriedhof di Berlino fu iniziato il 20 novembre 1925, dove il cimitero fu sepolto con la grande partecipazione di soldati e ufficiali.

Quando, nel 1975, il Cimitero d'invalidità doveva essere livellato per decisione del Consiglio dei Ministri della Repubblica democratica tedesca, la famiglia poteva chiedere nuovamente il trasferimento. L'ultimo luogo di riposo si trova ora nella tomba di famiglia del Südfriedhof Wiesbaden.

 

 

 

La famiglia:

  • Fratello Lothar-Siegfried Freiherr von Richthofen
  • Fratello Bolko Freiherr von Richthofen
  • Sorella Elisabeth von Richthofen

 

 

 

Il titolo "Barone Rosso":

Oggi Manfred von Richthofen è generalmente conosciuto come il "Barone Rosso". Tuttavia, questo titolo fu attribuito a Richthofen solo dopo la guerra. Sebbene fosse chiamato "Il piccolo rosso" o "Red Devil" dai francesi, la sua autobiografia, pubblicata nel 1917, era intitolata "The Red Fighter Airman" e il suo aereo aveva una sorprendente vernice rossa, ma il titolo "The Red Baron" deriva da una traduzione in inglese.

Poiché il termine Freiherr non esiste in lingua inglese, nella traduzione è stato usato il nome Baron. Come risultato, il titolo "Der rote Baron" (Il barone rosso) ha prevalso per la prima volta in relazione a Richthofen.

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Il barone rosso. La vita e le imprese di Manfred von Richtofen

Il barone rosso. La vita e le imprese di Manfred von Richtofen Copertina flessibile – 18 nov 2003

Il mito di Manfred von Richtofen, meglio noto come Barone Rosso, è sempre vivo a quasi un secolo di distanza dalle leggendarie imprese compiute durante la Grande Guerra. In questo volume l'autore ricostruisce, sulla base di numerosi documenti dell'esercito tedesco, lettere e scritti del barone stesso, la vita pubblica e privata dell'asso dell'aviazione tedesca. Kilduff ci offre così la biografia del famoso personaggio, dimostrando accuratamente come tutta la storia del combattimento aereo in occidente, fino ai giorni nostri, sia stata profondamente influenzata dalle strategie messe a punto dal mitico barone.

Clicca qui!

 

 

Il barone rosso. La storia di Manfred von Richthofen

Il barone rosso. La storia di Manfred von Richthofen Copertina flessibile – 21 gen 2014

Manfred von Richthofen (1892-1918) è stato il più famoso pilota da caccia della Germania nella Prima guerra mondiale. Giovane, affascinante, intelligente, audace nei duelli aerei, celebre per la sua "cavalleria" con i nemici abbattuti, divenne una leggenda già fra i suoi contemporanei e oggetto di culto nel Terzo Reich. Dopo l'infanzia nella dimora di famiglia in Polonia, si arruolò nel 1° reggimento di cavalleria ulani, ma poco dopo lo scoppio della Grande Guerra entrò in aviazione, rivelandosi un abile pilota. Nel 1917 gli fu affidato il comando della Jasta 11, la squadriglia da caccia che in seguito passò alla storia con il nome di "Circo Volante" per i vivaci colori dei velivoli. A bordo del suo triplano Fokker Dr. I dipinto di rosso si aggiudicò 80 vittorie aeree che gli assicurarono grande fama anche presso l'imperatore Guglielmo II e il feldmaresciallo Paul von Hindenburg, sino alla morte avvenuta il 21 aprile 1918 durante un combattimento nei cieli della Somme. Attraverso documenti inediti provenienti dagli archivi della famiglia Richthofen, questo libro ricostruisce la figura dell'uomo, oltre che del pilota, negli aspetti più intimi e privati, dagli affetti alla crisi dopo il ferimento alla testa del 1917.

Clicca qui!

 

 

LA MIA VITA

LA MIA VITA Copertina flessibile – 28 mag 2018

Prima Guerra Mondiale, maggio 1915: un alfiere del 1° Reggimento Ulani decide di lasciare la cavalleria e di passare alla neocostituita aviazione tedesca. È un giovane di Breslavia, di nome Manfred von Richthofen, appassionato di caccia e di cavalli. Nessuno può immaginare che quel ragazzo dall'aspetto quasi fanciullesco diventerà il temibile Barone Rosso, il pilota che passerà alla storia per le prodezze leggendarie. Dall'emozione del primissimo volo, dall'impazienza del principiante, sino ai combattimenti senza esclusione di colpi sopra i cieli di mezza Europa sul suo altrettanto mitico triplano: pagine che scorrono via togliendo il fiato, quasi si fosse seduti con lui nella carlinga dell'aeroplano, nel mezzo della battaglia...

Clicca qui!

 

 

Pioggia di sangue. Il barone rosso

Pioggia di sangue. Il barone rosso Copertina flessibile – 6 lug 2016

Con una serie di tavole dipinte dall'ottimo Carlos Puerta, arriva questa avventura di guerra dedicata alle vicende del mitico Manfred Von Richtohfen... il Barone Rosso! Scopriremo tutti i dettagli della vita di questa leggenda dell'aviazione militare che con il suo Fokker da combattimento ha terrorizzato i campi di battaglia durante la Prima Guerra Mondiale. Guerra, combattimenti tra areoplani, conflitti... una vicenda emozionante trattata da due grandi autori!

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo) esEspañol (Spagnolo) arالعربية (Arabo)


I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!