Canon de 19 modèle 1870/93 TAZ

Il Canon de 19 modèle 1870/93 TAZ era originariamente un cannone costiero francese, che fu convertito in cannone ferroviario durante la prima guerra mondiale e utilizzato contro le posizioni tedesche.

Nel 1893 fu introdotto il Canon de 19 C modèle 1870/93 per proteggere le coste francesi. Aveva una carcassa mista composta da un tubo d'acciaio e da pneumatici di rinforzo in ferro ed era dotata di una culatta de Bange.

 

Quando scoppiò la prima guerra mondiale e nel 1915 sul fronte occidentale scoppiò la guerra di posizione, divenne evidente che i leggeri fucili da campo francesi utilizzati potevano causare scarsi o nessun danno alle posizioni tedesche sempre più fortificate.

L'Alto Comando francese fu quindi costretto a ritirare le armi pesanti dalle fortezze francesi e portarle al fronte. Poiché il trasporto dei fucili era spesso molto complicato e richiedeva molto tempo insieme alla costruzione, si è pensato di montare alcuni dei fucili su vagoni ferroviari e di utilizzare le rotaie esistenti per il trasporto.

Il Canon de 19 modèle 1870/93 apparteneva allora a quei cannoni che dovevano essere utilizzati come cannoni ferroviari con opportune misure di ricostruzione.

Nell'estate del 1915, l'azienda Schneider iniziò la ricostruzione del primo dei 26 cannoni ferroviari richiesti. A questo scopo, un carro a quattro assi è stato rinforzato per alloggiare l'arma al centro. Invece di uno scudo per proteggere l'arma e l'equipaggio, il Canon de 19 modèle 1870/93 ha ricevuto un involucro completo. Anche i depositi di munizioni su entrambi i lati del carro erano completamente chiusi da armature.

Alla fine del 1915 furono consegnati sul fronte occidentale i primi cannoni ferroviari con l'ulteriore designazione Tous Azimuts o TAZ.

Ci sono stati utilizzati principalmente per la resistenza del fuoco di artiglieria tedesca fino alla fine della guerra.

 

 

Canon de 19 modèle 1870/93 TAZ

 

Canon de 19 modèle 1870/93 TAZ

 

Pistole della ferrovia sulla strada per il fronte

 

Pistole della ferrovia sulla strada per il fronte

 

Pistole ferroviarie in posizione di tiro

 

 

Dopo la prima guerra mondiale, i 26 cannoni ferroviari rimasero nell'esercito francese. All'inizio della seconda guerra mondiale, la Francia aveva ancora 24 dei fucili a disposizione contro l'avanzata della Wehrmacht. Dopo la resa della Francia nel 1940, questi 9 cannoni sono stati in grado di catturare. La Wehrmacht li ha messi in servizio con la denominazione 19 cm K (E) 486 (f) come artiglieria di protezione costiera.

Anche l'Italia ha ricevuto 12 cannoni dopo la consegna e li ha messi in servizio con la denominazione Cannone da 194/29 Modello 70/93 per la protezione delle coste. L'unica operazione conosciuta si svolse il 13 marzo 1944 durante la battaglia di Montelungo.

 

 

 

Scheda tecnica:

Individuazione: Canon de 19 modèle 1870/93 TAZ
Paese di produzione: Francia
Anno di introduzione: 1893
1915 Trasformazione in cannone ferroviario
Numero: 26 pezzi
Calibri: 194 mm
Lunghezza del tubo: 5,8 metri
Fascia: Massimo 18.300 metri
Peso: 65 tonnellate

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) zh-hans简体中文 (Cinese semplificato) ruРусский (Russo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!