Distruttore HMS Viking

Il distruttore HMS Viking apparteneva alla classe Tribal che consisteva di 12 navi e i primi distruttori della Royal Navy erano dotati di propulsione a turbina e tiro a petrolio. 

 

Lancio e progettazione:

Nel 1903 la Royal Navy introdusse i distruttori di classe River. Questi avevano una velocità massima di 25,5 nodi ed erano azionati da due motori a carbone a tripla espansione.

Su insistenza del primo signore John Fisher, nel novembre 1904 furono avanzate nuove richieste per la prossima classe di cacciatorpediniere. Questi dovrebbero ora essere in grado di correre ad una velocità massima di 33 nodi. Per raggiungere questa velocità, le turbine a vapore a olio combustibile dovevano essere installate per la prima volta nei cacciatorpediniere, che potevano fornire la potenza necessaria. In precedenza, solo le navi HMS Viper, HMS Cobra, HMS Velox e HMS Eden erano state equipaggiate con tale sistema di propulsione a fini sperimentali.

Poiché l'installazione del nuovo motore avrebbe esteso le navi di conseguenza, i progetti sono andati ai limiti della tecnologia allora praticabile. Per poter compensare la propulsione, alcune aree hanno dovuto essere modificate di conseguenza, in modo che la navigabilità delle navi è peggiorata nel complesso rispetto alla classe precedente. Inoltre, le navi potevano trasportare solo fino a 216 tonnellate di carburante e, a causa dell'elevato consumo, l'autonomia delle navi era notevolmente inferiore a quella delle navi di classe River.

Le prime cinque navi della classe Tribal erano equipaggiate con cinque cannoni da 3 pollici, il che significava un aumento di un cannone. A partire dalla sesta nave, le pistole furono sostituite da due pistole da 4 pollici, che furono leggermente sollevate a prua e a poppa.

Sette cantieri navali hanno partecipato alla costruzione di un totale di 12 navi di classe. Poiché i progettisti dei cantieri navali avevano molta libertà nella costruzione delle navi, si è giunti al fatto che le singole navi della classe erano in parte chiaramente diverse l'una dall'altra. Quindi c'erano navi con tre camini e anche alcune con cinque o sei, per cui la HMS Viking era l'unica nave con sei camini.

Il lancio dell'HMS Viking ha avuto luogo il 14 settembre 1909, la messa in servizio il 13 giugno 1910.

 

 

Distruttore HMS Viking

Distruttore HMS Viking

 

 

 

Storia di HMS Viking:

Dopo la messa in servizio e le prove di collaudo la nave è stata assegnata, insieme a tutti gli altri, alla classe della 1° Flottiglia distruttrice.

Dopo la morte del re Edoardo VII, il 6 maggio 1910, suo figlio Giorgio V ha assunto la corona di Gran Bretagna. Alla cerimonia di incoronazione del 22 giugno 1911 nell'abbazia di Westminster, HMS Viking partecipò anche alla relativa sfilata della flotta.

Dal 1911 i nuovi cacciatorpediniere della classe Beagle cominciarono a sostituire i vecchi cacciatorpediniere. Le navi della classe Tribal cambiarono quindi nel 1912 in 4a Flottiglia di cacciatorpediniere. Una riforma nell'ottobre 1912 diede a queste imbarcazioni il marchio F, dato che questa classe fu ufficialmente rinominata.

A causa del breve raggio d'azione delle navi, non riuscirono più a tenere il passo con le nuove navi della flotta di casa e per questo motivo furono assegnate alla 6a Flottiglia dei cacciatorpediniere nel febbraio 1914 e si trasferirono a Dover.

 

 

 

Uso in guerra:

Quando scoppiò la prima guerra mondiale, le navi della 6a Flottiglia dei distruttori furono usate per mettere in sicurezza la Manica per impedire alle navi tedesche di entrare e per controllare le navi mercantili.

In ottobre le navi dello squadrone sono state trasferite sulla costa belga per sparare alle truppe tedesche. Il 20 ottobre si è verificato un incidente sull'HMS Viking, quando la pistola è esplosa a prua della nave e due membri dell'equipaggio sono rimasti gravemente feriti. La missione dovette essere interrotta e la nave dovette essere inviata al cantiere per la riparazione, dove l'arma fu sostituita da un cannone Mk.VII da 152 mm più potente. In seguito, le operazioni di sicurezza sono state di nuovo effettuate nella Manica.

Durante uno dei pattugliamenti del 4 marzo 1915, la nave scoprì un sottomarino tedesco nello stretto di Dover. Dopo che il vichingo ha aperto il fuoco, il sottomarino è andato sottoterra. Solo quando ulteriori cacciatorpediniere arrivarono e costrinsero il sommergibile ad emergere con gli esplosivi trainati sul fondo marino, l'equipaggio poté essere catturato e il sommergibile affondato.

Quando la nave, il 29 gennaio 1916, di ritorno in Gran Bretagna da un'altra pattuglia, si imbarcò su una miniera vicino a Boulogne e fu gravemente danneggiata. L'esplosione avvenne all'altezza della mensa degli ufficiali, dove gli ufficiali della nave erano seduti insieme per il pranzo dell'epoca. Tra i 10 morti c'era quindi anche il comandante della nave. La nave gemella HMS Zulu è riuscita a tirare fuori dalla squadriglia la HMS Viking in fiamme, dove l'acqua di mare che penetrava ha spento la maggior parte degli incendi. L'HMS Ure è stato in grado di raccogliere l'equipaggio quando la corda di traino si è rotta poco dopo e il Viking si è allontanato. Solo quando il rimorchiatore Lady Brassey è arrivato da Dover, il vichingo ha potuto essere rimorchiato di nuovo. L'HMS Tartar ha sostenuto questa iniziativa in modo che la nave potesse essere portata nel porto di Dover in serata.

Dopo che il danno è stato riparato, HMS Viking ha ripreso le operazioni di sicurezza nella Manica. Quando le torpediniere tedesche attaccarono la barriera di Dover nella notte tra il 26 e il 27 ottobre 1916, il Viking si mise all'inseguimento come barca di testa dei sei distruttori di allarme. Già dopo il primo colpo di pistola a prua fallì a causa di problemi tecnici, così la nave non poté più combattere le navi tedesche e dovette ritirarsi.

Durante una perlustrazione al largo di Folkestone nel sud-est dell'Inghilterra, il 3 febbraio 1918 si verificò una collisione con un altro cacciatorpediniere, danneggiando nuovamente il Viking.

 

 

I danni dell'HMS Viking dopo il colpo alla miniera

I danni dell'HMS Viking dopo il colpo alla miniera

 

 

 

Ubicazioni:

Dopo la prima guerra mondiale, la HMS Viking fu assegnata alla 7a Flottiglia dei Distruttori insieme ai distruttori della classe Tribal HMS Afridi, HMS cosacco, HMS Saracen e HMS Zubian nel febbraio 1919.

Solo un mese dopo, nel marzo 1919, le navi furono dismesse e messe in vendita.

Il Viking fu infine venduto nel dicembre 1919 e poi rottamati.

 

 

 

Dati della nave:

Nome:  

HMS Viking

Terra:  

Gran Bretagna

Tipo di nave:  

Distruttore

Classe:  

Tribal-Classe

Cantiere:  

Palmers Shipbuilding,
Jarrow a Newcastle

Costi di costruzione:  

sconosciute

Varo:  

14 settembre 1909

Messa in servizio:  

13 giugno 1910

Ubicazioni:  

Venduto e demolito nel dicembre 1919

Lunghezza:  

86,9 metri

Larghezza:  

8,14 metri

Bozza:  

2,9 metri

Spostamento:  

Massimo 1.210 tonnellate

Guarnigione:  

71 uomini

Guida:  

6 Caldaie Yarrow

3 turbine a vapore ad ingranaggi singoli

Potere:  

14.000 PS

Velocità massima:  

33 nodi

 

Armamento:

 

2 x 10,2 cm L/40 Cannoni

2 tubi siluro da 45 cm

1915/16:
1 x 15,2 cm L/45 Cannoni come ricambio

Fine del 1916:
2 x 10,2 cm L/45 Cannoni in cambio di vecchi fucili

Corazza:  

sconosciute

 

 

 

 

 

Qui potete trovare la letteratura giusta:

 

Aspetti marittimi della prima guerra mondiale

Aspetti marittimi della prima guerra mondiale Copertina flessibile – 20 nov 2018

Quando si parla di Prima Guerra Mondiale nella mente appaiono immagini raffiguranti cruenti combattimenti terrestri, i gas, la sofferenza della vita in trincea o sulle montagne innevate, dimenticando che la Prima Guerra Mondiale ha avuto una dimensione marittima non secondaria rispetto a quella terrestre, anzi. Appunto in questo sta la peculiarità dell'opera, che guarda e interpreta gli eventi politico-strategici da un punto di vista marittimo, spesso trascurato da molti storici, che privilegiano una visione "terrestre" di quella grande tragedia, non evidenziando a sufficienza che essa fu per gran parte provocata dalla rivalità sui mari e risolta dall'esercizio del potere marittimo dell'Intesa. Prima ancora che si scatenasse il conflitto, infatti, quelli che sarebbero diventati gli opposti schieramenti si confrontarono duramente sul mare con la "diplomazia delle cannoniere", per assicurarsi la libertà di navigazione e il libero accesso alle fonti di materie prime, ponendo sostanzialmente le premesse per il successivo scontro armato. Dopo lo scoppio delle ostilità, la lotta sul mare ha influito in maniera determinante sull'esito della guerra stessa, tant'è vero che il dominio dei mari da parte dell'Intesa e dei suoi alleati ha impedito che le Potenze Centrali potessero disporre di regolari rifornimenti, causando la loro sconfitta per esaurimento delle risorse. In tale ambito, il ruolo strategico dell'Italia è stato estremamente rilevante, nonostante l'esiguità dei mezzi e la relativa modestia delle risorse. Attingendo da fonti inedite, ma sicuramente autorevoli, il libro ripercorre gli eventi politico-marittimi precedenti allo scoppio delle ostilità, narra gli aspetti strategici dei principali scontri navali e illustra le principali ripercussioni politico-strategiche del conflitto. A 100 anni dalla fine di quell'inutile strage, il messaggio che il libro vuole trasmettere, attraverso la descrizione e la lettura degli eventi politico-strategici, è che gli aspetti marittimi hanno influito in maniera determinante sia sull'esplosione del conflitto che sulle successive vicende terrestri e che la Grande Guerra, ancora oggi, ha ancora molto da insegnare a chi desidera comprenderne le motivazioni reali, per evitare di compiere gli stessi errori.

Clicca qui!

 

 

Navi al fronte. La marina italiana e la grande guerra

Navi al fronte. La marina italiana e la grande guerra Copertina flessibile – 8 lug 2015

Le date, i nomi, gli avvenimenti più importanti e i fatti poco conosciuti della storia della Regia Marina durante la Prima guerra mondiale. Dal 24 maggio del 1915 e per 41 mesi di conflitto la Marina italiana ebbe un ruolo da protagonista a dimostrazione che la Grande Guerra non si combatté solo nelle trincee e sulle montagne. La Marina adottò una strategia di attesa e di deterrenza basata sulla conquista del potere marittimo in Adriatico, di cui lo sbarramento del Canale d'Otranto fu il più fulgido esempio. Grazie all'ammiraglio Paolo Thaon di Revel la Marina approntò le misure necessarie per difendere il patrimonio culturale e artistico italiano a partire da Venezia. A questo si aggiunsero vere e proprie operazioni che oggi definiremmo di carattere umanitario quale il salvataggio del popolo e dell'esercito serbo, la cessione di alcune navi per accogliere trovatelli, orfani, figli di pescatori morti in guerra o in mare seguito di naufragio. Grazie al contributo della Marina nacquero le "navi-asilo" che a Genova, Bari, Napoli e Venezia "arruolarono" alla cultura del mare tanti "marinaretti" sottraendoli alla strada, alla fame e alla criminalità. Non mancarono, infine, le eroiche e ardite operazioni, come la famigerata "beffa di Buccari", l'impresa di Pola e la difficile operazione di Premuda, che la Marina Militare ancora oggi celebra ogni 10 giugno come festa di Forza Armata, ad opera di Luigi Rizzo e Giuseppe Aonzo al comando dei MAS 15 e MAS 21.

Clicca qui!

 

 

Battaglie sconosciute. Storia della Regia Marina durante la grande guerra

Battaglie sconosciute. Storia della Regia Marina durante la grande guerra Copertina flessibile – 22 apr 2014

"Battaglie sconosciute" è la storia di tutte le 40 azioni di superficie combattute in Adriatico dalla Regia Marina durante la Grande Guerra. Alcune non erano mai state ricordate neppure nelle opere ufficiali (risalenti a loro volta a settant'anni fa) e nessuna era stata messa puntualmente a confronto con la contemporanea documentazione originale della marina austro-ungarica. Il quadro, finalmente completo, che emerge è quello di una guerra molto diversa da quello che la vulgata corrente ha ricordato, distrattamente, per un secolo. Questo libro è però anche un'analisi inaspettata, a cent'anni dal primo conflitto mondiale, in merito ai veri ruoli rivestiti da amici e nemici nel corso di quella strana guerra. Basato su fonti originali e su una ricca documentazione d'archivio "Battaglie sconosciute" può essere definito un saggio non convenzionale soltanto perché non indulge alla retorica del tempo, ma affronta a mente fredda anche le quantità economiche, politiche, diplomatiche e spionistiche che fanno, silenziosamente, da sfondo a qualsiasi guerra sul mare.

Clicca qui!

 

 

Storia delle navi da guerra. Ediz. illustrata

Storia delle navi da guerra. Ediz. illustrata Copertina rigida – 31 ott 2004

Nate come strumento per affermare la potenza navale di una nazione, le navi da guerra erano in origine poco più che navi mercantili armate con archi e balestre. I rapidi sviluppi tecnologici della nautica portarono alla nascita delle prime vere navi da combattimento, sebbene ancora limitate nella loro capacità offensiva e raggio d'azione. Le tattiche di battaglia navale restarono pertanto inalterate per più di 1500 anni. Il primo vero cambiamento avvenne con l'introduzione della polvere da sparo, che rese possibile alle navi di attaccare a distanza e di elevare i cannoni al rango di armi principali. Il ventesimo secolo celebrerà la trasformazione definitiva della marina militare.

Clicca qui!

 

 

 

 

 

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco)enEnglish (Inglese)frFrançais (Francese)zh-hans简体中文 (Cinese semplificato)ruРусский (Russo)esEspañol (Spagnolo)arالعربية (Arabo)

I commenti sono chiusi

error: Content is protected !!