Charron model 1905

Il Charron model 1905 è stata considerata la prima auto blindata moderna. Sebbene siano state costruite solo poche unità, il veicolo è servito come predecessore per ulteriori sviluppi.

Nel 1901 i tre ex ciclisti Charron, Girardot e Voigt unirono le forze e fondarono la società CGV. Inizialmente l'attenzione dell'azienda si limitava alla costruzione di veicoli civili, ma già nel 1902 iniziò lo sviluppo di un veicolo blindato per l'esercito francese.

Il primo prototipo aveva una cabina aperta con spazio per due persone. Dietro c'era uno scafo blindato in acciaio spesso 3 mm. Come armamento è stata selezionata una mitragliatrice Hotchkiss M1902 da 7,7 mm. Poiché uno scudo era già montato sulla mitragliatrice, l'azienda ha deciso di non costruire una torretta per proteggere il tiratore.

Nel 1903 il prototipo fu presentato per la prima volta all'esercito francese. Tuttavia, l'esercito francese ha trovato il veicolo insufficiente e si è rifiutato di comprarlo.

Con l'aiuto di un designer russo, nel 1904 furono prodotti e presentati altri due prototipi, anch'essi migliorati. Questa volta i risultati sono stati più positivi e uno dei veicoli è stato acquistato dai militari e inviato in Marocco. Il secondo veicolo è stato acquistato dal cliente russo originale e utilizzato a San Pietroburgo contro gli insorti.

 

 

Charron model 1904

 

Charron model 1904

 

 

Nel 1905 l'ingegnere e ufficiale georgiano Nakashidze ha iniziato a sviluppare la propria auto blindata per l'esercito russo. In questo modo, si è orientato quasi interamente verso il modello francese. A differenza del modello francese, il suo modello era quasi completamente chiuso da piastre d'acciaio. Le piastre avevano uno spessore da 4 a 8 mm che ha portato il peso del veicolo a 2,7 tonnellate. Nonostante il peso, è riuscita a raggiungere una velocità massima di quasi 50 chilometri all'ora. Dopo la presentazione del prototipo, il Ministero della Difesa russo era disposto ad acquistare tali veicoli, ma in Russia non c'era una fabbrica in grado di produrli.

 

 

Il design russo del 1905

 

Il design russo del 1905

 

 

Dopo che in Russia non è stato possibile trovare un'azienda adatta, il concetto è stato consegnato all'azienda francese Charron. Il principio dell'armatura completa è stato mantenuto, ma come veicolo sono state utilizzate 15 vetture da turismo del 1906. Il motore, la cabina di guida e la zona di carico erano ora completamente blindati. Per un migliore funzionamento della mitragliatrice, è stata posizionata una torretta sul corpo in modo che il tiratore potesse ruotare di 360 gradi e sparare in tutte le direzioni.

Per evitare la perdita del veicolo a causa di un colpo ai pneumatici, questi sono stati riempiti con un liquido che ha permesso al conducente di guidare per altri 10 minuti anche se il pneumatico è stato colpito.

Un'altra innovazione è stata l'avviamento del motore. Se, fino ad allora, questo doveva essere fatto con una manovella sul motore, ora poteva essere avviato dall'interno del veicolo.

Durante la manovra autunnale del 1906, il prototipo fu presentato all'esercito francese. Hanno deciso di acquistare diversi veicoli. Anche la Russia ha fatto costruire 12 veicoli, che dovevano essere consegnati nel 1908. Sulla strada per la Russia due dei veicoli sono scomparsi durante l'attraversamento del Reich tedesco. Si presumeva che l'esercito tedesco li avesse catturati a scopo di prova.

 

 

Un Charron model 1906 probabilmente catturato dalla Germania

 

 

Nel 1912 4 veicoli furono consegnati all'Impero Ottomano. Ma i ribelli potevano rubarli e più tardi la Grecia li utilizzò nella guerra contro il decadente Impero Ottomano.

 

 

Charron model 1906 come versione da esportazione per l'Impero Ottomano

 

 

All'inizio della prima guerra mondiale, l'esercito francese aveva ancora 4 veicoli. Questi sono stati utilizzati per la caccia ai palloncini da ricognizione tedeschi. Per le prove è stata montata una pistola antiaerea da 75 mm su uno dei veicoli.

Complessivamente i veicoli erano tuttavia troppo deboli per essere usati efficacemente in guerra. Inoltre, l'azienda aveva già interrotto la produzione e era già tornata ai veicoli civili. Nonostante l'interruzione della produzione, il veicolo serviva ad altri costruttori come Renault e Peugeot come base per lo sviluppo di veicoli blindati più moderni.

 

 

Charron model 1906 nel 1914

 

 

 

Scheda tecnica:

Individuazione: Charron model 1905
Paese di produzione: Francia
Anno di introduzione: Dal 1902 al 1906
Numero: 20 pezzi
Armamento: 1 x 7,7 mm Hotchkiss M1902 mitragliatrice
Velocità massima: circa 45 chilometri all'ora
Macchina: Motore 4 cilindri CGV da 35 PS (26 kW)
Peso: 3 tonnellate

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

I carri armati poco conosciuti del Regio Esercito. Prototipi, piccole serie e carri esteri. Ediz. illustrata

I carri armati poco conosciuti del Regio Esercito. Prototipi, piccole serie e carri esteri. Ediz. illustrata Copertina flessibile – 16 mag 2015

Tra il 1915, quando l'Italia decise di partecipare alla Grande Guerra, e l'8 settembre 1943, data in cui venne reso noto l'armistizio firmato cinque giorni prima a Cassibile, il Regio Esercito progettò, sperimentò e mise in linea un certo numero di carri armati. Scavando, da perfetto segugio, negli annali di istituzioni e industrie l'autore documenta questi progetti e produzioni di carri armati italiani del periodo 1915-1943, alcuni dei quali neppure entrati in fabbricazione. La ricerca diventa occasione di più ampie riflessioni di natura strategica e ideale evidenziando la capacità dell'autore di trasferire il lettore da una semplice disamina tecnica a considerazioni di carattere generale in cui convergono la fatica degli uomini, l'inventiva dei tecnici, le condizioni del nostro Paese, la volontà e i deficit delle istituzioni. Il libro si articola in 4 capitoli suddivisi in numerosi paragrafi, corredati da copiosa documentazione fotografica sia a colori che in b/n, da ampia bibliografia e interessanti note in calce.

Clicca qui!

 

 

I corazzati di circostanza italiani

I corazzati di circostanza italiani Copertina flessibile – 17 giu 2016

La motorizzazione delle forze armate si è affermata durante la Prima Guerra Mondiale anche se ancora durante il grande conflitto successivo, la Seconda Guerra Mondiale, vi fu un rilevante ricorso alla trazione animale e non mancò l'impiego, anche in alcuni memorabili episodi, di reparti di cavalleria. Questa trattazione, quindi, si concede la libertà di passare in rassegna i veicoli motorizzati che, per un motivo o per l'altro, si discostino dalle schede tecniche che ne riportano le caratteristiche. In qualche caso non si può parlare di "scostamenti" poiché si tratta di realizzazioni di fortuna, nate dall'abilità dei meccanici delle officine da campo, stravolgendo completamente la natura del veicolo di partenza.

Clicca qui!

 

 

Uomini e macchine in guerra. La tecnologia e le culture attraverso millenni di conflitti. Ediz. illustrata

Uomini e macchine in guerra. La tecnologia e le culture attraverso millenni di conflitti. Ediz. illustrata Copertina rigida – 9 nov 2017

Una guida per immagini completa e approfondita sulla tecnologia della guerra e la sua evoluzione nel corso della storia. Profili delle armi, armature, uniformi ed equipaggiamenti fondamentali, dalla Mesopotamia dell'età del bronzo ai giorni nostri. Immagini e schede dei pezzi di armamento più significativi da vari punti di vista, che sottolineano le caratteristiche che li hanno resi così efficaci. Il racconto delle tecniche e delle tattiche adottate dai più grandi capi militari, dell'impatto sugli eserciti che le hanno usate e degli effetti che hanno avuto sulla conclusione dei più importanti conflitti.

Clicca qui!

 

 

La Grande Guerra 1914-1918

La Grande Guerra 1914-1918 (Box)

1. L'offensiva tedesca - inizia la guerra di trincea 2. Il conflitto si allarga - attacchi e contrattacchi 3. Il crollo degli imperi centrali Milioni di soldati costretti a combattere nel fango delle trincee, attacchi mal pianificati, il miraggio di una rapida vittoria: la Prima Guerra Mondiale doveva essere una guerra lampo, si trasformò in una spaventosa e inutile carneficina. La storia del conflitto è narrata anno per anno, frutto di un lungo lavoro di ricerca negli archivi di tutto il mondo. Un'opera grandiosa, che offre un quadro degli eventi bellici su tutti i fronti, in oltre 4 ore di immagini originali dell'epoca e con mappe che illustrano strategie e battaglie

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!